Riverside
Anno Domini High Definition

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Questo 2009 ha regalato non molte uscite ma davvero interessanti! Fra queste non si può certamente escludere la quarta fatica dei polacchi Riverside.

"Anno Domini High Definition" suona molto diverso dai tre predecessori ma suona pur sempre con grande qualità! Eravamo abituati ad apprezzarli per il loro sound raffinato e atmosferico, ma allo stesso tempo sofferente e oscuro fatto di delicati sottofondi di tastiera e eleganti tocchi di chitarra alternati a momenti più heavy. Qua si cambia radicalmente, senza però vendere il proprio nome a nessuno! Le sonorità, dopo che in passato oscillavano fra prog-rock e prog-metal, diventano più marcatamente prog-metal, aumenta notevolmente il quoziente tecnico nonché il giocare con i tempi avvicinandosi a quello dei nomi più noti e aumenta notevolmente anche il peso dell'elettronica e della sperimentazione sonora. Ma la personalità e la creatività del gruppo non vengono assolutamente abbandonate. Certo, il disco si fa ascoltare più facilmente dai prog-metaller più classici ma il paragone con altre band continua ad essere abbastanza fuori luogo. I Riverside continuano ad essere i Riverside e basta! Ed è tutto davvero sorprendente!!! Inserire elementi più standard nella propria musica rimanendo sé stessi non è assolutamente roba da tutti! Era necessario avere il talento di una band come loro perché ciò potesse avvenire!

Il disco è più breve dei precedenti ma ciò non penalizza assolutamente gli ascoltatori! Le tracce sono solamente 5, tutte più o meno incentrate sulla medio-lunga durata, tranne la prima che supera giusto i 5 minuti, 44 i minuti di durata, pochi rispetto a prima, ma tutti di intensità notevole.

Il disco parte in maniera fulminea e spumeggiante con "Hyperactive", aperta lentamente da un delizioso piano ma poi... chaos! Ritmi incandescenti come mai prima d'ora, riff di chitarra veloci e diretti, drumming spietato e qualche innesto elettronico più una linea di basso molto incisiva, tutto senza un attimo di pausa, coinvolgente! "Driven To Destruction" è anch'essa decisamente trascinante ma più elaborata. Bella l'intro di basso, poi si prosegue con riff di chitarra taglienti accompagnati alla perfezione da tastiere elettroniche pesantemente distorte che vengo alternati con giri di piano e stacchi atmosferici vecchio stile! E cosa dire di "Egoist Hedonist" quasi 9 minuti all'insegna della dinamica e della sperimentazione che la rendono la traccia forse più strana che i Riverside abbiano mai creato! L'inizio è piuttosto atmosferico accompagnato a bei sottofondi di tastiera con lievi tocchi di chitarra, ma quando parte alla carica colpisce nel segno alternando carica e melodia con gran classe e dando spazio a soluzioni anche molto inusuali e in grado di sorprendere chi si trova ad ascoltare come suoni elettronici in chiave quasi trance e house e pure inserti di fiati (tromba, trombone e sax)! e dopo lo stacco atmosferico che potrebbe tranquillamente trovarsi in un brano dance ecco dei nuovi bei suoni alla tastiera e passaggi chitarra-tastiera che chiudono il brano con dignità! "Left Out" suona invece più triste, si perde la carica degli altri brani, emergono influenze Opeth soprattutto nei passaggi di chitarra più delicati, ma la traccia risulta comunque dinamica e sofisticata e all'altezza dei migliori Riverside. Carica che si recupera con "Hybrid Times" dove dopo un'intro delicata si alternano fughe di chitarra e batteria sostenute anche da un cantato decisamente incazzato senza rinunciare a soli di tastiera e a parti più soft.

I Riverside non hanno sbagliato il colpo nemmeno stavolta. Spero che siano sempre così in grado di ripetersi ed innovarsi allo stesso tempo. E spero anche in un decennio ricco di tanto buon prog e prosperità di idee!

Questa DeRecensione di Anno Domini High Definition è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/riverside/anno-domini-high-definition/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattordici)

Heaven in Black
Opera: | Recensione: |
l'album più enegergico dei Riverside. Però questo nuovo lavoro di Mariusz Duda e soci, mi ha convinto solo in parte. L' album non è affatto male, ma secondo me non è all'altezza del precedente Rapid Eye Movement. Per me i Riverside sono un ottima band, e lo hanno dimostrato anche con questo Anno Domini High Definition. Mi piace molto quel tocco orientale (presente anche in questo disco), che ha sempre caratterizzato la musica di questi polacchi. Hyperactive è un brano di grande adrenalina, ma la vera perla del disco rimane Egoist Hedonist. La recensione mi sembra buona, però non hai detto di che cosa parla l'album, ma non importa. Anche io ho scritta una rece (purtroppo brutta) su questo disco. La tua è meglio:).
BËL (00)
BRÜ (00)

ProgRock
Opera: | Recensione: |
Di recente ho approfittato delle offerte della Inside Out/Emi per prenderlo originale; è il disco meno immediato della band, infatti all'inizio questo cambiamento rispetto agli esordi non riuscivo ad apprezzarlo, a distanza di vari mesi dall'uscita posso dire che rimangono sui loro ottimi livelli.
BËL (00)
BRÜ (00)

Schizoid Man
Opera: | Recensione: |
Sinceramente quest'ultimo lavoro lo trovo un tantino sotto i loro livelli, mancano quelle atmosfere tipiche dei loro primi album, sarà solo una mia impressione eh ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

Emerson
Opera: | Recensione: |
Si mantengono su buoni livelli, ma er mejo rimane il buon vecchio Second Life Syndrome
BËL (00)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
disco modestissimo a tratti penoso. A differenza di quel che dici nel 2009 sono uscite cose notevolissime, altro chè ...
BËL (00)
BRÜ (01)

JohannesUlver
Opera: | Recensione: |
Disco SPLENDIDO. Il progressive di oggi.
BËL (00)
BRÜ (00)

fedezan76
Opera: | Recensione: |
Non me la sento di dare ancora un voto a questo disco. L'ho ascoltato abbastanza velocemente e in sincerità mi aveva piuttosto deluso. Mi erano piaciuti moltissimo sia "Out of myself" che "Second Life Syndrome", soprattutto quest'ultimo, ma la tua (bella) recensione mi obbliga a riascoltare il nuovo lavoro.
BËL (00)
BRÜ (00)

Don_Pollo
Opera: | Recensione: |
Non mi ha entusiasmato. Quoto Jargon, questo 2009 è stato un anno quasi memorabile, pure in Italia è uscita tantissima roba interessante.
BËL (00)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
@ JOHANNESULVER: mannaggia quanto sei fuori strada dicendo : "Il progressive di oggi", peccato.
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
@Jargon: beh, a questo punto puoi anche dirmi qualcosa su queste uscite di cose notevolissime ;) A proposito, esiste un progressive di oggi? Tutto cio ha un senso?

BËL (00)
BRÜ (00)

dreamwarrior
Opera: | Recensione: |
Così su due piedi come rappresentanti dell'odierno progressive mi vengono in mente: Anekdoten, Isuldurs Bane, After Crying, Wobbler, Beardfish, Ritua, Black Bonzo... Tutti gruppi che si rifanno ad un sound tipicamente seventies. I Riverside sono una buonissima band a cavallo tra metal con spruzzate prog...
BËL (00)
BRÜ (00)

Anatas
Opera: | Recensione: |
concordoc con THEJARGONKING al commento numero 5: il 2009 ci ha dato dei gran bei dischi. E 'sto progressive, sinceramente, più passa il tempo più mi fa rotear le palle....
BËL (00)
BRÜ (00)

ILM_igliore
Opera: | Recensione: |
voto 2,5 dai facciamo 3! - concordoc con ANATAS al commento numero 12: il 2009 ci ha dato dei gran bei dischi. E 'sto progressive, sinceramente, più passa il tempo più mi fa rotear le palle.... anzichenò aggiungerei che l'album esclusa qualche traccia interessante rimane monotono e prolisso, se non anonimo - io invece proporrei di guardarci questo video...da sbavare -

BËL (00)
BRÜ (00)

JohannesUlver
Opera: | Recensione: |
@THEJARGONKING: non è colpa mia! Si è impallato il navigatore...
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: