The Morlocks
The Morlocks

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


I Morlocks sono uno dei gruppi leggendari della scena garage-punk anni ’80. Il cantante era il mitico Leighton Kozumi, proveniente dei grezzi Gravedigger V, gruppo di San Diego con alle spalle un piccolo classico del genere come “All Black And Hairy”, come il chitarrista Ted Friedman. I Morlocks – il nome deriva dalle creature sotterranee descritte in “La macchina del tempo” di H.G. Wells – hanno esordito nel 1985 con “Emerge”. All’epoca Claudio Sorge su Rockerilla fece un monumento a questo disco: in realta’ gia’ allora gli ascoltatori piu’ attenti notarono come fosse registrato malissimo e fosse un lavoro trascurabile. Sicuramente ottimo, direi un disco fondamentale del garage-punk – e’ invece il successivo “Submerged Alive”, un finto disco dal vivo – con tanto di applausi posticci – che ancora oggi e’ da considerare come una pietra miliare. Poi del gruppo non si seppe piu’ nulla travolto da problemi con l’eroina a parte qualche pubblicazione sporadica di bootleg. Ora la meritoria etichetta Area Pirata – che ha ristampato in cd sia “Emerge” sia “Submerged Alive” – pubblica un nuovo singolo dei Morlocks – “The Morlocks” - con formazione totalmente rinnovata – composta solo da musicisti europei - con il redivivo Leighton alla voce. Sono 2 brani - "Time To Move" e "Hang Up" - dominati da un fuzz dirompente che fa resuscitare lo spirito degli Stooges e che riconsegna intatta tutta la potenza deflagrante dei Morlocks. Collegatevi alla macchina del tempo, lasciate andare la mente finoa giungere in un lontano futuro dove la terra e' divisa fra gli Eloy e i minacciosi Morlocks. Dai sotterranei vedrete emergere la figura di Leighton sotto forma di Morlock che iniziera' a cantare "Time To Move"! In attesa del nuovo disco il singolo e’ disponibile su Bandcamp: https://areapiratarec.bandcamp.com/album/the-morlocks.

Questa DeRecensione di The Morlocks è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-morlocks/the-morlocks/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dodici)

JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
“Emerge” l'ho apprezzo così com'è, sporco e artigianale. Nella mia personale collezione annovero "Uglier Than You'll Ever Be! " che è una registrazione live in quel di San Francisco del 1985. "Emerge" al cospetto è per puristi del suono. I Gravedigger V li ho amati sin dalle origini quando ascoltai "No Good Woman" in una trasmissione notturna alla radio.

caesar666: @[JonatanCoe] Ho amato "All black and hairy" mentre "The Mirror Cracked" era inutile
JonatanCoe: "The Mirror Cracked" è stato/a l'inutile defibrillatore/operazione commerciale per mantenere in vita un corpo ormai esanime. Kozumi era già immerso, anima e corpo, nei Morlocks.
Flame
Opera: | Recensione: |
Grandissimi Morlocks, sound da leccarsi le dita dei timpani. Ho letto da qualche parte che Koizumi qualche tempo fa girava l'Italia con un gruppo italiano che faceva cover dei M. Solo due canzoni, le cerco di sicuro.

Flame: 5 ai newmorlocks sulla fiducia
caesar666: @flame il singolo lo trovi da Area Pirata ho postato il link
caesar666: @[Flame] Ecco il link al sito nella rece ho messo quello al Bandcamp
Flame: Thanks!
caesar666: @[Flame] eccolo sopra prima avevo sbagliato
caesar666
Opera: | Recensione: |
hellraiser
Opera: | Recensione: |
Gran disco, ottima rece

lector
Opera: | Recensione: |
Onirico
Opera: | Recensione: |
Interezzante come sempre, anche se non credo sia proprio il mio genere.
Unica correzione (scusa se rompo le palle), alla prima riga: "Il cantante era il mitico".

caesar666: @[Onirico] grazie ho corretto il refuso
caesar666
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Comunque sono stati superiori ai Gravedigger V. Erano un gruppo di losers ma suonavano un rock sporco e malato». Vedi la vecchia versione The Morlocks - The Morlocks - Recensione di caesar666 Versione 1

imasoulman
Opera: | Recensione: |
i Count Five che diventarono Stooges che purtroppo uscirono dalla comunità e ripresero a farsi alla faccia di Muccioli

imasoulman: incredibile che Leighton Kozoumi sia ancora di questa terra...
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Iggy canta i 60 , su tutto cala una nera coltre che puzza di 70, ma qui credo siamo a cora in fase di transizione come suono, credo. L'eroina ha lasciato spiragli di luce

ALFAMA: commento fuori luogo perché non mi ero reso cono che questo è successivo a "Submerged alive"
Copertina orribile
JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Stiquà me son guZtati proprio in concerto. Ma il cantante non si era fatto anche 'na decina di anni deGGGalera?

Leosfi99
Opera: | Recensione: |
Da rivalutare comunque anche "All black and hairy" dei Gravediggers V, capolavoro psych-garage molto ma molto sottovalutato...

imasoulman: sottovalutato solo da chi nell'84 c'aveva meno di quattordici anni e/o passasse la giornata tra struggimenti e frasette sul diario ed MTV...per i vecchi babbioni, invece, era un must da 17.000 lirette d'importazione (dovevi 'prenotarlo'....)
ALFAMA: Sottovalutato ? è il mio disco garage preferito conosciuto solo qualche anno la pubblicazione .Dei Morlocks conosco solo " Submerged Alive"
caesar666: @[Leosfi99] non credo che All Black fosse sottovalutato all'epoca anzi. Il problema e' che il garage venne soppiantato da altri generi
Leosfi99: Ok diciamo che nonostante l'ottima qualita' non ebbe, ad esempio, la notorieta' di "Lisergic Emanations" dei Fuzztones..poi il trend del Garage '60 revival ando' ad esaurirsi....

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: