Sto caricando...

Älgarnas Trädgård
Framtiden är ett Svåavande Skepp, Förankrat i Forntiden

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Mi ricordo che in quel periodo leggevo quel librone di Dottor Ieschi, “Derelitti in castigo”. Oddio, uno svasamento di gonadi terribile, però c’era un’atmosfera di fondo piuttosto affascinante. La stessa atmosfera che spesso si ritrova nei dischi degli autori nordici: goccioline di nebbia, atmosfere cupe e tediose, pacatezza, doom, fughe spaziali e psichedeliche di chitarre dalle note lunghe e, volutamente, inconcludenti, cantati che paiono provenire da dimensioni lontane ed assonnate e, di fondo, tastieroni malati di protagonismo costretti, invece, a fare da comparsa. Eccoci.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

R13569920
R13569920
Opera:
Recensione:
Ah, lo conosce pure qualcun altro, 'sto disco. Recensione un pelino - come dire - stitica, ma insomma ci siamo capiti, no? Perdonami davvero, Score Angel, ma direi almeno che il disco è del 1971, sennò uno pensa ai corsi e ricorsi storici e riflussi underground. No, è uno degli originali. Contiene tracce di Third Ear Band, King Crimson, Hawkwind degli esordi, Can, Faust, Pink Floyd, Popol Vuh e Tangerine Dream. Per dire.


hjhhjij: Tu come definiresti la musica della Third Ear Band ? No perché di tutti i riferimenti sono gli unici di cui sono all'asciutto.
R13569920: Esoterica, orientaleggiante, misteriosa, world e krautrock insieme. Un incrico tra Embryo e Popol Vuh, insomma... tra i Can di 'Tago Mago' ed i Tangerine Dream di 'Atem', con un pizzico non indifferente degli Oregon di McCandless e Ralph Towner.
R13569920: Esoterica, orientaleggiante, misteriosa, world e krautrock insieme. Un incrico tra Embryo e Popol Vuh, insomma... tra i Can di 'Tago Mago' ed i Tangerine Dream di 'Atem', con un pizzico non indifferente degli Oregon di McCandless e Ralph Towner.
hjhhjij: Wow, cazzo di aspettative alte :)
TheJargonKing: la descrizione fatta da Chicco mi vede concordare :)
hjhhjij: Benissimo. Ripeto: Wow
hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
La cosa allucinante è che l'ho appena adocchiato mentre cercavo su Discogs gli album dei Siloah. Che tempismo.


TheJargonKing
TheJargonKing
Opera:
Recensione:
Stai cercando un tuo stile e direi che sei sulla buona strada. Questi sono forti assai. Un sound forse non originalissimo che a tratti appare come se i Pink Floyd avessero imparato a suonare (che nessuno si offenda, spero). Comunque un gran disco, bene hai fatto a proporli. Ancora una cosa. ma metterci quella parolina "progressive" fa tanto male?


R13569920
R13569920
Opera:
Recensione:
Guai se i Pink Floyd avessero imparato a suonare!


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
E beh, ci ha ragione il Re Giargone, sei un bel scrittoio tu, scoretrattinodisottoangel, neanche tanto in cerca, mi sembra vada già bene così. Belli anche il nome del gruppo e titolo del disco, tutti quei pallini sulle lettere. Magari è bello anche il disco, adesso lo cerco. Ciao


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Buzzin' Fly
Buzzin' Fly
Opera:
Recensione:
Mai sentiti nominare, potrebbero essere interessanti. La scena psycho-prog del Nord Europa per quanto mi riguarda è tutta da esplorare.


hjhhjij: Invece io ascolterò a breve i Siloah, beccati nella tua "rubrica" di questi giorni.
TheJargonKing: forti anche loro. Se ti mancano vedi anche Eiliff, Emtidi e Ikarus
TheJargonKing: forti anche loro. Se ti mancano vedi anche Eiliff, Emtidi e Ikarus
R13569920: Soprattutto Emtidi, 'Saat'
Buzzin' Fly: " Saat " è uno dei punti più alti del Kraut.
hjhhjij: Ho sentito per intero il secondo dei Siloah intanto "Sukram Gurk" (1972, secondo e ultimo). Bel disco, gli manca decisamente "quel guizzo in più" ma 40 minuti di buonissima psichedelia te li fa passare. Bello. Il primo, quello suggerito da Buzzin', lo ascolterò al più presto. E grazie per gli ennesimi nomi sconosciuti sviscerati.
hjhhjij: Ho sentito per intero il secondo dei Siloah intanto "Sukram Gurk" (1972, secondo e ultimo). Bel disco, gli manca decisamente "quel guizzo in più" ma 40 minuti di buonissima psichedelia te li fa passare. Bello. Il primo, quello suggerito da Buzzin', lo ascolterò al più presto. E grazie per gli ennesimi nomi sconosciuti sviscerati.
geenoo        .
geenoo .
Opera:
Recensione:
E' venti anni che cerco di comprarlo ma mi blocco sempre quando devo pronunciare il titolo al negoziante sotto casa.


R13569920: Tanto non ce l'ha...
odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Davvero un bel disco, signor score_angel. Bella dritta. Visto il ginepraio di bands che attraversano ancora oggi questi territori, spesso con palesi attitudini "retrò", bene ha fatto il Chiccotana a informarci che "No, è uno degli originali". Sto ascoltando la traccia 3, "Children Of Possibilities" e ho incontrato la linea melodica , quasi completa, di "Un blasfemo" di De Andrè, (Mai più mi chinai e nemmeno su un fiore, più non arrossii nel rubare l'amore...ecc) dall'album "Non al denaro, non all'amore né al cielo", guarda un po' del 1972, proprio come questo. Che certe melodie si generino in certi momenti in luoghi distanti come fioriture spontanee e simultanee? - p.s. Credo di aver sbagliato il voto al disco, che per me è 4


odradek: no, il voto era giusto
TSTW
TSTW
Opera:
Recensione:
Figata.Mandane una settantina al giorno!


Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Bella sì, ma davvero la data ci voleva. Perché se non fosse stata così piccina rischiava che non la leggevo (commento chiaro e sintatticamente ineccepibile, vero?).


RIBALDO
RIBALDO
Opera:
Recensione:
ammazza che palle/lagna sto disco... ho retto 10 minuti.


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
A tutti coloro a cui piace questo disco consiglio un sacco Echo di Achim Reichel


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Framtiden är ett Svåavande Skepp, Förankrat i Forntiden è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link