Sto caricando...

Corrosion of Conformity
No Cross No Crown

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

La separazione da Pepper Keenan è durata due album; sul finire del 2014 il cantante viene reintegrato nei Corrosion che nel frattenpo non sono stati con le mani in mano, avendo infatti pubblicato un paio di dischi caratterizzati da un suono molto più orientato verso gli esordi Crossover Thrash-Hardcore di ottantiana memoria. Nel 2018 esce il decimo disco della band: Pepper, Mike, Woody e Reed di nuovo insieme. Ed è purtroppo l'ultimo lavoro che vede alla batteria i tentacoli di Reed Mullin che scompare nei primi mesi del 2020.

No Cross No Crown è l'ennesimo album compatto e massiccio, vicinissimo a livello di intensità a quel capolavoro indiscusso che è stato Deliverance, dato alle stampe nel lontano 1994.

Black Sabbath come riferimento maggiore; Sludge-Stoner di immane potenza. Distorsore aperto al massimo per favorire un suono di chitarre oscuro, maleodorante, paludoso. Voce chiassosa, che graffia come tanti anni addietro. Ci sono dei brevi strumentali, in tutto quattro, per spezzare un ritmo incalzante nel resto del lungo lavoro (siamo prossimi all'ora).

Questa è la musica che la band suona; queste sono le canzoni che gli amanti del gruppo apprezza.

Nulla di nuovo, ma la classe e la ferrea determinazione restano immutate nel tempo.

Lunga vita agli ex ragazzi di Raleigh, North Carolina; peccato non essere MAI riuscito a vederli dal vivo.

Ad Maiora.

Commenti (Otto)

De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «...aggiustamenti immediati...». Vedi la vecchia versione No Cross No Crown - Corrosion of Conformity - recensione Versione 1


Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Son fuori dalla mia portata, pur non fuorissimo. Ma tu invogli sempre alla lettura anche su questi terreni mobili e corrosivi...


De...Marga...: Devono piacerti queste sonorità ovviamente; caldeggio l'ascolto del lavoro.
Almotasim : Thanks
SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
Sempre perfetto e privo di qualsivoglia diarrea verbale. L'album non l'ho ascoltato, sono anni che li ho un po persi di vista ma mi hai, come spesso accade, quasi incuriosito a farlo, va la.


De...Marga...: Inutile raccontare troppo di un disco compatto come pochi! Ascoltalo troverai godimento, fidati.
SilasLang: Sarà fatto.
voiceface
voiceface
Opera:
Recensione:
Non sono mai stato un metallaro duro e puro. Anzi non sono mai stato un metallaro. Ma durante il toor di Load dei Metallica, ascoltai con le orecchie sanguinanti i COC che facevano da spalla. Un volume disumano. Non credo di aver mai temuto tanto per il mio udito.


De...Marga...: Visto che citi i Metallica hai ascoltato il nuovissimo EP di Kirk Hammet? Decisamente spiazzante come sonorità; te lo consiglio se già non l'hai provato.
voiceface: Grazie del consiglio. In effetti dopo St.Anger li ho un po' abbandonati, ma per me rimangono loro gli alfieri del meta!
lector
lector
Opera:
Recensione:
I Corrosion sono vivi e lottano con noi!


sfascia carrozze: Ah!
Quindi sta dicendo che (noi) siamo ancora vivi?
sfascia carrozze: E' bello vedere che c'è ancora gente con le idee chiare in giro.
Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Il corrosivo è forbidden per il voli passeggeri. Vediamo per i voli cargo la quantità netta.


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Un 5 "maleodorante" è obbligatorio.


De...Marga...: Musica che puzza di fango e gasoline!
snes
snes
Opera:
Recensione:
tutto bellissimo, tranne la copertina, che è un furto mal riuscito ai kult of domkeller e ad uno dei loghi piu' belli del rock tutto:
che immagino arrivi da un film di metà anni settanta.

per il resto il disco lo sto sentendo, e mi pare abbastanza valido, che per una band di 38 anni è praticamente come fare un capolavoro.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera