Sto caricando...

S.T. Joshi
Io Sono Providence: la biografia di H.P. Lovecraft

()

Voto:

Si conclude, con la pubblicazione del terzo volume di Io sono Providence da parte della meritoria Providence Press, la monumentale biografia di H.P. Lovecraft di S.T. Joshi. Viene preso in esame il periodo fra il 1928 fino al 2010 in quanto, anche dopo la morte del Solitario di Providence, si parla diffusamente del suo impatto sulla cultura “popolare” fino ai nostri giorni e si indaga il fascino eterno della sua dinoccolata figura. Gli ultimi anni della vita di Lovecraft sono molto importanti sotto molti punti di vista: come scrittore ha progressivamente raggiunto il vertice di quel cosmicismo qui definito “Arte cosmica non soprannaturale”. Lovecraft aveva codificato un nuovo canone che lo avvicinava a una sorta di fantascienza nera che nessuno in futuro ha mai veramente emulato. Qualcuno non ha ancora capito la portata della sua arte e detesta la sua produzione. Tuttavia è stato Jacques Bergier ad avvicinarsi di più alla verità definendo in maniera calzante Lovecraft “un Edgar Poe cosmico”. I tentativi di August Derleth (fondamentale in ogni caso il suo contributo nella diffusione dell’opera di HPL tramite la Arkham House) sono riusciti solo a banalizzare I Miti di Cthulhu attraverso una dicotomia fra bene e male di impronta cristiana che è quanto di più lontano dal pensiero “lovecraftiano”. In quest’ultimo periodo Lovecraft si avvicinerà al socialismo anche se in una maniera tutta sua. In ogni caso questo non vuol dire, come ho letto recentemente, che in futuro sarebbe diventato ancora più di sinistra. Anzi Lovecraft rimase fondamentalmente un razzista per tutta la sua vita come scrive lo stesso S.T. Joshi e come ha giustamente sottolineato Michel Houellebecq nel suo ottimo libro H.P. Lovecraft: contro il mondo contro la vita. Ma questo a me sinceramente non interessa. Alla fine stiamo parlando di scrittori e di artisti e Lovecraft lo era e quel che resta è la sua opera e sinceramente trovo scorretti tutti I tentativi di incasellarla e ideologizzarla. Di sicuro era un conservatore e trovo difficile pensare che potesse diventare un estremista in un senso o nell’altro. Per cui mette molta tristezza oggi vedere come la sua figura sia ostracizzata da più parti in nome del “politicamente corretto”. Il volume è poi anche molto interessante per via di alcune considerazioni di S.T. Joshi su alcuni degli illustri colleghi di HPL come Robert E. Howard e Clark Ashton Smith. Di Howard dice

“La mia opinione, tuttavia, è che, anche se le storie individualmente sono eccezionali (ma nessuna è alla pari delle migliori di Lovecraft) la maggior parte delle opere di Howard è semplicemente una scrittura pulp superiore alla media”.

Con CAS non è certo piu’ tenero. Ecco il suo giudizio:

“Come molta dell’opera di Howard, gran parte della narrativa di Smith è lavoro di routine pulp. Anche le storie di Smith provocano reazioni molto diverse. Sono troppo ornate, quasi oltre ogni immaginazione, per alcuni oltre ogni sopportazione”

rimarcando poi come

“le sue trame tendano a essere semplici, persino banali”.

Si può essere o meno d’accordo ma di sicuro Lovecraft era superiore a entrambi. Alcuni giudizi di Joshi sui suoi racconti mi trovano invece in disaccordo. Trova banale un capolavoro come L’orrore di Dunwich e vede molti difetti anche in “Colui che sussurava nelle tenebre e in I sogni nella casa stregata (uno dei miei preferiti) anche se quest’ultimo viene riscattato a suo avviso dall’atmosfera di “cosmicismo”. In definitiva si tratta di un acquisto obbligato per tutti I seguaci di Lovecraft ma anche per chi volesse finalmente farsi un’idea di una delle personalità più affascinanti del secolo scorso.

Commenti (Cinque)

Penny
Penny
Opera:
Recensione:
Lovecraft, gran visionario, peccato sia morto in povertà e non abbia visto un centesimo della sua bravura , come lui tanti altri, nel frattempo loschi individui negli anni si sono arricchiti alle sue spalle , stessa sorte per Poe e Ugo Foscolo per citarne alcuni , bellissima recensione comunque, perdona lo sfogo


Penny: Grazie a te !
Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
Non ho letto la biografia scritta da Joshi e non so quando lo farò.. Di sicuro siamo di fronte a un lavoro monumentale, anche se mi sfugge il motivo di includere giudizi critici su singoli racconti in un racconto biografico.. Tant'è, Joshi di sicuro la sa lunga.. Il tema del c.d. razzismo di HPL è forse uno dei più noiosi che lo riguardano, e spiace sapere che appassioni così tanto..
5 palle alla recensione, sbagliando mi son partite 5 palla all'opera che ovviamente non ho letto..


Cervovolante: @[Hetzer] Si il tema del razzismo di Lovecraft e' veramente noioso e dispiace che venga tirato in ballo cosi' spesso e a sproposito.
Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
Scritto encomiabile per la passione profusa per l'autore. Unico appunto (personale) un po' più di compattezza e un po' meno neretto (4.4). Conosco poco lo scrittore, se potessi lo leggerei, purtroppo il tempo non è mai bastante. Ma allora perchè il suo scorrere è illusorio?


Cervovolante: @[Dr.Adder] devi rimediare il tempo sono sicuro che lo troverai.
cristoincroce
cristoincroce
Opera:
Recensione:
Hai dimenticato di parlare di quando inventò le stampanti a getto d'inchiostro.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Io Sono Providence: la biografia di H.P. Lovecraft è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link