Sto caricando...

Folk Implosion
The New Folk Implosion

()

Voto:

Diciamolo chiaramente: Lou Barlow è un NERD. Ha la faccia da nerd, ha gli occhiali da nerd e fa musica da nerd. Ha cominciato e finito una cosa molto più grande di lui, mentre stava seduto sulla moquette della sua camerettetta, nel silenzio generale, a scrivere d'amori nemmeno lontanamente sfiorati che poi finivano regolarmente strangolati o da uno schifosissimo quattro piste (ad avercelo un quattro piste, di quelli belli... magari della Teac) o dalle sue mani.

Sarà passato un secolo, ma nemmeno le lenti a contatto riuscirebbero a rendere Lou un pò più sveglio. Soprattutto sembra proprio che non abbia alcuna voglia di cambiare ed è questo che The New Folk Implosion (del 2003) documenta.

Le solite canzoncine smielate da cameretta, il solito Ringo sopra Folk e sotto Rock con crema di Pop, ma chi se ne fotte?

Questo disco è proprio bello. A tratti ti culla, a tratti di scuote, partendo dai piedi per arrivare fino alla testa, passandoti da parte a parte. Sarà la stupenda voce di Lou e il suo basso (che finalmente diventa potabile, con un tono), sarà la chitarra di Immad Wasif (Alaska! e Yeah Yeah Yeahs), sarà la batteria di Russ Pollard (Sebadoh e Alaska!) che non spreca un colpo nemmeno a spararlo, sarà che siamo tutti un pò nerd, sarà che amo i cardigan e che il cielo è blu, ma a questo disco finisco sempre per sorridere come un qualsiasi personaggio di un qualsiasi film di Cameron Crowe.

Se si è almeno un pò romantici e sentimentalmente portati il disco va assaporato in un soleggiato pomeriggio primaverile che buca le foglie di un alberata strada provinciale. Buono se si guida, ottimo se si alza anche una leggera brezza, strepitoso se si ha una sigaretta a portata di mano, fondamentale se si ha sul viso, al posto degli occhiali, dei fari rubati ad una vecchia Regata e nel cuore qualche amore irraggiungibile.

Ultimi Trenta commenti su TrentaNove

mien_mo_man
mien_mo_man
Opera:
Recensione:
allora recensirai anche Emoh? un disco cui sono legatissimo. questo lo conosco poco, a sto punto è il caso d'approfondire. Marinetti direbbe che sei stato lllllanguido.


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
E questa? Ma allora lo vedi che sei bravo quando vuoi? Ma proprio tanto, anzi adesso la rileggo guarda. E magari m'ascolto pure il disco tze'.


Tobby
Tobby
Opera:
Recensione:
More info: solo per romanticoni!! :D


ecioso
ecioso
Opera:
Recensione:
vado a scovarlo....


maryg
maryg
Opera:
Recensione:
sempre rifiutata di ascoltarli perchè temevo non reggessero il confronto con i dischi dei sebadoh. comunque lo farò, anche se non sono molto romantica. bella rece, mi ha messa di buon umore!


MAH!
MAH!
Opera:
Recensione:
Ottima rece, un sollievo per giornate di nerd.


emanuele
emanuele
Opera:
Recensione:
ehhhh...alessio è na garanzia :)


Michoos What
Michoos What
Opera:
Recensione:
Le ultime righe sono da premio Oscar,bravo. Ne ho sentito parlare di questo Low Barlow sarà l'ora di cominciare a sentire qualcosa.


bjorky
bjorky Divèrs
Opera:
Recensione:
allora, fatemi capire, secondo un wikipedia un nerd è il classico intelligentone secchione sfigato nelle questioni sociali e sentimentali? quant nerd allora al liceo che avevo come compagni!! e quante merd anche.....


azzo
azzo
Opera:
Recensione:
Uè Bjorkina, ma il liceo l'hai fatto a Tubinga come l'università?:-). Ciao, come stai?


47
47
Opera:
Recensione:
vero, siamo tutti un po' nerd. gran rece


lukin
lukin
Opera:
Recensione:
Recensione ottima, brau. Conosco poco il disco, ma per quello che ho sentito dei Folk Implosion continuo a preferire i Sebadoh. Lo dissi da qualche altra parte qua su Debaser che a Lou Barlow voglio tanto bene. Qualcuno ha in mente una recensione per il suo disco solista Emoh?


bjorky
bjorky Divèrs
Opera:
Recensione:
wee azzo, no l'ho fatto alla scuola Radio Elettra...:-D


bjorky
bjorky Divèrs
Opera:
Recensione:
sto bene bene, grazie.


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
non li conosco, ma il loro nome è fighissimo, farà il verso alla Jon Spencer Blues Explosion?


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
ops, non avevo letto il commento di supersoul


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
e mi sono anche dimenticato il voto :D


pistolpete
pistolpete
Opera:
Recensione:
quando ha voglia, barlow sa scrivere grandi canzoni...quando ha voglia...


pistolpete
pistolpete
Opera:
Recensione:
pardon 5 alla bellissima recensione


donjunio
donjunio
Opera:
Recensione:
eheheh la regata....da bambino era l'auto con cui sognavo mio padre sostituisse la sua vecchia 128 in cui metteva sempre i nastri di Springsteen.Barlow: un grande personaggio, ma al fantacalcio indie rock il cartellino di Mascis varrà sempre almeno il doppio.


alessioIRIDE
alessioIRIDE
Opera:
Recensione:
grazie mille... credo che J sia un pò un il Batistuta tempi d'oro del fantacalcio. almeno io mi conserverei i soldi per lui


colossalyouth
colossalyouth
Opera:
Recensione:
a parte i primi sebadoh non mi ha mai preso


Blackdog
Blackdog
Opera:
Recensione:
Ué, la Fiat 128 not se discute: era et rimane un mito ( specie blu-notte). Il father d un mio amicozzo
ce l'aveva avec 'na radio incorporated con quelle vecchie micro-casse, ke gracchiavano & raspavano profondamente strumenti et vox musicali. Devo rimediare l'ascolto del Folk Imploso, thanx alessio: da 5stelle già solo le ultime quattro righe in regata-amarcord.
P.S. -Caro azzo, forse un giorno tornerò de-recensore. Forse. But tu not inkazzarti. La vita
in home-page est un poco stitica ultimamente, serve il ritorno d un figliol-prodigo como John Rambo.


Lewis Tollani
Lewis Tollani
Opera:
Recensione:
Gran belle rece, davvero. Io sono un po' controcorrente, forse forse i primi 2 dei Folk Implosion li preferisco ai Sebadoh... Sicuro, J Dinosauro è di un altro pianeta


easycure
easycure
Opera:
Recensione:
grande cazzo! I Folk implosion non li ho mai approfonditi.. ho ascoltato solo la via di mezzo (nel senso che ancora non erano folk implosion) della colonna sonora di "kids" (che secondo me spacca, l'hai sentita?) ..ma loro no, però mi hai messo un monte di voglia di ascoltarli. Ciao Alessione


Melissa
Melissa
Opera:
Recensione:
Questo non ce l'ho, ma One Part Lullaby è un bel disco che a mio parere regge anche il confronto con Sebadoh. Mi piacciono entrambi.


Orwell
Orwell
Opera:
Recensione:
bravoo.. piacevole recensione. ottima proposta (almeno credo.. poi ti farò sapere).. ciau


pataweb
pataweb
Opera:
Recensione:
La recensione è bella il disco anche ma io tutto questo pop non ce lo sento davvero.


psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
mi ricordo bene un disco copertina rossa, con un brano insinuation veramente ipnotico


hugoniot
hugoniot
Opera:
Recensione:
sono io che sto poco bene o ricordano molto gli ultimi pearljam??....


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The New Folk Implosion è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link