Sto caricando...

The Worship of Silence
In The Early Hours

()

Voto:

Sedici anni di sale prove, concertini, feste, corse in macchina, ritardi sui palchi, soldi buttati, chitarre scordate e riaccordate.
Sedici anni. Nessun demo, nessun disco, niente di niente. La cantina, gli amici, i conoscenti, mamma e papà che "per lo meno non se l'è scelta come professione".
Sedici anni.
Un frego di band a sedici anni neanche ci arrivano.
I The Worship of Silence per il dolce sedicesimo si regalano la prima audiocassetta. Un anno prima lo regalavano su internet, e si poteva definire "Demo". Oggi che esiste nel mondo fisico analogico tangibile non lo si può castrare. Un disco a tutto tondo, rettangolare come i demo di sedici anni fa con dentro quarantadue minuti di musica come i dischi di sempre.

Gente che suonava metal altrove, che suona rock altrove, a cui piace il prog degli anni novanta, che si misura, da più di tre lustri, con quella musica fatta di piante idroponiche e lampade indoor.
Si definiscono doom, ma in california c'è troppo sole. Si definiscono "melodic" e forse lo sono nell'unica maniera plausibilmente godibile: hanno un cantante. Un cantante vero. Che ogni tanto in quei 42 minuti ti dimentichi del resto. E lo ringrazi. Di solito non ti piacciono le canzoni, vuoi la musica strumentale, ma lo ringrazi e lo ascolti fino alla nausea. E una volta vomitato, ricominci a bertelo.

Non la rivelazione massima nel genere metal. Fossero sul serio metal melodico sarebbero il meglio in circolazione da sempre. E, va beh, fossero realmente doom, sarebbero un'altra cosa. saranno in qualche modo postmetal probabilmente. E lì, in quel genere nato concoordinate ben precise e derivato in un non genere in cui sbattere tutto quello che "boh, che minchia è" non ci son cazzi, Joe Hutton è il miglior cantante della storia. Senza se e senza ma, una vittoria spietata e sanguinaria.

Commenti (Dieci)

De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Grande nes, come sempre; il caldo milanese di queste giornate ha di certo contribuito alla stesura della pagina. Sconosciuti totalmente; sto ascoltando proprio ora il brano di apertura (oltre 12 minuti) ed è spiazzante per come procede. All'inizio una litania avvolgente, con la voce che non è da meno; poi improvvise rasoiate doom di una pesantezza sconfinata. Interessantissimi; da approfondire di certo.


nes: questi dovrebbero piacerti in effetti. ma che avatar c'hai? quella mica è l'ossola... o sì? io alla fine conosco solo la valle anzasca.
De...Marga...: Alta Val Bognanco; è il rifugio Emilio Marigonda all'Alpe Vallaro quota 1830 metri. Ci sono stato per l'ennesima volta mercoledì ed è sempre un godimento unico visto la bellezza del luogo.
nes: beato te, qui sudano già anche i ventilatori.
De...Marga...: Lo sai che sei a poco più di un ora dall'Ossola!! Dipende da te arrivarci. Organizziamo una domenica tra i monti; vedrai che luoghi.
algol
algol
Opera:
Recensione:
E allora andiamo ad ascoltare


algol: Ascoltato. Forse l'attitudine melodica pronunciata non me li fa apprezzare pienamente. In ogni caso sono particolari, una delle cose che solo tu sai scovare. Thanks
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Ormai sei il mio fornitore doom ufficiale! Sono andato ad ascoltare quel brano che c'è di 12 minuti... bello, bello come lo scritto. @[Pinhead] (5)


Cialtronius
Cialtronius
Opera:
Recensione:
boh sto ascoltando la prima mi sembra molto buona, si sente anche una certa "composizione" musicale, una scala, questi so bravi ma non è un genere che m'acchiappa

lui canta bene ma esageri a dire che è il migliore della storia dai
canta pulito ed ha una buona estensione ma ha poca canna ed è poco modulato


nes: il migliore della storia DEL POST METAL, che è pure un genere relativamente giovane. Ci mancherebbe anche che sia il miglior cantante del metal tutto. C'è poi da dire che i giudizi sui cantanti sono ancora più personali di quelli sugli strumentisti. Alla fine più dell'estensione e cazzi e mazzi a me interessa l'espressività. Ad altri probabilmente di quella non frega nulla.
aleradio:
lui canta bene ma esageri a dire che è il migliore della storia dai
canta pulito ed ha una buona estensione ma ha poca canna ed è poco modulato

Alla fine più dell'estensione e cazzi e mazzi a me interessa l'espressività. Ad altri probabilmente di quella non frega nulla

Minchia arisa e fedez ad x factor
aleradio: Per me é si
aleradio
aleradio
Opera:
Recensione:
Per me é si


nes: -Sì, dai.
-Beh... forse.
The Decline
The Decline Divèrs
Opera:
Recensione:
Tesoro, quando mi tiri fuori questi gruppi che conosci solo te e il mendicante sdentato di via Panzani con la maglietta dei Black Widow, mi fai eiaculare fluido spermatico dalle pareti della mucosa nasale. Te ne ringrazio. Vivamente.


MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Ma sono caldi o freddi?


nes: Umidi e adolescenziali. Freddi fuori caldi dentro.
Geo@Geo
Geo@Geo Divèrs
Opera:
Recensione:
Ascolto sempre le novità con alterna fortuna, oggi mi è andata bene ;)))


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Stavo per taggartici, poi vedo che l'avevi recensito tu :D, beh, grazie. A sprazzi ricorda Keenan. Ascolto della settimana


nes: Grazie a te
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
sta roba rimane spessa


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di In The Early Hours è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link