Sto caricando...

Wolves In the Throne Room
Celestial Lineage

()

Voto:

Cenere: ... ordine fatto, poste permettendo tra una quindicina di giorni arriva il disco. Io intanto avrei iniziato a ascoltare una copia trovata in rete, mica ti interessa?...

Ozio: No no, l'attesa è troppa, il momento è grosso. Oramai aspetto l'originale. Te 'un mi di' niente eh!

C.: Ok... cmq in rete circolano già un paio di brani, almeno quelli ascoltali!

O.: Nooooo... uno l'ho già sentito, però ora basta

C.: Bòno, non insisto più allora... Al più butterò giù qualcosa sul blog e addio!

Cenere non ha resistito e ha ascoltato il disco dopo averlo scaricato, Ozio ha invece intanto ascoltato un pezzo in streaming, "Thuja Magus Imperium".

O.: Suoni spettacolosi, belli gli stacchi atmosferici ed eterei. Mi sembrano sempre loro e io continuo a sentirci tanto i Dead Can Dance nelle parti con le voci femminili.

C.:  Tra l'altro ho letto da qualche parte che questo pezzo contiene tutti gli elementi che i WITTR vorrebbero poi sviluppare nei prossimi lavori... Magari davvero ti diventano come i Dead can Dance del black, o tipo anche i Menace Ruine!

O.: Bah ci credo poco... Nel senso, la loro nicchia di mercato l'hanno trovata. Certo è vero che in questo brano sembrano aver aumentato le parti "aperte" e rituali.

C.: Riprende il filo di "Two Hunters", questo è sicuro... Ora te ‘un vòi, ma io te lo dico uguale: secondo me a tratti lo supera proprio "Two Hunters", o comunque sono sullo stesso livello... Poi mi dirai!

O.: Auh, ma davvero? Beh sarebbe comunque l'ora, dato che "Black Cascade", mi duole ammetterlo, è inferiore a Two Hunters, mentre trovai molto interessante "A Looming Resonance", innovativo e sperimentale.

C.: Sai che, a conti fatti quel pezzo è un ottimo ponte per questo nuovo disco... Alla fine comunque ho buttato giù qualche impressione, se vuoi sai dove leggerla!

O.: Nooooooo, sennò mi influenzi!

Dopo qualche giorno, i nostri due ricevono il disco originale

C.: ... stavolta hanno fatto le cose coi controcazzi... Guarda che artwork!

O.: Eh ma questi ragazzi ci trattano bene, l'artwork è bello e le foto dentro presentano qualcosa che pare molto bello... bella la foto del "fantasma"... Bada bada c'è di mezzo anche Aaron Turner e consorte!

C.: Sì lo avevo letto infatti... la voce nel secondo pezzo è sua... Tra l'altro, per nulla sciamanico come brano quello! E invece la chitarra "à la Anathema" nel primo brano l'hai sentita? Con quel wah-wah a palla?

O.: In effetti la ricorda molto, ma bisogna avere un orecchio fino per riconoscerla. Comunque, ammettendo di doverci entrare a fondo nel disco, il mio giudizio si è un attimo raffreddato.

C.: Questa mi è nuova...  Perché si è raffreddato il tuo giudizio sul disco?

O.: Mah, ti dirò, partendo dal presupposto che "Two Hunters" è un capolavoro e che qualsiasi uscita dei WITTR è fondamentale, trovo che nel caso di "Celestial Lineage" i WITTR abbiano voluto optare per delle scelte "semplici", di mestiere, e che, a confronto con "Two Hunters" e per esempio, l'ultimo degli Agalloch, che sono due pezzi d'arte, questo sia un prodotto: ottimo, splendido e maestoso, ma un prodotto. Cioè, per quanto sia carina, se non bella, "Astral Blood" da loro non me l'aspettavo, ha poco di quel black metal naturalistico loro e si butta su  forsennato Norske Svart Metall che porta con sé tanto i DarkThrone quanto Burzum. Poi, per l'amor di dio, per noi nostalgici vale la proporzione Ulver:Agalloch=Emperor=Wolves. Splendida, invece, e forse è la mia chiave per poter entrare a fondo nel disco, è "Prayer of Transformation", che ha ben poco di black ma ben tanto di post-metal ritualistico, ricordandomi qualcosa dei Neurosis di qualche anno fa; e poi, infine, ma siamo nel campo delle amatissime seghe mentali, avrei scelto dei suoni diversi.

C.: Cioè?

O.: Non ci nascondiamo, ora dei soldini da spendere in studio ce l'hanno, e ciò si sente per esempio nella voce, splendida... Però le chitarre certe volte scendono nell'incomprensibile, e la batteria è po' leggerina, molto poco dinamica come registrazione: lui è un mostro e i suoi blastbeats sono senza pietà, però appunto anche nell'ultimo pezzo avrei tentato dei suoni più bombastici, qualcosa di simile ai lavori di Steve Albini, una cassa un po' più grossa e profonda. Questo insomma. Te invece ora che mi dici, che il disco l'ho ascoltato pure io?

