Tepes e i suoi commenti

Tepes
Opera:
Recensione:
uno dei migliori gruppi death di sempre.punto.


Tepes
Opera:
Recensione:
proposta particolare e progressista, ma di indiscutibile qualità. Riporta indietro di quindici anni buoni


Tepes
Opera:
Recensione:
Buon disco, ma di Death scandinavo amo altro. Gli amorphis all'inizio non erano male, poi son diventati finocchi


Tepes
Opera:
Recensione:
buona questa. Ignorante dove serve e rendi benissimo l'idea. Bravo


Tepes
Opera:
Recensione:
caro anonimo, credo che tu ti sbagli in pieno. IO amo e adoro il death '89- 93. Amo quel tipo di sonorità, amo l'atmosfera (che purtroppo non ho vissuto) di inizio anni 90, amo quell'attitudine ormai quasi completamente persa e tutto quello che ci ruotava intorno. Il tuo discorso non fa una piega, tante delle recensioni che ho scritto, rileggendole dopo anni, mi lasciano un senso di insoddisfazione che nemmeno immagini. MI rendo conto di come la mia visione delle cose fino a tre anni fa fosse improntata semplicemente sull "e' tecnico (bene)/non è tecnico (male)". Fortunatamente ho passato la fase in cui volevo convincere il mondo che il Death metal fosse una realtà musicale evoluta e da ritenere nell'olimpo delle arti, fase che inellutabilmente mi portava a ritenere dischi poco tecnici delle assolute spine nel fianco ( di fatto mi rompevano le uova nel paniere, dimostrando al mondo quanto il Death, quello vero, necessiti più di attitudine che non di perizia). La verità è che anche scrivere su un sito come questo, dove il metal è considerato metal a prescindere, mi ha calato ancora di più nella ottusa mentalità dell' "è tecnico / non è tecnico". Ma non dubitare che in cuor mio ho sempre avuto ben chiaro il valore di un disco come questo e tutti gli altri da te citati


Tepes
Opera:
Recensione:
giudizio e recensione adeguati. Solo per fanatici comunque


Tepes
Opera:
Recensione:
rispondo brevemente altrimenti qui non la smettiamo più. Si, sono un purista e con gli anni lo divento sempre di più. Il metalcore secondo me, al di là delle chitarre distorte e della batteria pompata non ha niente del metal. Mancano le facce sporche, la barba mal fatta, la puzza di sigaretta e di birra. Manca Satana, le budella, il sangue, i tatuaggi coi teschi, le croci rovesciate, i giubbotti di pelle, gli smanicati pieni di toppe, i jeans strappati...mi spiego? Questo è metal. E' quello per cui ti prendono per il culo da quando sei alto così, è quel senso di setta che rende il genere diverso da qualsiasi altro. Quando io prendo in mano un disco di un gruppo Death, questo è ciò che mi aspetto. E un gruppo che ha dato i natali ad almeno tre dischi della mia top ten, non volevo che cambiasse rotta. Per cosa poi? Non si sono messi a fare Thrash, o Stoner, due generi che non mi piacciono ma dei quali ho rispetto. Si sono messi a fare questo incrocio malvenuto di Deathcore e chissà cos'altro. Ho odiato St Anger, ma non l'ho disprezzato. Ho amato Load e Reload, due album considerati da critica e fan "tradimenti" belli e buoni. Li ho amati perchè, nonostante tutto, erano uno strano crossover di Blues, Rock, Southern, pizzici di metal. Tutti generi di cui ho rispetto. Ma il metalcore è un genere che non rispetto. Tutto qui. E non mi addentro oltre.


Tepes
Opera:
Recensione:
POi, per quanto mi riguarda, si erano già venduti abbastanza col precedente disco, un disco che, passato l'entusiasmo del primo momento mi è apparso stanco e tirato per i capelli. Ma qui si esagera. Qui hanno voluto abbracciare lo stile musicale più Fashion del momento, quello che piace ai ragazzini cool che vogliono fare i trasgressivi. E questo non lo accetto da leggende del BRutal Death.Potevano prendere nella line up GENTE SERIA con ATTITUDINE. Attitudine. Uno non si inventa Death Metaller da un giorno all'altro. e uno che prima cantava in un gruppo Metalcore, una che prima suonava in un gruppo Gothic e uno che suonava in un gruppo groove, non possono che INVENTARSI death metaller. Ora torno ad ascoltare i Mortician.


Tepes
Opera:
Recensione:
No, no e poi no. Stefano, stimo molto i tuoi gusti musicali e più di una volta ho trovato nelle tue recensioni degli spunti eccellenti, ma su questo punto non transigo.
Questo disco è una delusione. Voce pulita (death metal?) o voce urlata da adolescente gay al primo amplesso, tastiere (death metal?) ben lontane da quelle, che so, dei Cynic e messe in mano ad una che di attitudine ne ha zero. Riff di chitarra che di Death metal hanno solo più la distorsione. Rallentamenti stile Carnifex che provenienti dai Cryptopsy fanno rabbrividire. Tecnici? Si, di sicuro meno che in passato. Death Metal Tecnico? NO. I martyr fanno Death Tecnico anche abbastanza melodico.


Tepes
In: Sburtality di Pof81
Opera:
Recensione:
si ma sta robanon ha niente di grind...