Sto caricando...

The Beatles
Let It Be... Naked

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Non sono il solo, spero, a pensare che gran parte delle produzioni discografiche dei Beatles successive al loro scioglimento siano per lo più delle eccellenti operazioni di marketing. Fra queste "Real Love" aveva raggiunto l'apice della volgarità musicale, prima facendo passare per inedito un pezzo di Lennon, che inedito non era per nulla, poi sovraincidendo sullo stesso i pezzi di bravura dei superstiti.
Non un primato, vedi Natalie Cole (argh!), ma pur sempre un'operazione macabra.

Dopo altre prove di gran classe, vedi il fondamentale dubbio edipico - amletico McCartney-Lennon o Lennon-McCartney, ora che i Beatles si stanno pian piano riunendo sotto terra (perdonate l'uscita non proprio Oxfordiana, ma visto il contesto... ), vien fuori una versione nuda di Let It Be. Nuda perchè priva degli arrangiamenti delle parti orchestrali, dei cori e degli effetti voluti dall'allora produttore del disco Phil Spector.
Ne avevamo bisogno? Secondo ciò che si legge un po' ovunque pare di sì.

L'incisione viene, infatti, giustificata dal fatto che i Beatles non amarono gli orpelli voluti dal produttore, chiamato dalla Emi a completare l'opera incompiuta dei Fab Four, ormai in aperto conflitto. In particolare, pare che McCartney non avesse per nulla gradito gli arrangiamenti orchestrali di "The Long And Winding Road".
C'è da crederci? Mah.
Visto lo spessore di Ringo Starr ed essendo di fatto McCartney il custode dell'eredità artistica beatlesiana, non potendo, quindi, essere smentito da Lennon e Harrison, qualche dubbio mi è venuto in mente.

Non raccontiamoci le favole. Siamo dinnanzi all'ennesima operazione di marketing.

Che poi il disco presenti più di un motivo di interesse è un altro discorso.
In effetti è differente dall'originale. Oltre il restyling che ha ripulito il suono, infatti, è stata modificata la scaletta, sia nell'ordine dei brani, che escludendo "Dig It" e "Maggie Mae" e introducendo "Don't Let Me Down".
Il disco, inoltre, presenta alcuni dialoghi dei Beatles in sala di registrazione. Il tutto viene completato da foto e materiali inediti, presenti all'interno di un bonus cd, che potrà soddisfare i feticismi più variegati, across the universe.
Ma tutto ciò non giustifica un'operazione che appare tutto sommato inutile per comprendere la storia musicale dei baronetti di sua maestà.

Già la storia. Una parola chiave importante.
"Se nel 1969 avessimo avuto la tecnologia di adesso, saremmo riusciti a pubblicare 'Let It Be' come volevamo" ha dichiarato McCartney. Si sa che la storia non concorda con i periodi ipotetici dell'irrealtà. Andò diversamente.
Sui Beatles, su quello che hanno rappresentato, sulla loro storia, dice molto di più Let It Be dressed, che naked.

Se proprio non potete farne a meno, non compratelo. Magari la Emi impara qualcosa. Quanto al voto sul disco non può che essere cinque, perchè comunque sono delle canzoni immortali.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su CentoQuaranta

TheSilentMan
TheSilentMan
Opera:
Recensione:
Grandissima recensione...scritta eccellentemente..bei ragionamenti..ci sai fare..bravo!


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Terroni di merda acchiappatevi le vostre terrone infibulatele la figa
cosi nn siete + gelosi... mentalità di merda.
AntiterroniGroup


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
Ho letto e riletto queste parole, che non avevo mai visto prima su queste pagine, provando di volta in volta un miscuglio di sentimenti: sdegno, disorientamento, indignazione, rabbia e incredulità. Ho cercato l’ironia in me, ma non l’ho trovata. L’immagine dell’infibulazione è così orribile che svuota il cuore di ogni sorriso. Quindi, in questo tourbillon di sentimenti ha prevalso l’amarezza, non lasciando spazio ad altri pensieri. Non ho nient’altro da aggiungere.


fosca
fosca
Opera:
Recensione:
Mi associo, pienamente: E come Donna, aggiungo VAIALDIAVOLO povero deficiente, nel senso del DEFICERE...


humax4
humax4
Opera:
Recensione:
antiterroni.....fuck u on your own boyyyyyyyy!!!! se una cosa abominevole un rifiuto della società.....eclissati e poi ammazzati con una bella corda.....GRANDE HALLLLL dove seiiiiiiiiiiii


egebamyasi
egebamyasi
Opera:
Recensione:
sapete una cosa? io sono di del sud,però ricordate, anche se espresse in maniera tremenda e disgustosa le parole dell'antiterrone esprimono una piccola verità.


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
Le mie vacanze sono appena terminate egem e devo dire che la cosa non mi ha messo di buon umore, leggere il tuo commento poi non mi aiuta a sorridere ... scusa il francesismo, ma che cazzo dici. Non intendo soffermarmi ancora su quelle parole, ma mi chiedo dove sia la piccola verità che vedi. Nel luogo comune? Nella volgarità? Nell'odio? Nell'indecenza? Nella stupidità? Io non ci vedo nessuna verità in quelle parole, nè piccola, nè grande. Vedo dietro quelle parole solo una mente piccola, che non ha molto da dire, forse solo perchè non ne è in grado. Mah ... buonanotte a tutti, vado a godermi quest'assemblea di stelle e un po' di silenzio.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
tra i commenti ne ho letto uno che senza tanti discorsi ha chiarito la situazione!andatevi immediatamente a itare il sito scaruffi.com!av una leggera dazione!


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
repliche? bah ... inutile. Abbiamo già dato ...


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
HA RAGIONE ANTITERRONI MA SONO TROPPO FALSI X AMMETTERLO CHE è LA PURA VERITà QUINDI CI GIRANO INTORNO CON DISCORSI DA COMARI TIPO..."CHE SDEGNO","è 1 PAZZO","CHE ROBE ASSURDE" ECC.. FUORI LA VERITà! (BELLA L'IDEA DI CHIUDERLE LA FIGA AHAHAH)


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
davvero triste constatare la miseria dell'animo di alcuni.


benzo24
benzo24
Opera:
Recensione:
Arrivo tardi su questa recensione e devo dire che se solitamente le tue recensioni sono un esempio di visione obbiettiva della musica, sono eleganti ed evocative questa per contro è tutto il contrario. Questa è veramente di cattivo gusto!


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
Hai ragione su una cosa e torto su un'altra. Infatti hai perfettamente colto nel segno sul tono a tratti becero - non proprio oxfordiano appunto- della recensione. Giusto anche che possa non piacerti. Ma sai la recensione per me deve un po' assomigliare al disco, a come lo si percepisce ed in questo caso siamo - per me - davanti ad un'operazione becera e di cattivo gusto e come tale mi sono sentito di trattarla. Continuo a pensare che questa sia una mera operazione commerciale e che comunque abbia più significato Let it be vestito che nudo. Tu hai un'altra opinione, non la condivido ma la rispetto. Invece hai torto nel parlare di una mia "visione obiettiva della musica" perchè penso per quel che mi riguarda l'esatto contrario :) ciao.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
VAI ANTITERRONIIIIIIII 6 1 GRANDEEEEEEEEE
INFIBULIAMOLE TUTTE TANTO HANNO LA FIGA SLARGATA E PIENA DI RICOTTA


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Come dicevo? Ah sì... veramente triste eccetera eccetera


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Alphapapa
Alphapapa
Opera:
Recensione:
alve.

Son capitato qui per caso...seguivo un altro link....
Ma da fan/collezionista dei Beatles non posso non dire la mia, visto che da settimane sto appunto ascoltanto gli album Let it Be/Let it be Naked/Get Back.
(Credeziali del sottoscritto: oltre a tutti i CD acquistabili (!) la mia follia arriva ad una foto autografata da tutti e quattro i Fab...il mio personale Graal..)

Let it be e Let it Be Naked gia li conoscete...
Get Back e' l'album mai pubblicato, registrato prima di Abbey Road.
L'idea era 'Get Back', tornare indietro: niente piu sovraincisioni, album in presa diretta, tanto che Billy Preston fu chiamato come tastierista.
La presa diretta fu effettuata in studio e nel famoso concerto sul tetto.
Dietro la consolles c'erano George Martin e Glyn Johns, chiamato inizialmente come tecnico del suono.
A girare i nastri (!) un certo Alan Parsons...
L'unica canzone in cui effettuarono sovraincisioni fu per Let it Be, in cui era stato aggiunto un assolo di chitarra nella parte centrale.
Per rendere piu' 'Live!' l'esperienza erano stati aggiunti prime e dopo le canzoni, piccoli dialoghi o errori registrati in studio accidentalmente.
Tra questi, John, che al termine dell'ultima canzone suonata sul Tetto( cioe' Get Back) dice "I'd like to say 'thank you' on behalf of the group and ourselves and I hope we passed the audition"....l'ultima volta che i Beatles si esibirono in pubblico....


Alphapapa
Alphapapa
Opera:
Recensione:
Contrasti tra i 4 Fab, e un graduale allontanamento dal progetto di George Martin, fece si che tutti i master dei nastri fossero affidati a Glyn Johns, per farne un album.
L'interesse dei Beatles al progetto in questa fase fu quasi zero...solo Harrison ascolto' Mercoledi 28 maggio 1969 il risultato finito.
La foto di copertina dell'album era quella dei Fab nella stessa posa del loro primo album Plese Please Me, affacciati alla stessa scala. (..come dire 'get back' alle origini...)(Le due foto furono poi usate per le compilation Beatles 1963-1966 e 1967/1970)
Anche la frase scritta sotto il titolo richiamava Please Please Me: "With Let it Be and 11 other songs".
Ma quando gli altri 3 rientrarono, bocciaro il risultato ottenuto, accantonando il progetto definitivamente, per concentrarsi invece nel loro 'ultimo' album: Abbey Road, pubblicato il 26 Settembre 1969 (...Glyn Johns in realta' fece anche un infruttuoso secondo tentativo di confezionare Get Back...bocciato.)

Ora..dal 28 maggio 1969 bisogna saltare al 23 marzo 1970....niente piu' Martin o Glyn; dietro la consolles solo Phil Spector.
Nessun Beatles* in studio, ormai al collasso, solo Spector a riprendere i materiali 'inediti' di Get Back ed a farne un album.
Let it Be fu pubblicato l'8/ maggio 1970.
(*Unica eccezione: il 1 Aprile 1969 Ringo risuono la batteria assieme all'orchestra chiamata da Spector...)
Tutte le aggiunte o le modifiche apportate da Spector furono una decisione esclusivamente presa da Spector.
Tra queste, cambio di scaletta, mixaggi diversi, sovraincisioni, il suo 'Wall of Sound' con l'aggiunta massiccia di eco.....ma soprattutto l'aggiunta dell'orchestra di ben 50 musicisti.


Alphapapa
Alphapapa
Opera:
Recensione:
ra....un fan dei Beatles, un vero fan, non puo che storcere il naso davanti ad un 'Let it Be' cosi' 'artificialmente' confezionato.
Per questo che un Let it Be 'Naked', senza gli interventi di Spector, ha qualche senso.
Io fortunatamente ho tutti e tre.
O megli...acquistai a Napoli 'Get Back' su cd nel 1994 circa (....hem..non EMI...)
Ahime lo persi.
Grazie ad internet ne ho ritrovato una copia...anche se non ho controllato la perfetta corrispondenza tra questa copia e l'originale Get Back (..data delle Takes, corispondenza dei dialoghi inseriti) cosa che mi ero ripromesso di fare in questi giorni.
Ad occhio si tratta proprio di Get Back.

Ora..acquistato quando usci il Naked fu da me subito accantonato.
Speravo fosse 'Get Back' ufficiale....ed invece e' una terza variante degli stessi Master, sicuramente piu' simile a Get Back che a Let it Be.
Rimasi in particolare deluso per l'eliminazione di buona parte degli stacchetti dei dialoghi/errori, che gia si erano ridotti al passaggio da Get Back a Let it Be.
Ora..da una settimana ho ripreso ad ascoltarlo per vedere se cambio idea...

Il messaggio finale e': se amate i Bealtes ma non siete cosi' folli da aver letto piu' volte "Otto anni ad Abbey Road" di Mark Lewisohn ed il gia citato "The Beatles - L'Opera Completa" scritta da Ian McDonald, non comperate "Let it Be Naked".
Se siete dei folli, ma non avete 'Get Back', allora Naked puo' essere interessante.
Spero di avervi annoiato abbastanza....


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
W IL CAZZO O LA NERKHIA COME SALLUDEIO MINHIJUBU SARRADO SARRò LO SADDU SA KIURLO.


samulo
samulo
Opera:
Recensione:
gente, aprite gli occhi....senza questi 4 tizi la musica oggi sarebbe diversa da come la conosciamo...


calvin
calvin
Opera:
Recensione:
Ragazzi,ho letto solo ora i numerosi commenti alla recensione..ma non è fondamentalmente su questa che voglio soffermarmi!ho letto di cose vere, belle, sentite e "libere"..ed ho letto di cose inutili, tristi, "pretenziose" ma allo stesso tempo senza alcun fondamento alla base; ed è su queste che voglio soffermarmi: commentare ed avere pareri diversi è la cosa più bella del mondo, ma il mondo sarebbe più bello se si facesse con un pò di coscienza!Dalla "tuttologia" (come è stata definita) di Scaruffi, alle analogie Beatles=Thake That, agli Antiterroni, alle bassezze di Osvald e via dicendo...pura consapevolezza di ignoranza storica e sociale (e musicale)!P.S. Bravo Hal Si può anche non condividere tutto tutto del tuo parere ma è comunque espresso in maniera soggettiva ed argomentata!


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
thx calvin, comunque con osvald in seguito abbiamo fatto amicizia :) grazie del contributo Alphapapa l'ho letto solo ora. Bye bye


Miki Page
Miki Page
Opera:
Recensione:
Bella rece. Il disco invece fa un po' pietà. Se lo potevano risparmiare.


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Commenti iniziati nel 2003 e siamo nel 2006..mah,siete ancora vivi?Facciamo una versione naked.


Steven92
Steven92
Opera:
Recensione:
giudizio troppo alto per un disco decisamente non riuscito ( soprattutto essendo dei grandi BEATLES )


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
Beh se leggi solo il voto... comunque mi fa piacere tornare su questa pagina perché è riuscita a far incazzare tanto i fan dei beatles, quanto i loro detrattori più accaniti, a conti fatti è possibile dire che non era facile :)


sacca
sacca
Opera:
Recensione:
Disco inutile. Condivido la recensione.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Let It Be... Naked è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link