Sto caricando...

A Perfect Circle
Mer de Noms

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Un cerchio perfetto.
Questa è la traduzione letterale del nome di questo nuovo gruppo difficilmente catalogabile, rappresentante la congiunzione completa tra poesia, musica e arte".
[Rockol Recensioni]
Mer de Noms Side Project degli A Perfect Circle noto ai più per la partecipazione del cantante frontman Maynard dei Tool è un disco di rock, ma di quel rock che non vedi l'ora che torni ad essere un genere per pochi: intenso, melodico ma allo stesso tempo graffiante non lascia un attimo di tregua.

Del progetto APC si è sentito parlare a lungo gia prima dell'uscita del loro primo (e per ora unico) album a causa della caratura dei protagonisti che lo hanno animato: Billy Howerdell (tecnico e collaboratore di Smashing Pumpkins, David Bowie, Nine Inch Nails) e Josh Freese (Vandals, Devo, Guns 'n' Roses), Paz Lenchantin splendida bassista ora in forza agli Zwan e il gia citato Keenan.

Mer de Noms il nome dell'album prende spunto dai titoli delle canzoni in gran parti nomi ognuno con una propria storia sia questa frutto delle proprie azioni o sia il peso di un nome. Magdalena, simbolo biblico della prostituzione, viene adorata come una "black madonna" al punto che per un bacio, un solo bacio: "I lost my self control, I'll sell my soul, my self esteem, one kiss one taste of you my Magdalena" tutto intorno diventa sacro e puro più degli altari nel tempio e a fare questo è solo la forza dell'amore.
The Hollow è una disperata richiesta di saziare il desiderio (sexual being) che ferisce come una lama diretta al cuore, che cresce sempre consumandoci lentamente... "It's time to bring this fire down" dice alla fine la canzone il cui tono è quello di una richiesta tanto drammatica spontanea quanto innocente.
L'amore e il desiderio sono temi fondamentali di questo album che gli toglie una veste morale per mostrarne la naturale bellezza e purezza, il trasporto emotivo nelle canzoni di cui ho parlato è notevole ed è uno spunto su cui riflettere a mio parere.

L'aspra critica alla morale invece la fa da padrona nella canzone Judith: "You're such an inspiration for the ways that I will never ever choose to be. Oh, so many ways for me to show you how your savior has abandoned you. Fuck your God, your Lord, your Christ" è forte l'invito a trovare se stesse al di fuori di modelli e vie gia percorse senza mortificare se stessi... Un'annotazione particolare onde evitare proteste: il verso recita chiaramente :"fuck YOUR God, YOUR Lord, YOUR Chirst".

Seguono le splendide Orestes e 3 Lybras entrambe dolcissime ballate, talmente intense da far venire i brividi... la prima è un crescendo che verso la fine esplode in una minaccia tanto accorata da sembrare una supplica mentre la seconda è una ballata vera e propria: aperta da un tanto semplice quanto splendido giro di chitarra che ci introduce nelle liriche: intima è disperazione di essere solo un nome tra milioni negli occhi e nei ricordi di un'amore che non vede più nulla... neppure il suo passato.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su TrentaNove

M@ynardJamesKeen@n
M@ynardJamesKeen@n
Opera:
Recensione:
eteis. - òretiel..Aìvolotlia.


turkish
turkish
Opera:
Recensione:
√ Rockol - la musica online è qui - Novità Musicali

Se fai copia e incolla da altre recensioni dovresti citarne la fonte! Per questa volta lo facciamo noi...


tabba
tabba
Opera:
Recensione:
che sgamata!!!


turkish
turkish
Opera:
Recensione:
dicci da dove ha preso il resto gazzolo!


Kurz
Kurz
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
basta dire cazzate chicco è lo stesso che scrive per rockol e citare se stesso non è vietato


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
copiata o non copiata gran recensione situazionista-pop


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
"Un cerchio perfetto.
Questa è la traduzione letterale del nome" .cazzo che letterati linguisti a rockol. in effetti non serviva copiarli, come incipit é piuttosto scemo e di scarso aiuto pure per chi ha fatto solo un anno di inglese.


Kurz
Kurz
Opera:
Recensione:
ci vuole il libro nero, anzi, questa è una de-proposta


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
la frase copiata non finisce lì


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ragazzi ma voi siete fuori è mia e assolutamente mia... parlo come unico album perchè l'ho fatto diverso tempo fa! Frega na sega di mettere rece non mie... heheheheh


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
ahahahhah ho e secondo te le virgolette cosa cazzo significavano??? Cosa ho copiato una riga??? Bhhaaa me le tengo per me le recensioni la prossima volta bye bye!


M@ynardJamesKeen@n
Opera:
Recensione:
ol ovepas! avoilotila.. resta noc ion-------anx3ar


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Maynard il succo lo ho capito ma mi piacerebbe parlarti direttamente... stanotte senza capire "avoilotila" e "anx3ar" non dormo! :D


turkish
turkish
Opera:
Recensione:
Guarda che non mettiamo in dubbio che sia tua. Potevi almeno aggiornarla, no?


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
NON METTETE IN DUBBIO CHE SIA MIA??? DOPO UNA PIOGGIA DI UNO... DI COMMENTI TIPO "VERGOGNA" "CHE SKIFO"??? CMQ POTRESTE METTERE IL NICK QUANDO POSTATE TROPPO FACILE FARE COSI. MA LA COSA PIù BELLA E PER QUEL COGLIONE CHE CHIEDEVA DA DOVE AVEVO PRESO IL RESTO... MANNAGGIA CHE PURE LUI FA L'ANONIMO CI PARLEREI VOLENTIERI A 4 OCCHI.


Rooster
Rooster
Opera:
Recensione:
"A Perfect Circle" = "Tool" + commerciali. CD discreto.


cliffburton86
cliffburton86
Opera:
Recensione:
buona rece. mi spieghi cosa vuol dire "Mer de Noms Side Project degli A Perfect Circle"? p.s. fregatene degli anonimi


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
"mer de noms"? se fossi un po' pugliese e un po' anglo-piemontese ci arriveresti di sicuro...oppure basta avere un BRICIOLO DI FANTASIA!


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
premesso che rooster è un idiota che non ha mai ascoltato bene né tool né apc, questo è semplicemente il miglior disco hard rock uscito dal 2000 ad oggi. Io amo gli AIC, ma questo è meglio di qualsiasi disco di Cantrell e soci. Sparatelo in bocca.


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
rooster al rogo, they were right about you


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
rooster brucia. sono meglio degli alice in chains, che hanno azzeccato un solo album. anche da acustici, gli prendono mille giri. altro che paragoni idioti coi tool.


3poundsoflove
3poundsoflove
Opera:
Recensione:
rooster cagati in mano mentre ascolti down in a hole, qui ci sono orestes e 3 libras che sono molto più belle.


Rooster
Rooster
Opera:
Recensione:
Tu devi essere malato, e di brutto, altrimenti non si spiega il tuo delirio.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Brigitta non la vedrai mai dal vivo; e se la vedrai non te la darà mai!!!!!!!!


(matteo)85
(matteo)85
Opera:
Recensione:
Buona recensione, Kikko. Anche le altre due, comunque, meritano: io sono dell'avviso che una recensione per album (soprattutto se suggestiva come la prima, quella scritta da Maynard) sia sufficiente, ma mi ha piacevolmente sorpreso leggere tre recensioni tre di alto livello. Quanto all'album, niente da dire: è raffinato ed emotivo a un tempo, davvero notevole.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Disco splendido, li batte tutti.
La recensione però fa cagare.


El Chupacabra
El Chupacabra
Opera:
Recensione:
do ragione a te, Rooster, questo anonimo é del tutto pazzo dicendo che questi nu metallozzi camuffati sono meglio degli AIC. poi con la sparata "il miglior disco hard rock uscito dal 2000 ad oggi" si vede che di hard rock conosci poco o niente. riguardo questi APC personalmente non mi sono mai piaciuti, la voce poi non mi comunica una mazza e la musica é troppo NU per piacermi. é il NU che rovina ogni cosa!


johnp1983
johnp1983
Opera:
Recensione:
Il disco, è senza dubbio il migliore degli APC...tuttavia sarebbe stato meglio scrivere la recensione con alla mano i reali significati delle canzoni, così da avere almeno cognizione di cosa si stesse scrivendo. Un esempio? "Judith", dedicata alla madre di Maynard (Judith Marie Keenan appunto)...che tratta della morte della stessa e della sua fede immotivata in Dio.
Cerca di migliorarti la prossima volta.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Mer de Noms è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link