The Black Keys
"Let's Rock"

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Mi dispiace parlare male di qualcosa in cui qualcuno crede, in cui qualcuno ha speso tempo, soldi ed energia. I Black Keys hanno pubblicato a giugno 2019 il loro nono album, dopo 5 anni di silenzio dal precedente “Turn Blue”.

Il duo formato da Daniel Auerbatch (voce e chitarra) e Patrick Carney (batteria) è passato da un blues rurale, con il pregevole “Rubber Factory” (2004) al campione di vendite con più di 1,5 milioni di copie di “El camino” (2011) contenente hit irresistibili, “Lonely boy” su tutte, al nulla di oggi.

E' brava ma non si impegna è stata la frase che i miei genitori hanno ascoltato di più nei colloqui con i miei professori, per il duo di Achron è lo stesso. Sono bravi, si sono impegnati poco negli ultimi dischi, sopperendo con classe, idee e molta furbizia... Ma qui manca tutto. Non c'è il cuore nè l'anima, in Let's rock ci sono poche idee, riff banali e stantii, nessun hit potenziale, ma solo tanta, tanta, taaaanta taaaaaaanta noia.

E' musica che va bene come sottofondo ed a basso volume, in quelle feste pallose ed eleganti, col drink in mano a parlare di nulla, nessuna emozione ed il ricordo della serata svanisce in fretta, tranne il dolore ai piedi...

Bella la copertina ed il titolo, che, sembra, sia la frase pronunciata prima di morire da un condannato a morte del Tennessee (tale Edmund Zagorski) sulla sedia elettrica.

Voi comprereste un cd solo per la copertina?

Questa DeRecensione di "Let's Rock" è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-black-keys/lets-rock/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Venti)

IlConte
Opera: | Recensione: |
Trickfreakness, Rubber Factory e El Camino favolosi e pure gli altri si ascoltavano volentieri... ma il loro era un sound garage-blues sporchissimo che se diventa più carino fa cagare perché perde la sua anima, la sua essenza vitale...
Era scritto
BËL (00)
BRÜ (00)

algol
Opera: | Recensione: |
La copertina ritrae il luogo più adatto per ascoltarlo.
BËL (02)
BRÜ (00)

algol: Ho sentito un paio di pezzi ed ho notato una plastificazione triste.
algol
Opera: | Recensione: |
D'accordo su tutto. Tranne che la copertina ... fa cagare pure quella.
BËL (05)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahahah
Taddi: hai ragione... Non si salva nulla!
Chainsaw
Opera: | Recensione: |
Già con Brothers avevano iniziato a essere troppo gagà per i miei gusti, questo probabilmente non me lo ascolterò nemmeno per curiosità. Dalla copertina mi aspetterei un disco psychobilly o giù di lì
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahahah troppo gagà è meraviglioso
Chainsaw: Mi conosci, a me piace la roba anni sessanta/settanta genuina
o l'indie zozzo o la roba che gratta un po'
amarolukano
Opera: | Recensione: |
Una buona promessa (buona ripeto, sempre ripetizioni palesi di roba 70's trita e ritrita ma pur interessante nel desolante panorama musicale "Rock" odierno) non mantenuta, e alla lunga la scarsa originalità e la ripetitività nel sound come sempre trionfano.
BËL (00)
BRÜ (00)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
A me non me ne fregava nulla neppure delle Vecchie Chiavi, penzi un po'.
Io sono uno moderno.

Si sà.

BËL (00)
BRÜ (00)

joe strummer
Opera: | Recensione: |
Un po' mi dispiace perché un paio di loro canzoni mi piacevano. Però bisogna anche dire che in passato sono stati elogiati oltremodo da gente e critica nostalgica
BËL (00)
BRÜ (00)

IlConte: Cosa hai da dire contro i nostalgici ... ti spacco io culo eh
Ahahahahahahah

Dai per coloro a cui piace il garage blues tirato erano ottimi... ultimamente la svogliatezza e la purtroppo ovvia nel tempo mancanza di energia lascia il segno purtroppo oltre a questa svolta pop-soul moscia in molti pezzi...

Però se ti ascolti i tre album che cito sopra sono veramente di livello
Flame
Opera: | Recensione: |
i tempi di Trickfreakness non torneranno più me sa. Il singolo a me è piaciucchiato, la batteria soprattutto, non ricordo il titolo. Meglio dello scopiazzamento dei pink floyd di Turn Blue. La puzza di plastica al nono album mi sa che è inevitabile. Mostri un buon giudizio critico
BËL (00)
BRÜ (00)

Flame: tHickfreakness ...
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
il rock ha venduto l'anima al rock .
era periodo di saldi, è ancora periodo
BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA: al diavolo , volevo dire
MoodyFrazier
Opera: | Recensione: |
Mai sopportati. Sempre trovati sciatti, insipidi e generici. Di questo disco si salva giusto la copertina, come giustamente dici tu. Sembra la copertina di un gruppo metal anni 70, cosa che tra l'altro loro non sono.
BËL (00)
BRÜ (00)

IlConte: Te li confondi con gli altri... ti è già successo ...
IlConte: Sciatti loro fino a pochi anni fa è impossibile, non sono gli White Stripes (che poi pure quelli sciatti, mah)

Diciamo allora che non ti piace il blues garage ...
IlConte: Ti ho rotto abbastanza i maroni ?!
Ahahahahahahah
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
io non sono d'accordo... i bk sono in formissima in questo album, bastano eagle birds e get yourself together secondo me a ricordare i fasti del passato. Se poi prendiamo la voce di Dan che suona parecchio pulita beh è un discorso diverso però non lo trovo un disco da 1
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Allora lo ascolto...
Taddi: conte, hai ascoltato? Commenti?
IlConte: Ciao Fanciulla, si ascoltato anche se molto alla veloce. Il disco per chi amava il loro sound grezzo e riffato a manetta non può piacere... a parte tre pezzi di discreto tiro il resto è un pop che vorrebbe essere persino raffinato... non fa per me. Intendiamoci non fa schifo ma è un dischetto da 2,5 per stare ai voti (il tuo 1 ho capito che è un raffronto con altri loro dischi estremizzato e ci sta). Il colmo è che ho letto un paio di robe dove “sarebbero tornati ai suoni del passato”... boh non so cosa ascoltano.
Il Nobile Rinaldi apprezza più di me suoni più morbidi e pop ed è “giusto” che a lui sia maggiormente piaciuto. Insomma sono altri Black Keys, non fanno schifo ma sono un’altra band.
Leosfi99
Opera: | Recensione: |
Effettivamente dischetto sottotono per i BK.Per me e'banale persino il titolo da compliation economica anni '80..bah!
BËL (00)
BRÜ (00)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Lho fatto girare una volta e non mi sembra così penoso.
Lo ascolto meglio e poi ritorno.
BËL (00)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Io sto aspettando il responso del segundo ascolto da ben 18 ore.
Ma quanto dura stò disco?
Falloppio: Ho fatto 2 performance live.... adesso sono dall'osteopata !!!! ah ah ah
sfascia carrozze: Cambi genere: il folkapocaliptic-grind-industrial è la nuova frontiera!
UH!
musicanidi
Opera: | Recensione: |
Una festa col drink in mano non è mai pallosa. Loro sì, da almeno 10 anni. Tu no.
BËL (00)
BRÜ (00)

Taddi: Non ho capito se è un complimento o meno ...
musicanidi: Beh, se qualcuno mi dice che non sono palloso, io lo prendo come un complimento!
Taddi: :-)
llawyer
Opera: | Recensione: |
Deliziosa osservazione tutta femminile sul dolore ai piedi da sandali stile sex and the city.


BËL (03)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: I sandali stile sex and the city sono stati abrogati da mò dalla Commissione di Ginevra.
Si aggiorni, perdincinbacco.
IlConte: Massaggiatore Nobili piedini offresi (nobili eh!!!)
sfascia carrozze: Da quanti giorni posso tenere essi nelle calze sudate, prima?
IlConte: Ah non so, io parlavo con le fanciulle... ci manca solo che Le massaggi i piedi... chiami il papa che lo fa di mestiere!
sfascia carrozze: Cioé vorrebbe dirmi che preferirebbe i piedoni (sicuramente) gigantoni della @[llawyer] ai miei micropiedini appena abbozzati numero 35?
Mah!
IlConte: Direi di si... cosi anche a Naso!
sfascia carrozze: Ah, è così?
Poi non si lamenti se domani mattina non riuscirà (più) ad accedere al DeBasio.
IlConte: Ahahahahahahah mi sfogo fino alle 23 virgola/punto 59. Ma poi faccio ricorso scritto a @[G] (con lauto bonifico immediato ovcors)
sfascia carrozze: Senta il bonifico lo facci ammè alle 23.58.
Così Le posso garantire per la modica somma di £ 143.540 una prolungata pèrmanenza.
Eh.
IlConte: Non mi fido più, l’ultimo di 101.599 a G non è mai arrivato (così disse Lui)
algol: Come dice Enzo Miccio non esiste la parola "comodo" se si vuole esser glamour
algol: Anche se son sicuro che saresti glamorousamente chic anche in pigiama und pantofoloni
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Non fa cagare, anzi, è carino. Certo, non si capisce perchè l'hanno chiamato "Roccheggiamo" e abbiano messo una sedia elettrica in copertina, quando è un disco adatto a fare talee di fiori nella veranda della Serra di Nonna.

L'avessero chiamato "Enjoy Gardening with Grandpa" e avessero messo mio padre a petto nudo col cappellino John Deer, i guanti Gardena e le Cesoie Gruntek, laggente avrebbe saputo cosa aspettarsi e avrebbe apprezzato.

Al massimo li si può incolpare di pubblicità ingannevole, quello sì.
BËL (01)
BRÜ (00)

Taddi: ... la copertina rappresenta, ovviamente, una sedia elettrica. Il titolo è la frase pronunciata prima di morire da un condannato a morte del Tennessee (tale Edmund Zagorski), appunto sulla sedia elettrica. vedi qui Tennessee killer Edmund Zagorski says ‘let’s rock’ before execution by electric chair – the state’s first since 2007 | South China Morning Post
bonny99
Opera: | Recensione: |
Le canzoni sono (quasi) tutte ok, ma non c'è nulla che risalti veramente. Non si può dire che sia un ascolto particolarmente impegnativo.
5/10
BËL (00)
BRÜ (00)

Taddi: Scusa, ma sono nuova, le stelline sono 1 insufficiente, 2 sufficiente, 3 buono, 4 ottimo 5 capolavoro?
Pinhead
Opera: | Recensione: |
A me non è sembrato una schifezza, solo un disco senza infamia e senza lode, cosa che ai Black Keys, in considerazione dei bellissimi tempi andati, non faccio fatica a perdonare. Forse è solo che Dan Auerbach ha troppe altre "distrazioni" per la testa.
Alla domanda in chiusura, rispondo che di dischi ne ho comprati un bel po', invogliato dalla copertina, e spesso mi è andata bene.
BËL (00)
BRÜ (00)

Carlos
Opera: | Recensione: |
"Una festa col drink in mano non è mai pallosa."
Da Scolpire Nella Pietra.
BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio
Opera: | Recensione: |
all'ultima domanda mi vien naturale da rispoder così, se la copertina è come quella che ha messo Fidelio Rede Rocca nel suo libro "VVV - Voce del Verbo Venire" (vedi recente recenzia di Breus) why not...

questo album non lo conosco ma loro mi garbano assai e niente...

p.s. una festa pallosa non dovrebbe chiamarsi "festa" altrimenti è un ossimoro
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: