Wuthering Heights
The Shadow Cabinet

()

Voto:

Non conoscevo neppure questa band. Il disco mi è stato regalato da un amico che ascolta power metal a manetta.

 Effettivamente la mia prima impressione è stata "bleah!".... non potevo digerire l'ennesimo disco power, ma lui ci teneva tanto che io l'ascoltassi.

Orbene, i Wuthering Heights provengono dall'Olanda e molto mi ricordano lo stile degli Astral Doors, una delle poche band che, all'interno del panorama power metal, riescono ancora ad impressionarmi parecchio. Mai scorderò "Evil Is Forever" degli anzi detti Astral Doors, ma queta è un'altra storia.

Parlando di "The Shadow Cabinet", come detto, si avvicina molto allo stile degli AD. Anzi, direi che gli emula in toto, se non fosse per delle soluzioni davvero originali che fanno della loro musica una trovata eccezionale e mai banale, come alcuni inserti folk e alcune accelerazioni improvvise e cambi di tempo, che rendono alle song la marcia in più che in un album può fare la differenza.

E quando dico che ci sono sinonimi con gli Astral Doors non mi sbaglio proprio perché, vedendo sul libretto, noto che la band si avvale dell'aiuto, dietro ai microfoni (ecco dove l'avevo già sentita quella voce) di Nils Patrik Johansson (ex Astral Doors) che riesce a donare quel tocco magico alla voce.

Finalmente un singer che canta e non che ulula o, peggio ancora, sforna acuti degni dei migliori eunuchi.

Dal punto di vista del sogrwriting le song si differenziano molto tra di loro: ci sono quelle rabbiose (l'opnener), ci sono quelle in cui è bello udire i cambi di tempo e le accelerazioni di chitarre, e batteria ("Carpe Nctum"), c'è la ballad, davvero gradevole (la conclusiva "Midnight Song") e c'è il folk. Folk che non disgusta per la sua onnipresenza ma che è gradevole ascoltare in alcuni interessanti intermezzi e bridge che la band ha saputo costruire bene.

Il tutto viene amalgamato da una produzione all'altezza (beh, in fondo siamo al quarto album in studio!) che riesce a non far annoiare mai l'ascoltatore. Pezzi come "Sleep" fanno rimanere di stucco l'ascoltatore. Ascoltare per credere.

Altro non aggiungo se non quello di dare una chance a questa band che dell'originalità ha fatto il suo trade mark. E, detto da uno che oramai ha i maroni pieni di power metal è tutto dire.

Dopo la delusione targata Dragonforce mi rimangio tutte le bestemmie sul power con questo buon "The Shadow Cabinet".

Pirotecnico.

Questa DeRecensione di The Shadow Cabinet è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/wuthering-heights/the-shadow-cabinet/recensione-anatas

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sedici)

Anatas
Opera: | Recensione: |
hanno pubblicato la mia recensione il giorno del mio 28esimo compleanno!
Grandi gli Editors!!!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

Hell
Opera: | Recensione: |
Auguroni!! Cacchio ma nel giro di dieci giorni avrò fatto una ventina di auguri, possibile tutti ad agosto?? XD
BËL (00)
BRÜ (00)

telespallabob
Opera: | Recensione: |
@Hell, di sicuro non ci sono io tra questi visto che compio gli anni tra quasi 6 mesi! @Anatas, auguroni! Il disco lo cercherò anche perché riguarda un genere come il power che non mi dispiace
BËL (00)
BRÜ (00)

SUPERVAI1986
Opera: | Recensione: |
auguroni Anatas...bravo bella rece XD
BËL (00)
BRÜ (00)

Dr.Adder
Opera: | Recensione: |
Prima di ripartire sull'astronave C-57-D per lo spazio profondo, ho deciso di 'passare' per questa recensione per fare degli auguri Anatastasici ad Anatas (ma va là).
Ormai è quasi tutto pronto, i materiali sono stati caricati, sono stati sostituiti i filtri del vuoto e ho controllato e lucidato personalmente i motori a curvatura, l'equipaggio è quasi al completo, manca ancora all'appello lo Chef di bordo (senza quello non si parte!).
Una pulita al parabrezza e poi via per lo spazio immenso.
Saluti spaziali (brv).
BËL (00)
BRÜ (00)

darkHaem
Opera: | Recensione: |
Auguri Anatas!
BËL (00)
BRÜ (00)

Hell
Opera: | Recensione: |
Signor Scott... Energia!
BËL (00)
BRÜ (00)

IcnarF
Opera: | Recensione: |
Mi unisco agli auguri! Il disco non credo possa piacermi ;-).
BËL (00)
BRÜ (00)

dying_sun
dying_sun Divèrs
Opera: | Recensione: |
Il disco è davvero bello, originale, suonato bene (anche se non ai livelli di Far from the madding crowd) e la recensione è piacevole. Unico appunto, sono danesi e non olandesi.
BËL (00)
BRÜ (00)

Psycroptic
Opera: | Recensione: |
auguri!!!!! la recensione e' bella, del power sai cosa penso, fai 2+2......hahahahah
BËL (00)
BRÜ (00)

Anatas
Opera: | Recensione: |
che dire.... grazie di cuore a tutti!
Grazie mille anche a Lei, Dottore e buon viaggio interplanetario!
BËL (00)
BRÜ (00)

Pibroch
Opera: | Recensione: |
Infatti, sono danesi, come i biscotti al burro. Band piacevole (conosco un po' "Far from the maddind crowd") dal nome meravigliosamente romantibrontico.
BËL (00)
BRÜ (00)

Defender85
Opera: | Recensione: |
auguri in ritardo, Anatas!! ci darò un ascolto..!
BËL (00)
BRÜ (00)

Barbanera
Opera: | Recensione: |
Urca, l'ho letta solo adesso... Auguri Anatas!
BËL (00)
BRÜ (00)

Pibroch
Opera: | Recensione: |
iruguA ehcna ad etrap aim, satanA.
BËL (00)
BRÜ (00)

creative
Opera: | Recensione: |
UNOOOOOOOO!!!!!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: