Coincidenza
17. Sui

()

Voto:

Coincidenza è il nome di un progetto che riunisce, ad ogni sortita, musicisti diversi che non hanno mai interagito prima per registrare un disco, all’insegna della totale libertà espressiva.

Questo è il secondo cd realizzato e vede la partecipazione di nomi importanti della scena internazionale tra cui Jean-Hervé Peron (bassista dei Faust), Chad Popple (batterista dei Gorge Trio e un tempo dei Colossamite), Mat Pogo e JD Zazie dei Jealousy Party (tra i migliori gruppi dell’impro in Italia), laddove il primo disco era incentrato sulla scena avant romana.

L’album è senz’altro da consigliare a chi apprezza la sperimentazione in tutte le sue forme, però qui abbiamo a che fare non con un ensemble raffazzonato che suona a casaccio, bensì con una pletora di musicisti consapevoli dei propri mezzi e capaci di piegare la gabbia dei generi musicali in materia viva, lava bollente che cola fra i microsolchi del cd. Così si spazia parecchio, durante i 69 minuti del cd, fra free noise, vocalismi giocosi, math rock e jazz (la traccia 15 è un esempio di be-bop mutante), con sviluppi talvolta rockeggianti (la traccia 7), talora affini all’ambient più minimale (la numero 16).

Da quello che ho capito, il Sui del titolo deriva dall‘I Ching, il libro dei cambiamenti, e corrisponde al “seguire”: “Sopra sta il sereno, il cui carattere è la gioia, sotto l’eccitante il cui carattere è il moto. Gioia nel moto conduce al seguire”. Quel che è certo è che questo è un ottimo esemplare di impro spericolata eppure in equilibrio costante: nessuno dei partecipanti (11 in tutto, ma in formazioni diverse per brano) sopravanza gli altri ed ognuno sembra aver trovato un’armonia nel rumore di questo collettivo ultrasonico.

Da segnare sulla mappa, nonostante si tratti di un gruppo irripetibile.

Questa DeRecensione di 17. Sui è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/coincidenza/17-sui/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

MaTaCà
Opera: | Recensione: |
Not bad. Ottima proposta, bravo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Finnegan
Opera: | Recensione: |
sembra un ficata, sei sicuro che non sia una roba inascoltabile?
BËL (00)
BRÜ (00)

Eraser_ed
Eraser_ed Divèrs
Opera: | Recensione: |
Interessante.
BËL (00)
BRÜ (00)

WaltFango
Opera: | Recensione: |
@Matacà: grazie!
@Finnegan: se fosse inascoltabile non ne avrei scritto, poi come sai è soggettivo. Se ti piace il noise e l'improvvisazione, se trovi divertenti gli esperimenti vocali (nel disco non ci sono testi cantati, solo robe alla Stratos) allora ti potrebbe piacere.
Non è un disco facile, è vero, ma dello stesso genere escono un sacco di porcherie che magari hanno più visibilità. Sul sito dell'etichetta cmq si possono ascoltare dei pezzi, basta cliccare. :)

BËL (00)
BRÜ (00)

Finnegan
Opera: | Recensione: |
sicuramente ci darò più di un'occhiata. Mi riferivo al fatto che molte robe di impro noise, anche molto pompate, si risolvono in delle, come hai detto tu, porcate, una maraglia di suoni inascoltabili. Però i partecipanti sembrano essere garanzia di affidabilità, gli darò una chance
BËL (00)
BRÜ (00)

Dopesmoker
Opera: | Recensione: |
Questo non me lo perdo, sembra interessante. Anche se il rischio che cada nella noia è notevole!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: