Sto caricando...

Eels
Earth to Dora

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ognuno ha i suoi problemi, ma c’è un limite a tutto…

Certo che se fossi stato io il figlio di Hugh Everett III, non la avrei presa per nulla bene.

Con tutte le infinite copie di me esistenti, con tutte le infinite ramificazioni dell’Universo, proprio in questa mi doveva capitare di vivere?

Poteva pensarla un po’ meglio questa teoria o almeno immaginare un trattamento di favore per la sua famiglia..

Non è facile assistere in sequenza alla morte di un padre, a diciannove anni, poi di una sorella (sucida), poi di una madre (di cancro), ed infine, ora, di un matrimonio..

Certo, ognuno ha i suoi problemi, tutti, chi più chi meno, abbiamo nascosta nel cassetto la faccia del pagliaccio in copertina, ma c’è un limite a tutto…

Per quanto mi riguarda è stato circa una settimana che mi sono accorto che, in questa ramificazione in cui la copia di Mr. E più perseguitata da Dio o dalla malasorte ha pubblicato “Earth to Dora”, il mio indice Rt aveva superato il livello di guardia…

Dopo circa nove mesi ho ripreso a correre.

E correndo ascolto musica, incluse le canzoni di questo ultimo album degli Eels.

Un album con un ritorno parziale a certe atmosfere, ricche di magica malinconia post-traumatica, di album come "Electro Shock Blues" o "Blinking Light and Other Revelations", ultimamente abbandonate a quanto pare .

Le ballate al carillion che hanno fatto la fortuna della colonna sonora di Shrek.

Due valzerini teneramente ingenue tipici prodotti di un cuore in frantumi (personalmente trovo incantevole “Who you say you are”)..

Un album che non lascia sicuramente a bocca aperta ma sincero e commovente, davvero gradevole da ascoltare, suonato molto bene e con qualche piccola novità.

La presenza ad esempio di un recitativo alla Johnny Cash, o di un sound vagamente spaghetti western in certi passaggi di "Are You Fucking Your Ex" o della title track .

Mi piace pensare che ci sia sotto sotto un omaggio al da poco scomparso Ennio Morricone, tanto amato anche negli Stati Uniti, anche se probabilmente non sarà così.

Io lo ascolto e penso al padre di Mr. E ed alla sua (astrusa?) "Interpretazione_a_molti_mondi".

Alle interferenze quantistiche che ci possono essere fra questi mondi, a mia figlia lontana, volontaria al fronte per voglia di indipendenza e ostinata dedizione allo studio universitario..

Avrebbe potuto in questi giorni essere a casa a seguire le lezioni online (come l’anno scorso) o stare in quella lontana città del profondo nord a seguirle in presenza, contornata da colleghi e se mai nuovi amici.

Ed invece alla fine, grazie a queste misteriose interferenze, oggi si trova nel profondo nord a seguirle on line chiusa in un buco di casa che non è la sua, lontana da tutti se non una sua compagna di reclusione testarda quanto lei..

Me la dovrei forse prendere pure io con il vecchio Everett e con tutti i teorici di questa maledetta meccanica quantistica (che da anni mi appassiona), ma non mi sembra il caso.

Mi consolo pensando che comunque, se il vecchio Everett ha ragione, in qualche diramazione dell'Universo in questo momento ci sarà una copia di me che parla con mia figlia e, mentre lei se mai le racconta delle nuove amicizie fatte in un'aula universitaria piena di gente, ascolta l’album più allegro composto da Mark Oliver Everett, felicemente sposato e desideroso di raccontare, dopo tante sventure, le gioie di un matrimonio perfettamente riuscito.

E se mai in quel mondo il covid non ci sarebbe mai entrato.

E allora saremmo tutti davvero felici, anche se con una canzone bella e sofferta come “I got hurt” in meno, che forse sarebbe un peccato.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

algol
algol
Opera:
Recensione:
Le tonalità di Mr. E che preferisco.
C'è quasi da sperare che le cose continuino a girargli male.
Povero.
Bel disco, molto malinconico, per tempi tristi come questi.


gaston
gaston
Opera:
Recensione:
Sì tempi tristi...
Dopo un 2019 non eccelso (per così dire), avevo riposto molte speranze in questo 2020...
Degli Eels ho parecchi Cd e devo dire che è un gruppo che mi piace molto.
Ascolterò con piacere anche questo loro lavoro.


IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Scoperto qui, ovviamente.
Ho preso ed ascoltato parecchi suoi album tutti veramente belli e particolari... e a me di solito questa roba “indie” lofi non fa certo impazzire.


IlConte: Copertina bellissima, tristissima...
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Intervengo solo per sottolineare, riallacciandomi al commento di @[IlConte] sulla copertina bellissima, quanto sia folle e straziante la storia della famiglia Everett.. Se avete avuto modo di vedere il film/documentario che ho linkato sentirete direttamente dalle parole di Mr. E la storia delle ceneri del padre.. praticamente Hugh Everett aveva dato disposizioni alla moglie di buttarle nella spazzatura dato che era convinto che tanto una sua copia avrebbe continuato a vivere in un altro universo. La moglie violando il desiderio del marito le aveva tenute in soggiorno per un po’ di tempo, in attesa di riservare loro una degna cerimonia funebre. Per poi alla fine soddisfare la richiesta del marito, buttandole di persona nella spazzatura. Una storia terribile, che E racconta ridendo, cosa ancora più terribile.. Roba da farne un film


IlConte: Scusa Nobile... o non l’ho capita bene o mi sembra più comica che terribile...
zaireeka: Tragicomica, si.
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Sentito ...
forse non raggiungerà i picchi di alcuni che ho preso Elettroshock Blues, Beautiful Freak, Daisis non ricordo ma ad un primo ascolto è veramente bello e non parlo dei testi che non capisco, savansadir


lector
lector
Opera:
Recensione:
Bello rileggerti


zaireeka: Grazie prof, anche questa volta non ci sono riuscito...Ps. Grazie anche a tutti gli altri chiaramente
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Dopo aver letto sono andato ad accarezzare i miei figli che sono qui con noi in on-line scolastico, ma qui con noi. Mi hai dato il La per ricominciare a correre un po', ci pensavo da giorni.


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
A parte il solito disco non ho mai capito l'appeal, noioso come pochi


Martello
Martello
Opera:
Recensione:
M'ha tenuto compagnia.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Earth to Dora è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link