Guè Pequeno
Il ragazzo d'oro

()

Voto:

Versioni: v1 > v2 > v3

Domani esce il nuovo album di Guè Pequeno, quindi mi sembra una buona occasione per rispolverare il suo esordio. "Il ragazzo d'oro", pubblicato nel 2011 ad inizio estate, al tempo raccolse probabilmente meno di ciò che avrebbe meritato. Fu un po' visto come una parentesi goliardica, una momentaneo esercizio di stile in un anno di pausa dal progetto Club Dogo. Chi ebbe la lungimiranza di dedicargli ascolti approfonditi, potè scoprire un lavoro valido e pregno di dolore; chi invece lo scagò, un po' perchè era il disco di un rapper (e quindi a ragione) e un po' per orgoglio snob (a torto), arrivati ad oggi, nel 2018, ha tutto il diritto di patire il peso della vergogna per quanto sia stato un autentico coglione.

Che sia uno street album, un mixtape, o un disco a tutti gli effetti, "Il ragazzo d'oro" è un'opera che sa ancora mettere i brividi. Sì, un attimo, adesso lo dico: c'è anche della musica di merda qua dentro, ma le vette stanno abbastanza in alto da non farcela vedere.

Quindi, togliete metà tracklist e butattela nel cesso assieme ai dischi degli Afterhours e dei Verdena. Riducete tutto all'essenziale. La title-track è un capolavoro, con un Caneda delirante e un Guè già proiettato nel 2015: trap prima di te. Ti frego all'ultimo, Benny Blanco / Lattte macchiato? No, grazie, bianco. "Il Blues Del Perdente (6 Gradi di Separazione)" è una canzone rap scritta come Cristo comanda, quindi in teoria dovrebbe far cagare, invece, oh, è proprio bella. Le due "XXX", parte 1 e 2, softocore e hardocre, in fin dei conti non fanno così schifo come parevano fare al tempo, almeno non del tutto: quella con Baby K è soprendentemente carina, nell'altra c'è Vacca che è un malato mentale. "Pillole" è ossessiva, turbolenta, viscerale: un viaggo nella merda, nella depressione quando lo spiraglio di luce è rappresentato solo da un po' di pastiglie mescolate a cazzo quando la paranoia ti dà al cervello.

"Big!" mi pare che sia una posse track, una roba da rappresentante d'istituto tecnico per geometri: in altre parole, la traduzione sottoforma di pippone rap di un ben più consono "stocazzo". Fa meglio la conclusiva "Da grande", innanzitutto perchè fa rimare grande con grande, poi perchè fa piangere, ché se hai un minimo di cuore e non sei abbagliato dalla retorica della Musica Vera, sai empatizzare con il dolore di un neotrentenne oppresso da inquietudine e sensi di colpa per gli errori madornali commessi fin qui.

Insomma, in questo album ci sta dentro una bella fetta di chiunque, quindi fareste meglio a levarvi quella maglietta dei Joy Division (che ormai puzzerà di scorie chimiche) e ascoltarlo. Dai, che non è ancora troppo tardi.

Questa DeRecensione di Il ragazzo d'oro è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/gue-pequeno/il-ragazzo-doro/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiSei)

POLO
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «.». Vedi la vecchia versione Il ragazzo d'oro - Guè Pequeno - Recensione di POLO Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

POLO
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «-». Vedi la vecchia versione Il ragazzo d'oro - Guè Pequeno - Recensione di POLO Versione 2
BËL (00)
BRÜ (00)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Secondo me però qui ci sono molti meno integralisti di quanto pensi..mi pare che ci sia parecchia gente che spazia in più generi, certo ognuno con le sue predilizioni o con i suoi pregiudizi (tra i miei c'è il rap)..
BËL (01)
BRÜ (00)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Bellissima la definizione "UN GRANDE,POI HA SCOPERTO LA FIGA" , tu mi dici che se si buttano metà delle canzoni nel cesso è un buon disco. Fantastici, per fortuna esistete voi fan di Gue Pequeno che nessuno ti tocca perché non conosco ma vista la presentazione è tutto un programmino
BËL (01)
BRÜ (00)

Marin
Opera: | Recensione: |
Beato te che non hai niente da fare dalla mattina alla sera.
BËL (01)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Io ho solo un pregiudizio: di cognome faccio Grosso.
Quindi come c**** faccio ad ascoltare un Pequeno....!!!!
Big Family Style
BËL (01)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Aspè, ha fatto tipo 5/10 dischi da solista nei 00 perchè le Major gli dicevano nonnò devi fare il Club Dogo, dopo 10 anni riesce finalmente a firmare da solo con la Universal, per l'occasione si crea un nuovo logo, chiama tutti i produttori più quotati del periodo, scassa la minchia su ogni trasmissione radio e tv, bombarda ogni social network sottolineando che finalmente l' Universal ha puntato su di lui... ma qualcuno ha pensato "sarà un operazione goliardica" ?

E chi l'ha pensato? Portacelo qui che ridiamo.
BËL (01)
BRÜ (00)

POLO: Studiati la differenza tra album e mixtape, poi se hai tempo torna da queste parti
spiritello_s: Accattati i libbri guaglió!
puntiniCAZpuntini: Ma cosa c'entra la differenza fra album e mixtape? A parte che, appunto per questo, dopo 4/5 mixtape più vari album organizzati da te, alla fine finalmente dopo anni e fatica e sudore la major ti da l ok... Chi è che pensa che può essere "un operazione goliardica"?
puntiniCAZpuntini: Tipo Gino quello che cucina sempre alle arrostite dell ACR, un giorno apre la Geenoo BBQ in Piazza di Spagna, arredato da Renzo Piano e Alfonso Signorini, chi è che pensa "mah, sarà per ridere?"
POLO: "Parentesi goliardica", non ho parlato di "operazione". Uno può anche avere alle spalle una produzione major ma non per questo rinunciare a fare quel cazzo che gli pare - vedi strofa Caneda
puntiniCAZpuntini: "Uno" a caso su un milione a campione, forse ma molto forse, sì; "Lui" assolutamente no. Anche perchè, pure dopo questo disco, ne ha fatte altre di operazioni divertenti e di marketing, anche con i Dogo. "vedi strofa caneda"... ah ok, quindi la strofa alla moda del periodo è un operazione di marketing? Dire la stessa parola non è mai diventato qualcosa in Italia, ma in quegli anni in America era l'hype del momento. Ma soprattutto: cosa c'entra la strofa di un ospite che fa solo una strofa con l'intento del disco?
POLO: Che magari quella strofa era nel pezzo cardine, quello da mandare in giro sperando di far vendere il disco? Io la vedo come una scelta di rottura, e sticazzi che in America l'avevano già fatto (che poi non è vero), devi sempre rapportarlo nella dimensione italiana. A quel tempo il rap italiano era estremamente auto-referenziale, un pezzo del genere è stata come una scappatoia verso un stile internazionale che ormai è predominante
puntiniCAZpuntini: Hai una visione del mercato tutta tua, la confondi con i gusti musicali. Il ragazzo d'oro tra l'altro non era un singolo, ma solo un video fatto in un giorno e serviva a provare a lanciare Cano/Caneda. I singoli - sia per vendere, sia effettivamente singoli - erano quella cagata con Entics e l'altra strappalacrime che non mi ricordo e probabilmente non ho mai sentito. Anche quella bella con la base di Zonta aveva un video, ma non era un singolo.
puntiniCAZpuntini: poi lo "sticazzi che in america l'avevano già fatto" non ho capito cos'hai capito, ogni tanto sembra che parli di "bello/brutto/innovativo" e ogni tanto di "vende/non_vende". Sono due discorsi diversissimi, di sicuro io non sto facendo il discorso "bello/brutto/innovativo", anche perchè "innovativo" o "nuovo" nel Rap fa abbastanza scompisciare dalle risate dal 98/99 in poi, come minimo.
POLO: Ed è proprio con questo commento che hai dimostrato che stai parlando di una musica e una scena che non vivi (non più, perlomeno), ma osservi con sufficienza da dietro uno schermo :) a presto
puntiniCAZpuntini: I commenti son due, i singoli sono fisici, i dati di vendita riscontrabili. E non si capisce mai cosa capisci e a cosa rispondi.
pleonastico: Comunque Polo hai lo spessore morale di una ameba e l'opinione di chi non sa assolutamente di cosa parla. Mi immagino un tuo amico/idolo più grandicello che dopo 2 canne spara a zero su dischi (che manco lui conosce) e idolatria altri e tu ti compari a lui. E ti riporto quel che dici " chissenefrega degli americani" dopo che nella rece di Battiato dici che cerca di copiare gli anglofoni. Non pretendo tu scriva in italiano ma almeno coerenza delle cazzate di cui scrivi. Il cielo é blu.
Hank Monk
Opera: | Recensione: |
la title me la ricordo...non era male. come rapper i club dogo ci stavano dentro
BËL (00)
BRÜ (00)

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Preferisco Zé Pequeno il cattivo di City Of God ancor di più Buscapé, Bené e Galinha.
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Filmone Johnny..
pozzo
Opera: | Recensione: |
Questo qui è quello che l'estate scorsa si tirò un raspone in diretta web e che ha tatuato sul collo il simbolo dei transformers?
BËL (02)
BRÜ (00)

nangaparbat: se ben ricordo, in realtà il primo episodio fu un filmato delle sue "prestazioni manovali" erroneamente condiviso nella sua pagina, mentre forse voleva solo inviarlo a qualche donzella :)
Falloppio: Non ci credo...😲
Marin
Opera: | Recensione: |
Hai dimenticato di linkare il suo capolavoro


BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio
Opera: | Recensione: |
Com'è come non è, un paio di anni fa tra i vari ebook scaricati (aggratis) ci stava pure "La legge del cane di Gue Pequeno & Jake La Furia" gente allora a me totalmente sconosciuta, che a tempo perso mi lessi e mi dissi tra me e me "ammazza che manica di deliquentelli sbruffoni e violenti che si vantano pure delle loro bieche azioni" che niente hanno da invidiare a tante teste calde e di cazzo che esistono in tante frange del proletariato o del sottoproletariato dove la camorra e altri attingono per i propri scopi e poi li intravidi anche una volta in tv e non mutò il mio modo di vederli, li sentii anche rappemerdeggiare e l'antipatia non diminuì un minimo anzi... ma i gusti son gusti e a me proprio non mi gustano e niente, anzi no, se dovessero regalarmi qualcosa di loro lo pesterei ben bene sotto gli scarponi...
BËL (02)
BRÜ (00)

masturbatio
Opera: | Recensione: |
Oh finalmente ventate d'aria fresca e giovane, quella tipica dello squaràus.
BËL (01)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Cià, già che siamo qua, approfitto dell'anonimato che questo fantastico sito di informazione e cultura musicale mi offre per chiedere una roba che non ho mai avuto il coraggio di chiedere agli amici del baretto: ma tutta la prima strofa/delirio di Caneda, quella del marmo bianco, soffitto bianco, baffo delle nike bianco etc, ha qualche senso nascosto, accessibile solo a chi è dentro la scena o il genere? Oppure è solo una roba che entrato in saletta fatto come un cane di barella e ha scritto una roba che 400 anni verrà studiata nelle scuole tipo "Guido, i vorrei che tu e Lapo Elkan ed io etc etc"? Dai, cazzo, illuminatemi per la miseria!!!!!!!
BËL (01)
BRÜ (00)

little horn 2.0: Era una citazione non troppo velata ad un pezzo di Jeezy (ai tempi ancora young) che si chiama All White Everything
perfect element
Opera: | Recensione: |
Brividerrimo....
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Opera: | Recensione: |
Ora come ora dei Club Dogo ricordo solo Puro Bogotà, che non era male, testo idiota a parte. E poi il brano Il Sesto Senso con Kaos, bello. Della carriera solista del tipo non so niente.
BËL (00)
BRÜ (00)

noveccentrico
Opera: | Recensione: |
Temevo commenti carichi di pregiudizio e invece il pregiudizio l’ho trovato soltanto nella recensione.
BËL (02)
BRÜ (00)

aries
Opera: | Recensione: |
Mi sa che tutto il disco è un viaggio nella merda.
BËL (01)
BRÜ (00)

little horn 2.0
Opera: | Recensione: |
Fino a questo disco Guè è stato il rapper con il miglior flow di sempre, al pari di americani, francesi, tedeschi ecc. e in generale, un rapper della Madonna. Adesso mi vergogno profondamente per lui
BËL (00)
BRÜ (00)

perfect element: Ah beh, se ha il flow....
ALFAMA: ma che cavolo è il flow, io fino a poco tempo fa pensavo che il Flow fosse un maglione a collo alto. Invece se non sbaglio diciamo che è la base ? se è così le migliori di sempre ? Boh ! non capisco una mazza e ora mi metto a fare qualcosa altrimenti mi fanno il flow a me .
ALFAMA: Il flow è la sequenza delle rime , ecco ora posso anche crepare.
little horn 2.0: Certo che sti discorsi da imbecilli fatti nel 2018 fanno abbastanza ridere.
ALFAMA: Non sapevo cosa volesse dire " Flow" e me sono cercato, scusa la mia ignoranza anche se siamo nel 2018. Poi se ridi meglio così e facciamoci insieme una bella risata nel 2018
Hetzer
Opera: | Recensione: |
Incredibilmente lucido nel confermare che stiamo parlando di semplice merda.. Questo bulletto il top lo ha raggiunto quando si è menato il cazzo in diretta uebbe senza nemmeno accorgersene..
BËL (04)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahahahahahahahahah mi verrebbe “non ci credo” ma è verità, comprendo purtroppo....
CoolOras
Opera: | Recensione: |
"Ultimi giorni" meritava una citazione.
BËL (00)
BRÜ (00)

IlConte
Opera: | Recensione: |
Ma come si è menato il cazzo in diretta senza accorgersene?! Ahahahahahahahahahahahahah zio bestia che inutili e ancora più inutili chi sta a guardarli... alla stregua di tutte quelle trasmissioni di merda e tutti i social annessi. Roba per sfigati coglioni che non sanno stare per i cazzi loro e hanno “bisogno” di non so cosa (poi moglie o morosa, tristi come loro, gliele trombo io comunque). Ecco come ci siamo ridotti. Sempre più Misantropo. Questi mi fanno pena - Dogo?! C’era anche La Furia quel ciccione pelato sfigato che faceva pure il “duro”?! Rido va perché dovrei piangere e incazzarmi dalla pena che mi fanno. Della “musica” non mi interessa, mi “bastano” sti sfigati.
BËL (01)
BRÜ (00)

Stanlio: Bella Conte, per fortuna che ci state Voi Nobili a trombargli le donne così gli togli un pensiero... mentre Loro stan troppo occupati a menarserlo hiphoppando a tutto rap XD
Hetzer: Il rap, specie outside US, è di fatto atteggio; questa gente è così abituata ad atteggiarsi, mostrarsi, a fare mossette, gestacci, vestirsi da circo, raccontare "storia di vita " (XD) etc. che secondo me a volte manco riesce a rendersi conto di quando recita o vive davvero, di quando è in privato o è in pubblico.. Per certi versi sono patetici..
IlConte: Il “dramma” e’ che sono patetici per davvero ma chi li considera tali siamo pochissimi; la moltitudine immonda li considera dei grandi (?!?!?)
Ahahahahahahahahah ripeto, meglio ridere va...
Onirico
Opera: | Recensione: |
Ho GROSSI dubbi.
BËL (00)
BRÜ (00)

2000
Opera: | Recensione: |
la title track però è storica.
BËL (01)
BRÜ (00)

little horn 2.0: Culto del trash, pochi cazzi.
Alexander77
Opera: | Recensione: |
Oh, una volta a questo gli avremmo lasciato un semplice, succinto commento: " Stai riempiendo il sito di spazzatura! Grazie per il contributo". Ma oggi il politically correct impone un certo contegno.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: