Savoy Brown
Hellbound Train

()

Voto:

"Hellbound Train" fu pubblicato dopo il successo di "Street Corner Talking" che segnava, inoltre, l'inizio di una nuova collaborazione, al fianco di Kim Simmonds si ritrovarono praticamente tre quarti dei Chicken Shack, i quali restarono fissi nella formazione dei Savoy Brown per almeno 4 album. I brani inclusi nell'album portano la firma di Simmonds ma anche il contributo di Paul Raymond (già coautore con Stan Webb) e Andy Sylvester; L'album è permeato di atmosfere molto anni 70 ne è un ottimo esempio la title track "Hellbound Train" che riesce a rendere l'idea di questo treno che viaggia attraverso luoghi nebbiosi, popolati da strane creature con aperture che sottolineano l'imponenza del suo passaggio.

L'album si apre con il rock un po honky tonk di "Doin Fine", rimanda ad immagini del treno che percorre tratte immerse nel verde delle campagne, seguita poi da "Lost and Lonely Child", forse il mio brano preferito, un numero lento ed evocativo con la voce di Dave Walker in evidenza, cosi come il lavoro all'organo di Paul Raymond corredato dallo strumming di chitarre acustiche inframmezzate da un solo tipicamente Simmondsiano.

"I'll Make Everything Alright" riprende toni piu rock blues, con il drumming di Dave Bidwell molto trainante. é poi la volta di "Troubled by These Days and Times, a tratti un po gospel, ma sempre in perfetto stile Savoy Brown, degna di nota la performance vocale di Walker anche in questo brano. "If I could See an End" riprende il sound e l'andamento del pezzo di apertura, molto raffinata la linea vocale a volte all'unisono con la chitarra di Simmonds, tutto tenuto insieme dal suono profondo della ritmica di Bidwell. "It'll Make You Happy" riprende la forma piu classica ed è guidata da un riff di organo e di basso che permettono alla chitarra di SImmonds di alternarsi molto bene con l'organo di Raymond. Chiude l'album la title track "Hellbound Train" con i suoi 9 minuti, trainata dalla ritmica di Bidwell, ripetitiva e costante che richiama il moto del treno. Affiancata da una graffiante linea di basso e dalla chitarra appena accennata all'inizio per poi aumentare di intensità. brano epico. Nella prima stampa americana dell'album questo brano termina in modo netto, credo che nella versione inglese il mixaggio sia leggermente differente.

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Hellbound Train è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/savoy-brown/hellbound-train/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Due)

Miss Kinotto
Opera: | Recensione: |
Premetto che non ho ancora letto le tue rece (lo farò prima o poi e ti dirò nel merito) e non sono nell'organizzazione del sito, sono un semplice utente come te. Ma, scusami, mi pare che un minimo di rispetto per altra gente che ha una rece in home e ha voglia che ci resti almeno un giorno ci debba essere. Leggi la home zio ken, ci sono praticamente solo tue rece. Per me dovresti dilatare più nel tempo le uscite.

GhostTrain: alright, se vado nella home vedo diverse rece e non solo le mie, comunque è vero mi sono accorto di averne scritte troppe in due giorni. Adesso mi ridimensiono.
Taurus: Sposo in toto.
hellraiser
Opera: | Recensione: |
Capolavoro

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

DeBaser non è un giornale in linea ma una "bacheca" dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Informativa sulla privacy