The Electric Flag
A Long Time Comin'

()

Voto:

Gli Electric Flag furono costruiti da Mike Bloomfield e Barry Goldberg nella primavera del 1967 con l'intento di creare una "All American Music Band", un gruppo nel cui stile fossero inclusi tutti i generi fondamentali della musica americana.

In estate il gruppo debuttò al "Monterey Pop Festival". In concerto il successo fu immediato: Electric Flag era una macchina poderosa in grado di destreggiarsi in differenti territori musicali mettendo in luce le varie personalità del gruppo. Fra i primi a notare il gruppo fu Peter Fonda, che li coinvolse nella colonna sonora di The Trip ("Il Serpente di Fuoco"), film di Roger Corman di cui fu protagonista.

Con il supporto di ottimi autori e di elevate doti tecniche individuali, gli Electric Flag realizzarono nel 1968 "A Long Tinme Comin' " una miscela di R&R, blues elettrico, R&B tipo Stax e pop/rock con divagazioni psichedeliche. Su tutto il cd spiccano la cover degli Howlin' Wolf "Killing Floor", "Groovin' is easy" e la bellissima "You don't realize". Presto il gruppo diventò orfano di Bloomfield, stressato dalle troppe incombenze e dal continuo conflitto con Buddy Miles, che tendeva a trasformare i concerti in show spettacolari poco graditi al chitarrista e non fu più lo stesso.

Questo album è una RIVELAZIONE e un GODIMENTO PER LE ORECCHIE. Buon ascolto......

 

Questa DeRecensione di A Long Time Comin' è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-electric-flag/a-long-time-comin/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera: | Recensione: |
Stop. Arriva martedi' Stop. Buona giornata Stop... le idee sono buone ma il telegrafo è superato da almeno un secolo...
BËL (00)
BRÜ (00)

Dr.Adder
Opera: | Recensione: |
Voto recensione 3,5 periodico...sarebbe stato 4 se fosse stata leggermente più esauriente, ovviamente secondo me.
Un fatto è certo, M.Bloomfield era un grande ma che dico grande, grandissimo...
Questo disco non l'ho mai sentito ma sono convinto che sia molto valido.
Ciao!
BËL (00)
BRÜ (00)

Opel
Opera: | Recensione: |
In download
BËL (00)
BRÜ (00)

Melissa
Opera: | Recensione: |
La classe di Bloomfield è indiscutibile, per me è stato il più importante chitarrista americano di blues dei periodo fine 60 e dei 70. Sottovalutato. Rcensione passabile.
BËL (00)
BRÜ (00)

Melissa
Opera: | Recensione: |
Esto hombre me gusta mucho. Sólo lo conozco de vista, es como un vino barato pero bueno. Alguien piensa igual a mi?
BËL (00)
BRÜ (00)

bender
Opera: | Recensione: |
uh-oh. E' copiata da wikipedia.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: