Sto caricando...

Simple Minds
Live @ Arena di Verona 18.07.2022

()

Voto:

In 40 anni non ero mai riuscito a vederli, me li sono persi negli anni buoni, quelli dei primi album, rievocati con un fantastico tour nel 2012 5x5, ovvero 5 brani da ognuno dei primi 5 album.

Il concerto del 18 luglio 2022 quindi per me è stata una occasione da “ora o mai più”.

Location fantastica, l'Arena di Verona, strapiena (organizzazione ai varchi di entrata scandalosa, se eri senza biglietto e un attimo scaltro entravi quando volevi all’apertura di un portone– e dire che organizzano almeno un concerto a settimana). Pubblico quasi esclusivamente di 50 enni, segno che non c’è ricambio generazionale per questa musica, ma tant’è. I Simple Minds sono uno dei gruppi che più ho amato. Forse anche per questo ci metto un po’ ad accettare il fatto che Jim Kerr sia invecchiato. Non seguendo le evoluzioni della band scozzese da molti anni ormai, mi sento di dire che la formazione vista a Verona è un lontano ricordo di quello che sono stati i Simple Minds di quando cavalcavano l’onda del successo.

Restano Jim Kerr e Charlie Burchill, e la band, che comunque condivide il palco con i membri fondatori da diversi anni, è costruita intorno a loro: Sarah Brown alla voce, Gordy Goudie alle chitarre, Cherisse Osei alla batteria, Berenice Scott alle tastiere ed il bassista Ged Grimes, che sui brani di primi anni ’80 ha a tratti sdaputo evocare le linee del miglio Derek Forbes. Ma la band, per come la ho vista a Verona, non mi ha entusiasmato a livello di presenza. Ma i gusti sono gusti ed io certamente era in netta minoranza, considerato l’entusiasmo intorno a me. De gustibus non disputandum est.
Conclusione: mi sono tolto lo sfizio di vedere i Simple Minds dal vivo. Pratica archiviata.
E’ bene tuttavia precisare che non è stato brutto concerto in sé e tra i brani proposti ce ne sono stati alcuni che hanno saputo toccare in me corde profonde: Love Song”, “Colours Fly and Catherine Wheel”, “Theme for Great Cities” Big Sleep”, “New Gold Dream”. Gran parte della scaletta erano brani degni della scaletta di dj Daniele Baldelli al Cosmic di Lazise (ma parliamo di anni 80) a poche decine di km da Verona

Commenti (Otto)

algol
algol
Opera:
Recensione:
Li ho amati parecchio anch'io.
Ottimo sfizio archiviato.

BËL 03
BRÜ 00

Abraham
Abraham
Opera:
Recensione:
Niente da fare: riesco a farmi piacere solo 'Street Fighthing Years' e 'Real Life'; quel che è venuto prima e dopo, niente. Pace. Con quale brano hanno aperto la setlist ?

BËL 00
BRÜ 00

tam: Playlist
1. Act of Love
2. Love Song
3. Let There Be Love
4. Glittering Prize
5. Promised You a Miracle
6. Book of Brilliant Things
7. Mandela Day
8. First You Jump
9. Belfast Child
Atto II
1. Theme for Great Cities
2. King Is White and in the Crowd
3. Waterfront
4. She’s a River
5. Once Upon a Time
6. Someone Somewhere in Summertime
7. See the Lights
8. All the Things She Said
9. Don’t You (Forget About Me)
10. Let It All Come Down
11. New Gold Dream (81/82/83/84)
Atto III
1. Speed Your Love to Me
2. Alive and Kicking
3. Sanctify Yourself
musicalrust: Scaletta con poche sorprese purtroppo, ma ad avercene di concerti così... evviva i cinquantenni tiè!!!
withor
withor
Opera:
Recensione:
Voto al gruppo, visto che il concerto non l'ho visto

BËL 00
BRÜ 00

lector
lector
Opera:
Recensione:
Preferisco ricordarmeli da vivi...

BËL 05
BRÜ 00

tam: Haha, mito!
perfect element
perfect element
Opera:
Recensione:
Recensione scritta maluccio è priva di enfasi.

BËL 00
BRÜ 00

perfect element
perfect element
Opera:
Recensione:
e

BËL 00
BRÜ 00

G
G Alto Papàvero
Opera:
Recensione:
Bentoranto @[tam] ! Secondo me loro dal vico sono migliorati. Mi sa che se li avessi visti all'inizio della loro carriera saresti rimasto deluso. La recensione in sè è effettivamente un po' tirata via, ma ti becchi un 4 anche per le ospitate a radio tandem! Che tempi!

BËL 02
BRÜ 00

tam: Non penso sarei stato deluso, anzi, a giudicare dai numerosi bootleg a suo tempo interiorizzato.
In ogni caso grazie
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Ah!
Le Menti Semplici!
Di loro c'ho uno (o #forse due) quarantacinquegiri vinilici risalenti al Paleolitico ricoperti da coltre di polvere depositata nel tempo.
Ma non mi chieda come si intitola[no] perché non ne avrei alcun fattivo rammendo.
P.S.
So, ma qvando riprende la Musica DeDentro?
Eh?

BËL 01
BRÜ 00

tam: Eh, La Musica DeDentro resterà un'idea per almeno un po' - causa mia uscita, dopo 35 anni da Radio Tandem.
sfascia carrozze: Porca paletta!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera