Sto caricando...

Ramblin' Jeffrey Lee
Ramblin' Jeffrey Lee & Cypress Grove with Willie Love

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


 Pare che il termine blues derivi da un espressione vicina alla nostra "avere un diavolo per capello" (to have the blue devils), qualcosa simile allo stare male per una vita che non va proprio splendidamente. Ora, cosa abbia a che fare un giovanotto di El Paso, accanito fan della solare Blondie (della quale imita la chioma platinata), con la grama esistenza di schiene scure curve sui campi di cotone per pochi centesimi al giorno può sembrare un mistero.  Ma l'infatuazione di Jeffrey Lee Pierce per la musica del diavolo ha radici profonde, quando da ragazzino aveva appeso il poster della sua diva nella camera e contemporaneamente sul piatto giravano i pesanti vinili dell'oscura tradizione del Delta (Robert Johnson, Charlie Patton, Skip James). Con i Gun Club aveva omaggiato quei maestri con allucinate versioni punk  ("Preachin' the Blues") e io stesso ho apprezzato dal vivo la nera potenza della sua voce che era davvero impressionante per un uomo di piccola statura, che sembrava ancora più minuto al centro di un palco tra due smilzi spilungoni come Kid Congo Powers e  Patricia Morrison. Credo che Pierce avesse assimilato nel suo inconscio e fatte proprie quelle tragiche storie intrise di morte, violenza, mistero e  passione.  Mi è capitato di vedere un video amatoriale di Jeffrey  che suona con aria triste "Alabama Blues" in un appartamento olandese con le tende merlettate alla finestra, incapaci di nascondere le automobili europee ferme sulla strada, e allora penso che il suo destino non è poi stato tanto dissimile dai negri che cantano in un paese straniero il dolore per una  mother of  earth  che non è più la loro. Completamente vestito di nero, i capelli corvini (il biondo platino è ormai un ricordo lontano), Jeffrey esprime la sua negritudine attraverso le murder ballads. La sua trasformazione è avvenuta: diventa Ramblin' Jeffrey Lee inventandosi un alter ego blues proprio come un altro viso pallido (John Fahey) aveva fatto anni prima con Blind Joe Death

 L'esigenza di fare un disco che mettesse fuori i suoi fantasmi Jeffrey la realizza lontano dalla patria verso la fine del 1991, quando già era uscito (con scarso successo) " Pastoral Hide and Seek" dei Gun Club. Recluta  Cypress Grove (in realtà Tony Melik, nickname preso dal brano di Skip Jones) un giovane e bravo chitarrista con cui anni prima aveva stretto amicizia in un pub inglese e Willie Love (il batterista Simon Fish, nel giro Gun Club) e va in Olanda a registrare per l'etichetta francese New Rose (sempre sia lodata) ben nove covers di vecchi blues e due brani scritti da lui stesso.

 Metto le mani avanti e dico subito che quando JLP affronta i " traditionals" in modo ...tradizionale non è irresistibile. Così la stessa "Alabama Blues" (Robert Wilkins), "Pony Blues" (Charlie Patton/Son House), "Long Long Gone" (Frankie Lee Sims), "Future Blues" (Wille Brown) danno l'impressione di  non decollare come invece avrebbero potuto fare in mano agli  "addetti ai lavori" che hanno speso la loro vita sulle dodici battute. Tanto per fare un esempio m'immagino una "Bad Luck And Trouble" (Otis Hicks) nelle grinfie di un vecchiaccio (bianco) come Seasick Steve e il trattamento incendiario che questi ne avrebbe fatto asciugandola all'osso senza rinunciare ai fuochi d'artificio. Ma il disco diventa improvvisamente magnifico  quando Jeffrey decide di attaccare la spina agli strumenti, con gli amplificatori sparsi per le stanze dello studio in modo  avere il suono più crudo e gonfio possibile. Allora rivediamo il "vecchio" Bad Indian che salta sprezzante a cavallo afferrandolo per la criniera e via! La trascinante "Goin' Down" (Don Nix) non avrà la potenza di fuoco di altre versioni più celebri (travolgente quella di SRV & Jeff Beck!) ma la cupa voce di Pierce frusta e accarezza allo stesso tempo, fa venire i brividi peggio di quando una donna ti lascia e vai sempre di più a fondo, eppure  vedi uno spiraglio di luce nell'essere diventato finalmente  libero.

 Credo che "Moanin' in the moonlight" (Chester Burnett) sia il brano più rock che Jeffrey abbia suonato dai tempi d'oro dei primi Gun Club: gran lavoro della batteria, il giro di basso e le chitarre che mordono al limite del rumore, l'armonica sbuffa e Jeffrey chiede di non aprire quella porta. Però la mia preferita si trova  tra le covers acustiche, quella sorta di gospel in falsetto di "Hardtime Killin' Floor Blues" (Skip James) sullo scarno tessuto di due  chitarre. Siamo nei dintorni di una casa padronale del vecchio Sud secessionista data alle fiamme che allungano le ombre nere di chi assiste in silenzio alla scena spettrale, il triste e lugubre  lamento di Jeffrey fa vibrare gli scheletri bianchi nella notte stellata come il soffio di uno scuro uccello notturno....quest'uomo non è normale, è la reincarnazione di qualche vecchio sciamano voodoo che emerge dalle tenebre con una testa rinsecchita e rimpicciolita sull'asta del  microfono.

 I due brani originali sono Gun Club al 100%. Così "Stranger in my heart" riprende lo scatto felino dei vecchi tempi, il giro psychobilly sinuosamente strascicato à la Cramps. Jeffrey si perde nella città in cerca della ragazza straniera che aveva nel cuore ma  che era destinata a spezzaglierlo, i suoi versi sono tristi premonizioni di quello che gli riserverà il futuro: "...  I was brother to your everyday life,  now you hear me cry / Why did you change? Is there a stranger in my heart". Infatti la compagna giapponese Romi, bassista della band fin dai tempi di "Mother Juno" (1987), l'avrebbe lasciato per il batterista Nick Sanderson (mi sono sempre chiesto cosa c'entrasse il suo drumming spigoloso, retaggio dell'appartenenza ad un gruppo glaciale come i Clock DVA, con il calore dei Gun Club) e pertanto Jeffrey aveva perso un'altra buona ragione per abbandonare il mix di droga e liquori che l'avrebbe portato al collasso definitivo nel 1996.

 Ma il capolavoro (che ci crediate o no) del disco non è  una cover di Son House o di Charlie Patton, è un brano immortale di Jeffrey, quella  lunga "Go tell the mountain" che avrebbe ispirato anche una sua autobiografia. L'andamento ipnoticamente dilatato della ritmica e Jeffrey che si aggira con circospezione come una pantera nera ai margini della wilderness gridando (ma lui non grida  mai, modula l'estensione della voce) il suo dolore per un'amicizia che non c'è più. Stavolta la chitarra si lancia in un lancinante assolo che prosciuga l'anima, con gli occhi chiusi dondoliamo la testa assecondando le sferzate del wahwah che si diffondono dolcemente nel buio della sala...quando muore l'ultima nota è un pò come fossimo morti anche noi.

Che almeno la terra ti sia lieve, Jeffrey.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su TrentaSei

blechtrommel
blechtrommel
Opera:
Recensione:
Una delle tue più belle..Grande. Fanculo, ora me lo ascolto.


SUPERVAI1986
SUPERVAI1986 Divèrs
Opera:
Recensione:
complimentoni!!!!! disco e recensione stupendi!


SUPERVAI1986
SUPERVAI1986 Divèrs
Opera:
Recensione:
Aggiungila alle tue recensioni preferite? subito!!!!!


kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera:
Recensione:
... e di corsa!


shermanoaks
shermanoaks
Opera:
Recensione:
telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
Ammazza! Il 5 è semplicemente sprecato. Un altro mostro (in senso buono) delle recensioni (visto che non è l'unico ad esprimersi sempre a livelli qualitativi elevatissimi)


il giustiziere
il giustiziere
Opera:
Recensione:
kosmo, aggiungi un'altra rece tra le tue preferite e avrai consigliato tutto il sito...comunque bella recensione e si, la versione di "goin down" fatta da srv/beck è micidiale!!


currahee72
currahee72
Opera:
Recensione:
La miglior rece che ho letto ultimamente.Il disco lo ricordo bene.Ricordo bene specialmente l'amore che Pierce sviscera per il blues in questa opera.Bravo!


Cornell
Cornell Divèrs
Opera:
Recensione:
Pagina "giornalistica" di altissimo livello, aspetta.. 1,2,3,4,5,6,7,8...112...146...158.. 259....385...460.. Scusa ma non ho più cappelli da levarmi!! Applausi a scena aperta, chiusa.. Dove vuoi tu. Tra le preferite subito e senza passare dal via.


boredom
boredom
Opera:
Recensione:
popoloitaliano
popoloitaliano
Opera:
Recensione:
Supersoul, d'ora in poi puoi permetterti solo recensioni "Scelte" a quanto pare!!! Purtroppo per me non conosco il Pierce solista, ma leggendo questa ho notato una curiosa similitudine fra la sua carriera e quella di un altro rocker, Joe Strummer; fine tragica (purtroppo) compresa.


therealramona
therealramona
Opera:
Recensione:
letta tutta (giuro) solo per vedere se concordare con quanto scritto: all'incirca sì. momenti preferiti: l'assolo lancinante che ho sempre immaginato eseguito da seduto su seggiola e la cacofonia finale di moanin'. howlin' wolf ne sarebbe stato orgoglioso.


imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
Rece perfetta, concordo su tutta la linea. Disco che sarebbe un buon bignanimo di blues-ballads ma nulla più, che però diventa indispensabile per i due originali scritti di proprio pugno da JL. Il suo testamento, lirico e musicale. Quanto ci manchi, Jeffrey


Un Gay Qualunque
Un Gay Qualunque
Opera:
Recensione:
Tra tanti nomi che non conosco ne ho lette un paio, commento questa perchè è rock blues. La prima cosa che si capisce è che ne sai di cose di musica! A quanto pare questo è un artistone, non ho capito bene se è meglio questo disco, o uno dei Gun Club.


omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
Supersoul patrimonio dell' UNESCO.


/stricnina/
/stricnina/
Opera:
Recensione:
Impossibile che non l'abbia vista prima. Jeffrey è forse il chitarrista che più sento mio, il blues, quello suonato da lui, è il vertice di tutte le mie fantasie musicali e non ;) ... lo riascolto ora, mi hai messo una voglia di risentirlo...


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
!!! Consigliata.


Mario_Cassini
Mario_Cassini
Opera:
Recensione:
ottimo Netta, come sempre....................Cordiali Saluti


speedsound
speedsound
Opera:
Recensione:
hymnen
hymnen
Opera:
Recensione:
interessante...


Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
c'è
c'è
Opera:
Recensione:
sarà, ma a me il disco è sembrato una mezza cacata, 3 stelle e mezzo


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
l'unica cosa che stona è quel Chester Burnett, ci sarebbe stato sicuramente meglio Howlin' Wolf


supersoul
supersoul
Opera:
Recensione:
intervengo solo per ringraziare per gli apprezzamenti e per dire che è vero (come ha affermato c'è)che oggettivamente non è un disco imprescindibile, ed infatti non ho messo il voto, che oggettivamente non sarebbe stato cinque ma che soggettivamente ritengo troppo fondamentale per chi come il sottoscritto ha amato JLP e i Gun Club (soprattutto per i primi due dischi, e più il secondo che il primo). Pertanto, chiunque ami un personaggio leggendario quale è JLP e non ha mai ascoltato Ramblin' Jeffrey Lee rimediate perchè vi si rinnoverà quel brivido lungo la schiena. Fidatevi.


mocampo
mocampo
Opera:
Recensione:
in quel tour con la Morrison li vidi anch'io. Rece da Super!


c'èsare ragazzi
c'èsare ragazzi
Opera:
Recensione:
Quanto rosico madonna ( commenti 28 e 29), lo ammetto, io una recensione così bella e personale sul blues quando mai potrei farla!


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
Punisher, ma perché non porti tuo figlio Leo al parco? poi quando crescono si drogano e ci si chiede perché


maurinok60
maurinok60
Opera:
Recensione:
Arrivo in ritardo perchè sono arrivato du DeBaser da poco: il disco mi è ignoto visto che mi fermai anni fa a "Las Vegas Story". Non ci sono parole per descrivere quanto i Gun Club siano stati e ancora siano immensi. Recensione scritta con la testa ed il cuore, piena di eccellenti informazioni mischiate ad immagini suggestive come poche (la "testa dello sciamano rinsecchita sull'asta del microfono" è straordinaria).Grande pagina.


N.W.H.R.T.
N.W.H.R.T.
Opera:
Recensione:
Sei bravissimo a fare recensioni! di Ramblin' ho sentito qualche cosa, mi piace ma dovrei approfondire, magari comincio da qui!


lector
lector
Opera:
Recensione:
So long, Bad Indian


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Ramblin' Jeffrey Lee & Cypress Grove with Willie Love è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link