Belinda Starling
La Rilegatrice dei Libri Proibiti

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Cosa cerchiamo in un libro: originalità, avventura, passione, intrigo, amore, sesso, buoni sentimenti, grandi emozioni, un pizzico di perversione? Spesso non scegliamo, è il libro che ci sceglie, ma non sempre ce ne accorgiamo e così, deliziati da un'innumerevole quantità di libri che ci sorridono, ben ordinati, dagli scaffali, quella sera decidiamo di orientarci su un'opera prima.

Keywords: legatoria, libri, libri proibiti, rilegatrice.

Dora Damage, giovane moglie di un famoso rilegatore di libri londinese, è la protagonista che deve far fronte all'imprevista inabilità totale del marito, affetto da una forma grave di artrosi deformante alle mani; sostituendosi a lui in bottega infrange leggi non scritte, ma che vietano alle donne di occuparsi oltre i lavori domestici.

Dora è molto capace e creativa: le stoffe orientali, le pelli pregiate, le filigrane in oro, tanti piccoli oggetti apparentemente insignificanti, acquistano, nelle sue mani, uno splendore ed una bellezza, che ben presto attirano l'attenzione di un gruppo di bibliofili aristocratici, capeggiati da Lord Knightley, amanti di libri che trattano argomenti vari e che spaziano dall'anatomia umana alla pornografia pura.

Rilegare libri pornografici diventa ben presto peggio di una prigione: non può più abbandonare il progetto, salvo ritorsioni così pesanti che la porteranno a numerosi ripensamenti e ad altrettante intimidazioni nei confronti dei suoi familiari.

Siamo nella Londra del 1859, agli albori dell'emancipazione femminile e all'avvio della lotta al razzismo in America; nel laboratorio la nostra eroina è aiutata dal giovane apprendista Jack, gentile e affezionato, e da Din, un ex-schiavo nero americano, che segnerà il destino di Dora.

La situazione dell'editoria dell'epoca è legata, indissolubilmente, all'Index Librorum Prohibitorum, istituito da Papa Paolo IV nel 1559.

L'Index fu abolito definitivamente solo nel 1966 da Papa Paolo VI, dopo quattrocento anni di censura operata sulle letture permesse al popolo credente: My God, incredible!

All'epoca Vittoriana, tante limitazioni e la possibile incarcerazione se trovati in possesso di libri messi all'indice, portarono al fiorire di un mercato clandestino di opere proibite, pagate profumatamente e ad uso esclusivo di una classe aristocratica tanto ricca, quanto dissoluta, debosciata e lontana mille anni luce dalle primarie necessità del popolo.

In questo romanzo, che taluni definiscono storico, i libri sono al centro del racconto con l'amore, la passione, l'ossessione per i loro contenuti: tutti i sensi son tesi a percepire le sensazioni olfattive, visive e tattili che essi trasmettono. Chi ama i libri si riconosce in qualcuna di queste sensazioni?

Un accenno alla narrazione è dovuto: scorre fluida e senza brusche interruzioni per buona parte dello scritto; i personaggi sono ben descritti, come la Londra sporca, puzzolente e trasudante malvagità del XIX secolo; il finale è probabilmente il punto debole: situazioni improbabili, sembra arrivare in modo troppo veloce e frettoloso, in ogni caso, poco credibile.

E' un libro insolito, originale, sicuramente tratta di argomenti poco noti, come la pornografia nel XIX secolo; non è un capolavoro, ma forse proprio la presenza dei difetti di fabbrica, ce lo rendono più attraente.

Semmai decideste di leggerlo, sappiatelo, quei libri, i veri protagonisti, vi terranno compagnia con tutta la forza del loro fascino perverso.


Questa DeRecensione di La Rilegatrice dei Libri Proibiti è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/belinda-starling/la-rilegatrice-dei-libri-proibiti/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciannove)

LeoVanexx
Opera: | Recensione: |
!i!i!i! <3 <3 <3 OtTiMo LaVoRo <3 <3 <3 !i!i!i!
BËL (00)
BRÜ (00)

madcat
Opera: | Recensione: |
ciao geo, brava
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grandiosa. Voglia di leggerlo.
BËL (00)
BRÜ (00)

AJM
AJM
Opera: | Recensione: |
Bella descrizione
BËL (00)
BRÜ (00)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Approposito di quattri-centi anni passati invano, se pensiamo che solamente nel 1992, dopo soli 4 secoli-seculorum di ostracismo e condanna, papa Giovanni Paolo II ebbe infine il "coraggio" di ritirare la abiura della Chiesa cattolica sullo scienziato Galilei, riconoscendo di fatto la verità scientifica delle Sue teorie, il citato Librorum appare quasi Acqua Fresca (NO! Cagliari inutil-soccer relationshoppers). Gradevole et inquriosente DePaginae. Or Vuar.
BËL (01)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Che incipit sfizioso! Solo una cosa (ho letto di fretta e magari mi è sfuggito): quando è stato pubblicato cotal liberculucciolo?
BËL (00)
BRÜ (00)

Geo@Geo
Opera: | Recensione: |
Ben trovati! Il libro è stato pubblicato in GB nel 2006 con il titolo originale "The Journal of Dora Damage", in Italia da Neri Pozza nel 2008 ed ultimamente da BEAT. Ho trovato molto "buona" la traduzione di Massimo Ortelio, ormai i traduttori assurgono al ruolo di scrittori in certi passaggi e spiegazioni difficili:)
BËL (00)
BRÜ (00)

Geo@Geo
Opera: | Recensione: |
Volevo solo aggiungere una cosetta: avevo in mente di inviarla per l'otto marzo, ma in realtà non ho mai festeggiato la festa della donna (credo che tutti, a parità di trattamento, si debbano conquistare i riconoscimenti sul campo) e le "quote rosa" mi fanno un po' sorridere;)... ecco vi invio un bel linketto: IL GIALLO '8 MARZO' MA QUELLA DATA E' UN FALSO STORICO - la Repubblica.it e adesso quest'altro: Quella svista sull' 8 marzo
Chi ha ragione? Chi mente?
BËL (00)
BRÜ (00)

IL SICILIANO
Opera: | Recensione: |
l'otto marzo commemora mia nonna, quel giorno annunciò la sua tredicesima gravidanza
BËL (02)
BRÜ (00)

Geo@Geo
Opera: | Recensione: |
Neanche la "pornografia" attira più i giovani:;)) Grazie ai vecchietti, intendo per iscrizione al sito ovviamente:DDDD
BËL (00)
BRÜ (00)

fosca
fosca Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ciao Geo, scusa il ritardo ma non riesco a guarire da questa diavolo di influenza e sono più bradipo del solito. Oooohhhh, che bella recensione, di lei non ne sapevo nulla (e manco dell'interessante linko PAPIllo-gustativo) e mi viene un'irrefrenabile voglia di rimediare. Tu sempre bloody interesting per rimanere in tema :)
BËL (00)
BRÜ (00)

LucyPher
Opera: | Recensione: |
Vecchietti? Chi ha parlato di vecchietti? Cool!
BËL (00)
BRÜ (00)

drunkedQueen
Opera: | Recensione: |
Quante belle femmine, mancavo solo io! (?). Non conosco il libro ma la recenzia scorre fluida e persuasiva. Che dirti, mi invoglia. L'8 marzo non è l'8 marzo?? Sticazzi, io ho ricevuto solo le pseudomimose del pivello Korrea! :) Ciao Geo!
BËL (00)
BRÜ (00)

IL SICILIANO
Opera: | Recensione: |
Vecchi? Diversamente giovani
BËL (01)
BRÜ (00)

Geo@Geo
Opera: | Recensione: |
Finally: un libro scritto da una donna, sulle donne in emancipazione (e che donne!), merita qualche commento femminile;)) Per il resto: balle, qui di vecchietti ne ho incontrati... nessuno:DDD
BËL (01)
BRÜ (00)

enbar77
Opera: | Recensione: |
Brava @Geo. Segnalazione interessante!
BËL (00)
BRÜ (00)

reverse
Opera: | Recensione: |
interessante, e stavolta non sono cazzaro.
BËL (01)
BRÜ (00)

Geo@Geo
Opera: | Recensione: |
Anche se in ritardo, graZie a tutti.
BËL (00)
BRÜ (00)

Tsunami
Opera: | Recensione: |
Ritengo che il libro meriti almeno un pallino in più. Non sono ben specificati i personaggi maschili, ma scommetto che non è un caso! Giusto?
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: