Sto caricando...

David Bromberg
The Best Of David Bromberg - Out Of The Blues

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


C'è stato un tempo, durante il quale, spesso mi procuravo i ben noti "The Best Of", anche perchè era più semplice riuscire a reperire dischi di artisti o gruppi meno noti. Molte volte le "raccolte" non sono veramente indicative delle qualità artistiche e compositive dei musicisti. In questa situazione però non è così, infatti questo album espone perfettamente le capacità musicali di Bromberg (n 1945, USA). David è un ottimo ed eclettico chitarrista, particolarmente serio ed incisivo.
Inizialmente impara a suonare chitarra e violino e si impegna ad eseguire scrupolosamente molti classici del Blues nero, riuscendo a raggiungere un'eccellente abilità strumentale anche come chitarrista flat-picking. La svolta importante avverrà nel 1967 con l'incontro e la successiva amicizia con J Walker (non quello della serie tv) che gli permetterà di partecipare in suoi svariati album. Inizierà successivamente una prolifica attività di sessionman infatti, nel corso della sua carriera suonerà in oltre cento dischi di altri artisti. Comparirà anche in ben tre album di B Dylan. Formerà anche la Bromberg Band, costutuita da ben sei musicisti. Nei primi anni '70 inizierà ad esibirsi a proprio nome e quindi pubblicherà svariati album, tutti piuttosto interessanti. Negli anni seguenti David passerà alla Fantasy ma non otterrà buoni risultati commerciali. Inoltre le discussioni con la casa discografica lo porteranno alla decisione di abbandonare le scene nel 1980, comunque continuerà ad esibirsi sporadicamente. Curiosamente nel 2007 uscirà un suo album intitolato "Try Me One More Time".

Il presente disco (digitally mastered-analog recording) è formato da dieci brani per un totale di quarantotto minuti e raccoglie molte delle sue migliori e più ispirate composizioni. Tutti i pezzi sono suonati con una eccellente perizia strumentale. Lo stile di Bromberg è originale e anche se la struttura delle "canzoni" è apparentemente semplice, nasconde in realtà una particolare amalgama di molti generi musicali. La voce è particolarmente calda e brillante quasi "confidenziale". La proposta dei brani è piuttosto variegata e nonostante siano tutti cantati c'è spazio anche per molti ed entusiasmanti passaggi strumentali. Tutti gli strumentisti suonano con convinzione e lungo tutto il disco non si avvertono quasi mai cali di ispirazione. La chitarra di David risulta sempre raffinata, a tratti quasi "pignola" nelle sue trame chitarristiche ed è dotata di un gusto inconfondibile. I brani alle volte risultano piuttosto ironici e scanzonati come "Send Me To The 'Lectric Chair'", "Mr. Bojangles" (live) forse il brano migliore di questo disco, composto dall'amico Walker, "The New Lee Highway Blues" con ottimi inserti di violino, "Kansas City" (live), mentre in qualche situazione risultano leggermente più malinconici come "The Joke's On Me". Stupenda anche "Sharon" in chiusura del disco che è in grado di trasmettere all'ascoltatore svariate sensazioni. La copertina quasi beffarda ad opera di Seymour Chwast è artisticamente e tecnicamente valida.

Voto disco 4,4 su 5 (__________se volete, potete sostituire lo spazio lasciato intenzionalmente libero con il simbolo che più vi aggrada).

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sedici)

omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
Dal Dr.Adder mai cali di qualità, solo recensioni da 4 in sù.
Questo Bromberg non lo conosco,ho invece molto materiale di Brian Bromberg, il fenomeno del basso.Saluti Best of...


JakeChambers
JakeChambers Divèrs
Opera:
Recensione:
Ma è parente di Brian? Bravo dottore, proposta originale, recensione a mio avviso appena sotto il tuo standard abituale, ma niente di cui preoccuparsi.


Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
@Jake, non credo sia parente di Brian ma chissà le via della musica sono infinite...


Tobby
Tobby
Opera:
Recensione:
No. Alle. Recensioni. Costituite. Da. Periodi. Di. Due/Tre. Parole. Ciascuno.


Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
? (periodico)


Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
Incredibile...nessuno che conosce Bromberg.
Bhe! ora almeno c'è un recensione!
Un grazie a tutti per i commenti (3).


Spaccamascella
Spaccamascella
Opera:
Recensione:
non conosco affatto,provvedero?samples?(periodi ci)


Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
Grazie per esser passato in questa recensione Spaccamascella se vuoi, su Youtube c'è anche il bel brano Mr. Bojangles dedicato all'amico Walker.
Non mi piace inserire i samples, perchè spezzano l'opera dell'artista e sminuiscono l'essenza dei brani.
Un saluto (periodico) anche a te.


Lewis Tollani
Lewis Tollani Divèrs
Opera:
Recensione:
Io ho l'omomino del 71 da cui questo best (solitamente non mi piacciono neanche un po' i best) trae The Hold Up e la splendida Suffer to sing the blues... lui è magico... bravo (esponenziale) Doctor...


Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
Ciao Lewis, si sono della tua stessa opinione per i "The Best" anche a me quasi sempre non mi piacciono, però qualche volta possono essere interessanti.
Ne possiedo almeno cinque veramente ben confezionati, chissà , magari ne recensirò qualcuno.
Sempre meglio comunque avere gli album veri e propri.
Un grazie (periodico) anche a te.


Eliodoro
Eliodoro
Opera:
Recensione:
Recensione sempre altissima ma disco no perchè la più bella cosa che ha fatto questo signore è per me certamente "Wanted dead or alive" lavoro tra il blues ed il country con tre brani strepitosi. Le raccolte non le amo molto, scusate. Salutissimi. Elio


Giona
Giona
Opera:
Recensione:
Anch'io lo conosco ed ho, come Lewis, il disco omonimo..ma non è il mio genere.. Lui certamente è molto capace, ma non ho orecchio per questa musica e non sono certamente in grado di valutarla..


Melissa
Melissa
Opera:
Recensione:
Recensione d'ottimo livello. Bromberg, suona masica di nicchia come si suol dire. Il che spesso significa che è i suoi dischi sono belli e suonati bene. Il caro David se ne impippa di entrare a far parte dello Show Business, in lui prevale la dedizione alla musica popolare americana. Tanto i soldi per campà ce l'ha, e poi, quelli che si arricchiscono con la musica molto più di lui non possono fare... mangiare, conversare, e un paio d'altre cose. Mi fa venire in mente Ry Cooder, ed anche molti altri che sono nel mio cuore. Ho Midnight On The Water e una raccolta, questo no.


Dr.Adder
Dr.Adder
Opera:
Recensione:
Un grazie anche al sig.Elio, Giona e Melissa per esser passati in questa recensione.
@Melissa, tutto giusto quello che hai scritto.
Ho letto sul sito che Bromberg ha aperto anche un negozio specializzato nella vendita e riparazioni di violini.
Un saluto chitarristico e violinistico a tutti.


Hell
Hell
Opera:
Recensione:
E bravo il dottore, inecceppibile come sempre. Alcune delle canzoni del disco le ho ma in ogni caso non mi sento di esprimere un parere complessivo, oltretutto è un artista che non ho approfondito per niente.


muitosaudosismo
muitosaudosismo
Opera:
Recensione:
Bhè, questo non lo conosco, ma dovrebbe piacermi. Non conosco nemmeno questo Seymour Chwast, ma il disegno della copertina per me è superlativo.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Best Of David Bromberg - Out Of The Blues è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link