Sto caricando...

Nosebleed e i suoi commenti

Nosebleed
Opera:
Recensione:
Comunque concordo anche sulla pessima traduzione del titolo, avrebbe potuto essere tranquillamente "I signori di Salem". E aggiungo che la Casa del diavolo non è affatto male, è anche quello un film pieno di omaggi ai classici del genere ma moderno e originale in molti dettagli. E meravigliosamente ambientato in un profondo Sud bifolco, desertico e desolato popolato da pochi esseri umani dai tratti grotteschi e mostruosi.


Nosebleed
Opera:
Recensione:
Il voto al film è quello che avrei dato io, e che gli danno anche sul sito di Rogert Ebert. Nella recensione ci sono diverse cose con cui sono d'accordo, e alcune con cui non lo sono. Sono d'accordo sul fatto che la regia sia il punto di forza del film, e non poteva essere altrimenti data la volontà palese di realizzare un film "trippy", che è una scelta ovviamente anacronistica. Non sono d'accordo sul fatto che il film necessitasse una trama e una sceneggiatura più solide e articolate: primo è un film che si basa sulle visioni e quindi che vive di immagini e poco di parole, secondo è un chiaro omaggio a un tipo di horror antiquato e kitsch che sicuramente non brilla per qualità o originalità della scrittura, terzo essendo un omaggio al genere è ovvio che deve essere infarcito di cliché da capo a coda. E' una trovata simile a quella di Machete di Rodriguez, solo che in quel caso l'intento era perfino più ovvio e nessuno si sarebbe aspettato che il film avesse una storia originale e articolata. Detto questo, il film in questione ha i suoi momenti di ispirazione ma molte volte si avverte la sensazione di trovarsi di fronte a un esercizio stilistico pieno di citazioni un po' fine a sé stesso. Il limite più grosso penso sia comunque il fatto che è fin troppo simile a Rosemary's Baby, certi personaggi e sviluppi della trama sono praticamente sovrapponibili.


Nosebleed
Opera:
Recensione:
Intendevo dire che a dare troppo spazio alla soggettività degli utenti a discapito dei contenuti "critici", si finisce per far diventare una "bacheca" dove vengono condivise recensioni un semplice muro cittadino imbrattato a più non posso dove prima o dopo il contributo di ognuno si perde nel caos. Fino ad ora non è stato così, però per esempio il sistema dei de-sentimenti va un po' in quella direzione, essendo per niente funzionale ai contenuti artistici del sito. Dico che il rischio è dietro l'angolo perchè è difficile mantenere il giusto equilibrio, dal mio punto di vista, fin ora però mi pare si sia riuscito. PS Non c'entra nulla ma segnalo che io sarò per un po' in sciopero dei commenti e delle recensioni per protesta contro la nuova homepage :-). Invito l'utenza a manifestare altresì il proprio dissenso.


Nosebleed
Opera:
Recensione:
Lo conosco; carino, non eccezionale. Cantrell avrebbe anche potuto fare a meno di allargarsi da qui in poi e lasciar riposare in pace il nome degli Alice. Trovo molto buoni i suoi dischi "solistici", niente brividi come prima ovviamente, roba molto più tranquilla, ma anche per questo secondo me meritano più degli attuali Alice In Chains.


Nosebleed
Opera:
Recensione:
(Mi sento chiamato in causa) Boh...per me son state scritte delle ottime pagine...di nerd proprio non se ne son visti. Io, come dissi già allora, avrei inoltre auspicato un minore spazio in homepage per la sezione(problema che con la situazione attuale perlomeno non sussiste); avrebbe reso le cose più semplici. Quanto a Brat, ma statte zitto almeno, che hai pure recensito, dopo aver rotto tanto i maroni. Non si sputa nel piatto dove si mangia.


Nosebleed
Opera:
Recensione:
Che grande, anche io ho riscontrato la tendenza chi verso il personale e chi verso l'enciclopedico, e anche io penso che senza almeno un briciolo di soggettività non si arrivi da nessuna parte, nonostante sia un lodevole intento quello di voler ricostruire i fatti in maniera più possibilmente attendibile. Su Debaser la componente "utenza" è molto forte (c'è stato chi ha parlato di "social network a sfondo artistico", diocenescampi anche da quello) ed è bella secondo me la commistione tra pretese intellettuali e spazio per il proprio sè, ma anche pericolosa, trovo: il rischio LastFM è dietro l'angolo. Opera e artista che non conosco, ma il pretesto ci stava, anche se ultimamente le discussioni meta-Debaseriane le vedo in aumento e non so quanto sia positivo.


Nosebleed
Opera:
Recensione:
No, allora non è quella che mi ricordavo, questa sembra decisamente più ispirata dal libro.


Nosebleed
Opera:
Recensione:
Fusillo, credo di aver capito qual è la striscia, bellissima! Come lo sai che si ispira direttamente al libro?


Nosebleed
Opera:
Recensione:
Io lo conosco ovviamente per via di One, mi ha sempre incuriosito ma non l'ho mai letto. Bravo Bartolomeo. Ma perchè c'è la copertina del DVD?


Nosebleed
In: IRM di O__O
Opera:
Recensione:
La cosa che amo di più di questa qua è sua madre.