C.: Dunque, per come la vedo io e collegandomi al discorso di "prodotto" gli Agalloch sono più artisti in questo senso, hanno seguito un percorso evolutivo diverso, e "Marrow Of The Spirit" è un grossissimo passo avanti nella loro discografia. I WITTR sono andati invece piano piano, si sono arricchiti di elementi ma la base è sempre quella, quindi per assurdo non credo che possano piacere ora se non ti piacevano prima. Che il suono sia diverso, forse più leggero, è però vero, lo trovo quasi più facile da approcciare, almeno nell'inizio. Poi sulla tecnica, strumenti ecc non mi pronuncio, sparerei cavolate forse.

O.: Eh che c'entra, son giudizi, mica teorie tecniche!

C.: Facendo una parafrasi di quanto avevo scritto tempo addietro nel mio blog, "è un disco che emana odori... ancestrale, odora di muschio e di foglie secche, di fine autunno, di neve scricchiolante sotto gli scarponi e di temporali che si avvicinano... è  selvaggio, odora di lucenti mantelli di pelo e di zanne sfolgoranti al chiarore della luna, di sangue di uomo e di animale sparsi su suoli innevati e per sempre fusi l'uno nell'altro, quasi a voler ricongiungere le due razze. E' sciamanico, ti sussurra di chiudere gli palpebre, ti fa cadere in una trance estatica, ti fa vedere con occhi non tuoi". Quanto ho detto non vuol dire molto, ma se ti ricordi il loro concerto beh, hai capito che voglio dire!

O.: Ah ma sì, come sensazioni sono d'accordo, gli odori di quel disco sono quelli che hai perfettamente descritto. È che con gente come loro io sono molto esigente e quindi mi aspetto molto. Comunque, riassumendo, c'è garbato questo disco? Gli s'ha a dare un voto?

C.: In scala da uno a cinque e senza usare mezzi numeri per me è 4... sarebbe 4 e mezzo (se non addirittura in certi punti 5!) ma preferisco stare bassino... te?

O.: Scala di 10?

C.: No, su DeBaser hanno 5 purtroppo

O.: Maremmaccia cane! Eh ho capito che qui è di 5, però in sede di recensione si può anche mettere di 10! Io ti dico 7.5... Ora però i conti li fai te che io ho studiato lettere!

C.: Eh io ho fatto lingue, pensa te che guadagno! Per me era 8 quindi facciamo 4 e non se ne parla più via, pur sapendo che è un po' più di 4! Ora s'aspetterà di vederli a novembre (se le date so confermate)!

O.: Eh speriamo, che già mi perdo gli Explosions a questo giro...

C.: Ahaahah a ognuno le sue beghe... Bòna!

Commenti (Otto)

jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
ozio é un po´ troppo supponente per i miei gusti ma cenere mi sta simpatica, quindi 5 :)


Ozio&Cenere: Noooo, non volevo apparire supponente. È che ci tenevo particolarmente a questo disco e non dico che mi ha deluso ma secondo me potevano fare meglio... E Cenere sì, è una gran bella figliuola ;)
O.
jdv666: e va bene dall alto della mia magnaminitá ti perdono... :D
The Decline
The Decline Divèrs
Opera:
Recensione:
Ulteriore balzo in avanti verso un'evoluzione che li sta rendendo sempre più cerebrali, rarefatti, visionari ed imprescindibili nelle mie grigie mattinate lavorative... Roba superiore...disco black dell'anno.


Hell
Hell Divèrs
Opera:
Recensione:
E' un disco della madonna, poco altro da dire...


Don_Pollo
Don_Pollo Divèrs
Opera:
Recensione:
Che palle, io non l'ho ancora sentito... Però adesso fa un freddo boia quindi ogni giorno è quello buono.


Ozio&Cenere
Ozio&Cenere
Opera:
Recensione:
grazie a tutti dei commenti!e cmq io -cenere- sono maschio, e ozio è un frustone saccente, ahahahha! No dai si scherza, siamo ma due baldi giovini!


ILM_igliore
ILM_igliore
Opera:
Recensione:
per i miei lupi nella stanza del trono sempre e solo 5


pirata: bravo, bella traduzione. ora ti aspetto per un testo più impegnativo, tipo quelli nel sussidiario delle elementari.
ILM_igliore: Taci ROM!
seagullinthesky
seagullinthesky
Opera:
Recensione:
Forse è il loro capolavoro.


Don_Pollo
Don_Pollo Divèrs
Opera:
Recensione:
Vi pare possibile che lo trovi perfetto per queste giornate al limite dell'afa? Disco della madonna e gli angeli in colonna. Prayer Of Transformation è uno di quelli che chiamano EARGASMS.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Celestial Lineage è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link