Woven Hand
Star Treatment

()

Voto:

Ormai a cadenza biennale David Eugene Edwards torna con puntualità. Il messia sciamanico delle distese americane ha partorito alcuni tra i lavori più seminali, sentiti e ispirati del "dark country" degli ultimi 15 anni. E lo ha fatto di nuovo.

"Star Treatment" fa segnare quota nove album in studio e rappresenta il continuum del precendente "Refractory Obdurate". Già in quel disco la verve metallica era emersa con forza, a tratti spazzando via l'alt country che lo ha svezzato, in funzione di un hard rock desertico e lisergico che ha pochi simili nel panorama mondiale. In ST la pulsione dura e pura emerge addirittura con forza maggiore e si manifesta fin dai primissimi vagiti di "Come Brave", cavalcata messianica di notevole forza epica. Di nuovo: per quanto le coordinate del progetto Wovenhand sembrano assestarsi su una predominanza di suoni chitarristici, è sempre estremamente complesso "etichettare" uno come Edwards e la sua musica. Ciò che non viene persa è la carica evocativa, quasi sermonica e declamatoria della sua musica, ben evidenziata dall'ostica "Swaying Reed" e i suoi cacofonici riverberi o la lunga "All your Waves" con annesso finale apocalittico e simil noise/stoner.

Solitudine, creazione, visione personale del cristianesimo, feeling desertico, suoni ancestrali, songwriting mai banale. Gli elementi classici targati Wovenhand ci sono anche questa volta ma come detto incanalati in un mood decisamente più furioso che in passato. Solo in alcuni brevi momenti il cielo si rasserena e lascia spazio ad un gioiello come "Go Ye light", senza mai dimenticarsi di una certa psichedelia abrasiva che si manifesta qua e là, trovando terreno fertile negli scenari oscuri e stranianti di "Crook and Flail".

Ogni volta che Edwards se ne viene fuori con il nuovo capitolo di questa sua creazione si rimane spiazzati di fronte alla capacità fuori dal comune di rimanere sempre su un livello stilistico e qualitativo che ha pochi eguali negli ambienti affini e non solo. Ogni suo disco va assaporato in tutte le sue minime inflessioni e variazioni, scoprendo ogni volta nuove influenze e piccoli dettagli che sembravano essere sfuggiti ad un primo ascolto. Con i lavori firmati Wovenhand non va mai fatta l'analisi del sangue, i commenti e le recensioni servono a poco e non potrebbero mai rendere l'idea di una delle realtà più peculiari, poliedriche e indefinibili della musica d'oltreoceano.

Una garanzia.

Questa DeRecensione di Star Treatment è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/woven-hand/star-treatment/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Cinque)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Il pregevole scritto mi ha incuriosito e sto ascoltando con piacere e stupore l'album questo autore che non conoscevo. Ottima segnalazione.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
L'ho ascoltato, belli anche i vecchi pezzi come The speaking hands.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Album difficile da etichettare nella casella generi era meglio scrivere Alt-Rock oppure aggiungere Noise,Hard-Rock,Metal,New Wave,Post Punk Gothic. Affidarsi a un produttore Metal e registrare negli studi di Albini spiega molto il sound di questo album, Originale e ben fatto ma anche Citazionista e in modo intelligente pescando dovunque mantenendo una propria identità riconoscibile. Swans Cave Gun Club di metà periodo i primi Cure 16 Horsepower sua prima band quelle che ho notato di più. Album per me promosso a pieni voti come la recensione (ben scritta ed efficace) che mi ha invogliato all'ascolto.
BËL ( 02 )
BRÜ ( 00 )

Festwca
Festwca Divèrs
Opera: | Recensione: |
Refractory Obdurate è forse il mio preferito fin'ora, merito di una produzione più "pesante". Difetto principale, la tendenza al mattone monocorde. Per certi versi lui mi ricorda, e forse sto per dire una cazzat', Jeffrey Lee Pierce. Appeno riesco mi somministrerò il trattamento stellare. Aloha
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ociredef86
Ociredef86 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Lui sempre bravo, ma questo disco mi ha leggermente lasciato un senso di noia. Il precedente "Refractory Obdurate" invece l'ho ascoltato tantissimo, il passaggio alla Deathwish aveva giovato al suo sound. Rimane comunque un gran cantautore :) scritto ottimo!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: