Sto caricando...

Roman Polanski
Il Pianista

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Forse ho scelto il giorno sbagliato per rivederlo.

La verità è che un momento giusto per vedere questo film non esiste.

Oggi ha anche deciso di lasciare questa terra infelice un grande uomo, uno che ha dedicato la sua vita alla musica, nonostante la terribile malattia che lo accompagnava da anni. Buon viaggio Ezio.

Il pensiero che si trattasse di una rappresentazione cinematografica non ne ha alleggerito la visone, anche perché le vicende narrate rappresentano uno spaccato di ciò che è realmente accaduto sul fronte polacco durante la seconda guerra mondiale.

Il disagio ed il senso di inquietudine si è aggrappato come una scimmia alle mie spalle, solo la lettura delle Benevole di Littell aveva avuto un effetto simile. Non c’è un cazzo da fare, non si riesce a mandare giù quello schifo, non riesco a capire come l’uomo possa arrivare a tanto.

Vorrei scrivere dei miei impulsi omicida, della voglia di strappare il cuore dal petto di quei luridi bastardi con le mie mani e del profondo senso di impotenza e frustrazione che non mi abbandona, ma quello che penso io dello sterminio nazista è del tutto irrilevante, volevo solo provare a fare un esercizio di astrazione e parlarvi del film, si, il Pianista, di Roman Polanski.

Tratto da un libro autobiografico, scritto dal musicista polacco Władysław Szpilman, il film è uno spaccato di vita del bravissimo musicista durante l’invasione polacca fino alla liberazione per mano dell’esercito russo.

Idealmente il film è diviso in due parti, la prima è la vita della famiglia Szpilman alle prese con il difficile compito di sopravvivere in ristrettezze economiche e con le sempre più oppressive leggi naziste, ma, tutto sommato, l’angoscia delle atrocità naziste si manifesterà solo in seguito.

La seconda parte invece mette in risalto le doti interpretative di uno straordinario Adrien Brody: è la parte del film che, se da una lato metterà a dura prova la vostra sensibilità, dall’altro vi compenetrerà negli occhi e nel fisico smunto del protagonista.

A tratti claustrofobico a causa della spasmodica ricerca di rifugi per nascondersi alla follia omicida nazista, il film raggiunge la sua vetta, ed una delle pagine più belle della storia del cinema, allorché Szpilman viene scoperto da un ufficiale tedesco e, a seguito di una specifica richiesta dello stesso ufficiale, esegue un brano di Chopin (Ballata n°1 in sol minore) suonando un piano impolverato nell’appartamento dove aveva trovato rifugio.

E qui che la magia di Polaski si realizza. Un raggio di luce filtra da una finestra disastrata, il volto livido e malnutrito e le mani rattrappite faticosamente avviluppate ai tasti del pianoforte, il vapore acqueo formarsi al respiro affannoso di Brody a causa del freddo pungente. E poi l’ufficiale nazista. Una statua di marmo dal quale filtrano barlumi di umanità, un Dio che, finalmente, fa capolino in questo genocidio dopo 2 ore di film. E la speranza che la redenzione sia possibile.

Adrien Brody si rivela un interprete monumentale: il suo sguardo perennemente malinconico si presta perfettamente alla sceneggiatura ed è magistralmente diretto da Polanski.

Nota di colore: 5 anni prima Polanski aveva rifiutato la direzione di Schindler's List, evidentemente il suo particolare Olocausto non era ancora pronto e dovette aspettare il 2002 per regalarci questa perla.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

snes
snes
Opera:
Recensione:
Nove anni prima, non cinque. La scena della carrozzina e' una delle piu' efficaci di sempre. "Avevo freddo" una delle battute meglio riuscite del "cinema della shoah" (ormai è un genere a se). In realtà non ricordo praticamente altro (una scena in cui guardano il cazzo a un tipo e gli sparano o qualche cosa del genere, e brody che riesce a evitare di calarsi le mutande) pero' mi era piaciuto, evento raro quando mi si porta a vedere un film che tratta temi che sono piu' importanti dell'opera stessa. Ma va beh: Polanski è Polanski: "La scelta di Sophie" non l'avrebbe mai girato.


templare
templare
Opera:
Recensione:
Visto molti anni fa e....dimenticato. Ma Polansky negli ultimi lustri non lo seguo più attentamente.


Sullenboy
Sullenboy
Opera:
Recensione:
Mmm carino, ma nulla di più


mauro1101
mauro1101
Opera:
Recensione:
Bella recensione, ma un grande film e un grande Polanski, come sempre del resto


Confaloni
Confaloni
Opera:
Recensione:
I films di Polanski sono sempre notevoli, mai banali. Il pianista non fa eccezione, anche se il mio preferito resta Rosemary's baby.


snes: Qui sotto c'e' un commento per te. Scusami: ho sbagliato posto in cui pubblicarlo.
snes
snes
Opera:
Recensione:
Li hai visti tutti? Secondo me no: il coltello nell'acqua, CUL DE SAC, e repulsion ti mancano vero? Se si': rimedia subiro. Se no: come fai a preferire qualsiasi suo film a cul de sac o al coltello nell'acqua? A repulsion tutto sommato posso capire (tanto che non ne ricordo quasi nulla).
Poi:se sei un fan di rose mary ti consiglio di guardare (senza alcuna aspettativa e se gia' non lo hai fatto) lords of salem di rob zombie. Probabilmente lo odierai, ma a me colpi' un sacco. Dalla regia a come fu accolto dalla critica.


snes: Andava sopra...
Confaloni: Ho visto tutti i film di Polanski. Le preferenze sono sempre soggettive. Polanski è oltretutto uno dei massimi registi mondiali.
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
lo ricordo ok


Il Tarantiniano
Il Tarantiniano
Opera:
Recensione:
Grandissimo film, il mio preferito del genere. Penso che Polanski sia uno di quei registi che non ha mai sbagliato. "Oliver Twist" stesso da molti criticato lo vidi al Cinema ai tempi, quindi per un fatto di nostalgia di parte l'ho apprezzato moltissimo, con un ottimo Ben Kingsley! Ma "Il pianista" è per me una gemma nel suo genere.


Geenooofficial
Geenooofficial
Opera:
Recensione:
Che film! Fantastici e memorabili regista, attore, fotografia.


ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
non mi piace Adrien Brody perennemente con la faccia da cane bastonato ma il film visto in TV molti anni fa non era male.
Gioco con i ricordi.


Vituperio
Vituperio
Opera:
Recensione:
Gran bel film non certo per l'originalità ma comunque godibilissimo, il finale merita.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Il Pianista è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link