Il navigatore indica 25 minuti a Étretat. Normandia. Campi sterminati di grano che scorrono dal finestrino. La voce di Grant-Lee che sussurra Buffalo Hearts. Una confidenza tra vecchi amici. Buffalo... Un richiamo alla terra ...Hearts.
Mi coinvolge. Stimola i miei sensi. Le pannocchie come onde ed entro in una dimensione innaturale. No. Naturale.
Il Gps si allinea agli stimoli esterni e ripropone 25 minuti alla meta.
Strade sterrate, curve e il mais che dallo specchietto retrovisore si muove, pulsa ritmicamente, al battito del cuore, al battito di Buffalo Hearts.
Macino chilometri senza un'idea. Solo spazio che si muove e canzoni di Grant-Lee che si susseguono come scia di mare.
Ad ogni cambio di corsia, passaggi a livello o riduzione della carreggiata, penso di avvicinarmi ma il Gps, ironico, si prende gioco di me.
Sempre i soliti 25 chilometri.

Credo sia trascorsa un'intera giornata. È un'ipotesi perché il cruscotto non dà segni di vita. Solo il navigatore è vivo. Respira. Io e lui. Noi e Buffalo Hearts.
Sono passate diverse ore dalla mia decisione di andare contro la proposta del Gps. Non ho idea del tempo ma Grant-Lee ha fatto parecchi giri completi nello stereo. E mi sento perso in mezzo ai campi di grano. Ho dimenticato persino in mio obiettivo. Io, sempre alla ricerca dell'oro ma con in mano solo pirite. L'oro degli stolti. Fools... gold...

Carico i commenti... con calma