Ed Askew
Ask the Unicorn

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Sempre della serie “underrated masterpieces”...

Siamo a fine sessanta e quel che abbiamo è una voce gracchiante e una chitarra che non è una chitarra. E' un “ukulele baritono”. Oppure un liuto, va a saperlo.

Non male come partenza.

E comunque prendete la ESP-Disk, ovvero la più folle e radicale casa discografica dell'epoca, quella, per capirci, di gente come Fugs, Holy Modal Rounders, Pearls Before Swine. Poi immaginate un rospo in gola. Oppure una specie di affanno.

Come l'umano troppo umano di una voce quando è davvero una voce. Qualcosa di così potente, di così fragile. Qualcosa che arriva subito.

Un gorgo, un inciampo, un agguato teso alle anime sensibili. Non si scappa, non puoi scappare...

Che dire poi di quel suono rifrangente, di quelle strane armonie che a fatica si reggono in piedi?

L' urgente lirismo degli outsider, fate conto.

L' accidentata grazia melodica che è molto, molto di più della melodia stessa.

Qualcosa di simile all'innocenza, un flusso incantatorio commentato da un corvo/usignolo. La magia ingenua e naif che Dio, o chi per lui, ha dato a pochissimi.

Poco tempo fa sul Deb qualcuno ha parlato di "cantautorato freak, oscuro e storto". Ecco, qui siamo da quelle parti. Poi, per capirci ancor meglio, prendete i compagni d'etichetta Pearls Before Swine e mixate con Daniel Johnston.

Vi si è accesa qualche lucina? Si? Allora questo disco fa per voi.

Ah, per maggiori informazioni, chiedere all'unicorno...

Questa DeRecensione di Ask the Unicorn è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/ed-askew/ask-the-unicorn/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

luludia
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «quisquilie e refusi...». Vedi la vecchia versione Ask the Unicorn - Ed Askew - Recensione di luludia Versione 1

luludia
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «ultime quisquilie mentre fuori il sole splende». Vedi la vecchia versione Ask the Unicorn - Ed Askew - Recensione di luludia Versione 2

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Le dirò: ho chiesto all'unicorno-freak che allevo in giardino (più mansueto della fenice, ma meno del drago per la faunocronaca) e deve sapere che anche Egli è in attesa spasmodica della (speriamo) imminente #Versione4


luludia: sorrido pensando allo spasmo di un unicorno, spettacolo di cui solo lei, oh uomo fortunato, può godere...
sfascia carrozze: Cioè vorrebbe dirmi che Lei, lì, non ne ha mai avuto uno?
Ma tutto qvesto è intollerevole!
Adesso ne parlo con l'unicorno (Santonastaso all'anagrafe) e son sicuro che anche Lui sarà d'accordo nell'avviare la procedura di DeBannaggio immediatissimo.
luludia: van bene lo stesso le caprette che fanno ciao?
sfascia carrozze: Certamente!
Si ricordi di salutare da parte mia il vecchio dell'Alpe quando lo incrocia periboschy a spasso con Petar e Nebbia.
luludia: ahahah...non mancherò...
IlConte: Ahahahahahahah Sfascia, Sfascia
Lei mi è sempre più Svitato ....
sfascia carrozze: Io ci gioco spesso a scacchi e devo dirLe che, pur nella sua apparente imperscrutabilità, l'unicorno è (molto) meno bizzarro di molti humanodi.
Sé ne prenda uno anche Lei e poi mi dirà.
IlConte: Guardi che io ne ho un paio... la Contessina ne va pazza e da sempre sono i suoi migliori amici.
Umani o humanodi?! No grazie...
sfascia carrozze: Ah, ecco.
Non poteva essere altrimenti.
Santonastaso (il mio unicorno) chiede se puote porgere i suoi ossequi alla gentile Contessina
IlConte: Ahahahahahahah come no?! È un onore! Santonastaso già idolo. Riferisco alla grandissima!!!
sfascia carrozze: In genere Santonastaso detesta farsi immortalare, ma per la (adorabile) Contessina ha fatto uno strappo alla regola.
AH!

IlConte: Ahahahahahahah
Ahahahahahahah
Ahahahahahahah
Ahahahahahahah
Il vecchio sublime delirio Sfascioso... mi rotolo (s)finito dalla gioia!!!
sfascia carrozze: Mi lasci presentarLe anche il fratello maggiore, anche se molti dicono sia un pallone gonfiato:
SANTONASTASONE
IlConte: Ahahahahahahah certo che si vede che è un gasato... banniamolo !!! Fuori dai Nobili Unicorni! Gli faremo tagliare il Corno!!!
imasoulman
Opera: | Recensione: |
Lasci perlomeno che il prode Lulù ci ammannisca la più amata dagli itagliani #Versione 5

sfascia carrozze: Giammai!
Siamo più inflessibili della Signora Rottenmeier qùà!
luludia: certo, inflessibili nell'essere flessibili...sperando poi di non spezzarsi...
imasoulman: Signorina, per la precisione! chè se no la DeBannano pure aLLLei, là
imasoulman
Opera: | Recensione: |
comunque, bel disco, nella mia personale opinione non straordinario, manca il picco, il pezzo che si attacca alla mente per renderlo degno di assidersi alla destra dei Padri del genere. Ma resta un ‘underrated’...good record ;)

luludia: oh, per una volta dissento...per me è proprio bello bellissimo...
imasoulman: trovo che sia un filo monocorde, oh parlo ovviamente rispetto chessò...un Twink? un Donovan? ma pure un Shawn Phillips? Nel mio caso, ci sono dischi che mi piacciono ma faccio fatica a riascoltare spesso perchè forse non è mai scoccata la scintilla che accende il fuoco indelebile...tipo il Bolan-hippie dei primi due dischi (nettamente inferiori, imho, al qui presente Ed Askew, sia chiaro)
imasoulman: ma sono ubbìe da vecchio babbione. Per fortuna, come diceva mia nonna, 'non tutti i gusti sono alla menta'
(E magari mi metti il tarlo per andare a rimetterci orecchio)
luludia: oh beh, la scintilla è tutto...e comunque viva le nonne....
luludia: io ne vedo tipo cento al giorno, di nonne...
luludia: una di loro un giorno mi ha detto "non voglio andare in paradiso, ci sono solo dei bambini che piangono e dei vecchi che dicono il rosario"
imasoulman: ah sicuro! aforisma degno di Oscar Wilde, oppure stupenda zoot debaseriana... ;))
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Fugs, Holy Modal Rounders, Pearls Before Swine. Beh, etichetta illuminata e baldanzosa. L'urgenza lirica degli outsider è il massimo.

luludia: "maestra posso uscire, ho un bisogno urgente"...non so perché, ma mi è venuta in mente questa formula...
Almotasim : Urgenza generazionale generativa genitale.
JonatanCoe
Opera: | Recensione: |
Se ne è parlato nel nostro negozio! Porta una copia che in vetrina ci fa una gran figura!

luludia: Oh beh, gran bel negozio!!!
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Quello di cui avevo bisogno oggi: una pagina sintetica. In poco dici tanto, tutto. Impareggiabile Lulù!!!

luludia: grazie dema...
IlConte
Opera: | Recensione: |
Pezzi di Maestri sotto le derrate?!
So un cazzo di inglese ma diamo 5 perché comunque il folkpsic merita (quasi) sempre un nobile ascolto...

luludia: si si viva il folkpsic...ciao conte...
lector
Opera: | Recensione: |
Quante volte ho celebrato la ESP di quel pazzo di Stolmann? Mai abbastanza.....
Il disco è una di quelle freakerie che ho sempre amato, strambo e poetico, chi è il tipo del "cantautorato freak, oscuro e storto"? Lo vorrei conoscere....
A te che dire ancora?
Mandane abbomba!

dsalva
Opera: | Recensione: |
Un po' in ritardo vado a belarti il tuo ennesimo ottimo scritto....beh, mica male, approfondisco!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: