Sto caricando...

Boredoms
Super Roots 6

()

Voto:

L'equivoco principale a proposito dei Boredoms consiste nell'essere considerati un gruppo noise. Fatto che non è completamente esatto, se si considera il frullato di stili (fra gruppo principale e side projects) con i quali i nipponici si sono cimentati nel corso della loro carriera.

Ulteriore passaggio poco ortodosso (in un percorso artistico che ha fatto dell'eterodossia il suo credo) "Super Roots 6" è il quinto di una serie di dischi "completamente improvvisati" a detta del leader Yamatsuka Eye, e rappresenta una decisa svolta verso un approccio meno folle e più sperimentale. Le bizzarrie comunque non mancano, a cominciare dalla scelta di intitolare i brani con dei semplici numeri, non corrispondenti pero' con l'ordine delle canzoni. Ulteriore sconcerto arriva dalla musica, visto che i Boredoms di questo disco - se paragonati con quelli dei dischi precedenti - sono a dir poco irriconoscibili.

Il lavoro è avvolto in una austerità tale che sembra suonato da dei monaci buddisti, non fosse altro per il tono meditabondo della maggior parte delle composizioni. Dal delirante eclettismo degli esordi, si è passati ad un approccio minimale, esemplificato dall'estromissione tanto dei "gorgheggi" di Eye quanto delle dissonanze che sconvolgevano ogni idea di linearità. Emblematica è la scomparsa della dialettica fra i vari strumenti, dato che nella maggior parte dei brani è un unico strumento a portare avanti un "groove" o un surrogato di armonia. E' paradossalmente un disco poliedrico, in bilico fra funk acidissimo e silenzi ambient(ali), nenie percussive e organi krauti, techno ridotta ai minimi termini.

Questo è il genere di disco che renderebbe meno arduo il compito di presentare l'umanità agli extraterrestri, se venisse messo su una sonda spaziale. Forse.

Commenti (Dodici)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Sono sempre stato curioso di ascoltare la band tua omonima. Dimmi il disco che secondo te farei meglio ad ascoltare per primo (se poi c'hai pure un linkino a portata di mano...:)) ). Nel frattempo: ottima recensione, as usual.


UhuhPanicoUhuh
UhuhPanicoUhuh
Opera:
Recensione:
A me piace molto Vision Creation Newsun, questo mi manca. Bella segnalazione.


ProgRock
ProgRock
Opera:
Recensione:
Prima o poi li approfondirò, mi sembra di capire che son quel tipo di Jappi che ti sfiniscono mentalmente e fisicamente con l'ascolto, molto interessante.Ma guarda un po' questi utenti che si autopubblicizzano...


Dopesmoker
Dopesmoker
Opera:
Recensione:
Il cinque e il nove sono anche meglio di questo, per quanto mi riguarda!


boredom
boredom
Opera:
Recensione:
Allora: i sampli non sono riuscito a metterli, sul sito di Amazzone ne trovate in quantità (http://www.amazon.com/Super-Roots-6-Boredoms/dp/B000M06KAW/ref=sr_1_2?ie=UTF8&qid=1302462395&sr=1-2). Progrock, in realtà questo è un disco molto meditativo, considerando che si tratta di materiale di metà anni Novanta, per il periodo era musica parecchio avanti rispetto a quello che si sentiva in giro. Bartolo, io ti consiglio di iniziare se vuoi da questo; pero' se vuoi ascoltare robba che al tempo stesso sia esilarante ma capace pure di mandarti dallo psichiatra, vai sul sicuro coi primi dischi (ti ho mandato un privato).Grazie a tutti per essere passati!


Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Bella recensione. Conto di ascoltare.


Appestato mantrico
Appestato mantrico
Opera:
Recensione:
Uh, questa serie mi è totalmente sconosciuta. Sono meritevoli gli altri episodi? Bella rece!


macaco
macaco
Opera:
Recensione:
pretazzo
pretazzo
Opera:
Recensione:
Questi li ho sentiti nominare tante volte, ma non mi sono mai deciso ad ascoltarli. Potrebbe essere la volta buona che mi butti a capofitto nei deliri dei gruppi psych-noise-freak giapponesi!!! Ciao Bore :-)


boredom
boredom
Opera:
Recensione:
Appestadu: il disco numero 5 di questa serie è composto da un unico brano lungo 60 minuti (!). Su un vecchio numero di Blow Up se ne parlava come di una immaginaria (e mostruosa) jam session fra Tangerine Dream, Pink Floyd e My Bloody Valentine. Io a questi livelli di delirio non sono mai arrivato, ma se vuoi provare...dei dischi successivi di questa serie non saprei dirti. Saluti pure a Pretazzo, grazie anche a chi ha solamente letto.


47
47
Opera:
Recensione:
rece davvero bella, m'hai fatto venire in mente le improvvisazioni di yeti, degli amon duul II.. c'azzecca?


Dopesmoker
Dopesmoker
Opera:
Recensione:
Ribadisco, cercatevi il cinque e il nove di questa serie!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Super Roots 6 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link