Sto caricando...

Dream Theater
A View From The Top Of The World

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Sembra che nessuno abbia ancora recensito l'ultimo album del teatro del sogno per cui ci provo io. E sembra anche che questo sito pur essendo fantastico e tutto, abbia delle cadute di stile clamorose quando lascia una stronzata come il fatto che l'anagramma di dream sia merda campeggiare come definizione di una delle band più GRANDIOSE di sempre e ogni dove e genere.

Ma guarda e passa e non ti curar di loro dice un tizio che è sempre bene citare.

Cominciamo allora dall'essenziale e dallo scontatissimo: A view from the top of the world, ultimo album degli americani Dream Theater è l'ennesimo fantastico album della band. Forse solo the Astonishing è un mezzo passo falso ma tutto il resto è da annali e sono contento che in realtà abbia ancora tanto da ascoltare vista la sterminata produzione della band insieme ai suoi parti laterali (Liquid Tension Experiment e svariati altri progetti solisti degli altri della band).

Una cosa da non sottovalutare però è che qui si deve persistere con l'ascolto: a parte forse i due singoli, la tiratissima e pienamente soddisfacente The Alien e la più orecchiabile del lotto Invisible monster, gli altri pezzi sono abbastanza impervi da assimilare e richiedono più e più ascolti per essere apprezzati in tutte le loro sfumature anche perché durano un bel po': ci sono Answering the call, Sleeping giant e Awakening the master che si aggirano sui 10 minuti e la meno lunga e la progghissima Transcending time che comunque non dura meno di 6 minuti e 25 secondi.

Confesso che dopo quasi più di una settimana in cui ascolto quest'album più o meno nella sua interezza (sono più di 70 minuti) non sono ancora riuscito a memorizzare tutte le parti e a tenere l'attenzione alta per tutta la durata dei pezzi e non so ancora se questa generale mancanza di memorabilità dei pezzi sia un difetto o un pregio visto che sono fiducioso nei prossimi ascolti e che la voglia di riascoltare è comunque tanta.

Per il resto valutando l'album nel suo insieme salta subito all'orecchio una produzione cristallina come non mai, merito forse dell'aver registrato l'album in uno studio proprietà della band e un'altra cosa che salta subito all'orecchio è la prova maiuscola anzi si può ben definire colossale di Mike Mangini; al di là di tutto, quest'album è d'obbligo per ogni drummer professionista e si può senza indugi dichiarare: BATTERISTI DI TUTTI IL MONDO UNITEVI E OSANNATE THE MASTER!

Grandissimo lavoro come al solito di Petrucci che però mi sarebbe piaciuto un po' più in versione dolce solista che in quella di oscuro e dannatissimo chuggettaro; menomale che i tempi sono dispari e variegatissimi e che le tastiere di Rudess riescono ad accompagnare e ad addolcire se no la digestione degli infiniti TRA-TA-TTA-TA della chitarra sarebbe pure potuta risultare indigesta. A me Rudess piace tantissimo e a mio avviso si sarebbe potuto dare anche più spazio ai suoi interventi magistrali. La Brie? Per me semplicemente uno dei migliori cantanti rock/metal/prog di sempre. Ormai non più quello di una volta ma apprezzabilissimo nei toni medi e comunque ficcanti e soprattutto ascoltatevi tutte le varie sovraincisioni e coretti e se volete criticare ancora allora vi muto e così sia.

Dicono che Myung sia più udibile in questo album rispetto all'usuale invisibilità del suo basso e può darsi sia vero anche se si potrebbe comunque desiderare alzare il volume nel mix dominatissimo dal CHUGGA CHUGGA petrucciano!

I pezzi migliori sono i due singoli già citati e la lunghissima title-track dove c'è qualcosa per ogni orecchio: dal ritornello cantabilissimo e trascinante alle parti più tirate e contorte ma comunque coinvolgenti alle parti più melodiche dove LaBrie e Petrucci danno il meglio di sé. Continueremo a meditare se l'impressione che le varie parti negli altri pezzi siano un pò disgiunte nel senso che sembra siano incollate a scapito di una vera e propria organicità del pezzo sia appunto questa: un'impressione, che svanirà coi continui ascolti.

Insomma, gran ritorno a un'ottima forma per delle icone musicali del nostro tempo e qui siamo su un bell'8 pieno, anzi 8+ sempre considerando che qui si parte da un 10 e lode a Images and words, Awake e Metropolis quindi un 8+ relativo a queste opere d'arte ineguagliabili e incommensurabili è comunque un gran voto!

Ultimi Trenta commenti su TrentUno

Salv79
Salv79
Opera:
Recensione:
Per adesso non mi caca nessuno!


sfascia carrozze: Abbia fede!
Salv79
Salv79
Opera:
Recensione:
Modifica alla recensione: «C'erano dei refusi e ho dovuto correggere, che mi costringete a commentare a fare????». Vedi la vecchia versione A View From The Top Of The World - Dream Theater - recensione Versione 1


De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Ho ascoltato il singolo The Alien e sono rimasto spiazzato, non pensando ad un tiro simile. Purtroppo mi annoiano a morte da sempre, a parte i primi lavori che ai tempi sono riuscito in parte ad apprezzare. Lo dici tu stesso nella recensione che è difficile memorizzare e mantenere viva l'attenzione per tutta la durata del lavoro; e tu sei uno che mi sembra apprezzi moltissimo i Dream Theater. Figurati quelli che già non apprezzano questi tipi di sonorità. Classica band che adori o disprezzi, non ci sono vie di mezzo. Saluti da Domodossola


CYPHER: Senza entrare nel merito degli assoli ultra tecnici, sbrodolosi e sfascia maroni di Petrucci, a me ha sempre fatto schifo anche il tono della sua chitarra. Noiosissimo.
Salv79
Salv79
Opera:
Recensione:
Hai ragione! Complimenti per l'onestà intellettuale!


voiceface
voiceface
Opera:
Recensione:
Mamma mia. Non voglio entrare nei contenuti. Lasciamo perdere.
Solo un consiglio: usi le virgole quando ci vorrebbero i punti e non metti niente quando ci vorrebbero delle virgole.
La punteggiatura è determinante per comunicare qualcosa.


Salv79: Per usare i due punti devi elencare un consiglio. Indi per cui non si possono inserire i due punti dopo le parole "solo un consiglio". A scanso di equivoci, questo non era un consiglio, ti sto correggendo. Buono studio.
voiceface: DUE PUNTI in "La grammatica italiana"

Studia, prima di dare lezioni.
TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
Ma quindi é bellissimo o no? Non sei mica stato tanto chiaro 😕
Dello scritto mi piace molto quel TRA-TA-TTA-TA.


MarkRChandar: Lo hanno copiato dai Maneskin
CYPHER: Sicuro? Fonti anonime mi riferiscono che l'abbiano copiato con lo stampino dal nuovo dei Cuggini di Campagna.
Salv79: Bellissimo no. A volte. Bello e, a tratti, impossibile, come cantava Gianna.
CYPHER
CYPHER
Opera:
Recensione:
Noooooooo... hanno cambiato batterista? Addirittura dal 2011?! E il mio ragazzone, Mike Portnoy, dov'è finito?


IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Mai sentito nulla dei Drimtiater, già detto.
Tecnicissimi, progr metal, sbrodoloni… non fanno per me a prescindere
Però attendo il giudizio del sommo in materia, il Nobile
@[hjhhjij], savansadir


hjhhjij: Oh io ci sono affezionato, sono le nostre mascotte. Certo, sono tutto ciò che di peggio c'è nel cosiddetto "progressive e dintorni" ma questo cosa conta alla fine, qui gli si vuol bene. Ps: ci sono 2-3 dischi loro che non mi dispiacciono, tanto per parlarne seriamente, ma ad oggi dubito che li riascolterei ancora.
IlConte: È qvesta la mascot givsta!!!
macmaranza: Ugh!
lector
lector
Opera:
Recensione:
Però ti sei fatto prendere un pochetto la mano, da fan terminale...
Se mettiamo 5 stelle a questo, poi ai capolavori VERI, tipo l'ultimo della Amoroso o il greatest hits di Malgioglio, cosa mettiamo 11 stelle??


CYPHER: E il nuovo ellepì di Vasco dove lo lasciamo?
lector: In effetti...
CYPHER: Ahahahaha
NeKro
NeKro
Opera:
Recensione:
Partita male e finita uguale. I diehard fan non sono i soggetti ideali a fare recensioni.
Li ho apprezzati molto fino alla delusione (mezza) di Falling to infinity. Poi qualche ritorno di fiamma con six degrees e metropolis pt 2, ma l'amore ormai era finito. Li ho visti un po' di volte dal vivo e mi sono sempre divertito e ritengo che non siano in grado di scrivere brutte canzoni, ma ultimamente non ne scrivono neanche di belle e memorabili. Quel poco che ho sentito degli ultimi mi ha annoiato tantissimo.
Ci proverò con questo, ma ho poca fiducia.


Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Disco noiosissimo
Le Brie si salva sempre. È un grande cantante.
Le composizioni lunghissime e ripetitive.
Boh.


CYPHER: "È un grande cantante". Boh, sarò io che ci sento male, ma la sua voce è una delle più insopportabili... peggio di quella gallina dei Ganzi e Rozzi (e ce ne vuole).
Falloppio: Ha delle alte tonalità. Poi se salvo qualcosa, salvo lui....
CYPHER: De-gustibus. Anche quando raggiungeva certi acuti, la sua voce mi è sempre sembrata molto limitata, oltre ad avere un timbro estremamente irritante.
Io salverei il bassista, appunto perché come ha esposto con sagacia il nostro de-recensore, si sente meno di tutti e quindi è l'unico che non ti fa cascare gli zebedei dopo due secondi...
perfect element: A tavola.
Falloppio: Brie a tavola fa sempre la sua bella figura
macmaranza: Àcsel dei Ganzi Erosi è la peggior voce di tutti i tempi. Non c'è storia!
CYPHER: Con la sua voce, l'irritazione cutanea dello scroto, è proprio dietro all'angolino. Anche il formaggio dei DrimTiater, però, non scherza mica...
ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
"Dicono che Myung sia più udibile in questo album rispetto all'usuale invisibilità del suo basso e può darsi sia vero anche se si potrebbe comunque desiderare alzare il volume nel mix dominatissimo dal CHUGGA CHUGGA petrucciano!"

Potresti darmi delucidazioni sulla sintassi di questa frase? Te ne sarei grato. Dalla recensione mi pare di capire che sei un fan dei Dream Theater. Mi pare, eh.


CYPHER: A me PARE che tu non abbia capito. È evidente che è un fan dei CuGGini di Campagna.
CYPHER: "Il CHUGGA CHUGGA petrucciano" è bellissimo ahahahahaha
CYPHER: che LEI non abbia capito*
Mi scusi, dove sono le mie maniere?
ZiOn: Una recensione oggettiva ed equilibrata. Mi sembra offra un giudizio imparziale sul disco. Ci ho visto bene? Ho vinto quaccheccosa?
CYPHER: Il plettro consumato di Petrucci. Ecco, ora mi hai costretto a rovinarti la sorpresa. Almeno ti soddisfa il premio?
ZiOn: Soddisfatto o rimborsato. Scelgo la seconda opzione.
CYPHER: Però così mi offendi! Inizialmente la mia scelta era ricaduta sul pelo dell'ascella destra del nostro CHUGGA CHUGGA qua, ma non ti immagini quanto sia difficile da reperire sul mercato nero. Quindi... ho dovuto optare per il plettro.
CYPHER: Accontentati e non fare lo schizzinoso, suvvia!
ZiOn: Meglio un pelo dell'ascella di Petrucci che un disco dei Dream Theater. Mi accontento.
CYPHER: Comunque, parlando seriamente... non mi sono mai piaciuti. Nemmeno i primi lavori. "Images and Words" è l'unico disco loro che sono riuscito ad ascoltare dall'inizio alla fine. Anche quello, fino a pochi giorni fa, era finito nel dimenticatoio, finchè qualcuno non l'ha menzionati qua. L'ho ripreso e sono riuscito nell'ardua impresa di terminarlo.
ZiOn: Ah sì, ci ho provato anche io prima. Ho stoppato dopo tre minuti.
Salv79: @[ZiOn] non riesco a capire perché ti risulti incomprensibile la sintassi. Volendo fare i pesanti, avrei potuto scrivere inudibilità invece che invisibilità e avrei potuto esplicitare il volume del basso di Myung, ma la frase si sarebbe appesantita! Si potrebbe desiderare? No? Non ti piace? E perché? È ovvio che sono un fan dei Dream theater, non si può? In ogni caso, mi sembra di essere rimasto oggettivo, ho pure enumerato quelli che potrebbero essere visti come difetti, ma continuandolo ad ascoltare mi sto rendendo sempre più conto che è semplicemente un album complesso, non per tutti. Saluti.
MarkRChandar
MarkRChandar
Opera:
Recensione:
Sei un De Marga fasullo tipo


De...Marga...: Mi spieghi l'accostamento?
ZiOn: "Ateo fasullo!" (cit.)
MarkRChandar: Per le affinità di genere però di bassa leva nella proposta.
macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Dopo l´ascolto di Invisible Monster mi son chiesto se é il prog metal che fa schifo o se sono loro... beh, la seconda che ho detto.


CYPHER: Sinceramente non ne conosco tanti, che piacciano pure a non amanti del genere, oltre i soliti Tool, Mastodon e Opeth (che devo ancora ascoltare).
ZiOn: @[CYPHER]: conosci gli Amplifier?
CYPHER: Eh no. Ho visto che sono di Manchester... già in partenza promettono bene.
algol
algol
Opera:
Recensione:
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Dream Theater : Musica = io : tasso alcolemico 0


templare
templare
Opera:
Recensione:
Sono almeno 40 anni che ascolto i drim tiater, solo che si chiamano Rush.


De...Marga...: Concordo!!
brogior: uno che ha come riferimento i Rush (immensi) e nel profilo un'immagine iconica del mio grande mito Marc è mio fratello!!!
perfect element
perfect element
Opera:
Recensione:
Mangini sparisce di fronte a Mark Zonder o Simon Phillips, ma te ne potrei citare altri.


perfect element
perfect element
Opera:
Recensione:
La prossima volta cerca di scrivere rispettando le regole grammaticali


musicanidi
musicanidi
Opera:
Recensione:
È questo il debaser che ci piace. Drimfiater abbomba please!!!


musicanidi
musicanidi
Opera:
Recensione:
Guai a chi butta fuori la recensione dalla homepage!


Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
I Dream Theater mi hanno sempre fatto cagare. Non credo che il mio mood intestinale cambierebbe se approcciassi questo disco. Anzi.
Al netto di sviste grammaticali ed errori che già ti hanno fatto notare (a me frega relativamente e anch'io fatico a riconoscermi bella lingua italiana) trovo che la pagina sia un po' confusa (anche l'assegnazione del voto è poco chiara, pensa un po') e troppo fan-oriented...belli (li avessi capiti) i neologismionomatopeici.
Un consiglio, due punti e a capo (forse) un tantinello meno di spocchia infastidita non guasterebbe...


Farnaby: Appunto...
Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
Passi la spocchia e la nevrosi da "ultimo arrivato che però ha capito tutto"; passi le sparate clamorose sulla presunta sacralità di una band che personalmente mi ha sempre struciolato i coglioni ogni volta che, con istinto masochista, ho azzardato un ascolto; passino i neologismi puzzoni e la valutazione totalmente non obbiettiva; passi il tono morboso del fan informatissimo.. Alla fine la pagina, grazie ai commenti e alle risposte del recensore, ha il tono scanzonato e cazzone che fa la grandezza del dabaser.. Secondo me non è poco, per cui ti becchi ben UN VOTO IN PIÙ!

Ora, mandane a bomba..


CYPHER: Gli istinti masochisti sono veramente i peggiori. Anche quando sai che stai per approcciarti alla merda, non puoi resistere. È più forte di te...
perfect element: Sgrammaticate, mi raccomando.
Hetzer: @[perfect element] esatto; e dove sarebbe il trash, sennò?
Seafarer
Seafarer
Opera:
Recensione:
La recensione è davvero simpatica e divertente.
Tuttavia ho una curiosità che mi assale. Mi spieghi che significa "chuggettaro"? Mi interessa come termine.


CYPHER: A scopo di studi pedagogici?
Seafarer: Direi filosofico, piuttosto.
TataOgg: Anche vorrei saperlo, grazie.
Salv79: Chug è un tipo di riff di chitarra, una progressione di accordi ripetuta, eseguito con la corda alta di una chitarra
Salv79: Chugging In 11 Metal Styles! Ecco un tipico esempio di chuggettaro
Seafarer: Credo di aver capito. Grazie!
macmaranza: Corda alta? Quale corda alta?
Salv79: @[macmaranza] non credo si poss scendere più in basso del la se si parla di chugging
Salv79
Salv79
Opera:
Recensione:
Prego!


Farnaby: Spero che l'autovoto sia un'errore...
snes
snes
Opera:
Recensione:
La definizione dell'anagramma credo che sia mia, adesso controllo. Se non è mia sicuramente mi fece ridere da matti leggerla) detto questo, il problema nonnsono i dream, che ho pure visto dal vivo una ventina di anni fa. E che son felice di aver visto. Il problema sono i loro fan e li giudizi eccessivamente entusiastiche di questi ultimi. Giudizi tipo: "una delle band più GRANDIOSE di sempre e ogni dove e genere." Che toglierebbero credibilità a qualsiasi gruppo.


snes: Non era mia, onore a Felo.
Salv79: L'unico che non ha credibilità qui sei tu!
perfect element: Snes, sei un bvuto.
snes: @[Salv79] no io sono quello "con meno credibilità di sempre e di ogni dove"
perfect element: Dai, Snes, alla fine Salvo ci crede sul serio; mette anche i brut ai commenti.
snes: Mi pare un bravo ragazzo
snes: Ma mica volevo belarmi da solo... Moh mi bruto per parcondicio.
snes: Però è un commento belissimo, pochi scherzi...
Onirica
Onirica
Opera:
Recensione:
Sì sono molto bravi, ma nel genere preferisco i Backstreet Boys.


JURIX
JURIX Divèrs
Opera:
Recensione:
Ah comunque i tempi sono dispari... MENOMALE. Cominciavo a preoccuparmi.


macaco: Non hai resistito neanche tu ai mitici DT.
perfect element: Secondi solo al DDT.
SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
acqualife
acqualife
Opera:
Recensione:
Ok .... voglio essere obbiettivo .... L’ obiettività spesso manca quando si parla di questo gruppo ( a cui sono molto affezionato) ... il DT non sfornano un lavoro grandioso da anni, il che è una cosa normale visto che la maggior parte degli artisti raggiunto il picco creativo cominciano a calare ... è quasi inevitabile è normale ... non parliamo di un album grandioso quindi ma di un disco discreto .... con 3 brani davvero riusciti. ed altri meno ispirati .. alcune parti un po’ noiose .... the alien onestamente la trovo la peggiore .... la band si grandiosa .... sono stati pionieri del genere ma non reggono la botta del passare del tempo come ad esempio i fates warning che hanno una produzione di dischi in studio più dilatata nel tempo e questo ha permesso una maggiore ispirazione compositiva ad ogni uscita .....quindi io penso la verità sta nel mezzo...Ha dream theater anagramma di merda perché è una band di 💩!!!! Nooooo i dream theater sono il gruppo più grandioso del mondo !!!!! Ogni album è un capolavoro !!!! Sono due eccessi opposti che non esprimono quella che è la realtà dei fatti .... una grande band che ha sfornato album memorabili negli anni novanta ..... ha continuato con altre ottime uscite ... poi il calo creativo ... poi si è un po’ ripresa poi un altro album di merda ... poi un un po’ meglio eccetera eccetera è così via ..


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di A View From The Top Of The World è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link