Splatterpink
Industrie Jazzcore

()

Voto:

Zorn Primus Mr Bungle Ratm: se già è un alchimia cattivissima e lontanissima da qualche echitettatura facilona rollingstone-myspace, allora appare chiara l’impossibilità di emersione in qualsiasi scenario alternativo, sia anche una citazione in una banale classifica my deb o la segnalazione in qualche evento – e ciò sarebbe eccessivo-, o una bella rece di segnalazione – che sarebbe chiedere l’impossibile.

Il cazzo. Niente. Schifosamente ignorati dalla critica quando in realtà avrebbero meritato e necessitato di interesse ben diverso, il sound degli splatter appare di richiamo, nei costrutti armonico-schizofrenici, dei malatoni sopra citati.

Grezzissima, da pesare come un macigno anche ai padiglioni auricolari più disfonicamente allenati, seppur tecnicamente all’avanguardia (tutti da d’agata al sassofonista sono di matrice jazz), condita da testi al limite tra lo spleen la melanconia e la rabbia repressa, la musica degli splatter è uno tsunami diapasonico votato alla sincope incombente, alla cacofonia repentina, veri e propri manifesti nel nostro ambiente socio-culturale… difficilmente di sfugge all’abbonzanza di simboli stimoli impulsi, che nel loro dipanarci varie vie ci alienano da una corretta e formale degli avvenimenti, uomo come unicum, vittima prestabilita di un macchinario troppo grande da capirne gli intenti, senza meta alcuna di azione, capace solo di fomentare insicurezze e nichilismo perenne.

Tutto oscilla sotto un aurea fra il gore, il nefasto, un non-sense con destinazione masochista; la calma la piattezza e la sicurezza dell’incedere  del progresso umano sono solo un artificio flebile rispetto gli istinti distruttori e carnefici che si celano nel nostro piccolo agire.

Superlativo il connubbio sax-basso slappone alla claypool  e chitarrona fuzzy asinfonica: tutto rende più tragicomica e apparentemente latente la discesa agli inferi verso l’io.

Unico piccolo neo la voce di Diego, spesso anonima, spesso coperta dalla musica (capire alcuni testi è un impresa e il poco che si capisce è allucinante, in rete non si trova nulla oltretutto) che forse un missaggio migliore avrebbe reso perfetta.

Musica per teste di cazzo fallite in procinto di sterminare la famiglia perché convinte di una vita come un complotto catto-conservatore volto a reprimere la loro verve artistica di geni incompresi rassegnati a sparare puttanate quotidiane sul web, tanto per sentirsi intellettualoidi indipendenti dal sistema Silvio.

Non ve li meritate proprio… io vado ad ucciderne altri.

Questa DeRecensione di Industrie Jazzcore è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/splatterpink/industrie-jazzcore/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

korrea
Opera: | Recensione: |
Mah, confusissima.
BËL (00)
BRÜ (00)

senzastile: ascolta prima di commentare
senzastile: ascolta prima di commentare
korrea: Ascolterò, poi magari darò il voto anche al disco.
March Horses
Opera: | Recensione: |
Cazzo, un po' di finezza finalmente
BËL (00)
BRÜ (00)

extro91
Opera: | Recensione: |
Non sembrano per niente male!!
BËL (00)
BRÜ (00)

alexx
Opera: | Recensione: |
accidempoli
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
Trovo anch´io lo scritto piuttosto confuso in certi momenti. Ascoltando le due musiche che hai messo devo dire che hanno un buon tiro anche se sono troppo derivati per i miei gusti.
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini
Opera: | Recensione: |
Bello, non li avevo mai sentiti nominare. Il cantante anche no, ma è sopportabile.
BËL (00)
BRÜ (00)

senzastile: caz questo è proprio da approfondire, non possono passare in osservati. questo è del '95 ne hanno prodotti altri 2 e le poche informazioni utili sono su wikipedia (per farti capire). il 3° album è in pratica tutti i gruppi citati più fantomas all'inverosimile. non ci sono torrent, sia questo che 3# (si chiama così) si trovano su filestube. non possono e non vanno dimenticati, ma anzi diffusi a più non posso. fai girare
puntiniCAZpuntini: L'ho sentito, ho detto "bello" per quello. Io su soulseek l'ho trovato, non so però se fosse in qualche libreria "segreta" dei miei contatti. Il terzo lo cerco a breve.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: