Sto caricando...

Stone Temple Pilots
Thank You

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Alla vigilia del chiacchieratissimo debutto dei Velvet Revolver (inutile che vi dica chi siano, giusto?), i fratelli DeLeo, stanchi delle stravaganze del loro cantante, si chiamano fuori dal progetto Stone Temple Pilots, salutando il pubblico che li ha seguiti più o meno fedelmente dai tempi di Core (1992), con la più classica delle antologie.

Thank You è infatti la raccolta pressoché completa di tutti i singoli della band di San Diego (mancando infatti all'appello solo un paio di canzoni dell'ultimo periodo). Ripercorrendo la carriera degli Stone Temple Pilots, non si può non ammettere che furono un fenomeno ben più consistente di una delle tante bands che sfruttarono l'ondata grunge capitanata da Nirvana e Pearl Jam. Vincitori di 2 grammy awards (più varie nominees nel corso dello scorso decennio), campioni di vendite coi primi due album, pionieri di nuove sperimentazioni grunge-pop Tiny Music... e tra i primi a sfruttare le virtù del duo Brendan O'Brien/Nick Didia al mixing/producing (per fare qualche nome, solo in seguito arruolati dai vari Pearl Jam, Rage Against The Machine, Korn, Stereophonics...), gli Stone Temple Pilots hanno sempre convissuto con le disavventure del loro singer Scott Weiland, costantemente nei guai per abuso di sostanze stupefacenti, che lo hanno fatto entrare ed uscire da Rehab Houses e carceri di mezza America.

Tuttavia, con la fine dei vari Soundgarden, Alice In Chains, Smashing Pumpkins, Screaming Trees e qualche maligno aggiungerebbe anche Pearl Jam, erano rimasti solo loro a fare quel certo tipo di musica dalla critica comunemente riconosciuto come grunge. Poi sono arrivati gli Audioslave a riproporre la moda tanto in voga nei 70's, dei supergruppi, ed ecco che musicisti ormai in stato di decomposizione quali gli ex Guns N Roses, vedono in Scott Weiland l'ideale sostituto della vecchia icona rock Axl Rose (il cui disco, notizia dell'ultim'ora, si intitolerà Chinese Democracy ed uscirà il giorno del Santo Natale...), e lo invitano ad unirsi a loro in una potenziale nuova macchina da soldi (e chissà, non si sa mai, forse di anche buona musica).

Gli Stone Temple Pilots, deboli dell'insuccesso del loro ultimo album, alzano bandiera bianca e mettono in mostra, per la prima volta, i loro più famosi gioielli. Come ogni raccolta che si rispetti però, mancano davvero diversi episodi fondamentali per non definire questa greatest hits poco più che una semplice introduzione al gruppo.

Tuttavia, per gli appassionati, è in commercio una versione di Thank You con allegato un DVD pieno zeppo di performances video di quasi 3 ore, con rapporto qualità/prezzo davvero imbattibile. Tornando alla musica, la raccolta si apre con il memorabile riff di Vasoline, per proseguire poi con la violenza dark di Down e i primi classici della band, tra cui spiccano ancora una volta Plush (presente anche in versione acustica), Creep ed Interstate Love Song. Non mancano gli episodi più melodici del loro repertorio, ed ecco infatti scorrere la beatlesiana Lady Picture Show e Sour Girl, forse la vera ultima hit del gruppo. C'è anche un onesto inedito, All In The Suit That You Wear, outtake dell'epoca N°4 di cui riflette chiaramente il sound, ma che sfigura quando al suo terminare, parte il riff tritaossa di una delle canzoni che hanno davvero fatto la storia di questo amato/odiato grunge: Sex Type Thing.

Se siete fan di questo gruppo o se non li conoscete, forse vale la pena acquistare questa raccolta, perché tra le tante, troppe in commercio in questo periodo, sembra quella meno banale e sinceramente più onesta.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Trenta)

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
caro 3 pounds perchè ci mandi le recensioni con i [i] invece dei <i>??lo sai che è molto fastidioso correggere tutto?


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Dopey ti vogliamo bene!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
grazie kosmo poi la correggo ma dì a 3pounds di non mettere più le parentesi quadre che sennò vado fuori di testa...


cliffburton86
cliffburton86
Opera:
Recensione:
gia c'era....ma che cazzo vuol dire [I] e [/I]????????? a leggerla questa rece crea problemi neurologici!!


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
[I] [/I].... significa corsivo.


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Un consiglio 3poundsoflove, scrivile così: <i> e </i> (non con le parentesi quadre). E' così che aiuti i nani... idem per <b> e </b> oppure <br> ... ok?


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Recensione doppia!!! L'ha fatta Marcmat già un paio di settimane fa...peccato, eppoi per un "best of"... Mah!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
rieditata ma per favore non inserire mai più parentesi quadre in un testo, che poi le devo levare ad una ad una. se vuoi essere utile segnala i corsivi con <i></i>. GRAZIE!


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
STP gran gruppo cmq


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Perché una recensione che c'è già? Io l'avrei fatta su Dirt o Core...


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
mmm ottima recensione anyway!!!


cliffburton86
cliffburton86
Opera:
Recensione:
3 pounds of love scrivi bene. fai la rece di Core!!!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Inutile se non pedante


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
mancano un pò troppe canzoni importanti... una su tutte no way out.


cliffburton86
cliffburton86
Opera:
Recensione:
e poi perchè "hard rock"?


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
perché in fondo cos'è? non è hard rock? e come tutti i gruppi hard rock, hanno le loro ballate. Ma il dvd vale la pena?


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Il Dvd decisamente: La raccolta in se no se li conosci già


cliffburton86
cliffburton86
Opera:
Recensione:
hard rock forse è va un pò troppo in là.......meglio rock e basta


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Sono d'accordo con Cliffburton. Rock, power rock... ma non si definiva grunge negli anni '90? Sembra che questo termine oggi sia diventato una bestemmia. Io lo rivaluterei. Tra parentesi, sembra che i fratelli Leo siano in combutta con i fratelli Robinson (ex-Black Crowes) per un nuovo progetto. Inoltre il Chinese Democracy di Axl Rose (nel quale ha suonato in tre brani Josh Freese degli APC) non è ancora completo. Chissà quando uscirà, se uscirà...


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
Allora... avevo messo come generi grunge, hard rock e just rock, ma evidentemente se ne può mettere solo uno. Hard Rock proprio no? beh, per me canzoni come Down, Sex type Thing, Pruno, Dumb Love,... sono pezzi comunque hard rock. Più in là c'è il metal. Oppure datemi una definizione di grunge che non abbia solo a che vedere con le camicie di flanella e la città di seattle. Per il resto... kosmogabri... non hai colto l'ironia della battuta su Axl Rose, eppure mi sembrava evidente che scherzassi. Riguardo all'eventuale progetto con Chris Robinson e il batterista dei Crowes (l'altro fratello rich non c'entra stavolta), per ora nn si sa molto, e Robert e Dean (che di cognome fanno DeLeo, non Leo) per ora sembrano più intenzionati a proseguire la carriera di produttori. Per il resto, credo che una band Stone Temple Crowes potrebbe funzionare a livello artistico, meglio di altre superband messe in piedi negli ultimi tempi.


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Ho controllato: Chris Robinson e Steve Gorman dei BlackCrowes (come giustamente dici tu) con i DeLeo hanno già formato una superband e hanno inciso qualche pezzo. Non è stato rivelato ancora il nome. Chissà se pubblicheranno qualcosa.... io sono curiosa. A me i primi due dischi dei Black Crowes piacciono. Per quanto riguarda il Chinese Democracy ho peccato di poco sense of humor, ammetto che non avevo capito la battuta :D - Secondo me grunge significa: Apple dei Mother Love Bone, Gluey Porch Treatments dei Melvins, Bleach dei Nirvana, Badmotorfinger dei Soundgarden, Uncle Anesthesia dei Screaming Trees, l'omonimo dei The Temple Of The Dog, Ten dei Pearl Jam, Core degli STP, Above dei Mad Season, oserei dire anche DaydreamNation dei Sonic Youth... camicie di flanella, sì, ma anche "Ripped jeans. Heroin. Loud guitars. Teenage angst...". In poche parole ROCK. Con il tuo commento mi hai fatto tirar fuori qualcuno tra questi dischi. Ora me li riascolto a manetta (con il mio nuovo mega-super-stereino regalo di Natale)... grazie 3poundsoflove, sei stimolante, continua così ;)


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Hard-rock, heavy-rock, grunge-rock, power-rock, seventhy-rock, street-rock, heroin-rock, eccetera... che palle le definizioni, vero 3poundsoflove?


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Ho dimenticato Dirt degli Alice in Chains (trovato tra i miei Cd, credevo di non averlo più!). Mo' me lo metto su...


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
peccato che siano finiti con questa raccolta. A questo punto, i fan degli STP, possono al massimo sperare nell'uscita di un live, visto che la Atlantic pare che abbia ancora i diritti per un paio di dischi sotto il nome stone temple pilots.


Mr_Iko
Mr_Iko
Opera:
Recensione:
Aboliamo la classificazione per generi!!!! Esistono solo due generi di musica: la buona musica e la cattiva musica. Fanculo gli ipocriti che a questa dichiarazione rispondono pedissequamente con "ma come si fa a dire qual'è la buona musica"? La risposta è semplice: quella che ascolta IKO è buona, l'altra e cattiva :D :D :D Mi sto pisssiando sotto dalle risate! BUON ANNO A TUTTI I DE-BASERIOTI!!!!! IKO vi vuole bene a tutti, anche a jk che parla sempre male di lui! Buon anno!!!!


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
ottima recensione cavoli!! la greatest hits di per sé non ha nulla di clamoroso, se non fosse per quel dvd generosissimo di quasi 3 ore!!!!!! splendido comunque riascoltare tutte insieme le canzoni più famose del gruppo.


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
Big Bang Babies! L'inedito mi piace e non sfigura in mezzo alle altre


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
COMPRATO: favolosiiiiiii.... miiii li avevo sempre scartati, invece mi sanno meglio di altri dello stesso periodo! Ora mi compro Purple o N°4!?


Gen. Noriega
Gen. Noriega
Opera:
Recensione:
COMPRATI QUELLO CHE CAZZO TI PARE COGLIONE, E NON ROMPERE LE PALLE, STRONZO!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Thank You è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link