Sto caricando...

The Brian Jonestown Massacre
Who Killed Sgt. Pepper?

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Una volta tanto, avevo visto giusto. Un paio di anni orsono, recensendo "My Bloody Underground" notavo come apparisse il loro lavoro definitivo, la summa di quindici anni di lavoro sulla psichedelia. Ed infatti, ora, con questo nuovo "Who Killed Sgt. Pepper?", The Brian Jonestown Massacre ripartono verso nuovi lidi.

Il titolo è quanto mai indicativo. Tra gli autori dell'omicidio di uno degli album psichedelici per antonomasia, BJM propongono loro stessi, è evidente. Perdonate la presunzione di Anton Newcombe, conoscete la sua follia.

La fuga, dopo il delitto, ha portato il nostro eroe in Europa, in Islanda ed a Berlino. Ha recuperato il suo vecchio chitarrista, Matt Hollywood, ha affidato il basso al leggendario Will Carruthers degli Spacemen 3 (scusate la digressione, questa la cito dal web, ma quando gli inglesi definiscono "legend" qualcuno, mi fa impazzire), e per il cantato ha pescato qua e là.

Su quali spiagge è atterrato?

Sembra abbastanza incredibile a dirsi, ma su sabbie molto "baggy". C'è un andamento quasi dance che mi pare sia il filo conduttore di tutto il disco. Intendiamoci, nulla a che vedere con bpm molto alti o elettronica da rave. No, recuperare l'idea di "movimento" che nacque a "Madchester" ormai vent'anni fa, perfezionata poi da gente come Primal Scream e Chemical Brothers, e condirla di mantra e "visioni". Lo sviluppo "lazy" dell'opener "Tempo 116.7" o di "Let's Go Fucking Mental" non vi ricorda i migliori Happy Mondays? Le chitarrine acustiche di "This is The First..." (tra parentesi, che pezzo fantastico!) non sono le stesse di "Kinky Afro"? "The One" non starebbe benissimo su "XTRMNTR" di Bobby Gillespie e soci? Ed ascoltando "Feel It", il mio primo pensiero è andato al sontuoso remix che ne caverebbero i Fratelli Chimici.

Non vorrei che pensaste che questo sia un disco troppo derivativo. BJM, con la bulimia che li contraddistingue, frullano tutte le loro abilità e conoscenze. Ci sono i soliti raga, le solite latenze acide, le voci che provengono dall'iperspazio, e tutto quello che me li ha fatti amare in questi anni. C'è persino un chiaro omaggio ai Joy Division in "This is The One Thing...".

Nel consueto calderone caleidoscopico, vi sono anche un paio di cosette che avrebbero potuto risparmiarci, tipo i dieci minuti della conclusiva "Felt Tipped-Pen Pictures of UFO'S", una lunga chiacchierata sui Beatles su base soporifera, o l'ipotesi di dance balcanica di "Dekta! Dekta! Dekta!".

Ma li perdoniamo senza remora: avercene di gruppi e dischi così, in questi periodi magri.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiNove)

Dopesmoker
Dopesmoker
Opera:
Recensione:
Azz(o), le ultime tre in home mi hanno ravvivato un pò la giornata. Questo giace sul desktop da settimane, ancora devo trovare il tempo di ascoltarlo, ma da estimatore di Newcombe penso gradirò.


kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera:
Recensione:
d'accordissimo su tutto, anche su Dekta! Dekta! Dekta! che skippo immancabilmente. Per me già uno dei dischi dell'anno, roba che mi strizza il cuore (e mi fa sentire meravigliosamente up, una manna in questi periodi down).


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Mi sa che mi sono preso un brutto virus stomaco-intestinale. Probabilmente dopo questo commento dovrò fiondarmi ad abbracciare il cesso Mi sa che ci si becca domani. Bravo Azzo. E bel dischetto!


Purpulan
Purpulan
Opera:
Recensione:
Le loro produzioni antique non m'hanno mai troppo esaltato, stante il fatto che erano effettivamente ottimi vaticini delle freakerie weird tanto "en vogue" negli ultimi anni. Con "My Bloody Underground" ho rivalutato non poco le qualità di scrittura di Newcombe, ma quest ultimo album mi pare non aggiunga troppo a quanto espresso ottimamente nel precedente. Temo anzi che, finito il gusto per la ricerca delle citazioni "strambe" ed "eterodosse" disseminate con perizia, l'amalgama, complessivamente meno vario, me lo farà scendere in fretta. Ad ogni modo, d'ora in avanti, avrò comunque un'alternativa più che valida all'ascolto di "She's Lost Control" ; ) (3,5).


geb
geb
Opera:
Recensione:
Questi me li ricordo parecchio drogati. Se qui sono influenzati dal "Madchester sound" mi ci drogo anch'io.


Dott. Fottermeier
Dott. Fottermeier Divèrs
Opera:
Recensione:
Adoro (quasi) ogni cosa abbia partorito la mente malata di Anton Newcombe negli ultimi 16 anni. Questo si attesta più o meno sugli stessi livelli del precedente "My Bloody...", livelli molto alti quindi. Chi va a vederseli a Bologna il 1 maggio???


Purpulan
Purpulan
Opera:
Recensione:
...E pure di "I Remember Nothing"...


cappio al pollo
cappio al pollo
Opera:
Recensione:
Ma è uscito già? Non ci voleva fine febbraio? Siete degli avvoltoi.


Core-a-core
Core-a-core
Opera:
Recensione:
Ho letto belle recnsioni stasera. Questa ne è testimonianza. Aboliamo la parola caleidoscopio e derivate su debaser. Si legge troppo. Però benissimo. Il disco proverò ad ascoltarlo.


sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Interessante, ma dalla tua descrizione davvero troppo psichedelico e dissacratorio (vedi copertina) per me, io mi fermo alle Labbra Fiammeggianti...


JimMorrison
JimMorrison Divèrs
Opera:
Recensione:
Voto al cesto di Sfascia.


Dott. Fottermeier
Dott. Fottermeier Divèrs
Opera:
Recensione:
Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...Let's Go Fucking Mental...


giola
giola
Opera:
Recensione:
Mi piacciono, mi piacciono, My Bloody specialmente.... avevo pure letto la tua rece. Questo l'ho ascoltato solo una volta, impossibile giudicarlo.


GrantNicholas
GrantNicholas
Opera:
Recensione:
Li ADORO. Ennesimo grande album.


psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
pensavo di farla ma mi è passata l'ispirazione...e mi si è anche ammosciato il disco nel mentre. Forse perchè mi piace veramente solo in pochi frangenti, quelli + psicotici, quando sgamo i richiami alla roba "baggy" (scusate ma per me invecchiata non male de più!), mi cadono un po' le palle. Provo a rimetterlo su fra un po'.


Oo° Terry °oO
Oo° Terry °oO
Opera:
Recensione:
azzo
azzo
Opera:
Recensione:
Buongiorno. Ringrazio tutti per essere passati, as usual, un grazie in particolare a @Psycho per la cortesia di avermi segnalato l'uscita del disco, che altrimenti me ne sarei accorto quest'estate. Sì@ Cappio, esce la settimana prox in materia, ma è una discussione ormai affrontata già varie volte e si è deciso di non aspettare più le uscite ufficiali. Anche perchè avevo notato che DeB era ormai l'ultimo sito a non avere la rece, e mi sta sulle balle quando siamo gli ultimi, e avevo capito che Psycho non ne aveva voglia:-).@ Zaireeka, almeno un paio di ascoltini provali, non sono mica ostici!


zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
OK, lo farò, ma proprio perchè sei tu!!


rupertsciamenna
rupertsciamenna
Opera:
Recensione:
me gusta mucho


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
questi mi mancano! bella vecchio


blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera:
Recensione:
CESTO CESTO, ma la gente non ha niente di meglio da fare? Blech Di questi me ne ha parlato diverse volte Bartoldo, vado a cercarli insensatamente.


fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
Bella Boss per il "meglio disco di inizio 2010". Primal Scream a manetta; molto post-punk con quel pezzo scippato ai Division; ottimo come colonna sonora di ritorno a casa da una seratina alcolica; Berlino. Ad avercene.


ProgRock
ProgRock
Opera:
Recensione:
Mi era sfuggita la recensione di questo disco, sorprendente direi a livello compositivo, dopo quello dei miei adorati Silver Mt.Zion non avevo ascoltato niente di nuovo negli ultimi mesi, è arrivato questo per fortuna.


SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
Ottima recensione per un piu che ottimo album, un pelino inferiore forse a My Bloody Underground, che considero quasi un capolavoro.


Pitchpork
Pitchpork
Opera:
Recensione:
Il miglior album dei BJM. Uno dei migliori album di derivazione industriale degli anni duemila.


fosca
fosca Divèrs
Opera:
Recensione:
Godibilissimo!


zaireeka: Prima o poi mi farò anche io una parete così..
fosca: Anni e anni di duro lavoro... e non sono finiti lì; tra poco per fargli posto andrò a dormire sul balcone!
Cornell
Cornell Evangelìsta
Opera:
Recensione:
"Who Killed Sgt. Pepper?".. Secondo me Valerio Rivoli..


ilfaraons
ilfaraons
Opera:
Recensione:
Un disco che non muore mai.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Who Killed Sgt. Pepper? è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link