Roxette
Charm School

()

Voto:

Ne hanno viste di cotte e di crude i Roxette. Un tiepido esordio in madrepatria (Pearls Of Passion), poi il botto internazionale con The Look; due innocenti "scapestrati", magari non eccelsi, eppure con una simpatia ed un "fascino" neanche tanto deprecabili, si apprestavano a invadere lo scenario rock - pop/rock "truzzo" e stravagante di fine Eighties.

Sembrava che Per Gessle e Marie Friedriksson fossero destinati al successo imperituro: le successive It Must Have Been Love e Joyride (assieme ai rispettivi album) stavano facendo sfracelli in classifica, il loro primo Tour mondiale (Join The Joyride) confermava appieno una popolarità in fase ascendente. Presto, tuttavia, la bieca giostra della fortuna cominciò a quietarsi senza sosta: al trend negativo delle vendite (con Crash! Boom! Bang! e seguenti) si aggiunse il calo artistico del duo, orientato negli ultimi lavori in direzione spudoratamente dance-pop (Room Service).

Il macigno più imponente da sopportare risultò essere, comunque, il tumore al cervello di Marie, lo stesso che provocò alla cantante notevoli danni all'apparato celebrale e sensoriale. Il black-out (artistico e fisico) del progetto Roxette, in voga dal lontano 1986, incominciò, nonostante le troppe incertezze e qualche timido annuncio, ad interrompersi negli ultimi anni con la pubblicazione di nuove compilations e la partecipazione a svariati festival europei: in tali frangenti è stato concepito Charm School, nuovo lavoro in studio dei celebri Svedesi.

L'album rappresenta il più genuino ritorno al rock roxettiano del periodo aureo: sconfessando totalmente la tamarraggine discotecara di Room Service, Per e Marie, ex "maniaci" delle motociclette, riabbracciano i sounds che avevano forgiato il marchio Roxette, quello di Joyride, Sleeping In My Car, The Look e Dangerous. Una virata alle chitarre elettriche ed alla batteria, più dark e lirica del solito, spesso malinconica e nostalgica, concernente tanto le tracce "rockettare" tout-court quanto le ballads, schema dialettico ripreso, sebbene non simmetricamente come in precedenza. dalla coppia. Tutt'altro che fiacco, piatto e monotono, Charm School intende proprio far riacquistare a Gessle ed alla Friedriksson quel vigore e quell'energia trasudati tanto tempo fa, pure attraverso tonalità vocali aperte, calde e sincere.

She's Got Nothing On (But The Radio), il primo estratto, alterna un pulsante sound rock sincopato a diffusi sprazzi elettronici, Way Out e Dream On si immergono nel country evergreen da prateria, mentre la bizzarra e funkissima After All mostra il lato folk, frivolo e spensierato dell'album, intercalato anche dalle influenze alternativo - elettroniche dei Muse in Big Black Cadillac.

Preponderanti le ballate: In My Own Way, in particolar modo Speak To Me richiamano la liricità malinconica e romantica di Listen To Your Heart, Spending My Time e Fading Like A Flower (Every Time You Leave), benché più dark; totalmente priva di percussioni, I'm Glad You Called scivola nella teatrale drammaticità degli archi, del pianoforte e, soprattutto, di una tranquilla e serena chitarra country.

Gli ultimi brani si discostano notevolmente dal tradizionale contrasto rock - ballad, spostandosi verso sonorità più alternative e "sperimentali": se vi si possono percepire influssi dai Coldplay nella pacata Happy On The Outside, l'eclettico mix ambient - new wave elettronico di Sitting On The Top Of The World chiude degnamente un lavoro piuttosto valido, compatto, concreta dimostrazione di una band che, sull'orlo del collasso e della semi chiusura dei battenti, ha saputo risollevarsi poco per volta, ritornando a far rombare, anche se non come in passato, le Harley di Joyride.

Roxette, Charm School

Way Out - No One Makes It On Her Own - She's Got Nothing On (But The Radio) - Speak To Me - I'm Glad You Called - Only When I Dream - Dream On - Big Black Cadillac - In My Own Way - After All - Happy On The Outside - Sitting On The Top Of The World.

Questa DeRecensione di Charm School è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/roxette/charm-school/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

Rage
Opera: | Recensione: |
Ammiro sinceramente la tua capacità di recensire minchiate colossali con una professionalità tale da farle sembrare delle vere opere (lady gaga, rat race, enrico la talpa, roxette)
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
Opera: | Recensione: |
I Roxette!!!! Cioè stiamo parlando del 1986! Dico... discoteche domenica pomeriggio! Voto 1,5.
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
No dai, ma se sta gente vuole ancora fare musica (e magari ne è capace, non lo so) perchè non cambiare nome ed evitare di riesumare cadaveri che danzavano negli anni '80 spacciandoli per ballerini moderni?
BËL (00)
BRÜ (00)

fosca
fosca Divèrs
Opera: | Recensione: |
No dai i Roxette no....
BËL (00)
BRÜ (00)

aries
Opera: | Recensione: |
Buona recensione. Mi sento di alzare la media di questo disco.
BËL (00)
BRÜ (00)

Anatas
Opera: | Recensione: |
però la recensione l'ha scritta bene....
BËL (00)
BRÜ (00)

Alex84
Opera: | Recensione: |
Graditissimo ritorno. Mi mancava la loro musica colorata (al limite della nostalgia per l'infanzia).
BËL (00)
BRÜ (00)

Unravel
Opera: | Recensione: |
prendo esempio da aries e... ti alzo il medio però ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: