Sabbat
Disembody

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Vedendo che non era presente nessuna recensione riguardo ai Sabbat nipponici (gruppo che suona ininterrottamente dal lontano 1983 e nonostante la limitata fama ha prodotto un numero infinito di uscite, 50 circa!), ho pensato che per forza dovevo mettermi al lavoro e scrivere la mia prima recensione...

Ho tra le mani la ristampa del 2003 in formato cd di questo disco "Disembody" uscito originariamente nel 1993 su Evil records. La copertina è nuova, ma quella originale è riportata all'interno del booklet e sul cd stesso; entrambe di grande impatto comunque!
Il gruppo nipponico (da non confondere con l' omonimo inglese) suona un metal satanico influenzato da black e thrash, ricreando atmosfere marcie e diabolicamente pregne di male! Già i titoli parlano chiaro; il gruppo canta quasi esclusivamente in un inglese maccheronico, giapponesizzato talvolta.

Ma passiamo alle tracce..

Si parte con un vento post-apocalittico, come piace tanto al sottoscritto, che lascia spazio al pezzo vero e proprio, "The seven crosses of damnation": vengono alternati riff veloci e sostenuti a parti piu lente; piacevole anche l' alternanza tra le due voci, una più malvagia dell'altra; i continui cambi di ritmica e di giri rendono il pezzo tutt'altro che noioso e nel finale c'è spazio anche per un assolo; il secondo pezzo è "Bird of ill omen"; inzia con un suono che potrebbe essere il cinguettìo di una cornacchia meccanica e lascia spazio a un veloce riffone black\thrash; giusto il tempo di un gradito "uh!" e si rallenta per il ritornello; le 2 chitarre si alternano con un assolo a testa, e intanto è impossibile non scuotere la testa grazie alle ritimiche incalzanti; il tempo di un'altro "uh!" e si riparte fino al finale. Il seguente pezzo "Metamorphosis" vale da solo l'acquisto dell'intero disco! Il pezzo è caratterizzato dal suo particolare intro: parte un arpeggio "oscuro" di chitarra, a cui si unisce un basso bisbiglìo, una voce che parla e si lagna, in giapponese presumo; la sua sofferenza aumenta quando la chitarra termina il suo arpeggio e sfocia in un terribile lamento tormentato che a sua volta finisce in un grido gutturale demoniaco degno di Satana in persona. Ha inizio una potente cavalcata, seguita da un ritornello più lento e intorbidito dalle terribile grida gutturali; quando riparte a ritmo sostenuto è il momento degli assoli e di nuovo le 2 chitarre si alternano in un escalation di ignoranza (in senso positivo ovviamente!); il suono pieno del basso distorto come piace a noi, fa da ottimo sottofondo quando le chitarre sono impegnate nei solo. La struttura del pezzo si ripete, compreso l'arpeggio e riparte anche con il lamento e la demoniaca metamorfosi! Il finale un'ennesuma volta arpeggiato mette fine ai 5 minuti e mezzo della traccia.

E' ora il momento di "Diabolicaldom", pezzo strumentale, con svariati passaggi e cambi che rendono questi 2 minuti piacevoli, nonostante l'assenza dei corrotti vocalist. Con un poderoso giro di basso distorto del mattissimo Gezol, mente del gruppo e anche voce principale,  parte la quinta traccia "Unknown massacra" e non è un errore di trascrittura! Il tupa-tutupa la fa da padrone per i primi due minuti; su un ritmo lento e cadenzato è poi il momento di vaneggianti assoli che precedono un'altra parte veloce che ci porta fino alla conclusione del pezzo. Ora è il momento di "Evoke the evil"; nel veloce riff thrash iniziale le voci si alternano, una strofa a testa, una piu gutturale sul canale RIGHT, una più stridula sul LEFT; e così è anche quando il ritmo si fa più lento nel ritornello cadenzato da una potente doppia cassa martellante; successivamente le due voci si fondono assieme al grido di "Evil! Evil!" finchè viene il momento di un nuovo giro veramente incalzante, e partono quindi degli assoli vagamente epici che aiutano a creare un'atmosfera caratteristica conducendoci fino alla fine di questo vario pezzo di 6 minuti e mezzo. Si ritorna alla velocità con la seguente "Satanas", e qui le voci sono entrambe stridule; un particolare effetto alla voce è usato nel ritornello dando vita a una specie di grido-risucchiato-al-contrario molto evocativo! uno stacco downtempo separa l'assolo dalla parte precedente, per poi finire con la velocità dell'inizio. I titoli la dicono lunga sullo stile della band, e infatti è il momento di "Reversed bible"! Pezzo sempre molto sostenuto, con la particolarità di contenere qualche grugnito sempre per alimentare quel clima di malattia che caratterizza la band; con un putrido giro black a volume crescente parte "Flower's red"; la voce è cavernosa e si alterna a qualche acuto heavy (tanto per ricordare che la band ha membri in comune con i mitici dei dell' heavy\speed Metalucifer); una cavalcata e via con assolo wha-wha; il finale è come riprende il giro iniziale; La decima traccia è "Ghost in the mirror"; parte la chitarra seguita da basso  e batteria e infine da una sempre piu cavernosa e dissacrante voce; anche qui l'alternanza di riff e tempi diversi fanno passare via piacevolmente parecchi minuti, fino al finto finale casinaro a cui segue a sorpresa un riffone potente di sola chitarra; una voce si innesta successivamente con un discorso incomprensibile e il disco termina nel modo con cui è iniziato, cioè col suddetto vento nucleare.

Due sono le bonus track nel cd che possiedo: "Reversed bible" e "Evoke the evil", suonate egregiamente e un pelo piu veloci della versione studio, da questi 4 satanici samurai; degne di nota le grida deliranti del pubblico inneggianti "Satanaaaaaaas!" tra un pezzo e l'altro.

Inutile dire che consiglio questo disco agli amanti del black-thrash più underground e mefitico!
Unica nota negativa, l'assenza delle liriche (ma forse giustificata dal fattore maccheronico!!)

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sedici)

Defender85
Defender85
Opera:
Recensione:
cazzo!! ne ho sentito parlare anch'io, devo assolutamente procurarmi qualcosa! mi interessa non poco questo genere marcio fino al midollo!!


geenoo
geenoo
Opera:
Recensione:
Miiiii sto scoompisciando............ :-D METAL SATANICO MEFITICO!!!!!!!!! Con una copertina di quelle che mi piacciono tanto: i resti della capretta cole corne!!!!!!!!! Troppo POST-APOCALITTICO! Il tutto prodotto dalla EVIL records!!!!


telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
Benvenuto su Debaser. Non preoccuparti di Geenoo, lui schifa qualsiasi cosa provenga da mondo del Metallo (e chiunque scriva a riguardo). La recensione è buona anche ha il T-B-T (e devo capire perché all'esordio tutti dovrebbero usare questo sistema!)


Ardalo
Ardalo
Opera:
Recensione:
Dev'essere un disco molto divertente


Michoos What
Michoos What
Opera:
Recensione:
Sti giapponesi mi sorprendono sempre di più...


geenoo
geenoo
Opera:
Recensione:
Io invece inizierei a preoccuparmi... ma volevo dire... che serietà può avere un gruppo di giappi che cantano in un inglese maccheronico con il pubblico osannante di altri giappi che inneggia "Satanaaaaaaas" e fanno un disco con in copertina una capoccia di capra ed hanno in Italia un unico fan che scrive una recensione in cui si esprime così: "Il tupa-tutupa la fa da padrone - metal satanico - il cinguettìo di una cornacchia meccanica - 4 satanici samurai"? Aspettate che riprendo fiato...


chaosprevails
chaosprevails
Opera:
Recensione:
Geeno sei stra simpa; però vattelo a pijare 'nter culo!!

1.Il fatto che solo io li conosca mi inorgoglisce molto (in verità sono parecchio seguiti anche in Italia)
2.Il fatto che lo slogan del sito sia "RECENSIONI SCRITTE DA CHI VUOLE" mi autorizza a usare le espressioni da te citate.
CHAOSPREVAILS


pi-airot
pi-airot
Opera:
Recensione:
Ho letto la recensione pensando che fosse un album dei Sabbat inglesi (hai in mente "History of a Time to Come"?) e vedendo ciò che scrivi non ci deve essere poi troppa distanza fra le due band. Controllerò!


pi-airot
pi-airot
Opera:
Recensione:
scusa, il voto alla recensione...


Psycroptic
Psycroptic
Opera:
Recensione:
io credevo si trattasse degli autori di Dreamweaver e History of a time to come........


geenoo
geenoo
Opera:
Recensione:
Kaosprevails sei un sacco simpa anche tu. Concervertiti al buon Christian rock! E pentiti!


geenoo
geenoo
Opera:
Recensione:
"Concervertiti"? Ci ha messo lo zampone il tiàfolo.....


chaosprevails
chaosprevails
Opera:
Recensione:
Infatti per non confonderli con gli altri Sabbat ho scritto: "Il gruppo nipponico (da non confondere con l' omonimo inglese)"


geenoo
geenoo
Opera:
Recensione:
Scusa kaosprevails, ma se ti sono simpa (come tu lo sei a mè) perchè mi odi (vedi scheda personale)? Allora sei proprio un tiàfoletto....


chaosprevails
chaosprevails
Opera:
Recensione:
Ti odio così a pelle! Però un po sei simpa


TEOMONDO
TEOMONDO
Opera:
Recensione:
Dopo un pagina così mi appresto ad affrontare il week end con l'anima serena. Che Dio ti benedica.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Disembody è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link