Sto caricando...

A Perfect Circle
Mer De Noms

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Onestamente, è quando escono album come questi che ti senti veramente in pace con te stesso e con il mondo dopo averli ascoltati. Gli A Perfect Circle sono una rock band guidata da Maynard Keenan dei Tool e dal chitarrista Billy Howerdel. Una rock band semplicemente straordinaria. Muovendosi a metà tra rock isterico, dolci melodie, melodici arpeggi, scaricate di metal, (poche) soluzioni elettroniche e psichedelia, gli A Perfect Circle seguono un'impronta di suono che forse potrebbe derivare dai Tool, non per niente le somiglianze sono evidenti (forse potremmo considerare i Tool quasi come una band madre), ma lo fanno con una personalità e una sensibilità artistica eccelsa e indipendente che nulla ha a che vedere con la suddetta band. La stessa sensibilità che forse sarebbe richiesta a chi lo ascolterà, il disco: non è un album usa e getta questo, non un album da ascoltare superficialmente o da cui estrarre singoli.

"Mer De Noms" è un album che va ascoltato con attenzione per poter essere compreso e apprezzato a fondo, bisogna lasciarsi andare all'ascolto e abbandonare i propri sensi per un po'. Abbandonarsi al rock intenso ed emotivo di "The Hollow", perfetto brano d'apertura per un album come questo, o al ritmo soffuso di "Magdalena" dove i nostri iniziano a far notare le somiglianze con i Tool; alle distorsioni di "Rose", che mantengono il tempo e che, con quell'avvolgente assolo centrale e con i violini in chiusura la rendono una delle tracce migliori del disco. Ma bisogna abbandonarsi anche all'aggressività di Judith, agli arpeggi avvolgenti di "Orestes", alla dolcezza della bellissima "3 Libras" o alle innovazioni di "Thinking Of You" e così via fino alla conclusiva "Over" che, soffusa, con un xilofono di sottofondo e pochi minuti a disposizione, chiude un album che non posso fare a meno di definire meraviglioso. Un album avvolgente ed intenso che non posso fare a meno di consigliare a chi ascolta musica nel vero senso del termine (con le orecchie e con il cuore). In particolare credo che i fans dei Tool ameranno quest'album.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su TrentaQuattro

Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Si, in effetti ammetto di essere un pò "tirato" di voti... Perdonatemi:-)


Airone
Airone
Opera:
Recensione:
Ascoltati Burzum, lascia perdere la buona musica.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
airone, ma ce l'hai con me xkè m piace burzum? Come vedi mi piacciono anche gli A Perfect Circle (uno tra i migliaia di gruppi), quindi evidentemente non sono un blackster ottuso come forse mi avevi immaginato...


Airone
Airone
Opera:
Recensione:
Questa recensione non è adatta per una discussione su Burzum. Mi scuso per averlo citato prima.


psychopompe
psychopompe
Opera:
Recensione:
"I Fans dei Tool ameranno questo disco"....cazzo allora sono una mosca bianca! Appena uscito lo regalai ad amico, perchè spin off dei Tool, ma non riuscì a lasciarmi molto....eppure i Tool sono state una delle mie band preferite.....purtroppo però i Tool hanno un seguito di fan spesso tra il maniacale e il "sotuttoio", per cui non mi ritengo un fan, anche se li seguo da quyasi 10 annetti...beh diciamo non + tanto ora ma se fanno un disco nuovo me lo compro. Bienvenu


puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
Minchia pure a me stanno sulla minchia i Fans dei Tool anche se li seguo da quando ho 13 anni. Comunque, cosa centrino gli APC con i Tool non sò, a parte la voce del cantante :)


francis
francis
Opera:
Recensione:
Non mi interessano.


NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
Allora non te liregalo, Francis :)


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Basandomi sulle mie esperienze di ascolto, ho notato che le sonorità dei Tool e degli APC, sebbene abbiano personalità diverse, sono simili come attitudine, per questo ho ritenuto opportuno accumunarli. Poi ovviamente c'è il discorso del cantante...


M@ynardJamesKeen@n
M@ynardJamesKeen@n
Opera:
Recensione:
a proposito.. si sentirebbe chiamato in causa e si sono un portavoce ed io so tutto, legami esoterici, interviste, prese per il culo, tutto, ho gavettato sbavato concerto in emilia fuga in tour europeo enon venite acagarmi il cazzo!!!!!!!! uuuuuuuuuaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhh h
mi sto esaltando un pò troppo..


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
questo è il miglior disco rock uscito negli anni 2000. il secondo è thirteenth step. il terzo songs for the deaf.


M@ynardJamesKeen@n
M@ynardJamesKeen@n
Opera:
Recensione:
usciti 2 nuovi progetti targati a perfect circle.. eMOTIVE e aMOTIVE.. cd e dvd.. cover di imagine spettacolare e inquietantissima!


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
le altre le ho sentite... diversissime dai vecchi APC, ma INCREDIBILMENTE belle lo stesso. Molta elettronica, ma ben usata. Maynard trasformista più di Patton.


psychopompe
psychopompe
Opera:
Recensione:
orestes hai sparato una notevole cazzata a mio parere.....Maynard è un grande ma Patton lascialo dov'è dai...uno che poco + che ventenne faceva cose tipo il primo dei Mr Bungle, e poi robe tipo pranzo oltranzista.....a me piacciono entrambi ma non sono paragonabili perchè c'entra ben poco quello che fa uno con l'altro no? Ciao e cmq ben venga diventare maniaci di un gruppone come i tool e di un buon gruppo come questo...c'è gente che si esalta per Bon Jovi.....ogni riferimento a cose persone luoghi complementi oggetti è puramente casuale.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Comunque con l'ultimo dei Fantomas Patton ha diviso le opinioni... non sui capisce se sia un genio o uno che prende x il culo la gente...


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
Un vero genio sa come prendere per il culo la gente, nn sarebbe genio sennò...


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
Recensione di chi conosce da poco il gruppo, album da 5/5 e lode.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
My Perfect Enemy, tu conosci il gruppo da molto? Strano...il gruppo si è formato da poco!


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
io lo conosco dal 99, da quando si è saputo di cosa si trattasse. Conoscendo tool, danny lohner, tim alexander.


SingInTime
SingInTime
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
My Perfect Enemy, guarda che il gruppo io lo conosco benissimo, il disco è stupendo ma il massimo non lo merità, perchè non può essere paragonato ad altri dischi con lo stesso voto che si trovano qui in giro...


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
non ho mai amato soundgarden, alice in chains, stp, pearl jam e compagnia brutta, ma gli A Perfect Circle dei due primi album sono sublimi. Altro che 5/5 e lode. Recensione superficiale per un album che ha in sè talmente tanto da essere conosciuto.


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
Recensione banalotta per un disco MUST del rock di questi anni.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Guarda, a me sto disco fa parecchio schifo! Lo dico senza presunzione giuro! Anzi, se qualcuno di voi sapesse indicarmi come fare per apprezzarlo gli e ne sarei grato! L'ho ascoltato un numero infinito di volte, veramente! Ma non sono riuscito a capire cosa potesse avere di bello (eppure qualcosa di bello deve avere, se no non ci sarebbero tante persone come voi che li apprezzano). Gli elementi psichedelici sono presenti per modo di dire: sono presenti allo stesso modo che nei Radiohead, nei Porcupine Tree e in altri gruppi che della psichedelia hanno solo i rumoracci e i ritmi sonnolenti dimenticando del tutto l'invenzione melodica.Io insisto a dire che, se ai Pink Floyd, il mio gruppo preferito, togli la melodia, otterrai solo rumore. Questo perchè nei loro dischi questi elementi hanno una loro funzionalità, ma solo alla luce dell'impalcatura melodica in cui sono incastrati (se ad Astronomy Domine lasci i rumori ma togli la voce cantilenante di Barrett e l'organo Farfisa sai che palle!). Gruppi come i Radiohead o i Tool invece pretendono di fare dei ritmi esasperatamente lenti e dei groove ipnotici di sottofondo la base su cui costruire i loro pezzi.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Gli A Perfect Circle non hanno melodia, zero! Non è una mia opinione, è una verità incontrovertibile. Armonicamente non hanno nulla di particolarmente interessante, sono molto accademici e sicuramente non c'è nulla di complicato (non parlo della tecnica esecutiva) nei loro accordi. Non parliamo del contrappunto: i loro pezzi non sono certo costituiti da 10 voci diverse quindi lasciamo perdere. Dal punto di vista timbrico non mi piacciono per niente (ma questa è solo una questione di gusti) però si può dire obiettivamente che quello che fanno loro è già stato fatto e rifatto. Ultima cosa: i Tool e gli A Perfect Circle a me sembrano quasi identici, mi rendo conto che i fan vogliono per forza rivendicare l'originalità della proposta musicale degli APC ma se esaminiamo la questione con obiettività... Ovviamente i due gruppi sono diversi! Ma sono inquadrabili nello stesso genere senza ombra di dubbio: sono diversi come sono diversi gli Scorpions dagli UFO, non molto. Spiegatemi cosa vi piace degli APC, nella maniera più dettagliata possibile, perchè mi piacerebbe molto diventare un fan come voi.


Adriano Bernard
Adriano Bernard
Opera:
Recensione:
Non insultatemi i bu...oddio come si chiamano??Ah sì giusto sono i BUZZICUN,'na mandria di buzziconi, una delle band più soft e dolci, come enya... ma ora vi lascio, mi sto lasciando cullare dalla dolce arpa utilizzata nel brano-capolavoro DUNKE È LEI... forse bisognerebbe insegnare a quell'uomo religioso(ormai fa addirittura i duetti con battiato, ne è previsto un altro con britney x fine dicembre)che la parola "dunque" si scrive con la qu e non con la k. Ma forse voleva fare alla dantesca o semplicemente la lingua italiana non si addice alla sua voce soave di soprano.


Adriano Bernard
Adriano Bernard
Opera:
Recensione:
parlavo di burzzum


Styx
Styx
Opera:
Recensione:
Uno dei dischi Meravigli dell'ultima decate. Comunque, Maynard James Keenan a parte, non riesco a capire il perché si continui ad associarli ai TOOL. So' n'altra cosa...


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Ieri sera ho giocato per la prima volta a Guitar Hero. Tra le canzoni c'era Judith. L'ho suonata e sono riuscito ad arrivare fino alla fine al primo tentativo, suscitando lo stupore e l'ammirazione degli astanti. In più c'ho infilato delle facce buffe da chitarrista in trance esecutiva e delle sboronate tipo chitarra alzata sulle parti strumentali. Per una manciata di minuti sono stato allo stesso tempo eternamente nerd ed eternamente fico. Credo di essermi venuto nelle mutande.


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
i tool per me sono (o meglio erano, visto che é da un eternità che non sfornano niente) molto meglio e all inizio questo album mi deluse, in quanto mi aspettavo qualcosa alla tool; ma trattasi invece di ottimo e godibilissimo disco di rock alternativo aggiornato al decennio 00.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Mer De Noms è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link