Sto caricando...

Franco Battiato
Sulle corde di Aries

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


وَلَقَدْ خَلَقْنَا ٱلْإِنسَـٰنَ وَنَعْلَمُ مَا تُوَسْوِسُ بِهِۦ نَفْسُهُۥ ۖ وَنَحْنُ أَقْرَبُ إِلَيْهِ مِنْ حَبْلِ ٱلْوَرِيدِ

Antica stuoia, giammai abbandonata, di trama ed ordito cadmio indaco e cinabro.

Ascolta, bronzea malachite, statua di sabbia d’argilla e di bitume.

Attendi, alfine, la tua spoliazione.

Un rituale per percussioni tastiere e antri stalagmitici ed umbratili.

Svuotati le tasche ed il torace.

Lascia qui quel che possiedi, senza eccezione.

Quel che possiedi non è quel che qui lascerai: un monile risplende nelle tue mani vuote.

Questa voce di Shahrazād, afona e taciturna, dice di notti e di stelle pestate in un mortaio.

Attingi, rimestandovi appena, per l’inesausto tuo desìo.

Mai s’interromperà, questa ventata mista a sabbia e saliva —di sangue e di sacertà— che ha nome rivoluzione.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su TrentaTre

macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Aulicoasterisco. Torni il prima possibile!


Ditta
Ditta
Opera:
Recensione:
Preferisco (di poco) Pollution, ma pure questo è un discone. Comunque il mio Battiato preferito rimane quello a cavallo tra la fine degli '80 e l'inizio dei '90...


123asterisco: Non saprei decidermi fra questo e Pollution, indi per cui non decido. A parlare di Pollution ci pensò anni orsono @[Eneathedevil] , quindi non mi son permesso di oltraggiarne la reiterazione. Per questo disco invece, ahimè, le due altre recensioni sono piuttosto anonime e didascaliche, nevvero?
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Meriterebbesi cinqve-qvinti solo per aver portato in CasaPagina il misconosciuto ai più lemma sacertà
Detto ciò son sicuro che anche il tautologico @[IlConte] apprezzerà qvesta Sua DePagina incomprensibilmente mistica e sensuale.
#forse


Martello: al Conte piacciono arabe. Si sa
IlConte: “Mistica e sensuale”, solo questo ho capito e va benissimo, savansadir
Eneathedevil: Ha colto la citazione, @[IlConte]?
Battlegods
Battlegods
Opera:
Recensione:
Quando in Italia si Suonava!


voiceface
voiceface
Opera:
Recensione:
Disco superlativo. Sicuramente il più bello della fase sperimentale che va da Fetus all'inascoltabile L'Egitto prima della sabbie.


Kotatsu
Kotatsu
Opera:
Recensione:
Disco #zublime e di grande ispirazione. Rece interessante.


123asterisco: Mercì.
'gnurant
'gnurant
Opera:
Recensione:
Non posso dire di conoscere sufficientemente Battiato ma lo scritto, non so se si possa definire una rece, è notevole. Ti viene voglia di leggerlo e riesce a rievocare la musica dell'artista. Tanta roba. Clap clap


123asterisco: Grazie mille, davvero
ugly panda
ugly panda
Opera:
Recensione:
Non ci posso credere....3 ore fa é stata pubblicata questa rece e circa 6 ore fa ho pubblicato un mio podcast in cui c'è...tra 12 brani diversi per genere periodo e geografia...un brano tratto da questo album. Coincidenze, casualità o affinità elettive?
GiulioZine On Air - Magnetica by GiulioZine On Air | Mixcloud


IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Ahahahahahahahahah
Sono più le parole sconosciute di quelle conosciute, belisim!!!

La tua kultura, la mia faccia da Kazzo e l’uccello di Rocco e questa inutilità di mondo è nostro senza fatica.

Mi sembra tutto molto interessante soprattutto la prima riga e un po’... l’unica che ho capito
#forse


123asterisco: Ahahahah
Magnifique
macmaranza: Io amo il Conte sopra tutti. Non è colpa mia. È anale. Ps. Chi ha letto Freud mi perdoni.
IlConte: Lei, Nobil Mec... ha capito tutto ed è tra i pochissimi, savansadir
MarkRChandar
MarkRChandar
Opera:
Recensione:
Se solo riuscissi a capire quello che c'è scritto, potrei anche valutarla diversamente come recensione.


macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Non mi piace questo Battiato, lo aprezzo in toto a partire dalla fine ottanta.


Caspasian: Prova "Clic".
macaco: Li ho ascoltati tutti, piú o meno.
Dislocation
Dislocation
Opera:
Recensione:
Bello, bello.


123asterisco: Grazie, grazie.
Hank Monk
Hank Monk
Opera:
Recensione:
nonostante trovi i primi due carini ma estremamente naïf e quelli dopo una noia mortale (parlo del periodo sperimentale) questo devo dire che mi ha sempre affascinato.


Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
A parte l'infanzia di Fetus, la conquista di Pollution, Sulle corde di Aries lo percepisco come regno e cerimonia di un Battiato combattuto interiormente. Preferisco Clic dove trovo l'umiltà disintegrante del primo anno (dei sette) di silenzio della scuola di Pitagora, dove Battiato si infila in un percorso "sperimentale" massacrante, passando dal silenzio mistico della madamigella gladiatore e, sempre rispettando il togliere per acquisire, arrivare a scomparire nel settimo anno con L'Egitto di prima delle sabbie, per poi rinascere e "lasciarsi andare" nel mare pop con un sorriso del Buddha che ha divertito tutti.


123asterisco: Si potrebbe in effetti vedere il progressivo autoannichilimento del Battiato pre-cinghialebianco come una ricerca in questa direzione. Chissà che ne pensa l'espertissimo @[Eneathedevil].
Eneathedevil: Beh, sì, il nostro ha certo fiutato i lidi più confortevoli e remunerativi del pop e ci si è fiondato sopra, ma il compromesso operato in certi dischi degli '80 e '90 con alcune soluzioni dalle partiture non banali ha perpetuato un certo interesse per la sperimentazione musicale, nonostante certi limiti compositivi.
lector
lector
Opera:
Recensione:
Non può esserci un Dio perché, se ce ne fosse uno, non potrei credere che non sia io.
(Friedrich Nietzsche)


macaco: La teomania é una tendenza in voga ultimamente.
123asterisco: Questo, lo sapete bene anche voi, Sire, non ha alcun senso.

Non che io sia meno ateo e materialista di voi, ma comprendo cosa ha significato Dio per gli uomini: non in Dio antropomorfico, quello è facile a deridersi assieme alla candida superstizione di chi ancor oggi può credervi; ma il Dio dell'Esodo 3.14 "Io sono colui che è", o il Deus absconditus dei mistici.
luludia: più che nice sembra woody allen...
musicalrust: .... o Trump !
luludia: beh, no... trump è un cretino, woody allen no...
musicalrust: Ovviamente era ironico il commento...
luludia: ahhahahh...lo so, lo so...ma vedere il nome di trump accanto a quelli di nice e woody allen suona strano...
macaco: Un ateo che cerca una definizione di Dio nella bibbia, robe da matti!
Ed é proprio un "Dio" antropomorfico quello descritto, che cammina e parla con gli uomini.
123asterisco: @[macaco]: sono un ateo ma anche uno storico. Strana figura, lo so.
odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Lontano da queste tenebre matura l'avvenire
Il cielo è senza nuvole
Padre fammi partire


odradek: Messere, Voi non potete sapere quanto questa dedica colga il segno: avevo 14 anni quando Battiato pubblicò l'album e lo comprai, uno dei primi vinili, per ascoltarlo a casa d'un vicino, perché non avevo un impianto.
E qualche giorno fa mi sorpresi a cantare, in perfetta solitudine, in un luogo isolato, "Da oriente a occidente", senza un perché, camminando all'imbrunire.
Vi ringrazio.
123asterisco: Me ne avevate accennato voi, messere, del vostro amore per questo disco (ma non ricordo più ove accadde).
luludia
luludia
Opera:
Recensione:
scritto levigatissimo e un un filino saccente...il primo istinto è mandarti a quel paese, poi non si può che rimanere ammirati...ti chiedo: la scelta di alcuni termini è dovuta al suono oppure vuoi farci sapere che ti sei mangiato un dizionario? scherzo, eh...


123asterisco: È tutta una questione di sonorità e atmosfera, quanto più mimetica possibile col disco
luludia: ah, lo so...ci scherzavo un po' su...solo ammirazione per te...
123asterisco: Troppo buono.
musicalrust
musicalrust
Opera:
Recensione:
Io apprezzo tutte le forme battiatesche ( tranne alcune masturbazioni veramente indifendibili ).
Tu come recensore riesci sempre a trovare le parole giuste per descrivere le sensazioni emanate dalle opere esaminate . Anche se a certo punto sembrava di essere all'eredità e alle parole impossibili!!!).


zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Questo tuo scritto lo trovo un pochetto meno capish del mio sull’inesistenza dei colori ma molto meno capish (che ancora devo scrivere) sull’entanglement quantistico nello spazio-tempo iper-connesso di Hoichmann 😂. Ps. Il voto è al livello di capischita’


123asterisco: Spazio (-tempo) pubblicitario
hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
In realtà è comprensibile, è solo moooolto capish.


123asterisco: Non mi pareva di aver osato tanto. Mersì accagei!
Martello
Martello
Opera:
Recensione:
Finito accanto al vitellone sacro del sito. Avgvri


Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
L'operazione di triplicazione recensoria non era poi così necessaria, giacché le due precedenti non erano così malvagie. Però come al solito ti fai voler bene.


123asterisco: Avete ragione, EtD, seppur solo in parte. Proprio dall' insoddisfazione nella lettura di cotali vetuste pagine mi son deciso a scriverne.
Mersì pour le Capishapprové.
voiceface
voiceface
Opera:
Recensione:
Tanti commenti su un disco sperimentale di Battiato fanno davvero piacere. Debaser è più vivo che mai!


Martello: Asterisc una certezza assoluta, si sa
Eneathedevil: Sè! Diglielo a quel vecchio muflone di @[algol] che aspetta trepidante la recensione dell'ultimo disco di MYSS KETA!
algol: Ma asterisco alterna sapientemente. Non è certo un ramo secco ripiegato solo all'indietro.
Meglio ottima gallina vecchia che fresco sterco
algol: E poi questo non lo conosco. Ma mi è bastato Fetus, preferisco le opere successive.
Sempre rispetto per Frango
123asterisco: Grazie algol, sempre gentile.
Non so se può fare per te questo disco, forse no. Però è molto diverso da Fetus, magari potresti provare ad ascoltare solo un brano.
Flame
Flame
Opera:
Recensione:
... EEEEEEEEEEEEHHH???


123asterisco: UUUUHHHH!!!
(direbbe @[sfascia carrozze] )
Martello: Le è stata diagnosticata la S.V.R (Sindrome Vasco Rossi)?
Flame: scusa eh un duè trè, ma non ci ho capito una mazza.
123asterisco: aspe' ti spiego
Flame: ah martè, mavvvv...
Ditta: Gli effetti collaterali dell’ascolto del nuovo #cazzolavoro di Vasco.
Flame: sono una mente semplice, parlatemi di patata, chitarre, vino, birra, se la mettete così difficile è un casino per me. Si sta riempiendo di capoccioni sto sito, è meglio che tagli la corda.
123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
Data la generale incomprensione, proverò a fare una parafrasi:

Questo disco è come un tessuto intrecciato, su cui e tramite cui si svolgono riti di iniziazione: l'uomo (la statua di terra, secondo i testi sacri) , per accedere alla vita eterna promessa ("Riduci le stelle in polvere / E non invecchierai") deve spogliarsi di ogni cosa, tranne che di se stesso (la cosa più preziosa, il monile che resta quando togli ogni possesso), per entrare nell'antro dove questo rituale si svolge. Questa rivoluzione interiore, per Battiato, è presupposto necessario perché possa avvenire quella esteriore e sociale.

La trama e l'ordito rimandano alla concezione di mente come "telaio" di Sherrington che Battiato aveva senz'altro presente, così come aveva presente il percorso di sviluppo spirituale condotto (sullo stesso Battiato) da Gurdjieff.

Charles Scott Sherrington - Wikipedia
Georges Ivanovič Gurdjieff - Wikipedia



123asterisco: Dimenticavo: il passo del Corano è un "topos" classico dei sufi, a cui Battiato rimanda in ogni dove.
123asterisco: P.S. Io non sono certo un misterosofista mefistofelico che crede nella verità di queste cose, anzi. Però, per comprendere Battiato e la sua musica bisogna tenere presente questo retroterra mistico.
JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Propiedad forhbida!


JOHNDOE
JOHNDOE
Opera:
Recensione:
وَلَقَدْ خَلَقْنَا ٱلْإِنسَـٰنَ وَنَعْلَمُ مَا تُوَسْوِسُ بِهِۦ نَفْسُهُۥ ۖ وَنَحْنُ أَقْرَبُ إِلَيْهِ مِنْ حَبْلِ ٱلْوَرِيدِ



JOHNDOE: scusate

ecco il link corretto

Bombolo, ma vattene ...
JOHNDOE: ma neanche lo apro il link
la gente che risponde coi link (la stragrande maggioranza) è poverella
123asterisco: Ahahahah
Ma se li hai usati tu i link?
Lo sai che scherzo.
ZiorPlus: La prima volta che vidi o meglio sentii suonare F. Battiato fù alla festa dell'Unità del mio Paese.
Non lo conosceva ancora nessuno o quasi.
Si presentò da solo sul piccolo palco e si mise a suonare una di quelle cose di musica sperimentale che faceva agli inizi tra un pubblico di gente che urlava "Vogliamo il mago, dateci il mago" dove il mago sarebbe stato il prossimo in scaletta.
TheJargonKing
TheJargonKing
Opera:
Recensione:
Mi è piaciuto il DeAndréiano pestaggio nel mortaio, ma c'è qualcosa che complica consapevolmente e forse inutilmente. Ben più che positivo comunque il risultato. Il disco è splendido anche se per me al vertice di Battiato rimane il profondo e complesso Clic, disco della mia crescita, uno dei tanti.


sfascia carrozze: Quindi ogni tanto esce dall'acqua anche Lei, lì?
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
nutro una certa antipatia per Battiato, antipatia che andava ad inficiare negativamente i miei ascolti del B. settanta, cercavo il pelo nell'uovo nei suoi buoni lavori, non capolavori.
"Questo già sentito da Tot, copiato da tot........", addirittura evitavi i dischi. Poi mi sono messo l'anima in pace, non parliamo di un genio, ma di un ottimo musicista che sicuramente ha sentito tanti dischi ai tempi sconosciuti ai più, magari qualche idea altrui l'ha rivista, insomma non quel santone antipatico. Questa illuminazione mi ha fatto ripescare i lavori ascoltandoli con più giudizio intellettuale e alla fine apprezzandoli per quello che sono, buoni originali lavori ,personalmente mi hanno aperto porte su altri mondi musicali e il tutto non è poco.


odradek: Ciao @[ALFAMA]
Posso essere indiscreto? Lo sarò, ormai ci sono. Volevo dirti che da un po' di tempo ti vedo bene, ho l'impressione che le cose siano più serene che in passato.
Mi sbaglio? Spero di no...
Ciao.
ALFAMA: Non sei indiscreto anzi mi fa piacere. Guarda ad essere sincero i miei problemi in un certo senso sono aumentati ma ho la possibilità di un lavoro a breve termine. Un lavoro che avrò solo dopo visita medica accurata con annesse analisi del sangue tossicologiche, quindi sono obbligato a ripulirmi completamente e chiudere definitivamente la terapia al metadone. Questo mi sta dando una grossa carica e si rispecchia positivamente sulla mia persona, ecco avere un obbiettivo mi sta facendo molto bene. Mi muovo ,penso insomma una vita che rimetto in piedi.
Grazie dell'interessamento
odradek: Buono, son contento. Faccio il tifo per te.
ALFAMA: grazie ne ho bisogno
,La cosa che fa "ridere" è che per terapia di danno una sostanza che crea più dipendenza dell'eroina e anche più difficile da mollare. I misteri di certe cure fatte a cacca.
Mah! buonanotte e grazie per l'incoraggiamento
Vinst
Vinst
Opera:
Recensione:
Alto livello.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Sulle corde di Aries è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link