Zucchero
Bluesugar

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Nel comporre la mia modesta recensione sono cosciente di espormi alle atroci critiche dell’uditorio a cui perciò chiederò un atto di clemenza e un piccolo impegno nel commentare, anche con loro sommo sforzo, in maniera comunque costruttiva l’opera in questione.

Zucchero è sempre una tematica ostica poiché le competenze e le capacità artistiche dell’individuo sono commiste ad altre, per lo più fuorvianti, caratteristiche accessorie e di varia natura. Se fossi tra i più affezionati apostoli di Adelmo Fornaciari, non potrei certo asserire che “Bluesugar” sia la migliore opera proveniente da terra emiliana. Quest’album rappresenta, infatti, una tappa dichiaratamente sperimentale, una tentata deriva Rock, una felice deviazione nella fin troppo lineare carriera di Zucchero, non sempre riconosciuta da coloro che sono più vicini al cantautore. Sin dal primo approccio, questo album serba in sé alcune sorprese, alcuni elementi innovativi che allontanano l’opera dalle precedenti e ne fanno un cammeo di discreto interesse. Secondo il parere modesto di chi vi scrive, il vero, piccolo tesoro racchiuso in quest’album sono i testi, che risultano più scarni e fascinosi, la poesia bucolica di Zucchero si fa meno agreste, più rarefatta, ma senza rinunciare i suoi tratti marcatamente passionali e sanguigni, in alcuni casi violenti.

Scorrendo con il dito i testi riportati sul libricino si notano alcuni stralci di un piglio quasi letterario, più elegante e compito rispetto ad altre e precedenti affermazioni, testi scritti con l’attitudine ad una maggiore sintesi e, conseguentemente, ad un più ampio spettro evocativo. La mitezza delle parole, tiepide ma non più calde, e la sopraccitata capacità di evocazione, fanno di "Bluesugar" un esercizio di buono stile, il cui materiale di partenza è un italiano frugale ma elegante che valorizza anche laddove la nota risulta melassa e un poco cadente. Le sonorità salpano verso lidi più nordici, è avvertibile una chiara matrice anglosassone dietro ad ogni brano ed i più attenti critici e detrattori non mancheranno di sottolineare le consuete verosimiglianze con alcuni altri brani provenienti dall’isola britannica e dall’ultimo vivaio scandinavo. Sonorità, quindi, più fredde e austere, che senza tratti definiti mischiano brit-pop, rock, per certi versi anche delle contaminazioni elettroniche sbalorditive nel contesto in cui si collocano, e accompagnano Zucchero nel cammino di “intiepidimento” della propria opera. Vi sono piccoli esperimenti in un continuum che va dalla arcadica “Blu” sino alla techno “(Temporaneamente) Per sempre tuo”, passando per una poesia dell’amore distrutto come “Dopo di noi” o una lettera in forma canzone come “Eccetera, eccetera” . Esperimento ambizioso e degno di nota, anche se riuscito solo in parte, è la onirica “Karma, stai calma”, sogno visionario, notturno e metropolitano, che vede il debutto alla voce di Irene Fornaciari. E’ sempre il materiale umano a dare forma alla canzone di Zucchero, l’esperienza vissuta e così anche il paesaggio. Zucchero nei momenti di maggiore lucidità ed ispirazione è stato portatore della canzone di paesaggio che pur in Italia negli ultimi tempi non ha goduto di molti seguaci e sostenitori. Le note di Zucchero si sono legate inscindibilmente a dei tratti di paesaggio, un paesaggio non per forza geografico, ma percepito, ideale e idealizzato, quella “Lunisiana” da lui colorata, ponte ideale tra la Lunigiana, le terre natie in cui Zucchero fa stanza e la vagheggiata Louisiana d’oltremare. Il disco si chiude con “I tempi cambieranno”, l’amicizia trattata con quel filo di retorica che permette alla canzone di non essere effetto del momento ma di iscriversi tra le canzoni al di fuori di una data collocazione temporale.

Il titolo di quest’ultimo brano porta in sé qualcosa di profetico, infatti Zucchero dopo “Bluesugar” abbandona questa felice strada di morigerata sperimentazione tornando all’ovile, alle certezze, ed è triste riportarlo, ai facili quattrini. Il disco insomma è qualcosa di buono, non di imperdibile, non esattamente cantautoriale, ma di un certo riguardo nel panorama italiano della musica leggera. Si aprirà nel suo coinvolgente trasporto solo a chi serba in sé ancora un poco di quella capacità di ingenuo abbandono nella musica che certi istrici, sui sentieri delle note, hanno perso da tempo, rinunciando purtroppo ad una grossa fetta della torta.

Questa DeRecensione di Bluesugar è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/zucchero/bluesugar/recensione-alfo

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

Viva Lì
Opera: | Recensione: |
La cosa più brutta mai composta da Zucchero (bhè insomma, forse dopo "Miserere", ma siamo lì eh).
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
Opera: | Recensione: |
@alfo scrive magari non benissimo, però @viva li non lo vota, per me neanche ha letto. Zucchero non mi è mai piaciuto neanche ai tempi di Pippo. Ciao ciao Dax
BËL (00)
BRÜ (00)

Neo1988
Opera: | Recensione: |
Zucchero mi è sempre piaciuto ma quest'album non va' per niente.
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Recensione ottima, il disco è effettivamente sperimentale, ma lo Zucchero vero e sanguigno è quello della fine anni 80 e di SpiritoDiVino.
BËL (00)
BRÜ (00)

Roblaici
Opera: | Recensione: |
un disco con dei suoni pazzeschi, sentitelo in cuffia.
peccato sia poco orecchiabile e per niente commerciale. non smebra nemmeno zucchero, rustici ha fatto un grande lavoro.
BËL (00)
BRÜ (00)

zaireeka
Opera: | Recensione: |
Questo è un disco sperimentale?? Per me è il più scopiazzone e scontato fatto da Zucchero
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr. Green Genes
Opera: | Recensione: |
zucchero figlio di puttana e succhia cazzi
BËL (00)
BRÜ (00)

alienmc
Opera: | Recensione: |
E' un disco bellissimo che riesce a trasmettere grandi atmosfere di cui ognuno di noi ha bisogno
BËL (00)
BRÜ (00)

ajejebrazorf
Opera: | Recensione: |
credo di averne bisogno come di un contagio di colera
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr. Green Genes
Opera: | Recensione: |
alienmc ma che stai a dì, nhe ha bisogno solo uno che ha il cuore e la testa aridi. sugar ppprrrrrrrrrrrrr
BËL (00)
BRÜ (00)

GustavoTanz
Opera: | Recensione: |
Quando ho letto l'opinione di Primiballi, il quale lo ha definito "l'uovo fuori dalla cavagna della carriera di Sugar", speravo di illudermi nel pensare che Zucchero avesse scritto con "SpiritoDiVino" il suo canto del cigno. Quando l'ho sentito è cambiato decisamente poco. Certe canzoni mi sono sembrate vacue e grottesche...tipo "Donkey Tonkey", "Puro Amore" o "Karma, Stai Calma" (con tutto il rispetto per Irene). Invece ci sono certi pezzi come "Arcord", "Back 2 U" o "(Temporaneamente) X Sempre Tuo" che a primo ascolto non mi sono sembrati male. Siccome non so se dargli 2 o 3 preferisco non votare questo "Bluesugar". In ogni caso il lavoro è sicuramente migliore del successivo "Shake" o del tragico "Zu & Co.". Ma ormai non si capisce che strada voglia prendere Zucchero...fare paraculate o pezzi sensati? O farli entrambi? Boh.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: