Sto caricando...

Slayer
Repentless

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Se a 11 anni il tuo gruppo preferito sono gli Slayer, probabilmente le cose non ti vanno troppo bene.

Nulla di grave, per carità. Magari è solo che i tuoi compagni di classe non sono proprio dei simpaticoni, che se ti mettono un pallone tra i piedi fai sembrare Ranocchia un misto tra il Baresi d'annata e Roberto Carlos, che odi tua sorella e hai degli occhiali tanto spessi da appiccare un incendio se li lasci al sole.

E allora ti basta mettere nello stereo la cassettina di "Seasons in the abyss" che ti ha registrato un tizio del tuo palazzo e passa la paura. Le orecchie ti si riempiono di distorsioni e fischi, le tempie di un martellare incessante e, in qualche modo, la rabbia che covi trova una sentiero da seguire.

Perchè, a 11 anni, quando le cose non ti vanno troppo bene, forse hai solo bisogno di qualcuno che urli al posto tuo.

Se a distanza di 25 anni da quella cassettina, ti ritrovi a recensire il nuovo disco degli Slayer, probabilmente le cose non sono migliorate granchè.
Oppure è solo che, nonostante gli anni passati, sei ancora talmente affezionato a quel gruppo da volergli dedicare almeno un sabato mattina, sul divano, in piagiama, con lo stereo a palla e un documento vuoto di word da riempire.

E volendolo rimpiere, sto documento word vuoto, si può dire che "Repentless" è tutto sommato un buon disco.

Da più di 30 anni gli Slayer, per citare un fine pensatore dei nostri tempi, sono i migliori in quello che fanno. E quindi fanno solo quello. Sono professionisti che scrivono canzoni con il pilota automatico, con la piena consapevolezza di non potere uscire dalla iconografica che loro stessi si sono cuciti addosso, fottendosene di chi li accusa (giustamente) di suonare monotoni o ripetitivi e addirittura riciclando in maniera più o meno spudorata soluzioni e idee già utilizzate anche in brani famosissimi (vedasi, per tutte, le "citazioni" assolistiche in "Implode"). E se ogni tanto provano a variare un po' la minestra ("When The Stillness Comes") te ne accorgi e pensi che sì, non c'è male, però...

Bostaph è oggettivamente mostruoso e, come al solito, ci sarà chi dirà che "ehhhh, ma Lombardo...." e io come al solito dirò che Lombardo è Dio, ma Bostaph suona meglio la batteria. E gli arrangiamenti della sola "Cast The First Stone" sono lì a dimostrarlo.

Da un paio di dischi a questa parte, Araya mi dà soprattutto la sensazione di avere una gran voglia di appendere al chiodo il basso e quello che gli rimane delle corde vocali, tagliarsi barba e capelli e andarsene a svernare in un posto tipo Riva Bella o Arma di Taggia, dove ammazzarsi di scopone scientifici corretti grappa. Intendiamoci: ci dà ancora dentro di brutto ed è davvero incredibile che riesca ancora a urlare come un matto da più di 30 anni (anche se l'urlo in "Chasing Death" mi ha ricordato quando mia nonna tirava il collo alle galline), ma (perdonerete la presunzione) se hai ascoltato gli Slayer ininterrottamente per più di 15 anni e adesso li riprendi solo quando pubblicano un nuovo disco, non puoi fare a meno di notare certe cose. Tipo che le linee vocali sono costruite in maniera tale da fargli prendere respiro alla fine di ogni verso. Oppure che se volesse anche solo pensare di rifare l'urlo di "Angel of death" avrebbe bisogno di... No. Niente. Non ce la farebbe e basta.

A livello chitarristico, il suono tagliente e ferale dei dischi degli anni '80 è stato da tempo sostituito da uno più moderno e hardcore, più pastoso e crepitante, meno secco, che magari fa più "muro", ma che a una cariatide come me continua a non convincere del tutto.
E, sempre in tema di chitarre, prima che arrivi qualche genio del male a dire minchiate, spazziamo ogni dubbio: se non c'avessero detto niente, nessuno si sarebbe accorto che manca Hanneman. Non so se sia perchè Bolt si è amalgamato perfettamente allo stile (?!?!?!??!?!?!?!?) di King oppure perchè la fase di scrittura è andata più o meno così:

Holt: "Ciao Kerry! ho un riff bellissimo da farti sentire! Scialla:

ZZZZSBRASDRRAGAGAGAGGATSHZZZZDRAGAGAGGKLZZZZZISDRAGAGAVZOS4RE

King: "Mmm... beh, per essere carino è carino. Però senti questo:

ZZZZZZZZZZZZZZZZZZZZDA! ZZZZZZZZZZZZZDA-DA! ZZZZZZZZZZZZZZZZZZZDA!

Holt: "Cavolo Kerry, è senz'altro molto bello. Ma non è che forse l'hai usato per scriverci un altro paio di dischi?"

King: "In tutta sincerità non mi pare... Però se vuoi possiamo rescindere un contratto milionario, tu puoi rinunciare a fare un disco con la più grande thrash medal band della storia di questa umanità e delle prossime cinquantamila specie che abiteranno la terra e tornare negli Exodus, sempre che ti vogliano ancora. Magari loro la pensano come te"

Insomma, io a Jeff ho voluto davvero bene. Sì, era un po' nazista, e da una ventina d'anni a questa parte riusciva a vestirsi solo con la stessa maglietta da hockey dei Los Angeles Kings, ma a ben vedere ha scritto le mie canzoni preferite degli Slayer ed era un ubriacone. E se King mi ha sempre dato l'idea del ciccione rissoso e molesto, ignorante come un testicolo di Gasparri, io con Jeff c'avrei fatto volentieri serata, magari con la consapevolezza che mi sarei svegliato il mattino dopo con la bocca amara e il bisogno di un trapianto di fegato.

Eppure, davvero, la sua mancanza non si sente.

Mancanza...

Ecco. Più lo ascolto e più mi chiedo: cosa manca davvero a questo disco?
Forse, ragionandoci su, niente.
O forse, ragionandoci su un po' di più, tutto.

Manca l'emozione.
La mia.

Manca che, al tempo di quella cassettina, io aspettavo di essere solo in casa.
La inserivo nella piastra dello stereo e alzavo il volume.
E quando partiva "War Ensemble" tutto spariva.

Sparivano la scuola, gli amici che non lo erano davvero, la ragazza a cui non piacevo, il mio corpo gracile e i miei occhi guasti.

Ed io ero il soldato che cammina tra i cadaveri, io ero la luce dei traccianti che illuminano a giorno le trincee, io ero la bomba che cade dal cielo.
Io ero il sorriso maligno che si allarga come uno squarcio sulla faccia.
Io ero il cattivo.

Io ero l'assassino.

 

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su SettantaCinque

imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
scusa il ritardo, on. Bartle...5 stars, come la Metaxa PS: il più grande batterista del mondo sono io, sappilo. Lo dicono tutti gli ospizi che hanno avuto l'onore di vedermi all'opera, solo che grugnisco troppo poco


imasoulman: e a scopone scientifico, Araya, lo massacro di sparigli, che non si faccia solo illusioni (il gioco più bello del mondo, oltre che il più intelligente, altro che il math-rock)
ZannaB: Tutto vero, infatti sono il giocatore di scopone più scarso dalla regione!
imasoulman: in Piemonte, la vera scopa tradizionale (da gara) si gioca con 9 carte a testa e 4 in tavola. Lo scopone scientifico è la variante nella quale si danno 10 carte a testa e nessuna in tavola. Poi esistono le varianti (assai meno nobili) tipo la Scopa d'Assi (asso pigliatutto, con "onori" o "cavallini" - 1,2,3 di denari etc.), ma questo nei circoli dei veri scopisti è visto come un gioco da bambini, come voler essere punk e ascoltare i Green Day...
ZannaB: In Romagna la scopa tradizionale è sì con 9 carte in mano e 4 in tavola, ma le carte sono distribuite in 3 date da 3 carte ognuno.
Lo scopone (scientifico o meno credo sia la stessa cosa...) è giocato anche da noi con 10 carte in mano.
Esiste invece un gioco chiamato "scopa bazziga" (italianizzato dal dialetto quindi non so se sia corretto il nome) che si gioca come la scopa tradizionale ma dove si scoprono le 3 carte in mano se la loro somma è meno di 9 e in base alle combinazioni delle tre carte si segnano dei punti in più a fine partita.
In pratica un gioco da Green Day...
federock: coi miei amici giochiamo (ma forse è un ibrido tutto nostro, ma bello!) con 9 carte in mano a testa e 4 in tavola, più la napola (1,2,3 di denari almeno) che la rende ancor più varia e divertente, e offre strategie e dinamiche in più. No scopa d'assi, quello sì fa cacare. A noi ci piace ridurre l'importanza del culo nel gioco (eliminarlo non si può...)
ZannaB: Cazzo se elimini del tutto il fattore culo non ho più speranze!
federock
federock
Opera:
Recensione:
con la napola?


Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
a venessia xè vaido anca el re beo co ti soghi a scopa...


ZannaB
ZannaB Divèrs
Opera:
Recensione:
Enca a Santarcanzli e re bel è fa un punt cumé la màta.


Stanlio: cossa sea sta màta? no sarà miga ea vecia?
ZannaB: Mo va la! L'è e set bèl!
Stanlio: Ma va in mona, eà a Santarcangeo de Romaga xà parlè strano eh, ma se usè anca el sleng adio bisi, chi xè che ve capisse, soeo i selvadeghi?
ZannaB: Dai zò, s'tat magn nà pida cun è parsòt e tat bòi un bicìr ad sazveis t'vidrè che capès inquél!
Stanlio: ehm purtroppo son diventato astemio ed ho eliminato sia i salumi che i fumi (sigh! me tapino...)
ZannaB: Che vita triste :-(
Vabbè, pida squacquerone e rucola, succo di frutta allora e la sigaretta a fine pasto la fumo solo io ok?
Stanlio: ok, ma prima si gioca a scopa/scopone al meglio dei tre raggi con rivincita e bella in caso di pareggio, ovviamente chi perde offre lo spuntino...
ZannaB: Raggi??? Vuoi giocare con le ruote delle bici?
Stanlio: no! con il sole...
sorciopeloso
sorciopeloso
Opera:
Recensione:
Sembra il debaser di tanti anni fa ㅠ,.ㅠ


Flo
Flo Evangelìsta
Opera:
Recensione:
Infatti era tipo dal 2011 che non si vedeva una recenza con tanti commenti.


JURIX: E non è manco per 'sto caZZo un tributo agli Slayer, ma a BARTOOOOL.
Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Che commenti?


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Gran rece, nulla da dire. Per qualche motivo, io ho caricato di sentimenti negativi ben altri generi in gioventù. Ma, volente o nolente, mi son "dovuto mettere" ad ascoltare metal: solo lì si trova un po' di sodalizio. L'heavy metal è il vessillo degli spostati 14-17 in campagna veneta.


ZeroKanada: Commovente pezzo straight outta Padova se non ricordo dei Warmonger. Warmonger - Beer Maniac
Inno del 16enne thrasher underground.
extro91: "Inno del 16enne thrasher underground." Esattamente. Non ho idea di quante volte l'avrò ascoltata all'epoca.
ZeroKanada: Siamo in due ;)
proggen_ait94: mai sentita, ero molto più provinciale :o bella comunque
extro91: Non è una giustificazione. Io sono addirittura di un'altra regione e a Padova ci sono stato una volta da ragazzino e la seconda/ultima volta c'eri pure tu. Il punto è che ascolti roba da depressi! ;-) Non hai lo spirito del TREEEEEEEEEEEEEESSSSSSSSCIIIIIIIIII EEEEEEEEEEEEEEEEEEEEER
proggen_ait94: anche questo è vero, conosco bene solo metallica e megadeth, robe da nscondersi
ZeroKanada: La prossima volta che ci vediamo urge ripassone scena treeesc medal italiana a suon di Bulldozer e Endovein. :D
proggen_ait94: Ahahah d'accordo :) ho bisogno di più medal veloce UH
proggen_ait94: cioè i miei preferiti dopo i Death sono i fottuti Dark Tranquillity
ZeroKanada: Diventerai un Metalucifer Heavy Metal samurai non ti preoccupare. Il medal velocissimissimo non lo ascolto più da parecchio, ma qualcosa per te lo rispolverò volentieri.
extro91: Cosa mi stai ritirando fuori...quanti ricordi!
Alexander77
Alexander77
Opera:
Recensione:
Bartolo,dammi retta,il talento non si spreca...per il resto sono d'accordo su tutto,Bostaph è e sarà sempre un batterista migliore di Dave. Ma Dave era al posto giusto nel momento giusto e questo rimane. Tra l'altro vedo che il tempo lenisce tutto,e le sciocchezze di easycure sui Dream Theater cominciano a perdere efficacia. Meno male,awake e I&W lo meritano un ascolto (ma poi bastava leggere i voti positivi gente come Hal e altri per capire che quella rece era un'idiozia. E niente, Bartolo mi devi un monito. Un abbraccio a tutti e w deb.


Alexander77
Alexander77
Opera:
Recensione:
Tutte le cazzate che ho scritto sono merito del t9 e il monito era un mojito :D


Alexander77
Alexander77
Opera:
Recensione:
Tra l'altro, nes che chiede scusa a Gate? Cazzo succede,mica siamo all'ospizio qui!


nes: e allora fottiti.
Alexander77: Non mi trattare male nes che ci rimango male. Ricorda che prima o poi io te e Bartolo ci incontreremo ad un concerto e sarà amore a prima vista.
nes: Ci siamo gia' incontrati e abbiamo limonato durissimo.
Radioactive Toy
Radioactive Toy
Opera:
Recensione:
Lo ascolterò il prima possibile.


Dragonstar
Dragonstar
Opera:
Recensione:
"Sembra il Debaser di tanti anni fa". Sono d'accordo anch'io e devo ammettere che è una bella sensazione esserci finalmente in mezzo da utente e non da semplice visitatore. Tuttavia, il discorso è sempre quello...una rece degli Slayer...


extro91: e la domanda sempre una: cose la paura?
Don_Pollo: l odio cose e? la rabbia? la poesia cose?
Dragonstar: ma soprattutto...ma che cazzo dite?
hjhhjij: Che cazzo dicono ? Ignorante, STUDIA! Burzum/Aske - Burzum - Recensione di korn
Dragonstar: ..avevo promesso di solcare il sentiero degli Antichi Debaseriani ma questa pagina mi è sfuggita...cosa devo fare come penitenza?
hjhhjij: Riflettere su cose la paura.
psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
Arrivo in ritardo ma arrivo eh! Bellissima recensione machettelodicoafà? Mai amati gli Slayer, manco nel perido metal di inizio '90, le simpatie nazi me li facevano repellere. MA avrei bisogno di un po' di sano headbanging per combattere lo stress del vivere. E mi hai fatto venire voglia di ripubblicare qualcosa caro Bartolo


geenoo        .
geenoo .
Opera:
Recensione:
wooooooooowwwwwwwwww non so perché ho cannato la recensione del mio gruppo preferito scritta dal mio autore preferito!!!!!!!!


parapoziponzipo: perche' sei stronzo come il recensore ?
parapoziponzipo: si scherzava cmq. era piuttosto sul faceto...
nes
nes
Opera:
Recensione:
l'avevo ascoltato distrattamente, e mi era sembrato come se i suoni degli slayer, sempre "affilati" "genuini" e tutti queglialtri aggettivi inutili che si usano in questi casi, fossero stati pucciati in un enorme pentolone di lacca patinanta, roba che quando esce luccica e puoi esporre in vetrina da Cartier. Sì ok, poi tu non puoi, perchè comunque son gli slayer, ma suoni così "rock arena" (oddio, cerchiamo di capire, non è che suonino come i queen) non li hanno mai avuti.
Poi adesso ho visto per caso su youtube l'ultimo video, che in chiusura riporta il terrificante nome della nuclear blast. E mi è venuta una tristezza dentro che quasi quasi torno indietro nel tempo a quando avevo 11 anni e invece di farmi regalare per natale l'aereo dei cobra a decollo verticale, chiedo mi si impacchettino south of heaven e hell awaits.
Ma quanta gente sta finendo in quel maremagnum di bruttume?


Workhorse: E ci è andata pure di lusso
nes: sisì, non fraintendiamo: non voglio dire che i suoni siano una merda fotonica, ma più adatti a padiglioni meno abituati allo stupro sì, e dopo aver scoperto 'sta cosa della nucular non credo la cosa sia da imputarsi al fatto che mezzo gruppo è cambiato. Non solo, almeno.
GIASSON: La nuclear blast è il male.
nes: "Nucular"... Si dice "Nucular".
CoolOras
CoolOras
Opera:
Recensione:
Sì ma il video di "Repentless" per me è già video dell'anno, dopo quello di David Hasselhoff ovviamente. Ciao Bartle!


JURIX
JURIX Divèrs
Opera:
Recensione:
Comunque, 'sta "Repentless" mica è male ziochen! Il video... bè, nel video c'è Danny Trejo, dunque voto 6.


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
A proposito del video di Repentless, è curioso notare come già nel più o meno recente passato il contesto carcerario era già stato utilizzato dai Metallica ( ) con risultati tanto per cambiare imbarazzanti. Ci volevano gli Slayer per mostrare al mondo che per fare un video musicale è sufficiente Danny Trejo che compare per tipo 20 secondi e un manubrio (palesemente finto...) usato per dare pugni indalafazza. E' proprio vero che l'ignoranza non te la imparano nelle scuole...


BarbuN
BarbuN
Opera:
Recensione:
.


BarbuN: ma perchè non riesco più a piazzare un voto????
UhuhPanicoUhuh
UhuhPanicoUhuh
Opera:
Recensione:
Bartolo + Slayer = login. Bella lì.


ZannaB: No!!! Era un casino e mezzo che non passavi da qui! Grande Panico, passa più spesso sul debasio che ci manchi!
Taurus
Taurus
Opera:
Recensione:
Ottima rece...conservo un ricordo della loro annata 1986...potrei anche ascoltare questo!


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Estratto dell'intervista di irishtimes.com a Kerry King:
"Your last album prior to Repentless was World Painted Blood in 2009. Since then Jeff Hanneman died and your drummer Dave Lombardo was fired. You must have felt at some stage that Slayer would never make a new record...

Not me personally. The way I look at it is that if I wasn’t making music up for Slayer, I’d be making music up that sounds just like Slayer with somebody else playing it. It made sense to me to continue doing what I was doing.
For me, it was waiting for Tom (Araya, bass player and singer) to be happy with the situation, and I think it wore on him more than it wore on me. I looked at it more realistically than personally. I looked at it as business. This is my job and I’ve got to continue what I’m doing, so there wasn’t any other option for me.


Bartleboom: Indovinate chi, anche quest'anno, NON vincerà per un soffio il premio "Primate sovrappeso più simpatico"?!
Bartleboom: Sì. Sto cazzo.
MobyDick
MobyDick
Opera:
Recensione:
devo dire la verità non mi aspetavo nulla di buono da questo nuovo disco e invece mi sono dovuto ricredere, i cambiamenti ci sono stati nuovo/vecchio batterista, nuovo chitarrista (che qualcosa di suo ha composto, incredibile ma vero), nuovo produttore e nuova casa discografica. Qualche cosa hanno prodotto, mi sembra che globalmente il risultato sia ben più "fresco" e con una ritornata voglia di spaccare che ultimamente mi era sembrata svanita nel solito "ok dai, ci tocca farne un altro..."
Certo chi li segue da una vita ha inevitabilmente i suoi capisaldi, è giusto che sia così, ma per quanto mi riguarda l'incazzatura non è scemata gran che se ancora li ascolto e aspetto la nuova "Hell Awaits"


GinoRamone
GinoRamone
Opera:
Recensione:
Boh, per me gli Slayer il top l'hanno raggiunto con Reign in blood.
Inoltre in questo disco secondo me Holt non c'entra una ceppa anche se imho sembra quello più in forma.
Ascoltabile ma non certo indimenticabile.
Bella la rece, in ogni caso.


aleradio
aleradio
Opera:
Recensione:
Ranocchia è troppo impulsivo, ma il giocatore non è scarso. I primi sei mesi di Inter furono straordinari per lui dato che aveva accanto un certo Lucio. Quel campionato del Bari con Ventura (anche la prima parte di quello dopo, prima della vendita in serie delle partite e dello schiaffeggio ai giocatori) ha un po' tratto in inganno, tuttavia ho da poco scoperto che Kossiga è stato presidente della repubblica e che viviamo in un paese democratico ma non mi interesso di politica ne di botanica e pertanto penso che la cannabis sia una tecnica di pesca. Secondo me il miglior batterista del mondo è quello che ha più tamburi intorno, però in Romagna la scopa tradizionale è sì con 9 carte in mano e 4 in tavola, ma le carte sono distribuite in 3 date da 3 carte ognuno, e mi è venuta una tristezza dentro che quasi quasi torno indietro nel tempo a quando avevo 11 anni e invece di farmi regalare per natale l'aereo dei cobra a decollo verticale, chiedo mi si impacchettino south of heaven e hell awaits. Io e te come avremmo suonato quell'attacco? Probabilmente avremmo messo ancora più leve e ancora più corna ai manici delle chitarre.


ZannaB: Scopone rules e le corna non mi sono mai piaciute, neanche sulla chitarra.
spiritello_s: ottimo collage di commenti fatti da altri...
aleradio: Sì non è che l'ho fatto di nascosto eh
spiritello_s: Di nascosto fai altre cose infatti...
lector
lector
Opera:
Recensione:
Bella. Davvero bella.
E' la seconda recensione che metto tra i preferiti da quando bazzico il DeB.
E non amo gli Slayer.


Bartleboom: Troppo buono... :)))
fenriz87
fenriz87
Opera:
Recensione:
Complimenti sincerissimi per la recensione. Daje.


joe strummer
joe strummer
Opera:
Recensione:
Io non ho iniziato a 11 anni, forse a 14, ma ricordo quando comprai il disco nel 2015 e provai la stessa mancanza di emozione che racconti benissimo tu


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Repentless è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link