Sto caricando...

Electric Wizard
Legalise Drugs And Murder

()

Voto:

"Terrorizer", una rivista hard 'n heavy. Numero 228, in copertina... i Lacuna Coil... Sì i Lacuna Coil, metal per adolescenti che sbavano dietro a pornodive depilate come neonate e modelle dalle tette secche.
A casa Terrorizer! Mi piace il pelo che si inzuppa e lascia la faccia grondante umori, mi piace la carne da stringere tra le mani, mi piacciono i fianchi larghi e le cosce calde. Non ho più 15 anni, del bisturi non so che farmene.

La rivista ch'a pure una cassettina che copre interamente la foto del gruppo principale di cui vorrebbe parlare. Guardo la cassettina e, SbAm:. "Electric Wizard; Legalise Drugs & Murder" ristampa (forse) con 4 bonus track.
Vieni qui Terrorizer! Mo' me te compero,  me te scarto, me piglio la cassettina e poi ti lascio assieme ai topolini di fianco al cesso...

La tracklist:

 01. Legalise Drugs & Murder
 02. Satyr IX (4-Track Demo)
 03. Murder & Madness
 04. Patterns Of Evil (Remixed Version)
 05. Lucifer (We've Gone Too Far)
 06. Our Witchcult Grows...

Non l'ho ancora sentito, tanto non serve: sono i Wizard.
L'Ep originale (quello con solo "Legalise..." e "Murder & Madness") non mi aveva fatto impazzire. Ma sono i Wizard e qui ci trovi succhi fradici, riff caldi, atmosfere da stringere sotto i polpastrelli e pelo pubico a volontà.

Finisco di cagare. Sul pavimento tra un mucchio di topolini vecchi di 20 anni spunta il volto laccatissimo di Cristina Scabbia. Alzo gli occhi e guardo la copertina veramente povera della cassetta che ancora stringo fra le mani: Oh, a me piace scopare, voi fate come preferite.

 

Ah, sì, Terrorizer in effetti dedicava la copertina agli Electric Wizard, ma come ho scritto prima, mi piace scopare e dei pipponi sugli artisti che suonano non me ne frega pressoché un cazzo. 
Ed è ancora lì Terrorizer, tra un topolino milleottocentoequalchecosa e un numero a caso di Zio Paperone, che aspetta di essere buttato nella raccolta differenziata. Illuso, tira su più piscio lui che uno straccio con su mezzo logo dei metallica ( eddai, anche le vostre mamme hanno ridotto in stracci il vostro passato thrash, dite la verità).

Commenti (VentiCinque)

Psychopathia
Psychopathia Divèrs
Opera:
Recensione:
anche a me piace...rebbe scopare, ma tant'è, sono un tristone. natalie portman mangia la pastasciutta in testa alla scabbia. a te 5 per questa recensione visionaria e viscerale. che dio mi perdoni... (non lo farà)


hjhhjij: ehm...avevo dimenticato di lodarlo questo non si fa. Che la Venere Israeliana mi perdoni.
SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
Che cazzo di band! Dire che li amo è poco! Questa roba qui mi manca. Dovrò procurarmela...rece bellissima. Di questi fattoni, cosa dire, se non che dischi come "Come My Fanatics...", l'EP "Supercoven" e "Dopethrone" li adoro a tal punto che me li porterei a letto.


Hardrock92
Hardrock92
Opera:
Recensione:
L'ultimo ep è una goduria, come tutto quello che hanno fatto. Pure Black Masses, che mi aveva lasciato lì lì, è un gran disco. Recensione ghignosissima :-)


aerdna
aerdna
Opera:
Recensione:
Ho il 12" con la copertina di Master of Reality... un po' inutile, nevvero, eppure non mi sono mai pentito dell'acquisto né mai me ne pentirò. E potrei addirittura raddoppiare l'inutilità ordinando questa cassettina, sempre che riesca. Mi sento di aggiungere solo una cosa: "Children of the grave".


macaco
macaco
Opera:
Recensione:
The Decline
The Decline Divèrs
Opera:
Recensione:
Io 'ste riviste ciccio-inglesotte in salsa monarchica non le leggo mica, cribbio! Al limite se facessero un'edizione in vernacolo norreno... E comunque non compro più una seganulla di loro da quando scoprii che Liz Fuckingham si era sposata con quel trippone maledetto del cantante chitarrista e, contemporaneamente, che Tim Bagshaw non era il nome d'arte di una bagascia lucana stilista di lingerie emigrata in terra albionica dopo l'uscita del primo album solista di Max Pezzali.


kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera:
Recensione:
Frédéric Moreau
Opera:
Recensione:
In peluria we trust.


Workhorse
Workhorse
Opera:
Recensione:
Ecco, questi li sparerei volentieri nell'autoradio


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Recensione di nes?:D


korrea
korrea
Opera:
Recensione:
Non volevo votare l'opera, che non conosco. Facciamo che il voto va a Scabbia, che mi sembra concretamente più pelosa della tipa degli EW.


Darkeve
Darkeve Divèrs
Opera:
Recensione:
Rece luridissima, band totale.


Michoos What
Michoos What
Opera:
Recensione:
Guardando la copertina mi viene in mente quella mitica battuta da sora Lella in Bianco rosso e verdone:"...gliè sto a dì che razza di nipote c'ho..che scambia a' sorca per un par de mutande"...Riguardo alla Scabbia,vi propongo una sua intervista musicale,dove a un certo punto non sapeva manco chi fosse Aretha Franklin...mah vabbè comunque: Bella Nes!


hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Oh, le recensioni di nes son sempre divertenti e/o cazzute qui però è diverso questa è proprio bella, m'è piaciuta davvero, da 5 pieno. Gli Electric Wizard sono nella mia lista "da ascoltare entro un anno massimo".


March Horses
March Horses
Opera:
Recensione:
Recensione folk, me piasce


Sotanaht
Sotanaht
Opera:
Recensione:
Non conosco l'album, ma questa contro-recensione è davvero epica.


nes
nes
Opera:
Recensione:
Drone??? Perché c'ho piazzato dentro il Drone???


March Horses: perché eri fatto, ammettilo. E magari avevi appena ucciso, dato il titolo dell'opera :)
jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
questo meriterebbe già solo 5 per titolo e/o copertina; loro ovviamente non si discutono


LuKaPiz
LuKaPiz
Opera:
Recensione:
Anche io ho il 12" con il logo copiato da Master of Reality, preso l'ultima volta che li vidi live, e concordo doppiamente con chi più su' ha detto che è inutile ma che andava preso comunque... Loro sono il mio gruppo della vita, non hanno ancora fatto nulla che non me lo faccia venire durissimo, anche se recentemente si stanno facendo un nome quindi già temo per il prossimo disco...


Geo@Geo
Geo@Geo Divèrs
Opera:
Recensione:
"Non l' ho ancora sentito, tanto non serve": tu sei fuori come un superattico :DDD, ma ti deAmo da anni, raccogli i topolini da terra...disordinato ;)


nes: no dai, stan così bene lì dove sono. E soprattutto se li sposto mi tocca pure fare la polvere.
elv
elv
Opera:
Recensione:
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
...Liiiga-laaaiiZZZZZ... conn-la-zzeta... (seguendo l'intonazione del ritornello esce precisa)... leeegaaalaaaaizz...


nes: sì ma poi che dice? sono mesi che con tutta la buona volontà cerco di sentire "drugs & murder" ma ogni volta ho l'impressione che il testo sia "strokes & murder"...
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
Oh ma chi era il rapper della Florida che aveva campionato il riff di Dopethrone e ci aveva messo su un pezzo gangsta-rap? Mi ricordo che era ciccione e brutto ma nient'altro, volevo ritrovarlo...


The Decline: Vabbè dai...non è che sia poi così panzone come mi immaginavo... Diciamo che è diversamente malnutrito.
The Decline: Vabbè dai...non è che sia poi così panzone come mi immaginavo... Diciamo che è diversamente malnutrito.
The Decline: Rettifico: forse è davvero un trippone visto che si è preso lo spazio di due commenti...
puntiniCAZpuntini: Me lo ricordavo più grasso... il pezzo invece fa schifo quanto me lo ricordavo
ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Io sono fermo ai tempi di Dopethrone.


SilasLang: Almeno almeno "Let Us Prey" è un altro discone...comunque, i livelli di Come My Fanatics..., dell'ep Supercoven e di Dopethrone non li rivedremo più nemmeno col binocolo dal dopo 2000 ad oggi.
ZiOn: Esatto, "Come My Fanatics" è un altro album che spacca. E' quello con Doomantia, giusto?
Sigma
Sigma
Opera:
Recensione:
Questa recensione è come un clistere di piscio caldo e fumante. Che goduria quando ti penetra a fondo nelle viscere e ti riscalda da dentro. Ecco questa recensione fa il solito effetto. Porc'addio.


nes: "Questa recensione è come un clistere di piscio caldo e fumante." le tue esperienze personali sono veramente estreme. Certo, hai dei gusti un po' particolari...
Sigma: Porc'addio Nes. Paloma.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Legalise Drugs And Murder è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link