Yo La Tengo
Stuff Like That There

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Che cos’è l’intimità oggi? Stuff Like That There ci porta a quell’intensa armonia che con pochissime persone e molto raramente possiamo conseguire e avere. Non un mero esercizio di stile, calligrafico, ma un passo ulteriore nella ricerca, a suo modo sperimentale, che da sempre contraddistingue gli YLT. Un passo, qui, totalmente in direzione del Folk. Dalle pagine dell’enciclopedia della musica popolare alle pagine della vita quotidiana, e viceversa, senza soluzione di continuità. Nella visione matura, per età conseguita, l’album recupera, e replica, intenti, fremiti e tenerezze di Fakebook del 1990, fiore scarno di gioventù, olezzoso, finanche ingenuo, acerbo e godibilissimo. Oggi, senza autoindulgenza, questa nuova compilazione, tra cover, remake autografi e due inediti, agogna, se non proverbiali “Magic moments”, almeno momenti intimi, evocati con perizia, credibilità e onestà intellettuale. L’atmosfera soffusa dell’impostazione acustica, con intarsi di chitarra elettrica misurati (il terzetto riaccoglie Dave Schramm, chitarrista del primo album “Ride the Tiger”) prepara pezzi che non travolgono, ma accompagnano e suggeriscono, non provocano, ma scaldano, o meglio, accalorano. In un tono delicato, non sommesso.

Spicca, in scaletta, la rilettura acustica, che esalta, rallentandola, la bellezza melodica, di Friday I’m in Love: non la nasconde, ma la rivela, abbacinante, struggente. Una bellezza che è discrezione e slancio al contempo. Quasi come passare da una Odalisca di Ingres alla Venere (di Urbino) di Tiziano.

Ci sono poi la gentilezza folk di Butchie’s Tune (cover dei Lovin' Spoonful), l’abbraccio etereo, non platonico, di My Heart’s Not in It (cover di Darlene McCrea), l’umbratile I’m So Lonesome I Could Cry del ribelle Hank Williams, la tintinnante I Can Feel the Melting Ice (svuotata dal Funk dei Parliament), la rilettura pacificata, antigrunge, del proprio pezzo Deeper into Music (da “I Can Hear The Heart Beating As One”) e All Your Secrets (remake da “Popular Songs”) da bisbigliare sotto le stelle.

Il superfluo è tolto, diradato, tutto appare per quello che è, aperto al dialogo, semplice, umano. Lo sguardo lo sostiene. O è insostenibile? Ti sento guardare.

I heard you looking.

Questa DeRecensione di Stuff Like That There è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/yo-la-tengo/stuff-like-that-there/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

Taurus
Opera: | Recensione: |
Loro mai ascoltati ma potrei provare intanto benvenuto.
BËL (01)
BRÜ (00)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Bello, ma per me «Fakebook» lo è ancora di più, forse per la presenza della bellissima versione di «You Tore Me Down» dei Flamin' Groovies.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte
Opera: | Recensione: |
Bella, benvenuto. Penso di aver ascoltato un loro album di cover tempo fa da amici, possibile?! Non so chi sono comunque, abituati non so nulla!
@[Pinhead]
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «All'inizio intendevo scrivere "intensa armonia", non so come sia uscita "l'armonica".». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

noveccentrico
Opera: | Recensione: |
Cinque. Cinque a tutto.
BËL (01)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Imprescindibili.
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : Concordo pienamente!
Chainsaw
Opera: | Recensione: |
Mi mancano sia questo che Fakebook, di dischi di cover loro ho sentito solo Yo La Tengo is Murdering the Classics, che è bello
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim : Questi due ti piaceranno ancora di più. Marketing, se non ho compreso male, raccoglie loro improvvisazioni, su richiesta, ad un programma radiofonico...
Almotasim : Murdering, non marketing
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «Tolto il "per tutti". Il disco è per tutti, come si indica nei film, questo rimane.». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: