Tarentel
From Bone to Satellite

()

Voto:

Un'orchestrazione elegante di 5 lunghi pezzi strumentali (7 nel doppio LP) in cui elementi di indie-rock si fondono ad inclinazioni droniche, utilizzando quel riconoscibile schema soft/loud di fine millennio che ha fatto la fortuna di band coeve canadesi, scozzesi, etc. Questo piccolo gioiello del 1999 ha per punto di forza proprio quell'elemento che ha portato il genere/calderone "post-rock" (catalogazione molto discutibile) ad un monotono appiattimento di contenuti: ovvero quella fase di calma ed atmosfera difficile da ricreare in contrapposizione alle parti esplosive. Perchè sebbene in molti abbiano avuto dei risultati interessanti attraverso il contrasto di entrambe le parti - più per merito dei momenti "loud", di casino violento - trovare la chiusura del cerchio tramite la fase più emozionale è pregio di pochi.

Il chitarrista dei TarentelJefre Cantu-Ledesma, espone dunque il credo e le caratteristiche tecniche della band: "Noi non vogliamo annoiarvi, suonando i nostri pezzi. Per la linea di basso che Kenseth (Thibideau, ex-bassista, ndr.) ha creato per "Ursa Major", Jeff (Rosenberg, ndr.) ha riscritto la parte per il suo laptop, dando al brano una nuova dimensione. Ci piace l'idea di costante rinnovamento del nostro suono. Ciò rende il tutto più interessante per andare avanti".

Un uomo preistorico lancia un osso in alto, nel cielo. L'osso ruota per aria, ma... all'improvviso la scena si sposta ad una stazione spaziale rotante, tra le stelle.

From Bone to Satellite.

Trovarsi a proprio agio in lugubri richiami chitarristici Morriconiani in versione spaghetti-western da "C'era una volta il Cosmo", per poi perdersi nel fragore improvviso di feedback e dissonanze, alternando ansia e spavalderia. Le composizioni sono semplici e comprensibili, nella loro imprevedibilità. La skyline di una San Francisco notturna si nota appena sotto la vastità di quello spazio buio che fa riaffiorare ricordi di eventi futuri.

La costante evoluzione in parallelo con l'Universo, gli astri e le costellazioni non è solamente un'intuizione per questo disco, ma riassume lo spirito dei Tarentel, che da oltre dieci anni di carriera non perdono il vizio di cambiare e variare da un lavoro all'altro. In fin dei conti questa è l'essenza stessa dell'evoluzione umana: un percorso ciclico chiuso di trasformazione, che parte dall'osso e arriva alla conoscenza.

Sono 74 minuti di fredda epicità strumentale.

Questa DeRecensione di From Bone to Satellite è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/tarentel/from-bone-to-satellite/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quindici)

fuggitivo
Opera: | Recensione: |
Mooolto interessante!
BËL (00)
BRÜ (00)

fuggitivo
Opera: | Recensione: |
Recensione bellissima! Questo me lo devo procurare.
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
direi proprio di si.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nico63
Opera: | Recensione: |
Io direi invece che... bah, qualcosa ascoltai ma poco mi disse.
BËL (00)
BRÜ (00)

vitols4
Opera: | Recensione: |
Bella recensione (per una volta un cuoricino che ah un senso). Dai il giusto equilibrio tra commenti tecnici e emozioni. Con l'album, sbadiglio dietro l'angolo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Pagina piuttosto phica, in effetti. Molto bravo.
BËL (00)
BRÜ (00)

UhuhPanicoUhuh
Opera: | Recensione: |
Bella. Lo sto ascoltando proprio ora, poi ripasso.
BËL (00)
BRÜ (00)

UhuhPanicoUhuh
Opera: | Recensione: |
Bello. E' risultato gradevole nonostante abbia fatto indigestione di questa musica, forse sarà per il tempo... When We Almost Killed Ourselves su tutte. Ciao!
BËL (00)
BRÜ (00)

aerosiphon
Opera: | Recensione: |
Grande disco!
BËL (00)
BRÜ (00)

aerdna
Opera: | Recensione: |
addirittura fregiato di Cuoricino! sono lusingato ... i primi tre LP (questo, "the order of things" e la raccolta "ephemera") sono una sorta di mix tra Gospeed You! Black Emperor e Labradford: sia ben chiaro, "SIMILI A.." e non followers. dopodiché assumono sempre più connotati Ambient ... tra dischi, EP e singoli c'è un sacco di roba da ascoltare. grazie a tutti i convenuti!
BËL (00)
BRÜ (00)

moodycacastile
Opera: | Recensione: |
rece che invoglia inevitabilmente a scacomprarlo.
BËL (00)
BRÜ (00)

19Lunghezze
Opera: | Recensione: |
Andate nelle Recensioni DeCasi vedete le mie splendire tre recensioni: ci sono Abbey Road, Fronte del Palco e Ogni Maledetta Domenica di Oliver Stone occorrete!
BËL (00)
BRÜ (00)

Schizoid Man
Opera: | Recensione: |
bella sì...
BËL (00)
BRÜ (00)

elv
elv
Opera: | Recensione: |
WOW! Qualcuno li conosce
BËL (00)
BRÜ (00)

SilasLang
Opera: | Recensione: |
Tra i miei dischi preferiti..
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: