Black Rebel Motorcycle Club
Wrong Creatures

()

Voto:

Il primo grande ritorno in ambito rock di questo 2018 è una bomba assoluta.

L’ottavo e nuovo lavoro in studio degli statunitensi Black Rebel Motorcycle Club, “Wrong Creatures”, è un album strepitoso. Brutto, sporco e cattivo come da tradizione della casa, nonché un incredibile ritorno ad uno stato di forma stellare dopo due buone prove, ma non eccezionali, come “Beat The Devil’s Tattoo” e “Specter At The Feast”.

Prodotto da quella garanzia assoluta che risponde al nome di Nick Launay (sodale di Nick Cave) ed anticipato dal furioso rock ‘n roll dell'ottimo singolo “Little Thing Gone Wild”, “Wrong Creatures” non è il ritorno introspettivo che molti aspettavano (viste le vicissitudini attraversate dalla band negli ultimi anni, su tutte la malattia della batterista Leah Shapiro), ma un cazzotto dritto in pancia. Un disco fondamentalmente rock con pochissimi momenti di quiete, che fonde alternative, indie, psych, garage e una spruzzata di shoegaze senza perdere colpi, anzi amalgamando il tutto in maniera incredibilmente efficace. Pezzi come “Ninth Configuration” e “Question Of Faith” sono ormai un trademark in tutti i sensi per la band statunitense.

Dopo un intro marziale e funerea come “DFF” ci si aspetta una pronta discesa verso gli inferi, invece Peter Hayes e soci sorprendono con “Spook”, pezzo alt sporco e polveroso con una ritornello caldo ed avvolgente, e “King Of Bones”, altro rock dritto per dritto martellante ed incisivo. Il primo momento di quiete arriva con il blues gotico di “Haunt” ed “Echo”. Quest’ultima merita la palma di miglior brano del disco; un mid-tempo perfettamente calibrato, a metà strada tra il Lou Reed di “Walk On The Wild Side” e Jesus And Mary Chain.

Ci sono persino segni di un aggiornamento nel sound nell’accoppiata “Calling Them All Away” e “Circus Bazooko”, entrambi pezzi che si prendono i propri tempi nel costruire la base per una complessità (emozionale, ma anche nella proposta musicale) mai rilevata fino ad ora nell’offerta della band. E c’è anche un finale sorprendente come “All Rise”, brano bellissimo, stellare, costruito partendo da un piano cupo e soffocato per arrivare all’esplosione sonora del finale.

“Wrong Creatures” è un disco splendido, probabilmente il migliore dei BRMC. Un lavoro tremendamente a fuoco che alza l’asticella delle aspettative per il futuro del trio capitanato da Peter Hayes.

Brano migliore: Echo

Questa DeRecensione di Wrong Creatures è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/black-rebel-motorcycle-club/wrong-creatures/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quindici)

algol
Opera: | Recensione: |
Ah. Sembrano esserci tutti gli ingredienti per un (finalmente) ritorno a livelli abbandonati da tempo. Mi fido.
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Io li ho sempre trovati largamente sopravvalutati..se il disco d'esordio (ma in fondo anche qualcosa di "take them...") era quantomeno salvabile poi mi pare abbiano cucinato sempre le stesse minestre..insomma il loro sound può pigliare ma poca, pochissima capacità di stupire sul medio/lungo periodo..rece molto buona
BËL (01)
BRÜ (00)

gate
gate Divèrs
Opera: | Recensione: |
sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Uno dei miei gruppi preferiti, lo ascolto nel pomeriggio se ho tempo.
BËL (01)
BRÜ (00)

BortoloCecchi
Opera: | Recensione: |
Recensione entusiasta che mi ha portato ad ascoltare i BRMC dopo tantissimi anni. Post-ascolto non sono così entusiasta come te, ma é sicuramente un buon disco.
BËL (01)
BRÜ (00)

odradek
Opera: | Recensione: |
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Francamente non mi hanno mai detto nulla, hanno messo un timbro al loro suono, sono diventati termine di paragone per un cosa che è stata malamente copiata.Sembra sempre di sentire altri dischi. Io non capisco fanno a pezzi il primo dei Strokes e le stesse persone esaltano il primo di questo gruppo, usciti lo stesso periodo. Magari questo è bello, magari hanno un minimo di personalità. Comunque il tuo entusiasmo è mirabile, contagioso.
BËL (01)
BRÜ (00)

GrantNicholas: Io non faccio a pezzi nessuno dei due ahahahahahaha mi piacevano entrambi
ALFAMA: Certo, lo sapevo. Giusto per fare un commento
DeBabos
Opera: | Recensione: |
Non capisco come uno possa definire il disco come il migliore della band dopo averlo ascoltato forse due o tre volte...
è da vedere se resiste alla distanza...
Gli ultimi due dischi sembravano molto buoni ai primi ascolti ma hanno decisamente perso di valore sul lungo periodo...
Cmq speriamo bene
BËL (01)
BRÜ (00)

GrantNicholas: Non l'ho ascoltato due o tre volte, in ogni caso, penso di esser stato intorno al quindicesimo ascolto al momento di scrivere la recensione. Ribadisco che per me è il migliore della band. Gli ultimi due dischi sono sufficienti o poco più, e anche il tanto acclamato esordio per me non era così fondamentale. Di conseguenza posso già sbilanciarmi, personalmente lo ritengo il migliore.
DeBabos
Opera: | Recensione: |
E' uscito oggi e dura un'ora. La rece è stata scritta questa mattina...Non capisco come hai fatto ad ascoltarlo 15 volte...
Comunque ad un primo ascolto suona piuttosto bene...speriamo
BËL (00)
BRÜ (00)

GrantNicholas: Come ben saprai c'è la possibilità di avere i dischi anche prima dell'uscita ufficiale. In ogni caso se quella è la motivazione per dare uno ad una recensione va bene così.
DeBabos: Ho dato una stella perchè la musica non è solo contestualizzare il gruppo e cercare di definirne i generi e i suoni.
La tua recensione è una descrizione del suono del disco analizzato canzone per canzone.
Questo è un disco molto disilluso se dai un'occhiata ai testi.
E' un album cupo nelle parole oltre che nei suoni.
GrantNicholas: Ok, ci mancherebbe
definitelyalex
Opera: | Recensione: |
Il migliore disco dei BRMC in assoluto probabilmente no (l'album di debutto resta per me un gradino sopra), ma è già candidato ad essere uno dei migliori dell'anno. "Circus Bazooko" una vera chicca poi.
BËL (01)
BRÜ (00)

blues4theredsun
Opera: | Recensione: |
Di loro ho avuto tra le mani solo "Howl", e l ho consumato. Non ho mai approfondito gli altri non so porque..
BËL (01)
BRÜ (00)

GrantNicholas
Opera: | Recensione: |
È l'album più particolare. Ti consiglierei il primo, fondamentale, e il secondo che personalmente amo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Taurus
Opera: | Recensione: |
Mai ascoltati. Probabilmente partirò ascoltando qualcosa da questo.
BËL (01)
BRÜ (00)

madcat
Opera: | Recensione: |
Beh, il primo è una delle più belle uscite dei primi '00, il secondo non mi aveva fatto impazzire e poi non li ho più seguiti (ho letto che Howl, merita, è vero?). Dopo aver letto la tua rece questo almeno tocca ascoltarlo.
BËL (01)
BRÜ (00)

GrantNicholas: Howl è un gran disco
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
I BRMC li ho sempre apprezzati più per le singole canzoni che per gli album. Questo mi sembra buono quasi tutto come il loro esordio.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: