Steve Hartlett
Solitude For Dummies

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Solitudine per inesperti.
Non credo che il titolo sia dovuto al fatto di questa epocale pandemia (certificata) o semplicemente da una forma depressiva comune a molti, un atteggiamento in bassa fedeltà ma caldo, come quelle poche cose calde che riescono a scaldare il cuore.
Steve Hartlett, oddio, lui è un amico per me.
Lo seguo dai tempi del primo disco degli Ovlov, anzi no, da prima: credo sia stato in un periodo non precisato a cavallo tra il 2012 e il 2013, o forse era la primavera del 2013 e quei singoli che anticipavano AM primo disco degli Ovlov mi avevano fatto male; The Great Alligator resta ancora una delle mie canzoni preferite dello scorso decennio.

Poi lo scioglimento, il taglio dei ponti.

Ma Steve non demorde e ritorna come Stove, un suo progetto solista che non si distaccava moltissimo dalla creatura precedente: forse più indie, meno caciara da wall-of-sound. Is Stupider del 2015, poi un altro paio d'EP più tranquilli, più sognanti e forse troppo poco catchy e troppo poco alternativi.
Due anni fa il ritorno in grande stile degli Ovlov con il loro secondo lavoro TRU, un disco davvero solenne e fuori dal tempo: i muraglioni fuzz e quella controversa somiglianza tra dei Dinosaur Jr più aggraziati e dei My Bloody Valentine con più core.
Ora siamo qui con nome e cognome, solo lui contro il mondo, approccio lo-fi e la solita emozione spezzata, un cantautore di una generazione che non è mai esistita e che probabilmente mai esisterà.


Trivia:
Io a Steve ho dedicato un pezzo QUI e successivamente pure una "cover" con la mia band QUI.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

kloo
kloo
Opera:
Recensione:
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
"Io a Steve ho dedicato un pezzo QUI", devo dire che però è quello che mi è piaciuto di meno..
Meglio "Vulture", più tagliente..
Tu sempre sul pezzo..
Il top degli Ovlov qual'è?..


kloo: Due dischi hanno fatto. AM forse é troppo eterogeneo, passa da momenti pixies a momenti dinosaur jr. Erano molto più vicini allo shoegaze ma si trastullavano d'hardecore. TRU è compatto é un mattone in fronte. Comunque ho recensito tutti e due pare, più quello di stove.
kloo: Comunque la cover con la mia band é la cover del mio pezzo :)
CosmicJocker: Comunque quando dici che "un cantautore di una generazione che non è mai esistita e che probabilmente mai esisterà.", ecco.. Io sento questo per Smog..
lector
lector
Opera:
Recensione:
Bello il tuo pezzo!


nix
nix
Opera:
Recensione:
grande Steve Hackett. E' lui e il suo stile inconfondibile che mi hanno fatto amare i Genesis. La sua dipartita è stato un duro colpo per il gruppo.
Comunque, col tempo è molto cambiato. In ogni caso mi piace molto anche adesso.
Ottima recensione.


kloo: Ehm.
De...Marga...: Ehm (2).
marcoantonio: Giuro che anche io ho letto tutta la recensione pensando che fosse per Steve Hackett non trovando un nesso ragionevole. Poi quando sono andato per copiare e incollare l'opera per ascoltarla su youtube mi son accorto dell'arcano! ;-)
nix: no ragazzi, kloo, De...Marga..., marcoantonio, era uno scherzo! Era per strapparvi una risata. Sono sicuro di esserci riuscito
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Citi sacri nomi...approccio lo-fi...da ascoltare...tempo ne abbiamo...


De...Marga...: In giornata ascolto i brani che hai linkato alla fine.
RinaldiACHTUNG
RinaldiACHTUNG
Opera:
Recensione:
Grazie per aver portato queste bellissime tracce, soprattutto Favorite Friends e If I Only Had A Brain. Ho ascoltato anche gli Ovlov; cavolo quanto amo queste chitarre. Tru e Am splendidi. Ah e complimenti anche ai tuoi progetti, legati da un bianco e nero di copertine favolose.


Chainsaw
Chainsaw
Opera:
Recensione:
Steve e gli Ovlov avrei proprio voglia di riascoltarli, peccato che sia la musica che di solito ascolto quando vado a correre, mannaggia al demonio. Ovviamente solo cuori per kloo, Mother Mary e i Drinking Mercury.


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Passo in volo, metto nella sacca, ma tornerò.


HOPELESS
HOPELESS
Opera:
Recensione:
Ovlov band che mi piacque (e mi piace) parecchio -soprattutto am-, Exploding in Profound Sound. Le tue cose davvero una bellezza, soprattutto Mother Mary. Vulture è veramente notevole e la copertina di Zero bellissima. Sul dedicato nell'introduzione sembra di sentire Digital in versione hard-slow-core. E tra l'altro pare che ti avvali di Steve Albini alla batteria :-).
It's all right 'n' wrong Kloo. æsep╦ic, vapordead is (a) wave (of love). Zero Connecticut.


kloo: We we come sai di aeseptic?
HOPELESS: Mi sa che me ne parlasti tu o Miki. ;-)
kloo: forse io allora. Comunque Digital ci sta, in verità ho rubato. Ho rubato il giro di Cave In dei Codeine in Steve Hartlett. ;)
HOPELESS: Sei un marpione. Bella roba e gran sound. congratulations.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Solitude For Dummies è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link