Sto caricando...

Royal Trux
Twin Infinitives

()

Voto:

La pandemia porta alla riflessione dell'inutilità umana di fronte alle forze che regolano il globo, l'universo e l'esistenza. L'unica cosa che riesce a produrre l'uomo è spazzatura: di cose, di suoni e di messaggi, un turbinio di merda liquamosa spinta in gola a formare un groppo che ci rimembra la vacuità del nostro esistere.
La concomitanza di fattori casuali e specifici che c'hanno donato e dannato fino all'apocalisse, il totale annientamento, l'estinzione della vergogna. La follia teocratica e la distinzione tra i ricchi e i poveri: il vero fallimento della ragione e dell'intelletto. Cos'è l'esistenza senza l'eternità? Cosa vuoi lasciare se ció del quale ti disturbi di produrre svanirà, prima o poi, mangiato dal cosmo? La Guernica fatta rock.

Commenti (Sedici)

Martello
Martello
Opera:
Recensione:
sostanza


kloo: Lammerda
Martello: posso tentare di adoperare un evfemismo?
Lammerda la ha nella calotta cranica
il svo scritto è vno #zot pensato (paradossale) come si deve
kloo: Ah sisi lammerda me la autofagocito non era riferita a te martello
Galensorg
Galensorg
Opera:
Recensione:
Mi è piaciuta un sacco la tua recensione, kloo. Poi con "La Guernica fatta rock", beh, hai vinto.
Questo è un gran disco! Avevo pensato di recensirlo pure io qualche anno fa.


kloo: È un paio di giorni che lo ascolto e lo trovo "orecchiabile', sono in fase band che maciullano le sinapsi e i coglioni e questo ha aiutato.
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
D'accordo che viviamo tempi cupi che col senno di poi saranno percepiti come lucentissimi agli occhi di quelli che ci seguiranno.
Se ci seguiranno.
Ma non esageriamo.


kloo: Che poco sfascioso che sei, commai?
Chainsaw
Chainsaw
Opera:
Recensione:
Oggi ci andiamo giù pesante eh?


kloo: Acqua limpida
macaco: Pesante è questo tempo.
Chainsaw: Ma hai fatto bene, però non riesco a votare né la pagina né il disco (che ho ascoltato parecchio).
Chainsaw: Mi sarei trovato meno in difficoltà a votare la rubrica "dischi di merda per tempi di merda" tutta dedicata al rullante di St. Anger
Chainsaw: @[kloo] vecio mi sono deciso ad ascoltare gli Swell Maps ma è roba sconvolgente, strano non me li avessi pubblicizzati prima
kloo: Swell maps top ma trip to marineville o Jane occupied?
Chainsaw: Marineville! Ero tentato di ascoltarmeli tutti e due di fila ma alla fine mi sono dato il colpo di grazia rimettendo su Twin Infinitives
kloo: Che ragassi di buon gusto che siamo
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
Si fa amare per la sua disturbante anima


macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Parole figlie del nostro tempo.
Si deve scavare ancora però e cercare un significato nuovo dell'uomo che non contempli il caso.


kloo: Infatti sto disco era avanti di trentanni se non di più
Caspasian: Il problema che l'uomo continua a "pensare".
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
"La pandemia porta alla riflessione dell'inutilità umana di fronte alle forze che regolano il globo, l'universo e l'esistenza": non avevamo certo bisogno della pandemia per scoprire questa cosa.
È un tema vecchio come la storia dell'umanità. Ogni generazione crede che la sua sofferenza sia qualcosa di mai visto e incomprensibile, e c'è un solp motivo per cui lo crede: vanità.


kloo: Oddio, io non parlo della mia precisa generazione. Come non dubito della sofferenza degli altri tempi. Io affermò un problema e la concausa, forse evidente forse no, non voglio nemmeno fare il maestro del nulla solo porre domande.
CosmicJocker: Fai che tolgo "generazione" e metto "esseri umani agganciati alla contemporaneità".. Il problema è lo stesso da secoli, in estrema sintesi la nullità dell'esistenza..
La pandemia, per me, può essere un detonatore solo per chi è totalmente in balìa del quotidiano (non dico te eh)..
Le tragedie del momento sembrano sempre possano aprire gli occhi all'umanità, ma ricordo la prima che "vissi" : Chernobyl è uno dei miei primi ricordi di vita, avevo 6 anni ma tutta la discussione che si portava dietro era talmente mediaticamente rilevante che persino un marmocchio ne veniva investito..
Anche allora sembrava dover rappresentare un bivio per l'umanità, ma era semplicemente una tragedia come un'altra, come 'sta pandemia..
(Mi scuso se ho scritto male)
Chainsaw: Ogni generazione pensa le stesse cose, cambia solo il momento in cui se ne accorgono
123asterisco: "La pandemia, per me, può essere un detonatore solo per chi è totalmente in balìa del quotidiano": quanto cazzo hai ragione!!!
Ho maturato esattamente la stessa opinione in questi mesi: accade lo stesso per le persone del tutto assorbite da un lavoro privo di contenuti, per i quali la pensione viene a coincidere con la sopravvenuta noia esistenziale.
Non è colpa di nessuno, ovviamente.
ZiorPlus
ZiorPlus
Opera:
Recensione:
Visto che si parla (anche) dimmerda questo è proprio merdapura che forse neanche Trout Mask Replica arriva a tanto.
Potrebbe piacermi.


kloo: Arrivo da una serie di ascolti dell'orrido musicante: Trumans water, TFUL282, urinals, cows, butthole surfers, eggs, blind idiot God, nation of Ulysses, this heat, swell maps e capisco che c'è di peggio ma troppo i guaiti e chitarrone supametal alla stregua dei jump scares nei film horror, si deve entrare nella psiche con le paure ancestrali.
Farnaby: Per me "Twin..." meraviglioso...la trota, bleah...
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Il disco sguazza nel patologico, non considera e non si incula di pezza l'ascoltatore: la perfezione insomma. Quando attaccano quel cantato sbiascicato "tanto per fare qualcosa" mi mandano fuori di brutto. In certi tratti lo sento etnico alieno.


Mojoman
Mojoman
Opera:
Recensione:
lector
lector
Opera:
Recensione:
Disco divisivo di cui è sempre interessante parlare - anche alla quinta recensione! - e, poi, questa è anche scritta davvero bene!


kloo: troppo buono Lector
Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Come editoriale mi è piaciuto...come recensione, non so. Disco immenso...


kloo: eh mi dispiace, il problema del mio stile è che sia troppo poco descrittivo (del disco o musica) moltissime volte e tenda a cercare impressioni, immagini e questioni.
Farnaby: No ma a me sostanzialmente le recensioni che (apparentemente) dicono poco piacciono eccome. Ho anche avuto forti discussioni. E ho apprezzato anche questa tua pagina. Devo trovare la connessione con il disco che da un po' non ascolto. Infatti mi sono lasciato uno spiraglio con il non so...
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Mi ha commosso. Questi non li conosco ancora, ma la cosa non andrà per le lunghe.


kloo: È un ascolto molto impegnativo
Farnaby: Non li conosci? Bestia!!!
macmaranza: Uffa!
Farnaby: Si scherza!!!
Farnaby: Come dice kloo è un ascolto impegnativo. Impegna anche la carne...
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
la caratteristica che mi ha sempre colpito di più rispetto a tanta altra musica sperimentale è il costruttivismo dei trux. Non si limitano a rompere ma azzardano nuove strade con i materiali che hanno riciclato. Molto oltre il noise o l'industrial che sono fermi alle prime intuizioni da decenni


Farnaby: E buon peso mettiamoci che questo disco ha più di trent'anni...
kloo: Un bel brodo sperminale, un disco ancora scapolo ed una musica accettabile solo da critici e artisti. Non collocabile in frequentazioni popolari.
Chainsaw: Per farla breve: sono impegnativi ma non sono pallosi
Farnaby: Impegnativi sicuro...pallosi per qualcuno potrebbero esserli...
Farnaby: Sicuramente "Twin Infinitives" è tanto divisivo quanto seminale...
proggen_ait94: però sulla seminalità boh. Cioè, non mi viene in mente granché di ispirato da questo camp-rock drogato. Alla fine tra l'altro è proprio l'ultimo sussulto del blues (assieme al punk/garage/blues es oblivians) che da questi anni in poi diventa genere da teca come il jazz
kloo: Seminale, ma giustamente come dici te senza eredi.
Farnaby: Seminale per un sacco di band minori ma anche per Jack White oppure i Kills che hanno citato spesso "Twin..." tra le loro influenze....
proggen_ait94: in effetti alcune robe di white solista, forse...
Farnaby: Probabilmente influenze più concettuali che reali...
SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
Quando avevo le loro stesse "abitudini", mi piaceva un sacco 'sto disco. Col senno di poi...ho cambiato idea.


Farnaby: Ci sta...
SilasLang: Non scherzo. Lo riascoltavo qualche mese fa dopo anni e nun lo reggo proprio oggi.
Farnaby: Ti credo...un sacco di dischi (ma anche libri o film) segnano o vengono segnati dall'esperienza del momento.
E nel tempo perdono significato...
SilasLang: Già. C'est la vie.
Turbitt
Turbitt
Opera:
Recensione:
Pessimo. Capisco che possa sembrare "nuovo e oltre" ad un primo ascolto e posso rispettarlo, ma onestamente perché si deve creare creare un album che suona solo come rumore?‎ Il tutto non suona come sperimentale ma confusamente brutto. A stò punto dico che come presa per il culo era molto più riuscito "Metal Machine Music" del caro vecchio "Lurid"
Ed é tutt'altro che innovativo. la dissonanza, le chitarre distorte, la struttura caotica e goffa delle parti strumentali, l'atmosfera, beh a me ricordano così tanto band come i primi Sonic Youth, Nurse With Wound, Throbbing Gristle e la maggior parte del movimento No Wave. Quindi non capisco chi abbia influenzato questo lavoro. O sia stato seminale per chi...album per nulla interessante a mio umile avviso. L'ho sentito e risentito almeno 4-5 volte ed ogni volta l'ascolto peggiorava, cioè l'opposto di quanto può succedere quando si cerca di penetrare un lavoro ostico ma pregno di contenuti (cito a caso certa roba di Zappa toh). Album emblema dello scaruffismo.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Twin Infinitives è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link