AA.VV.
XIII Agglutination Metal Festival @ Sant'Arcangelo (PT)

()

Voto:

All'ingresso un esplicito quanto amatoriale cartello recita: "è vietato introdurre oggetti contundenti, e saranno possibili perquisizioni". Infatti vengo perquisito come tutti gli altri, e sono costretto a mostrare (ed aprire) il mio illegalissimo pacchetto di Philip Morris, la mia piratesca macchina fotografica (che mi fanno passare senza problemi), ed addirittura le chiavi della macchina. A diversa gente viene richiesta l'apertura del portafoglio, alla ricerca di armi chimiche miniaturizzate e spinelli nascosti. L'ingresso ad un festival: quello è sempre emozionante, specie se dopo pochi minuti Gerardo Cafaro (l'organizzatore) annuncia quasi incredulo l'inizio del XIII Agglutination, dopo che l'anno scorso è andata maluccio causa nubifragio.

Iniziano i nostrani Infernal Angels, con il loro black metal che dice tutto senza dire niente: piuttosto piatto lo stile, mediocre la resa sonora, rimane un'esibizione di mezz'ora tutto sommato piacevole per gli estimatori del genere - me compreso. Nonostante il livello tecnico più che apprezzabile, saranno ricordati più per il bestemmione in growling del cantante che per altro. Proseguono i Golem con il loro death crudissimo, e reso ancor più caotico da un service che per tutta la serata farà dannare un po' tutti (Hansen compreso): vengono proposti vari brani dall'ultimo CD "Black Era", più una cover - poco convincente, a mio avviso - di "Davidian" dei Machine Head. Tocca adesso ai romani Kaledon, mentre ci accomodiamo sui bordi del campo per gustare il loro power metal: il cantante Claudio possiede delle doti vocali davvero impressionanti, e si tratta sicuramente di uno dei migliori gruppi della giornata. Seguono gli altrettanto validi Dark Lunacy, che propongono un genere che ricorda vagamente quello dei Dark Tranquillity, con la particolarità di diversi inserti sinfonici che diventano parte integrante delle ritmiche. Un vero peccato che l'ottima prestazione della band venga in parte occultata da un'equalizzazione fatta veramente con i piedi.

E adesso tocca finalmente a Pino Scotto con i Firetrails, che dopo essersi fatto salutare come il nuovo messia dell'heavy metal propone diversi pezzi dal bellissimo "Third Moon"- intervallando i brani con improperi contro le major, i politici, Briatore e tutta la gente che non capisce un cazzo di musica - senza dimenticare un tributo ai suoi Vanadium ed ai loro brani. La sua performance è talmente carismatica da lasciare letteralmente a bocca aperta anche chi non lo conosceva: una scelta davvero azzeccata che infiamma il pubblico presente e ci prepara alla devastazione dei Tankard. Con l'intro di "We still drink the old ways" (!) compaiono i tre musicisti tedeschi, e poco dopo piomba sul palco Andreas "Gerre" Geremia con i suoi incalcolabili kg di pura "heavy-panza" a darci dentro. Vengono proposti diversi brani dei 25 anni della band, troppo spesso ingiustamente sottovalutata nonostante il curriculum di tutto rispetto. Sentirli dal vivo è un'esperienza imperdibile (in effetti sono partiti un po' sottotono...) nonostante un suono di batteria semplicemente orrendo: il livello (non solo alcolico) sale con le splendide "The beauty and the beast", "Under Friendly Fire" e "Slipping from reality". Andreas decide che è venuto il momento di rendere memorabile lo show, e scende improvvisamente dal palco - continuando a cantare - per andare ad abbracciare i metallici nelle prime file. In questo trova il tempo di dire qualche trashissima frase in italiano tipo "Ciao bela ragaza", e di mostrare quanto poco sia rockstar recandosi a bere birra coi fan alla fine dell'esibizione.

Dopo pochi minuti, è la volta degli attesissimi Gamma Ray, che sotto gli occhi di increduli fan iniziano con un'infuocata "Garden of the Sinner", per poi... interrompersi causa problemi tecnici. Lo show viene bloccato per circa 15 minuti, e l'imbarazzo si taglia con il coltello. In ciò Gerardo Cafaro trova il modo comunque di farsi acclamare durante un brevissimo intervento, in cui si congratulava per il comportamente corretto del pubblico. Bravo Gerardo, è di gente come te che abbiamo bisogno. Per fortuna si ricomincia, e Kai Hansen propone "New World Order", dopo aver detto chiaramente che, a volte, il service è una merda. Per mia grande gioia vengono proposte sia la classica "Man on a mission" che la nuova splendida "Fight". E dopo averci deliziato con "Blood Religion", mantenendo costantemente il sorriso sulle labbra, viene inaspettatamente suonata "Heavy Metal Universe", con la sua cadenza epica che manda in estasi molti fan. E' la volta di due pezzi più "tranquilli", quali "Fairytale" - letteralmente improvvisata e variata da Kai - e soprattutto l'immancabile "The Silence", con il pubblico che pendeva dalle labbra del frontman. A concludere la serata, uno spettacolare medley degli Helloween comprendente "Future World/Ride the Sky/I want it out", oltre all'inizio di "Rebellion in Dreamland" e "Land of the Free". Senza troppi fronzoli, la band esce e rientra immediatamente per farci sentire "Valley of the Kings", "Somewhere out in Space", "Rebellion in Dreamland" (due volte, ebbene sì) e la conclusiva "Send me a Sign".

Ottimo show, speriamo di rivederci il prossimo anno...

Video della giornata:

http://www.youtube.com/watch?v=Br88E6m-oNA

http://www.youtube.com/watch?v=yzI34VGyVoQ

http://www.youtube.com/watch?v=BpeKolRelvY

Questa DeRecensione di XIII Agglutination Metal Festival @ Sant'Arcangelo (PT) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/dark-lunacy/xiii-agglutination-metal-festival-at-santarcangelo-pt/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

Senmayan
Opera: | Recensione: |
io c'ero e a dir la verità avrei voluto non esserci, perchè ritengo che il bill dei gruppi quest'anno sia stato un pò scadente rispetto agli anni precedenti o forse è dovuto anche al cambiamento di gusti personali, comunque per far contento un amico ho deciso di andarci. Concerto che non mi ha esaltato comunque divertente. Sono entrato appena hanno iniziato i dark lunacy e rispetto a degli anni fa quando li vidi al chiuso a Roma, non hanno destato in me scalpore, anche se sono stati abbastanza bravi. Per il resto Pino Scotto fa il solito comizio, la panza alcoolica del cantante dei tankard è una delle cose che chi era presente non dimenticherà mai nella sua vita. I gamma ray, ottima presenza scenica, ma suoni troppo alti e impastati. Tutto sommato un buon concerto. Sant'arcangelo buona location, ma troppo isolata e dispersiva, preferivo chiaromonte. Voto al concerto: 3,5. Solo per aver recensito l'agglutination ti meriti un 5, comunque ottima recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

Senmayan
Opera: | Recensione: |
e aggiungo come da te ricordato ad inizio recensione, l'esagerata perquisizione all'ingresso del concerto da parte delle forze dell'ordine, manco ci fosse in ballo un attentato.
BËL (00)
BRÜ (00)

FabrizioCorona
Opera: | Recensione: |
Al Billionaire stasera c'è uno sborra party. Il tema principale della serata indovinate quale sarà? Se volete farvi mettere in lista lasciatemi un vostro recapito, se invece volete farvelo mettere nel culo, idem.

BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Opera: | Recensione: |
Ohhh..finalmente qualcuno che conosce i Tankard!..ricordo un loro concerto, molti anni fa, in cui Gerre ha passato tutto il tempo a battersi sulla pancia a tempo di batteria.. uno spettacolo che non ha lasciato indiferrenti nemmeno i veterani del grind gore.. e ora cosa aspettate?!.corrente a leggere le rece sui Tankard presenti sul sito!!:DD!Bella rece!
BËL (00)
BRÜ (00)

Senmayan
Opera: | Recensione: |
comunque visto che si parla delle mie zone volevo segnalarti un errore al titolo della recensione, la targa di potenza e PZ e non PT. Ciao ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

efeiez
Opera: | Recensione: |
Qualcuno può cambiare PT in PZ nel titolo della rece? Grazie :)
BËL (00)
BRÜ (00)

deathuman
Opera: | Recensione: |
e na merda quest'anno gli udo che schifo metal scadente,nn sanno nemmeno loro di essere esistiti,meno male x i vader seno nn venivo

BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: