Fantastic Negrito
The Last Days of Oakland

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.



Un anonimo (in tutti i sensi): “Conte, scusa, a te piace Fantastic Negrito?”

Il Conte (perplesso e già irritato): “Chi??!! Che cazzate spari?!”

L’anonimo (balbettante ma, comunque, sicuro della dritta): “Pensavo lo conoscessi, è in gamba ha fatto un paio di album che, secondo me, ti potrebbero piacere”.

Il Conte (scocciato ma possibilista): “Prendo atto ma se fa cagare, come penso... lasciamo perdere va”.... (che sclerotico che sono, ma sorridendo e con la faccia da schiaffi che ho non si capisce mai quando scherzo e quando invece potrebbero diventare cazzi amari).



Qual’è il problema?! Su DeBaser sanno tutto, vado e mi informo.

Su DeBaser non c’è nulla, delusione; altra indicazione che orienta il tutto verso una colossale cagata.

Ma poi quel nome ridicolo da giovane rapper o trapper che si inventa un nomignolo per sparare le sue cazzate in modo facciano maggiore presa che senso ha?! Una cagata, ne sono quasi sicuro.

Google! Li almeno vedo chi è.

Prima sorpresa! È un vecchio come me! E l’album è stato disco Blues del 2016!
Arrivano buone nuove quindi. Vado ad informarmi.

Sembra che questo tizio, nativo del Massachussets ma cresciuto ad Oakland, abbia avuto una vita pazzesca. D’altronde se a cinquant’anni risulti un neofita qualcosa di strano ti deve essere successo.

Scappa di casa a 12 anni e vive in strada suonando la chitarra, spacciando crack, trafficando con le gang locali tra risse e sparatorie. Viene notato e preso “in gestione” dai manager di Prince. È considerato un ragazzo dalle enormi potenzialità, va in tour con gente come Fugees, De La Sol, Arrested Development. Incide un album, in cui tutti racchiudono tante speranze, ma che si rivela commercialmente un flop.

Il contraccolpo psicologico su Xavier Dphrepaullez (suo vero nome) è grande e un incidente (quasi) mortale è la mazzata definitiva alla sua voglia di continuare a suonare.

Si ritira in campagna a coltivare marijuana (altra sua passione) che distribuisce legalmente in California, poi organizza party illegali a Los Angeles per gente ricca e famosa. Per il romanzo perfetto manca l'arresto e poi la nascita di un figlio che gli faccia tornare la voglia di raccontare, di scrivere musica. Detto e fatto, romanzo riuscito magistralmente.

Xavier - X(J)avier mi piace un casino, mi ricorda il nobilissimo Capitano - sceglie ancora la strada.

“Avevo scritto queste nuove canzoni e ho pensato che testarle in strada fosse il modo migliore per avere un’opinione autentica e sincera sui brani. se riesci ad attirare l’attenzione di persone che tornano a casa dal lavoro e non hanno alcuna intenzione di ascoltarti ... beh allora è fatta!” Non male.

Gran bella storia, genuina. Fin troppo. Faccio fatica a credere che sia tutto così maledettamente e perfettamente blues. Ma io non faccio testo, non mi fido più di nessuno. Mettiamo sia vera a metà e va bene uguale.

Quello di cui sono convinto e che questo album sia splendido.

Sono cresciuto con l’hip-hop. Ho scoperto il Blues e le mie radici nere solo di recente: è un genere che mi ha sempre accompagnato, l’ho ascoltato distrattamente per tutta la vita, ma non mi era ancora successo di entrare in connessione con lui... Quel suono originario del delta del Mississippi, quella passione che ci mettevano Skip James e Robert Johnson, finalmente sono penetrati in me e ho capito di avere trovato qualcosa a cui mi sento davvero legato.... “

E bravo il “mio” Negrito, io ci convivo da trenta e passa con i Demoni del Blues, ora sei fritto.

Non lasciatevi però ingannare, siamo molto lontani da un classico album di Blues alla Bloomfield o alla Ray Vaughan.

Qui il Blues è nell’aria più che nel suono. Un album da strada, atmosfera Blues e Hip Hop.Tanta Black Music tutta insieme che è un piacere per l’anima. Come se James Brown, la Betty e i Funkadelic, BB King, Sister Rosetta ed il sig. Marshall avessero deciso di suonare congiuntamente per il bene di tutti.

E quindi tanto Rhythm and Blues, tanto Soul, lamenti Gospel e ritmi Tribali, Funky e Rock’n’Roll che si miscelano in un unico pazzesco groove con sonorità “moderne”.

Questo il pregio più grande. È vecchio ma non è per nulla “vecchio”.

Tutte veramente belle le canzoni, cominci ad ascoltarlo e vai a manetta, anche perché il disco è un crescendo.


Rhythm and Blues acido e tanta negritudine nelle stupende “Scary Woman” e “The Niggar Song” ed il Funky Rock’n’Roll di “Hump Through The Winter” (sentite quanto assomiglia a d una versione nera di “Black Dog” del mio Dirigibile”) che ti agitano, mentre il soul ed il gospel miscelati con Hendrix ti stendono con “Lost In The Crowd”, “The Worst” e “Rant Rushmore”. La finale “Nothing Without You” è talmente bella che potrebbe essere stata la più bella canzone scritta da Prince.

E io non scherzo, ascoltate poi mi dite... anche perché le poche che ho dimenticato è solo perché non ricordo il titolo è non ho voglia di andarlo a rileggere.

Si scaglia contro il capitalismo, l’avidità e lo sfruttamento della società odierna e afferma che “I soldi e il potere sono le radici di tutto il male”..... mmmmhhhh mica mi ascolterà da decenni questo Negrito?!...

Vado dall’Anonimo e chiedo cosa sa di lui. Mi dice che il nuovo album appena uscito è bello come questo o forse di più e che l’ha conosciuto due anni fa quando è andato a vedere Chris Cornell e lui apriva i concerti.


Eh Chris, grande e sensibile anima rocker...


Mi racconta, non si ferma più Marco. Marco non è più l’anonimo, anzi non lo è mai stato... era solo timido e io dovrei smetterla di essere ancora così impulsivo nei (pre) giudizi solo perché non credo più in nulla e solo perché la maggior parte delle volte ci becco ( in negativo purtroppo). Ci sono comunque ancora nobili persone, pochissime, ma ci sono.

Grazie Marco.


Buona nobili, fatevi questa perla e ora mi ascolto il nuovo.

Questa DeRecensione di The Last Days of Oakland è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/fantastic-negrito/the-last-days-of-oakland/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiDue)

IlConte
Opera: | Recensione: |
IlConte
Opera: | Recensione: |

BËL (03)
BRÜ (00)

IlConte: Un paio di pezzi...
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Vabbè, IlConte che recensisce un'opera che ha meno di 50 anni, sta finendo il mondo, addio.
BËL (06)
BRÜ (00)

lector: Ormai è un vero fashion maker!
Pinhead: Quando avrà 14 milioni di followers su Instagram, ci ritroveremo qua a sentenziare «Eh, lo avevamo detto».
IlConte: Sono fritto del tutto... io non so cosa sia Il fashion maker... sono un nobile disadattato...
Carlos
Opera: | Recensione: |
Interessantissimo. Potrebbe proprio essere roba per me.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Per me è molto bello e dovrebbe piacerti a Comandante
gate
gate Divèrs
Opera: | Recensione: |
Il mio vecchio Chris... RIP frate'
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Speriamo suoni e canti ...
gate: Deve!
DanyMorrison
Opera: | Recensione: |
Fantastic Negrito, ascoltato per la prima volta su Radio Freccia con un suo brano uscito forse adesso: si chiama "Plastic Hamburgers.

BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Album nuovo, gran pezzo senti che roba!
lector
Opera: | Recensione: |
Stai diventando un trend setter, una roba tipo la Ferragni.....
BËL (03)
BRÜ (00)

gate: Ferragni? Chi cazzo è?
imasoulman: e pensa che lo so persino io, l'uomo meno-social sulla faccia dell'Orbe Terracqueo...
luludia: e pure io lo so!!!
IlConte: A me la Ferragni (che non so chi sia) mi fa una pippa... anzi deve pagare e salato per farmela!
dsalva
Opera: | Recensione: |
bella Conte...naturalmente non conosco, ma ci vuole poco,....interessante davvero!
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Bellissimo album e anche quello appena uscito...
imasoulman
Opera: | Recensione: |
??? cioè...Ella ha fatto una bomba di rece trattando di una robba che - anche solo per i riferimenti - parrebbe buona come il pane e per di più pane per i miei denti? Ha proprio ragione, 'ci sono comunque ancora nobili persone, pochissime, ma ci sono'. Ella è senza fallo (ehm...non fraintenda..) una di quelle.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Tutta roba sua Signore...
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Un paio di cose, forse tre: leggendo l'abituale "passione" che ci metti nel tuo scritto mi è venuto in mente la vicenda artistica di John Campbell, altro personaggio che ha vissuto una vita tormentata e purtroppo non molto lunga. Poi citi Chris Cornell (e qui i soliti brividi si sono impossessati del mio corpo); ed infine mi vorresti far credere che addirittura hai un dirigibile? Ma dove lo tieni che dovrebbe occupare parecchio spazio!! In conclusione mi sono svegliato questa mattina, con un anno di più sul groppone, trovando la notifica della tua recensione che mi ha dato la carica giusta per partire, a breve, per una nuova camminata alla ricerca degli spazi immensi e degli imponenti silenzi delle mie sacre montagne. Un abbraccio enorme ragazzo del '67!
BËL (02)
BRÜ (00)

IlConte: Eh va be auguri vecchio mio, Campbell è il nostro diavolo preferito dai. Questo è un “folle” che ha fatto due album favolosi (per quei generi).
Senti quella che assomiglia a Black Dog ad esempio o quelle sopra... per le camminate al fresco sai quanto ti “invidio”... io con la solita ghisa in palestra in mezzo alle pensionate... zio vaka ahahahah!
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Tutti vorrebbero uno zio giovane che si chiama Fantastic Negrito e spacciava Crack alle feste di LA negli anni 90.
Sì sì, tutti.
BËL (03)
BRÜ (00)

IlConte: Anche Trump, magari un nipotino...
puntiniCAZpuntini: Trump È lo zio giovane di qualcuno in una gioventù anni 80 ormai passata.
Tipo che poi si scopre che la figlia è in realtà la madre del padre, e poi muore il negro e restano solo i bianchi, ma hanno vinto.
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Il DeConte che rècensisc(i)e i Fantastici Negrita ci dice chè il DeBasio sta (finalmente) morendo per sul serio.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahahah Lei mi strappa sempre un sorriso anche in certi momenti...
Formula:
+ Sfascia
- Xanax

E comunque si Signore della Nobile Isola... siamo all’ammazzacaffe’!
sfascia carrozze: L'ammazzacaffè, nel mio caso, è un lontanissimo, soggiungerei completamente rimosso, ricordo.
E solo che, ora che ci penzo, non mi ricordo più cosa c'era (esattamente) ancor prima del kill-coffee.
Grunt!
IlConte: Ahahahah pure per me... ogni regione ed ognuno di noi ha (aveva) il proprio ammazzacaffè... io esageravo con un paio di caffè... a alcuni grappini

Si insomma siamo alla fine, oltre frutta e dolce... DeBaser è alla fine...
sfascia carrozze: Era ora!
Così possiamo finalmente tutti andare in pace su Ondarock.
Amen!
IlConte: Guardi che su ondarock non ci prendono, li fanno recensioni serie con il tractutrac e tutti quei termini tecnici perfettini... c’è lo vede un mio umile scritto deviato, ma anche uno nobile suo - sempre deviato - in quel sito ultra super professionale??!!
sfascia carrozze: Quindi mi sta dicendo che dobbiamo restare su DeBasio anche quando sarà definitivamente morto-e-sepolto?
Li porta Lei gli Arbres Magiques?
IlConte: Ahahahahahahahahahah in effetti tutti i de-cadaveri, pur nella loro nobiltà unica, puzzeranno a manetta....
Chiederemo aiuto alla nobilissima fanciulla @[heartshapedbox]
Lei se ne intende e arriva “armata”...
sfascia carrozze: Secondo mé è in procinto di DeBannarci tutti.
Mò vado e la banno prima ché non ci lasci via di scampo.
La gaglioffa.
luludia
Opera: | Recensione: |
fantastic chi?
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahah, saghe’?! Cmal sciama?!
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
"D’altronde se a cinquant’anni risulti un neofita qualcosa di strano ti deve essere successo." Ma cazzo! Ma meno male! Viva i neofiti, i cani randagi, le mine vaganti..guarda nobile il disco non so se è per me, ma di sicuro lo è il personaggio..e domani parto pure per il Sud della Francia..
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Dici bene caro Poeta, viva tutti loro (noi) gente fuori dagli schemi, non in fila per tre... anche se è molto dura. Il disco non è “tuo” ma ha troppa roba bella insieme ed è “facile” e godibilissimo... da viaggio...
Parigi è la “mia” città e il sud della Francia da girare è favoloso... tanto vinello buono...
Divertiti! Un abbraccio.
CosmicJocker: Ci sentiamo al ritorno..se sarò ancora....frequentabile! ..un abbraccio nobile..
IlConte: Ahahahahahahahah
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Sempre di altissimo livello. Blues moderno con belle atmosfere. Ottima l'alchimia testi musica. Caro Conte di nuovo fatto centro.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Nobile Johnny grazie del passaggio. Sound al mio udito meraviglioso, sto ascoltando quello appena uscito, idem.
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
IlConte che mi fa scoprire un nome nuovo degli ultimi due anni, vabè chiudete tutto. Comunque ottima recenzia e disco messo tra le priorità, fighissima anche la copertina.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahahahah grande Nobile. Disco veramente bello, senti i tre che ho messo qui all’inizio dei commenti e nel commento di demarga. E anche quello che sto ascoltando appena uscito.
hjhhjij: Si, li ascolto ben volentieri.
IlConte: Sono quasi alla fine con Waits mi mancano gli orfani e l’ultimo... che bel viaggio!!! Impensabile non “conoscerlo”, grazie ancora Nobile ragazzo!
hjhhjij: Ho visto gli ascolti grande. Che dire, diffondere Waits è un piacere ma trovare qualcuno al quale la sua musica entri così sottopelle è un piacere ancora più grande, anche se come sai con te lo avevo previsto fin dall'inizio, immaginavo che fosse un "tuo" artista.
IlConte: Eh lo dicesti subito infatti..l
IlConte
Opera: | Recensione: |
Grazie del passaggio @[Harlan]
BËL (00)
BRÜ (00)

algol
Opera: | Recensione: |
Sei riuscito ad interessarmi su coordinate non proprio mie. Ora ascolto con calma unendomi ai ringraziamenti per Marco a prescindere.
BËL (01)
BRÜ (00)

algol
Opera: | Recensione: |
I pezzi son fighi. Certo che tra pseudonimo che pare uscito da cartoon network ed il vero nome vocal repellente (un codice fiscale) non so cosa sia peggio. Uh.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Caro Doc quando mi dici che mi leggi anche se non sono “tue” mi fai sempre un gran complimento, grazie.
Si l’album è veramente bello e anche quello appena uscito.
Ahahahahahah diciamo che ha avuto altre fortune, nei nomi e nomignoli non c’azzecca una mazza.

Mi accontento del ricordo di Javier il Capitano
Zimmy
Opera: | Recensione: |
Ovviamente non l'ho mai sentito nominare (non lo conoscevano gli esperti debaseriani, potevo conoscerlo io?!) ma dopo una rece così non si può non andarselo ad ascoltare con grande interesse e attenzione. Grande Conte, la tua ennesima perla
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahah mitico Zimmy. Ti piace fidati di me, due album clamorosi...
Zimmy: Che mi piace è poco ma sicuro. Gran proposta
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Eh. Prima facevi il socratico e adesso fai il talent scout.
BËL (00)
BRÜ (00)

dsalva: eddai, ha letto Rolling Stone!
IlConte: Ahahahahahahahahah, Rolling Stone non lo leggo da decenni penso (ma poi mai letto?! Boh)...
e Lei mi da socratico?! Ma che cazzo vuol dire, io ho fatto le scuole basse, sottoterra, underground. Deriverà da tal Socrate che dovrebbe essere un filosofo o no?! Un mio collega insomma... per non fare un cazzo ed elargire nobiltà e cazzate a manetta ahahahahah
Almotasim : L'analogia ci sa tutta. Come Socrate si aggirava per Atene facendo finta di non sapere un cazzo cosi' fa lei e poi ci fa scoprire da soli cose grosse tipo il teorema di Pitagora. Poi Socrate aveva, come lei ha I demoni del blues, il suo daimon.
Almotasim : Rolling Stones e' doxa, opinione infondata.
IlConte: Ahahahahahahahahahahah
Straordineri o!!!
IlConte: E comunque neanche doxa so cosa vuol dire ahahahahahah
fedezan76
Opera: | Recensione: |
Ok, mi hai convinto, lo ascolto. Hai un modo tutto tuo di scrivere le recensioni. Mi piace, nonostante il qual è con l' apostrofo.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahah ma guarda io non mi intendo di cose tecniche e mi danno anche un pochino fastidio e in italiano faccio cagare... per me scrivere una “recensione” è una fatica... non posso dire scrivo di questo disco, perché scriverei dieci righe alla cazzo, devo abbinarla a qualcosa di mio, che mi faccia protagonista insieme all’opera... devo provare emozioni ... una rovina di vita ahahahah
Grazie del tempo
fedezan76: Ah ah, ma in realtà è perfetta così. Ma fare lo scassacazzi è una deformazione professionale ... a forza di scrivere contratti ... le virgole sono tutte mie!
IlConte: Lo scassacazzi in questo mondo è quasi un dovere direi... ahahahah il proprietario delle virgole, belisim!
fedezan76: Il Signore Delle Virgole.
IlConte: Ahahahahahahahahah

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: