The Sound Of Arrows
Voyage

()

Voto:

E' possibile fiutare odore di un buon disco synth-dance, vagamente retrò, un pochetto sbarazzino ed easy, in un'epoca in cui l'imitazione degli anni '80 è oramai un inflazionatissimo cliché da punire con la pena capitale? Risposte a tal quesito potrebbero piovere a centinaia, forse acquazzoni a catinelle e violente grandinate di lavori pop e pseudo pop, tuttavia la non convenzionale risposta dell'archivio indie-underground non sarebbe immediata né scontata: lontana da classifiche, tormentoni, playlist, podcast e carrozzoni mediatici, si fa strada la succulenta creatività degli ingiusti bassifondi, forse gli unici eredi dell'autenticità e della genuinità del cosiddetto "tanto tempo fa", anche senza l'aiuto economico delle grandi etichette e il relativo supporto promozionale e divulgativo.

Ancora una volta il binocolo dell'elettronica indie è puntato verso la Scandinavia, più precisamente in direzione della regale Svezia dei Premi Nobel. The Sound Of Arrows è un collettivo di due dj-remixer - Stefan Storm e Oskar Gullstrand - che può già vantare un decoroso curriculum di rimaneggiamenti e rifacimenti di brani mainstream per affermati artisti e band dance-pop. L'esordio in proprio scatta nel 2008 con il discreto extended play Danger!, seguito da M.A.G.I.C. nell'anno successivo, per poi approdare al debutto definitivo e ufficiale di "Voyage" nel 2011. Al perfetto crocevia tra l'elettronica semi-sperimentale e semi-avanguardista simil Royksopp e l'ardua eredità del pop danzereccio eighties alla Pet Shop Boys, l'album rappresenta un gradevolissimo tuffo nel passato che si dipana senza eccessi e sbavature verso il synth del futuro. "Voyage" non è dunque l'ennesimo pasticcio tipico dei giorni nostri, l'ennesima, sterile, superficiale e ripetitiva accozzaglia club, ma un piccolo gioiellino revival-retrò adatto sia ai nostalgici del Glorioso Decennio che ai fuggitivi dalle molestie sonore dell'era attuale.

Molteplici sono le vette conquistate e proposte da "Voyage", in primis il completo trait d'union euro-synthpop del singolo Wonders e Magic, brano che - forse - potrebbe assurgere ad una delle migliori reicarnazioni musicali degli Ottanta. Preziosi anche Into The Clouds, robotico miscuglio fra discomusic ed elettrodance, la riuscita eredità dei Pet Shop Boys in Nova e nella malinconica My Shadow, la lunga composizione (in buona parte strumentale) di There Is Still Hope, la grandiosità revival di Ruins Of Rome e l' "avanguardismo" quasi spirituale di Hurting All The Ways.

Il meglio di dieci intensi anni magnificamente estrapolati e correttamente inscatolati in un disco-tributo particolarmente ricco e intenso: "Voyage" è un nuovo piccolo capitolo sereno da inserire nell'incompleto volume dei prodotti di ottima fattura, sinonimo di un'immortale moda che, pur sottoposta alle barbarie della stravaganza e agli abusi più efferati, riesce ancora, nel secondo decennio dei Duemila, a dipingere la freschezza e la leggenda di un'epoca che non necessita di storielle, glitter, borchie e macchine del tempo per essere assaporata nelle sue più gradevoli fragranze.

The Sound Of Arrows, "Voyage"

Into The Clouds - Wonders - My Shadow - Magic - Ruins Of Rome - Longest Ever - Dream - Hurting All The Way - Conquest - Nova - There Is Still Hope - Lost City - Disappear - Dark Sun

Questa DeRecensione di Voyage è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-sound-of-arrows/voyage/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

Mandrappa
Opera: | Recensione: |
robba pe richhioni
BËL (00)
BRÜ (01)

Mad_Intruder
Opera: | Recensione: |
si, bravi... molto stile psb
BËL (00)
BRÜ (00)

Danny The Kid
Opera: | Recensione: |
synth pop frizzantino e raffinato quanto basta con un retrogusto di spumantino dolce, godibilissimo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: