Sto caricando...

Candy Claws
Ceres & Calypso in the Deep Time

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Atmosfere da favola, sensazioni tropicali e armonie avvolgenti... Queste e tante altre cose sono riscontrabili su "Ceres & Calypso in the Deep Time", album della band shoegaze americana Candy Claws pubblicato nel 2013.

Proprio come copertina e titolo sembrerebbero accennare, "Ceres & Calypso" è un concept album in cui vengono narrate le avventure di una ragazzina (Calypso) insieme alla sua foca bianca (Ceres), catapultate indietro nel tempo, durante l'era mesozoica. Fra strane creature, foreste inesplorate e ponti ricavati da alberi caduti come temi principali trattati all'interno delle liriche, lo stato d'animo complessivo che scaturisce dalla proposta musicale dei Candy Claws risulta in un modo o nell'altro giocoso.

L'opera è suddivisa in dodici tracce raggruppate in tre sezioni, che rappresentano rispettivamente i grandi periodi dell'era mesozoica: triassico, giurassico e cretaceo. Aspetto peculiare di ogni traccia è quello di contare su un titolo doppio, il quale permette all'ascoltatore di immedesimarsi in maniera più accurata attorno agli scenari naturali raffigurati su "Ceres & Calypso".

L'avventura inizia con "Into the Deep Time (One Sun)", da cui ci si può immediatamente accorgere dell'influenza stilistica principale dei Candy Claws. Parlo ovviamente dei My Bloody Valentine... Dei My Bloody Valentine tuttavia un pò insoliti - alle prese con un mondo verdeggiante, incontaminato dagli esseri umani. Lo stile prevalentemente shoegaze caratteristico dei Candy Claws risulta ad ogni modo improntato da tante influenze differenti tra loro, riscontrabili sulle varie tracce. Non mancano ad esempio riferimenti al gothic rock ipnotico dei Lycia, che si può chiaramente notare su "Fell in Love (At the Water)", oppure alla psichedelia surfeggiante dei Beach Boys, come invece è avvertibile su "Pangaea Girls (Magic Feeling)". Particolarmente apprezzabili anche "Transitional Bird (Clever Girl)", impregnata da un retrogusto alquanto nostalgico, la misteriosa "Charade (Fern Prairie)" e "Night Ela (Mystic Thing)", contenente dei beat in stile trip hop. Al contrario, la parte meno interessante dell'album a livello musicale coincide con la traccia finale, "Where I Found You (One Star)", in quanto reinterpretazione della prima ai fini del concept.

Lo scopo principale della ricercatezza sonora presente su "Ceres & Calypso", come leggermente accennato prima, è quello di trasportare la mente dell'ascoltatore all'interno del mondo fantastico illustrato dall'opera stessa, attraverso suoni sognanti, ritmiche dinamiche e armonie dal sapore trascendentale.

«Un sogno tangibile, che quasi ti soffoca in un abbraccio» - ammetto di aver pensato a tante definizioni per tentare di descrivere la bellezza atmosferica creata dai Candy Claws su "Ceres & Calypso", ma questa mi è sembrata la più adatta per ovvie ragioni.

Io, personalmente, lo reputo uno degli album più unici e interessanti all'interno del panorama dream pop e shoegaze. Vorrei quindi consigliare a tutti gli amanti dei generi citati poc'anzi d'immergersi in cotale ascolto, almeno una volta nella vita.

Commenti (Sei)

CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Interessante (e il pezzo postato e la pagina)..


Seafarer: Grazie! Poi fammi sapere, ti dovesse capitare di ascoltare l'album nella sua interezza.
Seafarer
Seafarer
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «Ho soltanto apportato una modifica a una frase che non mi piaceva.». Vedi la vecchia versione Ceres & Calypso in the Deep Time - Candy Claws - recensione Versione 1


Seafarer
Seafarer
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «*"contenente", modifica di "contenete". Errore di battitura.». Vedi la vecchia versione Ceres & Calypso in the Deep Time - Candy Claws - recensione Versione 2


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Discone da vari punti di vista


SeafarerII: Sono contento che ti piaccia (o sia piaciuto). Grazie anche per il commento.
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
PS lo approccerei da un punto di vista psych pop più che shoegaze o dream pop


s7
s7
Opera:
Recensione:
l'album non lo conosco...ma la copertina è bellissima, mi incuriosisce parecchio!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Ceres & Calypso in the Deep Time è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link