Sto caricando...

Sam Cooke
Night Beat

()

Voto:

Piccoli gesti, la speranza l’amore.

Faceva paura all’america bianca, era nero e frequentava neri di successo tipo Cassius Clay e Malcom X, era ricco, guidava una Ferrari. Stava anche diventando potente, aveva osato fondare una sua etichetta discografica (SAR Records) ed una casa editrice, non ubbidiva, non si faceva sfruttare, anzi ottenne un contratto con la RCA tra i più alti di sempre.

Ma come osa quello sporco negro a prendere parte al movimento per i diritti civili? Forse è anche comunista, non dobbiamo solo farlo fuori, dobbiamo anche infangare il suo nome per sempre.

Così in uno squallido motel l’11 dicembre 1964 si consuma una storia incredibile, logica solo per la polizia… Omicidio giustificabile da legittima difesa il verdetto finale. Bertha Franklin di 55 anni ha picchiato ed ucciso a revolverate Sam Cooke, 33 anni, seminudo ed ubriaco. Etta James vide il cadavere prima della sepoltura “Sam aveva entrambe le mani fracassate, il naso maciullato e la testa con evidenti segni di colpi ricevuti, era quasi staccata dal collo.” (Rage to survive the Etta James story) scrisse.

Piccoli gesti.

Si rifiutava di cantare negli stati razzisti, nei concerti per soli bianchi, ma non era un angelo. La sua voce era da angelo, ma lui no. Donne, divorzi, la morte di un figlio piccolo, denaro, successo, aveva tutto e troppo in fretta, poi … Poi ha scritto “A change is gonna come” rispondendo implicitamente a colui che si chiedeva "Quanti anni alcune persone devono esistere, prima che gli sia permesso di essere liberi?" Ed ad un uomo che disse: "I have a dream..."

Piccole pesti, la speranza.

-Mà, ‘zzo scrivi? Non mangiamo?

-Sono le 6, è presto. Scrivo una rece.

-Una rece? Cos’è? Oh vez, ma io mi rompo in casa tutto il giorno, non posso uscire, almeno fammi da mangiare, non scrivere di persone inutili…

-Vieni qui che ti faccio sentire una cosa.

-E’ un botto lento, però bello, che genere è?

-Ti voglio bene bimbo...

L’amore.

E’ il disco della consapevolezza, in cui le contrapposizioni razziali cadono. Sam non scrive per i bianchi (Having a party, Twistin’ the night away per info chiedete a Mr. Bruce Springsteen) o per i neri (Bring it on home to me, Another Saturday night per info stavolta chiedete a Jimmy Cliff o Bob Marley), scrive capolavori per se stesso (e per me, ovviamente). Emblematici in questo senso sono due straordinari live pubblicati postumi, entrambi piccoli gioielli, il live at the Harlem Square club (con pubblico nero) e At the Copa (con pubblico bianco). Sembra incredibile che sia lo stesso artista a cantare, ma procurateveli entrambi, ne vale la pena.

La band che lo accompagna rimane in secondo piano, quasi timorosa di non essere all’altezza di quella splendida voce. Qui trovate blues (molto) e soul con un’aria notturna e jazzata, un ritorno alle radici, una Little red rooster (Dixon) da brividi. I lost everything (Tate) dedicata al figlio, con la voce che sembra ti accarezzi una guancia cercando di consolarti, chitarra e tastiere che si amalgamo malinconicamente… E questo è nulla le vere bombe sono Lost and Lookin’, Please don’t Drive me Away, You Gotta Move, Shake Rattle and Roll che squarciano l’anima. Disco registrato in tre giorni (tre notti, probabilmente) intrigante e sexy, malinconico ma non triste, la giusta colonna sonora per dichiarare il proprio amore all’uomo della tua vita… Canzoni intime e perfette, da colonna sonora per la fine di un’amore (Get yourself another fool), blues essenziali come Trouble blues e rock’n roll in chiusura a salutare tutti con la manina…

Si Sam, hai scritto per me e per tutti quelli che hanno un’anima da regalare, non da vendere.

I love you so

Commenti (Quindici)

lector
lector
Opera:
Recensione:
Sam Cooke!
Disco imprescindibile (come se gli altri fossero prescindibili...).
Una morte che fa ancora rabbia, una musica che fa ancora riconciliare con la vita.
C'è tutta la vita in questa Musica.
Brava Milady!


Taddi: Grazie maestro!
lector: Maestro.....mi spernacchio da solo!
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Oh! Bella!


Taddi: oppalà
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Sono pieno di raccolte di tutti questi Nobili, non tengo singoli dischi e neanche li conosco come quei due nobili esauriti di @lector e @imasoulman ... MA per Sem Cuc il nobile inchino è d’obbligo.
“Ma almeno fammi da mangiare” ??!?!?! ... spero di non aver capito ...
Bella rece


lector: Esauriti........soltanto?
IlConte: Mi sento buono... è strano esaurito
Ahahahahahah
lector: Allora grazie :-D
IlConte: Volevo dire ... STRA esaurito
Ahahahahahah
lector: Ah, ecco! :-))
imasoulman: come l'alcool nei supermercati
Taddi: o l'amuchina... @[IlConte] tenere in casa un figlio maschio di 18 anni è un'impresa titanica, come contropartita gli ho promesso manicaretti di ogni tipo... Non so se caro nobile se si sia riprodotto, ma l'adolescenza è difficile sia lato genitore (oggi) che lato figlia (30 anni fa...)
IlConte: Perdoni nobile Fanciulla, per un figlio questo è tutto il restante... pensavo fosse un marito/compagno/moglie/compagna che “pretendeva”!!!
RinaldiACHTUNG
RinaldiACHTUNG
Opera:
Recensione:
per riascoltarmelo ho atteso la tarda serata perché è l'orario in cui lo si apprezza maggiormente; hai usato parole bellissime


Taddi: Bello ricordare vecchi amori in tarda serata, in questo silenzio irreale. Grazie Rinaldi
Flame
Flame
Opera:
Recensione:
una delle tante, troppe, profonde voragini nella mia cultura musicale. Non mi basterebbero due vite per rimettermi al passo. Scrivi bene, anche tu però metti quel pizzico di retorica di troppo (per i miei gusti) che non mi fa apprezzare appieno anche le rece di lector per esempio. Inezie comunque, 5


Taddi: L'importante non è come scrivo (comunque grazie, i consigli sono sempre ben accetti da), ma averti solleticato l'orecchio. Se ami il rock, blues, soul, jazz e miscugli vari ascolta il "giovane" Sam Cooke in quegli anni...
Sam Cooke - A Change Is Gonna Come (Official Lyric Video)
imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
(silenzio...)


Taddi: respect
hellraiser
hellraiser
Opera:
Recensione:
Ottimo tutto.


Taddi: Grazie, sicuramente merito di Sam...
hellraiser: Disco e personaggio sono eccellenti ma hai una scrittura molto bella, piena di particolari storici interessanti e molto personale. E molto scorrevole. Brava davvero
Taddi
Taddi
Opera:
Recensione:
Vorrei farvi una domanda molto semplice:
Che senso ha recensire un disco del 1963, anche se ancora attualissimo, un capolavoro... bla bla bla?Mi permetto di farvi questa domanda perchè ho un dubbio. In quanti leggeranno il mio (scarno) scritto senza conoscere l'opera o senza conoscere minimamente il personaggio? In poche parole... no meglio un editoriale, discorso lungo


tia: Avrebbe senso solo per aver scritto : ti voglio bene bimbo.. In questi giorni di clausura me li sto gustando e li sto vedendo crescere ogni giorno; sono la mia forza, sono insostituibili.
lector: Ma di che stiamo parlando?
Sono andato a controllare: questa è la PRIMA (ed unica) recensione di questo CAPOLAVORO!!
Cioé, quasi 45mila recensioni (di cui decinaia e decinaia su Queen, Floyds, Dire Straits e sfracantamenti di coglioni simili) e NESSUNA su QUESTO DISCO!
Ti rendi conto?
Quindi: a) è benemerito che tu ne abbia scritto. b) E' meglio che ci facciamo qualche domanda in più sui gusti musicali (e la competenza) media dei frequentatori di questo sito.....
Taddi: Si, non ce n'erano altre di recensioni su night beat, anche se il live ad harlem lo ritengo superiore. Grazie a ttutti! (con 4 "T")
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Che pagina!! Che bellezza...grazie per la tua presenza @[Taddi] sempre più importante qui, a parte la "polemica" sui miei adorati Pink Floyd....Ahahahahahahahahahahah...


Taddi: Grazie mille, mi dispiace per i Pink Floyd, ma la diversità di gusti è certamente un vantaggio, si possono alimentare splendide discussioni... Poi con te credo sia impossibile litigare. Belle le tue recensioni, le leggo spesso, ma dopo i termini death metal, violenza, metallo... non mi invogli all'ascolto
tia
tia Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
giù il cappello. Anzi il turbante!


Taddi: Troppo buono pres, grazie a Sam riesco a scrivere qualcosina di decente...
Confaloni
Confaloni
Opera:
Recensione:
Ottima recensione per un grande della musica afroamericana. A lui molto devono Otis Redding, Stevie Wonder, Isaac Hayes e anche lo stesso Prince.


Taddi: Si, la lista è sicuramente lunga
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
"E’ un botto lento, però bello, che genere è?!...beh, son soddisfazioni!!!!


Taddi: Credo sia il massimo per un diciottenne (tra tre giorni)... Quando ascolto Dylan non ti dico i commenti! Lagna è solitamente il più usato
luludia: la stessa cosa che avrei detto io alla sua età, anzi avrei detto di peggio....
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Bellissima. Veramente bellissima. Di lui ho sentito tanto parlare, ora lo ascolterò. Poi ti farò sapere.


dsalva
dsalva
Opera:
Recensione:
mo soccia che bella. Voto pieno alla rece e a Mr. Cooke


Taddi: Di ben so ragasolo, ti propri breve!
Taddi: *Brev ....
dsalva: Brev l'era e sumar ed Gigett.
Fratellone
Fratellone
Opera:
Recensione:

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Night Beat è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link