The Clash
Sandinista!

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Sandinista!" dei Clash è sicuramente un album che ha generato (e credo continui a generare) opinioni contrastanti sia tra gli "addetti ai lavori" che fra i semplici fruitori di quella grande forma d'arte che è la musica; alcuni lo hanno visto come un capolavoro mancato, altri lo considerano un prodotto assolutamente inarrivabile, mentre c'è chi lo bolla come una grandissima "mattonata" pesante ed indigesta, però una cosa è certa: sicuramente non passa inosservato!

Riprendendo il riferimento all'arte credo che proprio quest'ultima categoria sia la chiave di volta per interpretare un lavoro come questo, infatti gli artisti, come è noto, sono volubili e hanno come padrone (almeno quelli più intransigenti) solo la loro innata voglia di creare, sperimentare e mettersi costantemente alla prova, perciò appare evidente come sia stato proprio il connubio di tali sentimenti a spingere Strummer & co. verso la creazione di un disco così imponente, a tratti stravagante ma assolutamente geniale ed imprevedibile.

Analizzare ogni traccia che compone "Sandinista!" non è possibile (o meglio, si potrebbe anche fare ma non so quanto possa essere utile o piacevole da leggere), però si può cercare di dare un'idea generale del mood che lo pervade. L'unica espressione linguistica che mi viene in mente per attuare tale analisi è questa: "libertà d'espressione"! Mi spiego meglio: all'interno dei due dischi (tre se avete la splendida versione in vinile) che formano l'opera in esame si può trovare una varietà di generi musicali impressionante, che va dal rap di "The Magnificent Seven", alla toccante malinconia di "Cornel Soul", al reggae di "One More Time", ecc, il tutto miscelato e condito dalla voglia del gruppo di trasferire sul piano musicale la loro ideologia cosmopolita.

Alcuni fan della prima era (quella dell'omonimo debutto per intenderci) hanno accusato la band di aver tradito il verbo del Punk, secondo me con quest'album l'attitudine sostanzialmente anarchica e ribelle del genere appena citato viene spinta all'ennesima potenza, dimostrando che se si vuole si possono rompere le sbarre di quella prigione nota come etichette o generi musicali e creare qualcosa di nuovo ed assolutamente onesto. In conclusione consiglio l'ascolto (e poi l'acquisto, che vi assicuro verrà di conseguenza) di quest'album a tutti coloro che vogliono qualcosa di fresco, sorprendente e mai banale.

Un saluto a tutti.

Questa DeRecensione di Sandinista! è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-clash/sandinista/recensione-chaosad

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Cinquanta commenti su CinquantaSei

geenoo
Opera: | Recensione: |
gnagnera
Opera: | Recensione: |
Dopo il capolavoro "London Calling" era difficile ripetersi, loro lo hanno fatto spostando la sperimentazione a livelli impensabili per un gruppo punk e aprendo la strada a vari generi diversi. Album ottimo e imprescidibile ma, come dice jurix, l'inizio del declino con il furbo combat rock (che ha alcuni pezzi buoni, ma la maggior parte sono decisamente sottotono e il fatto che saranno ricordati ai più per l'immonda "should i stay or should i go" mi fa girare parecchio le balle) e poi con la morchia inascoltabile di "cut the crap"... ma quest'album è un capolavoro assoluto della musica, con testi decisamente intelligenti e lontani dalla rabbia un pò "banalotta" (passatemi il termine) degli esordi, anch'io adoro Somebody got murdered e la meravigliosa Washington bullets (solo per citarne due)
BËL (00)
BRÜ (00)

madcat
Opera: | Recensione: |
Bravo, la rece è davvero ottima, io ho solo london calling, e già lì mischiavano parecchio, questo prima o poi lo ascolterò, concordo con il discorso che hai fatto di arte e artisti, sul concetto di eclettismo e libertà stilistica e penso che chi dice che i Clash abbiano "tradito" il punk con london calling e questo, semplicemente non abbia capito nulla del gruppo. Mi hai fatto venir voglia di ascoltarlo.
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
@GNANGERA: concordo con te, anche se il primo dei Clash è semplice, ma non lo definirei banale, anche per il periodo nel quale è uscito, avevano già qualcosa (molto) in più di molte band di fine anni '70. "Cut The Crap" per me è un discorso a parte, è un album che del Clash ha solo il nome, ma se qualcosa di buono c'è ("This Is England", "Do It Now") è rovinato dalle brutture di registrazione, dal periodo nel quale è uscito, dalla batteria elettronica, da Nick Sheppard e Vince White che insieme non fanno neanche mezzo Mick Jones. Sempre parlando di "Sandinista!" prima mi sono dimenticato di citare l'allucinante "Ivan Meetes G.I. Joe" cantata da Headon e la bellissima "Charlie Don't Surf".
BËL (00)
BRÜ (00)

sellami
Opera: | Recensione: |
Sottoscrivo Kosmogabri.
BËL (00)
BRÜ (00)

Franci!
Opera: | Recensione: |
<< loro lo hanno fatto spostando la sperimentazione a livelli impensabili per un gruppo punk >> Oggi è il giorno dei no? Ecco, NO. Non è questo il quid che rende i Clash unici, per me.
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
scusami ma estendo il no di kosmo ritenendola una recensione piuttosto inutile. Riguardo l'album non capisco come si può pretendere che un triplo sia perfetto, qua ci sono almeno una quindicina di pezzi che se fossero usciti in un album singolo sarebbe stato ritenuto uno dei migliori di tutti i tempi.@Jurix per amore di verità devo dire che Mikey Dread non è mai stato un tastierista forse ti confondi con Mickey Gallagher. E Junco Partner non è un pezzo dei 101'ers ma un traditional USA molto in voga alle parti di New Orleans, rifatto da gente del calibro di Dr John o il mitico Professor Longhair.
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
@SUPERSOUL: hai ragione, ho fatto casino coi Mickey. Gallagher è il tastierista, e Dread quello che ha collaborato per "Bankrobber" e "One More Time". Riguardo a "Junco Partner", non so sinceramente da dove abbia origine la canzone, ma sicuramente è un brano che suonavano i 101ers, la band di Strummer prima dei Clash.
BËL (00)
BRÜ (00)

mocampo
Opera: | Recensione: |
Che bello perdersi qua dentro...enciclopedico ed anticipatore. 4,5
BËL (00)
BRÜ (00)

ChaosA.D.
Opera: | Recensione: |
Supersoul rispetto la tua opinione circa l'inutilità della mia recensione (dico sul serio ed anzi mi aspettavi di peggio visto che sul sito "Sandinista!" è stato analizzato in maniera molto competente già altre due volte), quindi volevo dirti che per me tale album è perfetto perché dal primo ascolto mi ha preso subito (la spiegazione potrà sembrarti stupida, però è la verità; inutile che mi inventi intellettualismi privi di senso e realtà) e mi ha dato l'idea di libertà di cui ho parlato in fase di recensione; inoltre mi ha aiutato tanto (e continua a farlo) durante la mia vita di tutti i giorni, rilassandomi e facendomi star bene. Con questo spero essere stato esaustivo e comunque ribadisco rispetto la tua opinione e critica (come quella di Kosmogabri ovviamente). Ciao e buona giornata :-).
BËL (00)
BRÜ (02)

supersoul
Opera: | Recensione: |
@chaos...ma figurati, si vede che è un disco che ami molto in maniera personale, infatti citi un pezzo "minore" come "Corner Soul" che è un pò vaso di coccio in mezzo a giganti come Lightning Strikes, 'Ivan Meets G.I. Joe' ,'Somebody Got Murdered','The Call Up','Lose This Skin','Charlie Don't Surf'
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
Opera: | Recensione: |
@ jurix: si in effetti il primo dei clash più che "banalotto" è semplice.
@ franci: beh anche io non è per la sperimentazione che amo i clash, ma è indubbio che si siano saputi evolvere e modificare (partendo comunque da una base che c'era già fin dagli inizi basta pensare alla cover di police and thiefs) al contrario di quasi tutti i gruppi punk, che quando hanno continuato a suonare e a pubblicare album lo hanno fatto con livelli qualitativi quasi sempre discendenti
BËL (00)
BRÜ (00)

popoloitaliano
Opera: | Recensione: |
Mah..il verbo del punk l'avevano già tradito (e di brutto) con "London Calling". Non che me ne freghi qualcosa del resto: il mio vinile s'è disintegrato a furia di ascolti. "Sandinista" potrebbe essere considerato, a piacere, un ulteriore passo in avanti o una sbrodolata eccessiva. A me qualcosa piace: le canzoni di Jones, il dub, qualche riminiscenza punk ma non lo considero un capolavoro. Però dite che il must è il terzo disco, che fa figo!!
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Non ce n'era bisogno. In più non aggiunge nulla e quel nulla lo aggiunge pure "male"....
BËL (00)
BRÜ (00)

yan
yan
Opera: | Recensione: |
amo i clash e il loro primo disco del 77 è nella mia top ten di sempre ma musicalmente non li ho mai considerati punk. anarcoidi sì, con molte influenze. di questo disco mi piace la vena Funk.
BËL (00)
BRÜ (00)

brit
Opera: | Recensione: |
si i clash...roba piu recente no è?
BËL (00)
BRÜ (00)

blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera: | Recensione: |
Perdio, 1 ai Clash..:) Questo l'ho sempre trovato un po' troppo grosso per le mie orecchie, gli ho sempre preferito London Calling..Sempre di discone si tratta eh
BËL (00)
BRÜ (00)

Lupin
Opera: | Recensione: |
To the Hitsville in UK...ci cantava anche Margot nel coro sapevate? Comunque gran disco, e bella pagina di commenti seri. Poi è arrivato il pirla che messo 1-1 perchè i Clash non sono recenti...allora che facciamo signorino brit, aboliamo tutto il rock n'roll anni '60-'70, ma sì tanto... poi eliminiamo da Debaser pure la musica degli anni '80...facciamo anche quella dei '90? Dai inziamo dal 2000, che così magari ti tornano utili quei 10 dischi "recenti" che hai ascoltato nella tua vita...ma togliti il polistirolo dalle orecchie, vaà...
BËL (00)
BRÜ (00)

geb
geb
Opera: | Recensione: |
Bravo, bravo e ancora bravo. I Clash sono il ROCK. I più grandi di tutti. I loro album andrebbero distribuiti gratuitamente nelle scuole, dalle elementari in su. E sarebbe subito un mondo migliore. Ottima scelta. Mò mi hai fatto venire voglia di ascoltarlo, mi vado a sparare "The magnificent Seven" in cuffia. Alla faccia di Morgan e di quelle fetecchie di x factor
BËL (00)
BRÜ (00)

Brasileiro
Opera: | Recensione: |
Disco godibile
BËL (00)
BRÜ (00)

ChaosA.D.
Opera: | Recensione: |
Grazie Geb molto gentile :-)
BËL (00)
BRÜ (02)

telespallabob
Opera: | Recensione: |
Non è un disco perfetto, visto anche l'enormità dello stesso, però resta straordinario e forse irripetibile. E' punk? Non lo è? Mah, quando tocchi l'edizione originale non ti fai certo questa domanda!
BËL (00)
BRÜ (00)

currahee72
Opera: | Recensione: |
Opera ambiziosa e affascinante.Un melting pot di suoni che viaggiano da un genere all'altro.In questo disco innovativo c'è di tutto.Quest'opera è un atto di apertura mentale che ha una portata culturale enorme.inolter è pieno di canzoni splendide.Un disco coraggioso che ha allargato i confini del rock e non solo.Non scherziamo.Questo è un capolavoro!
BËL (00)
BRÜ (00)

Taxirider
Opera: | Recensione: |
Vado contro-tendenza: "Peronista" è l'unico disco dei Clash che non possiedo. L'ho ascoltato più di una volta ma proprio non m'ha preso! I clash , si sa, hanno dato il meglio di loro con i primi tre dischi e con l'epocale "Combat Rock". La recensione , comunque, è stata scritta complessivamente bene. Se vedemo!
BËL (00)
BRÜ (00)

GustavoTanz
Opera: | Recensione: |
D'accordo con Currahee.
BËL (00)
BRÜ (02)

Krishna
Opera: | Recensione: |
"Una volta in sala prove Joe prese un pezzo di calce e tirò una riga sul pavimento e disse: 'da questa parte ci sono i musicisti, dall'altra gli entertainer'. Io e Joe eravamo da una parte, Mick e Topper dall'altra. La mia attitudine e quella di Joe era 'Ok, ci sono un pò di note sbagliate, ma ci interessa veramente?'. Così quando Mick Jones lasciò il gruppo fu un grande cambiamento, perchè avevamo perso il musicista" (Paul Simonon)
BËL (00)
BRÜ (00)

Taxirider
Opera: | Recensione: |
"pèronista" sta per "sandinista!". Comunque la sostanza del discorso non cambia. Disco deboluccio.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alevox
Opera: | Recensione: |
Buona recensione, forse manca un pò di originalità, ma buona. Il disco non lo conosco ancora.
BËL (00)
BRÜ (00)

tiziocaio
Opera: | Recensione: |
Sono assolutamente d'accordo con ciò che scrivi. L'importanza di questo disco non sta tanto nelle composizioni, forse per quello "London Calling" è più indicato. Qui c'è la completa padronanza e l'intelligenza di un gruppo che, seppur con risultati alterni all'interno dell'opera, ha dato alla libertà espressiva una valvola di sfogo. I ragazzi sono cresciuti (e all'epoca non avevano ancora trent'anni!), già dal primo disco, con la cover di "police & Thieves" hanno dimostrato di non essere prigionieri di un genere e di seguire i dettami stilistici. Di pezzi punk della prima ora "Sandinista" ne contiene forse due "Police on my back" e (forse) "Somebody got murdered", ma "Broadway" trasuda eleganza che farebbe invidia a Joe Jackson e "One more time" è un reggae che sembra scritto ieri. Per capirne la portata di questo disco basta andare a vedere tutti gli attestati di stima e di ispirazione di altre band che si formeranno negli anni di varie estrazioni dai Mano Negra ai Massive Attack, dai nostrani Casinò Royale ai Les Negresses Vertes. Con questo disco i Clash hanno dato ossigeno a nuovi esperimenti musicali e hanno decretato il punk come scelta di vita e di espressione più che fenomeno da baraccone con spilli, creste, chiodi e Doc Martens.
BËL (00)
BRÜ (00)

auricolare
Opera: | Recensione: |
Si dice spesso che i Clash su “London Calling” volevano dimostrare di poter suonare di tutto e che su “Sandinista” SUONARONO di tutto. Per dimostrare come la musica punk potesse passare ma l'attitudine punk no. Si dice anche che se avessero eliminato qualche traccia e ridotto “Sandinista” ad un doppio si sarebbe gridato al miracolo come a “London Calling”. Tutto vero, per carità, ma all'epoca sia questo che il precedente vennero messi in vendita al prezzo imposto di 12.000 lire, quello di un album singolo, quindi... W i Clash, e W Sandinista! Ad avercene, oggi...
BËL (00)
BRÜ (00)

currahee72
Opera: | Recensione: |
Se si parla di contaminazioni in ambito musicale o di cross-over, per "Sandinista!" è il caso di scomodare il termine seminale.Riconosco che per alcuni,che trattano la materia Clash con asssoluta superficialità,questo album possa sembrare ostico ma la sua grandezza ed importanza è indiscutibile.
BËL (00)
BRÜ (00)

Erzacchiu
Opera: | Recensione: |
i Crash! Mio cuggino avevo il disco di essi, era belo ma non l'abiamo scoltato mai tutto perchè si inceppava il giradischi e bisognava dargli pedate perchè ripartiva. Ma na roba: perchè tuti che dicono che il disco è doppio andiritura triplo, me mi sembrava che sia stato normale, entrava dentro il giradischi come tuti quei altri. Non capisco...
BËL (00)
BRÜ (00)

woodstock
Opera: | Recensione: |
discone, in tutti i sensi.
BËL (00)
BRÜ (00)

Oo° Terry °oO
Opera: | Recensione: |
When Ivan meets G.I. Joe...
BËL (00)
BRÜ (00)

sellami
Opera: | Recensione: |
Ho sempre desiderato possedere l'edizione in vinile, pero'. Qualcuno sa dirmi se l'inserto "Armagideon Times no.3" e' presente anche nell'originale?

BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
perchè, è presente pure nelle ristampe? Le vignette (e il fumetto di Ivan meets G.I. Joe) di Steve Bell sono mitiche.
BËL (00)
BRÜ (00)

aries
Opera: | Recensione: |
Apprezzabile per il coraggio di non voler fare un "London Calling n. 2", (per quanto fin dall'esordio i Clash abbiano mostrato notevole eclettismo), ma discontinuo e un po' noioso nei risultati.
BËL (00)
BRÜ (00)

DELETERIORIVOLI
Opera: | Recensione: |
woodstock
Opera: | Recensione: |
Nella ristampa a 2 cd che ho comprato poco tempo fa c'è un mignifico "libretto" che libretto non è, sorta di cartina pieghevole con i testi delle canzoni e alcuni fumetti -- come quello di Ivan meets, perlappunto.
BËL (00)
BRÜ (00)

sellami
Opera: | Recensione: |
Si si sto parlando di quella cartina pieghevole, m'interessava sapere se nell'edizione originale (i tre vinili) e' pure presente, in un formato piu' grande (e immagino piu bello)?
BËL (00)
BRÜ (00)

jack daniel's
Opera: | Recensione: |
uh oh si parla di cartine, la cosa si fa più interessante
BËL (00)
BRÜ (00)

Lupin
Opera: | Recensione: |
Stradali?
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
certo che nel triplo vinile c'è l'inserto pieghevole in 3 pagine formato LP!
BËL (00)
BRÜ (00)

Lupin
Opera: | Recensione: |
E si piega come una cartina stradale giusto?
BËL (00)
BRÜ (00)

supersoul
Opera: | Recensione: |
Giusto ma nulla vieta di usarla nel senso interessante inteso da jack daniel's. Peccato per le vignette di Steve Bell, ma i Clash penso che sarebbero stati d'accordo...specialmente Topper Headon :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Hardrock92
Opera: | Recensione: |
il mio preferito dei clash...disco della madonna...
BËL (00)
BRÜ (00)

Cornell
Cornell Divèrs
Opera: | Recensione: |
Perchè ti è venuto proprio in mente "Sandinista!"?
BËL (00)
BRÜ (00)

ChaosA.D.
Opera: | Recensione: |
Perchè è un disco bellissimo Cornell, l'ho adorato appena ho avuto l'occasione di ascoltarlo. Tutto qui. Ciao e buona giornata.
BËL (00)
BRÜ (00)

carlo cimmino
carlo cimmino Divèrs
Opera: | Recensione: |
Alla lunga lo preferisco a London Calling. O forse no. Non lo so.
BËL (00)
BRÜ (00)

Emi
Emi
Opera: | Recensione: |
Sono d'accordo con te. Hai colto l'essenza di "Sandinista!" in pieno. Fresco, sorprendente, geniale, imprevedibile e mai banale sono le parole giuste per descrivere tale opera.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: